Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
La farsa della vendita delle auto blu del Dap


Polizia Penitenziaria - La farsa della vendita delle auto blu del Dap

Notizia del 09/04/2014

in Dal buco della serratura

(Letto 4451 volte)

Scritto da: pasquino

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 Ancora una volta la dirigenza del Dipartimento, pur di dimostrare una presunta obbedienza istituzionale, adotta la soluzione più eclatante, anche se meno razionale e a discapito della Polizia Penitenziaria.

Nella fattispecie, il Governo chiede di alienare, le “auto blu” e il Dipartimento, per assecondare la richiesta e fare bella figura, si precipita a fare un taglio netto.

Ora, questo taglio a rigor di logica avrebbe dovuto incidere sulle “auto blu” propriamente dette, invece con uno dei soliti artifizi burocratici si sforbicia una cospicua aliquota di autovetture Polizia Penitenziaria dotate di targa di copertura e, per questo, ben camuffabili da “auto blu”.

Vista la tipologia di alcune vetture, verrebbe da dire “poco male”!!

Il problema è che questa operazione di trasparenza amministrativa improntata al rigore, come consuetudine dipartimentale, nasconde risvolti di comodo celati tra le pieghe di ingegnosi artifizi burocratici.

Infatti, il taglio che si sta operando con tanta solerzia non va ad incidere minimamente sulle autovetture a noleggio in uso al centro ed in periferia (le vere “auto blu” dell’amministrazione penitenziaria), se non  per quelle per le quali è scaduto il contratto di noleggio.

Risulta al Sappe, anzi,che almeno due provveditorati regionali hanno riscattato, al termine del noleggio, due autovetture di grossa cilindrata, contingentemente, targate Polizia Penitenziaria.

Si pensi che l’allora Capo del Dipartimento Franco Ionta, nel 2011, tentò di ridurre drasticamente il ricorso al noleggio di autovetture di grossa cilindrata, limitandole comunque ad una cilindrata non superiore ai 1.600 cc, come previsto dalla direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la procedura,  nei Provveditorati ed in altre articolazioni Dipartimentali, ha resistito sino a tutto il 2013.

In realtà, già nel 1991, il legislatore, dopo aver indicato un ristretto numero di persone (ministri, sottosegretari e dirigenti generali) con diritto di autovettura personale, stabilì che il Ministro del Tesoro avrebbe potuto indicare altri soggetti destinatari di autoveicoli personali.

Peraltro, la riduzione di un terzo delle auto blu prevista dalla finanziaria '92 e ribadita nella finanziaria '97, ha previsto anche di affidare a società private la gestione del parco macchine, rimanendo, però, sostanzialmente inevasa.

Purtroppo, la caratteristica di tutti i provvedimenti normativi adottati in materia di auto blu è la compresenza di norme di grande rigore finanziario, che limitano l'uso delle autovetture, con norme di carattere residuale o transitorio che consentono, invece, “aperture” e/o “smagliature” in senso opposto.

E, proprio in queste aperture e smagliature i vertici del dap hanno iniziato ad insinuarsi sin da subito.

Sulla carta, l’Amministrazione penitenziaria, con circolare 3475/5925 del 29 maggio 1998, emanò particolari disposizioni circa l’utilizzo delle autovetture, chiarendo che tutte le automobili non destinate ai soggetti protetti dalle misure di tutela disposte dai Comitati per l’Ordine e la Sicurezza, dovevano essere oggetto di una razionalizzazione.

La riorganizzazione prevedeva, in sostanza, l’adozione di un criterio molto semplice, teso al risparmio e all’ottimizzazione delle risorse, secondo il quale l’uso delle autovetture di servizio avrebbe dovuto tener conto di percorsi in tutto o in parte coincidenti, ivi compresi gli accompagnamenti al e dal luogo di lavoro, e gli spostamenti per motivi di servizio.

Intervenuta questa prima limitazione circa l’uso di tali autovetture, l’Amministrazione (i suoi dirigenti), in barba ai quei sani principi d’austerità e risparmio, ha brillantemente aggirato la norma iniziando ad impiegare per gli “accompagnamenti” autovetture targate Polizia Penitenziaria, dotate di targhe di copertura.

Non ci sembra una coincidenza che, nel 2000, il Dipartimento acquistò circa 4000 autovetture da adibire alle esigenze operative dei Nuclei Traduzioni, che di fatto furono destinate anche ai Dirigenti del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria per un uso ad personam, a nostro avviso ai limiti del peculato.

Quelle autovetture, in gran parte modernissime Alfa Romeo 155 Twin Spark, erano rigorosamente “blu”, colore istituzione delle autovetture del Corpo, ma, stranamente, non furono dotate della consueta livrea istituzionale che le rendesse identificabili, ma restarono in una sobria versione “civile”, per essere utilizzate come auto di servizio per il prelievo e l’accompagnamento di “taluni dirigenti”.

Purtroppo, tale consuetudine si è trascinata rovinosamente sino ai giorni nostri così che il servizio di prelievo e riaccompagnamento di dirigenti alle proprie abitazioni è effettuato, in via prioritaria, con le autovetture targate Polizia Penitenziaria dotate di targa di copertura, aggirando ogni norma di spending review e consentendo questo privilegio anche a chi non ne avrebbe alcun diritto.

E’ evidente che impiegare autovetture di “polizia” in servizi non di polizia e ampiamente regolamentati dalla direttiva 6/2010 dell’11 maggio 2010 della Presidenza del Consiglio dei Ministri, configura, nella migliore delle ipotesi, un uso improprio delle autovetture in questione, non senza un grave danno all’erario.

Correttezza istituzionale avrebbe voluto che, invece di ricorrere ad artificiosi escamotage, doveva essere fatta una valutazione preventiva per distinguere le esigenze di sicurezza per l’impiego di mezzi direttamente correlati alle esigenze proprie di un Corpo di Polizia dagli illeciti sperperi perpetrati da dirigenti irresponsabili.

E’ ancor più grave, oggi, che siano state messe in vendita autovetture della Polizia Penitenziaria che potevano, in gran parte, essere riutilizzate per gli effettivi servizi istituzionali anziché essere svendute per una ambigua operazione di facciata.

Altro eloquente dato è riscontrabile nel fatto che tra le auto poste in vendita dal Ministero della Giustizia nessuna sembra provenire dal Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria, che continua a mantenerle tutte in servizio.

Questa operazione di “pulizia”, infine, potrebbe preconfigurare un probabile nuovo grande acquisto di vetture che per motivi di facciata saranno “per servizi di polizia”, che la norma tutela, ma che di fatto potrebbero essere, ancora una volta, dirottate ad uso e consumo dei dirigenti penitenziari.

 

Scritto da: pasquino
(Leggi tutti gli articoli di pasquino)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La pretesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma
Un detenuto su cinque è musulmano, la denuncia del sindacato: lingua araba e celle aperte mix pericoloso


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Cordialissimo Dividi et Impera, non c'era nulla di personale in quello che lei definisce bellissimo e simpatico post, ammetto che non avevo ben focalizzato l'indirizzo del post a cui, mi sembra di aver dato comunque cordiale risposta.
Certo di aver chiarito l'equivoco, la prego di accetare le mie scuse.
A rileggerLa con piacere, le ricambio i cordiali Auguri di Buona Pasqua.

Di  PASQUINO  (inviato il 17/04/2014 @ 14:22:06)


n. 5


@ Pasquino. Appunto. Se Lei avesse letto bene il mio piccolo post, e non si fosse fossilizzato e fermato ad arrovellarsi le meningi, scartabellando dizionari e vocabolari per partorire il Suo bellissimo e simpatico post, chi scrive, ha fatto un piccolissimo preambolo: "in un Paese (inteso come nazione, stato, associazione di individui) da rifondare profondamente" ...... Chiudo qui. Buona Pasqua.
Divide et Impera

Di  Anonimo  (inviato il 16/04/2014 @ 13:15:47)


n. 4


Cordialissimo Divide et Impera, mi sembra di aver ben chiarito che tali valutazioni rivolte all’operato dei dirigenti, è espressamente rivolta al settore privato.
Non ho affatto auspicato minimamente acché tali paradigmi della mia elaborazione si accostino alla sciatteria istituzionale in voga presso il dipartimento. (esempi, che metamorfizzano in chiacchiera salottiera o elucubrazione accademica, un fenomeno che diventa pericoloso nella misura in cui scinde il vissuto dal pensato sicché il pensato si riduce a fatto inessenziale e fittizio, astratto e privo di mordente. A sua volta, e per contro, il vissuto si colora di irrazionalismo).
Con questo, cosa intendo rilevare, solo quello che ho scritto:
Questo tipo di valutazione non è in uso nella pubblica amministrazione e questi sono di massima i risultati.
Per privato, ovviamente intendo quelle aziende e quelle industrie private al 100%, per intenderci, sono fuori, da tale valutazione aziende come Ferrovie SPA, Poste Italiane SPA o FINMECCANICA, solo per citarne alcune, tutte partecipate statali, con dirigenti che percepiscono lauti compensi indipendentemente dai disastri economici in cui si tuffano, sguazzandoci per ovvi interessi personali, per dirla alla “romana”, proprio ciò che avviene nella pubblica amministrazione a tutti i livelli.

Di  PASQUINO  (inviato il 15/04/2014 @ 12:17:14)


n. 3


Sig. Pasquino, in un Paese da rifondare profondamente, quello che Lei ha scritto é pura elucubrazione accademica, non me ne voglia ...
Divide et Impera

Di  Anonimo  (inviato il 14/04/2014 @ 15:26:02)


n. 2


@Ariete
Nel privato, i dirigenti, sono pagati in modo direttamente proporzionale ai risultati che conseguono a favore della azienda che rappresentano.
Ogni 4 mesi, in genere il loro lavoro è sottoposto ad una verifica generale, l'azienda privata, in genere opera in tal senso al fine di garantirsi un ritorno economico gestionale proporzionato agli investimenti, all'interno dei quali sono di massima compresi i compensi contrattuali dei propri dirigenti.
Quando i dirigenti lavorano bene, ne consegue che i quadri e, a pioggia sino ai livelli più bassi possano godere dei così detti "premi di produzione".
Questo tipo di valutazione non è in uso nella pubblica amministrazione e questi sono di massima i risultati.....

Di  PASQUINO  (inviato il 09/04/2014 @ 14:59:01)


n. 1


Effettivamente mi chiedo:
ma, questi grandi "dirigenti" pagati profumatamente dall'Amministraziuone Penitenziaria, siano in grado di rispondere su quanto hai scritto caro Pasquino. E poi, hanno ben inteso quale siano le autoblu? o sono così superficiali da intendere tutto quello che è scritto, alla lettera? Se cosi, paghiamo dei veri fenomeni.....

Di  Ariete  (inviato il 09/04/2014 @ 14:18:04)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.75.80


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione