Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
La lunga catena di complicità e connivenze di questa "normale amministrazione" penitenziaria


Polizia Penitenziaria - La lunga catena di complicità e connivenze di questa

Notizia del 25/06/2012

in I Mulini a Vento

(Letto 4596 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Spesso mi sono chiesto come fa a reggersi un sistema come quello dell'Amministrazione penitenziaria che dovrebbe crollare al minimo sussulto.

Come si fa a mantenere un carrozzone del genere con così tanti sprechi, tante ingiustizie, tante assurdità?

Se lo si osserva da vicino, dal di dentro, sono evidenti gli “sbilanciamenti”. Com'è possibile che in autostrada, automobilisti cittadini comuni, possano circolare tranquillamente dietro ai furgoni della Polizia Penitenziaria impegnati nel Servizio Traduzioni e Piantonamenti, ignorando il fatto che da un momento all'altro, un portellone blindato del furgone di una delle cinque Forze di Polizia dello Stato, si potrebbe staccare dai suoi cardini e piombargli addosso determinando la propria morte e “magari” quella della sua famiglia? E com'è possibile che nello stesso tempo, può darsi nella sede del Provveditorato che è responsabile di quello stesso furgone, sia parcheggiata una Land Rover, ufficialmente dedicata al trasporto dei collaboratori di giustizia, ma che alla bisogna, accompagnerà il Sottosegretario di turno in visita oppure (magari...) il Ministro?

Com'è possibile che nessuno denunci, che nessuno interpelli il Magistrato di turno competente per indagare sull'oscuro motivo per cui non ci sono trenta euro per aggiustare uno specchietto rotto del furgone, ma ne escano fuori centomila per comprare la trentesima Land Rover?

Cosa (non) spinge un poliziotto penitenziario (spesso ufficiale giudiziario) che pure ha prestato giuramento alla Costituzione ad accettare tutto ciò e magari a fare l'autista alla stessa Land Rover in un giro di “rappresentanza” (ma motivato da sacrosante esigenze di sicurezza)?

E il Direttore del carcere da dove è partito il furgone? E il Provveditore che dovrebbe sovrintendere e coordinare? E il Capo del personale, quello dei Beni e dei Servizi? E il Capo del DAP? Per non parlare della stampa scandalistica... Possibile che nulla trapeli, che nulla esca allo scoperto? Ma i sindacati non denunciano?

Vediamoli da vicino i personaggi coinvolti...

 

Il POLIZIOTTO PENITENZIARIO
L'anello più forte sulla carta (e quindi più debole in realtà), è il poliziotto penitenziario: il braccio armato della Legge. Quello che potrebbe denunciare, se non arrestare in flagranza di reato.

L'autista agente penitenziario è in distacco da quindici anni in un carcere vicino casa sua. Il distacco magari sarebbe pure motivato da esigenze reali e documentate per problemi familiari. Una Legge 104 per esempio. Ma lui quel distacco l'ha chiesto per anni presentando tutte le carte a corredo che avrebbero giustificato un immediato suo trasferimento, Eppure, non è così che funzionano le cose nell'Amministrazione penitenziaria... Devi chiedere un favore, non puoi illuderti di ottenere un diritto o far valere una Legge. Che fai? Fai ricorso al TAR? Ma non lo sai che alle udienze del TAR ogni tanto si presentano pure i Dirigenti dell'Amministrazione penitenziaria senza averne alcun motivo apparente? Il perché non lo so, ma guarda caso, spesso rischi di beccarti un rifiuto dal Tribunale, il pagamento delle spese processuali, e non ultimo, il fatto che da quel momento in poi certo non sarai visto di buon occhio dai tuoi “amministratori”... Ti conviene? Puoi sempre fare ricorso al Consiglio di Stato, pagando altri soldi (che non ti saranno mai anticipati, seppure sia previsto) e passeranno anni, con i tuoi “amministratori” che hanno mille modi per fartela pagare, quando meno e da dove meno te l'aspetti. Che fai rischi?

No. Chiedi un favore.

Magari troverai ben disposto un sindacalista pronto a far valere la tua richiesta. Certo, c'è da espletare quella praticuccia dell'iscrizione al sindacato... Sei già iscritto a due sindacati? Ma non lo sai che non c'è due senza tre? Eppoi per i trasferimenti da quel Provveditorato a quell'altro c'è solo un sindacato che è specializzato, non lo sapevi? Lo sai, lo sai...

 

IL COMANDANTE
Il Comandante che ha dato l'ordine di fare l'autista per quel pezzo grosso è pure lui uno sottoposto alle stesse regole. Forse è un Commissario di periferia, uno di quei pochi senza il papà o lo zio anziano Magistrato. O forse, proprio perché ben introdotto nell'ambiente, vai a vedere che il pezzo grosso da accompagnare è un suo parente, un suo vicino di casa, o un amico di un suo amico a cui è meglio non dire di no. Tu sei il Comandante, ma c'è sempre in sospeso quella domanda di entrare a far parte di quell'Ufficio del DAP o quella richiesta di lavori nell'alloggio di servizio. Che fai? Ti metti a fare il braccio integerrimo della Legge?
 
No. Fai il tuo lavoro di Comandante e ordini al tuo sottoposto di uscire.
 
 
IL DIRETTORE
Hai studiato come ragioniere, ti sei riqualificato, sei uno dei fortunati rientrati nella Legge Meduri. Sei a un passo da essere promosso Dirigente Generale. Ti metti a far rispettare le regole? Ti poni di traverso davanti ad un Sottosegretario? Ne hai viste troppe. Basterebbe un tentativo d'evasione, un suicidio di un detenuto, qualcosa che sai che non riuscirai mai a prevedere con i tuoi scarsi mezzi. E d'un colpo la tua carriera subirebbe un brusco colpo. Un ritardo. C'è sempre un carcere insignificante ancora più di periferia pronto per te. Certo, potresti fare ricorso al TAR pure tu... Vabbé, stavo scherzando.

Allora chiudi un occhio e magari ordini una “ripittata” all'ingresso che fra qualche settimana c'è l'Annuale del Corpo e forse partecipa quell'assessore alla Regione che è amico intimo del Ministro... E' pure Onorevole! E la Polizia Penitenziaria ce l'ha pure come scorta sotto casa sua, da anni. Meglio chiudere un occhio.

 
 
IL PROVVEDITORE
I “vecchi” stanno per andare in pensione, Presto ci sarà un altro giro di valzer. Il solito gioco dei quattro cantoni dei Provveditori. C'è ancora da coprire il Provveditorato di quella Regione scomoda, povera, difficile. Ci vuoi andare tu? Ma con tutti i pensieri che c'hai, ti sembra giusto che devi controllare pure le statistiche delle traduzioni di quei prospetti del SIAT sui consumi di carburante, sulle riparazioni effettuate, sui chilometri? Non ci sono soldi per le riparazioni, lo sanno tutti! E poi finché quei “piccoli grandi eroi silenziosi” di poliziotti penitenziari garantiscono il Servizio traduzioni... (l'ha detto pure il Ministro no?). Ma chi se ne frega... Firmerà il Commissario addetto: la responsabilità tanto è la sua.
 
 
IL DIRIGENTE GENERALE
Sei arrivato. Ce l'hai fatta. Quanti bocconi amari hai dovuto ingoiare fino ad ora... Ora tocca a te! Stanza ad angolo, mobili nuovi, blindata con autista, scorta e tutela... E pensare che quando facevi il Magistrato dovevi condividere pure la stampante con gli altri tuoi colleghi. Ma ora non pensarci: pensa a come farti arredare meglio l'alloggio di servizio, pensa che ogni tanto puoi pure partecipare alle riunioni col Ministro, con gli altri Magistrati, magari quelli Antimafia... E poi una delle Land Rover è quella che t'accompagna quando vai in visita in quel carcere sardo vicino alla costa d'estate... Il problema è che ci sono i capitoli di bilancio da rispettare. A quelli non si sfugge. Guarda caso il capitolo di bilancio delle riparazioni dei mezzi NTP è finito già a marzo e pensa un po'... quello dell'acquisto per le autovetture blindate dei collaboratori di giustizia è pieno zeppo! Incredibile vero? Ma guarda tu i casi della vita...

 

IL CAPO DIPARTIMENTO
Dormi sonni tranquilli. Puoi dire e fare tutto quello che vuoi. Ogni tanto devi perdere tempo a partecipare ad una festa, ad una riunione, devi fare qualche discorso in pubblico, scrivere o farti scrivere qualche Circolare. Ma per quei 542 mila euro l'anno ne vale la pena no? Le Land Rover? E che le hai ordinate tu quelle? Ma no... Sono della passata gestione! Dormi sonni tranquilli, dormi.
 
 
LA STAMPA SCANDALISTICA
Centomila euro per trenta vetture fanno solo tre milioni di euro. E che sono al giorno d'oggi tre milioni di euro? Con tutti gli scandali e gli sprechi che ci sono, ma che figura ci fai tu giornalista o Direttore di quotidiano “scandalistico”? Hai una reputazione da difendere. Tu non ti muovi se non si superano almeno i dieci milioni di euro di scandalo! Tre milioni di euro sono “normale amministrazione”... Già, è normale per un'amministrazione dello Stato. Ci siamo abituati. Così fan tutti... 

 

IL SINDACATO
Se tutto va bene le iscrizioni per quest'anno sono pure aumentate. E' l'unica cosa che conta. Certo, se proprio uno dovesse fare il pignolo, quelle trenta Land Rover fanno un po' schifo, ma solo un po'.
 
C'è da incrementare le tessere ora. E quale modo migliore per farlo che costringere i poliziotti a chiedere favori? E a ben vedere i favori te li fanno proprio quelli che oggi girano in Land Rover, in Mercedes, in BMW, ieri in Jaguar e Maserati. E che vogliamo rompere le uova proprio alle nostre galline dalle uova d'oro (di favori?). Tanto i poliziotti penitenziari sono migliori degli altri, non sono secondi a nessuno: i nostri “piccoli grandi eroi silenziosi”... Ricordati di dirglielo anche tu come ha fatto il Ministro quella volta alla Festa, che quelli se la bevono alla grande 'sta favoletta...

 

IL POLIZIOTTO PENITENZIARIO
Si ancora il poliziotto, perché è una catena a cui tutti siamo legati. Magari vorresti pure farla tu la prima denuncia, ma ti conviene? E a che titolo? Ma se nemmeno il Comandante l'ha fatto! E lui è un Commissario, uno che di Leggi se ne intende. Ma poi che fine ha fatto quello che quella volta aveva fatto quella protesta per quell'educatore che fruiva della macchina di servizio della Polizia Penitenziaria per andare a pagare le bollette alla posta? E' terminato il distacco ed è tornato al nord vero? Non aveva fatto nemmeno due anni di distacco...

 

TUTTI QUANTI NOI
A ben vedere il sistema ha una sua logica. Un suo equilibrio. Forse anche una sua legittimità. Deve essere così altrimenti con tutti quei Magistrati che sono passati al DAP, non è un caso che non sia mai successo niente, che non sia mai uscito qualche scandalo. Che nessuno abbia mai pagato. Nemmeno per quella porcata di quella volta che quella era proprio sporca eeeh. Eppure... Tutti al proprio posto, magari un giro dei quattro cantoni dei Provveditorati, un Direttore spostato qua, un altro là, ma tutto sommato il sistema ha tenuto egregiamente.

Com'è che si dice in questi casi? Evviva la Polizia Penitenziaria, evviva l'Italia!

Almeno fino a quando un pezzetto si scalfirà nel posto giusto, al momento giusto. Succederà per caso...

Leggi anche: Uso e abuso di auto di servizio al Dap: la circolare Ionta finisce nel cestino e arrivano 30 Land Rover da centomila euro l’una


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


sono d'accordo con Maurizio (punto n.4) alcuni di quelli e' proprio gentaglia e sarebbe quasi ora di cacciarli a calci nel sedere e senza soldi

Di  Paolo  (inviato il 02/07/2012 @ 00:59:07)


n. 7


il controllo di affidabilità degli automezzi deve essere effettuato ogni anno o ogni 20.000 km e non da officine specializzate private, bensì da officine AUTORIZZATE dalla casa costruttrice (ad es. officina autoirzzata Iveco, officina autorizzata Mercedes, ecc.). Questo è un fattore molto, molto importante specie in caso di sinistro con procedimento presso la Procura della Corte dei Conti.

Di  Anonimo  (inviato il 01/07/2012 @ 11:06:19)


n. 6


Buongiorno,
molte volte bisogna essere più realisti del ... re! Infatti la soluzione è lapalissiana ed è subito individuabile.

L'affidabilità degli automezzi in uso alle Forze armatei e dei Corpi dello Stato militarmente organizzati, nella fattispecie del Corpo di Polizia penitenziaria, è regolamentata ex art. 138 - punto 11° - del d.legs n. 285/92 succ. mod.&int. (codice della strada) Detta normativa prevede nel settore in questione il controllo di "affidabilità" dei mezzi con cadenza biennale da parte di officine specializzate private. La mancanza di detti lavori manutentivi è assimilabile alla circolazione dell'automezzo "senza revisione" con tutte le conseguenze che detto comportamento, sicuramente sconsiderato, comporta financo ad arrivare al disconoscimento assicurativo in caso di incidente.
in ultima analisi la Legge individua la responsabilità (talvolta anche penale) in capo a chi fa circolare l'automezzo ... senza revisione ed in particolare nel nostro campo a chi autorizza formalmente" la marcia" dell'automezzo non revisionato nel prescritto foglio di viaggio.

Di  dantibes  (inviato il 26/06/2012 @ 11:29:06)


n. 5


bravo Enzima e vaiiii

Di  luigi  (inviato il 26/06/2012 @ 09:58:51)


n. 4


Logicamente condivido tutto il discorso, così chiaro e reale, ma Caro" Enzima" basta prendere ad esempio il mio caso.
Sono riuscito a portare alcuni di questi elementi, non si possono definire in altro modo se no peggio, davanti ai magistrati a rispondere delle loro bravate.
L'amministrazione con sentenza passata in giudicato viene condannata a pagare i danni più le spese legali ed equo indennizzo per le patologie derivate e riconosciute come cause di servizio.
Il tutto per somme di migliaia di euro!!!
Dopo un po' i responsabili di tutto ciò sono stati promossi e non hanno avuto nessuna messa in mora da parte della Corte dei Conti per il danno volutamente provocato.
Ad oggi questi "illustri signori" ricoprono posti rilevanti nell'amministrazione e in magistratura alla faccia del popolo italiano che ha dovuto pagare per loro "un gioco perverso" che nessuno è stato in grado di contestare e addebitare.
Vi lascio immaginare le conseguenze!!!
Comunque per me è stata GIUSTIZIA, anche se nessuno, compresi i tanti sindacati, è intervenuto a pubblicare questa vicenda che forse poteva essere una sentenza di rivalsa degli appartenenti alla Polizia Penitenziaria ai tanti abusi che questa gentaglia (così sono stati definiti da un pubblico ministero) mette in opera senza alcuna remora.

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 25/06/2012 @ 22:34:22)


n. 3


Da stampare e incorniciare, senza modificare neanche una virgola.
Il titolo lo si potrebbe coniare del tipo " Tengo famiglia", e spero che a nessuno venga voglia di criticare, anche se capisco che possa essere molto urticante perché entra nelle carni.

Di  Uno dei tanti  (inviato il 25/06/2012 @ 18:08:18)


n. 2


ma perchè tutte queste chiacchiere e sp*****amento all'amministrazione penitenziaria e non anche al Corpo di Polizia Penitenziaria, che ogni giorno i colleghi in prima fila combattono nelle patrie galere.................lo sappiamo non ci sta bene stare con l'amministrazione penitenziaria cioè il famoso DAP...............PERCHE' NON CREARE UNA VOLTA PER TUTTE IL " DIPARTIMENTO DI POLIZIA PENITENZIARIA" ED ESSERE AUTONOMI E GESTITI DA CHI INDOSSA L'UNIFORME CON GLI ALAMARI E DISTINTIVI DI QUALIFICA COME GLI ALTRI CORPI..................NO NOI FACCIAMO SOLO CHIACCHIERE, E POI SI CHE POSSIAMO PARAGONARCI AD ALTRI CORPI DI POLIZIA DELLO STATO ITALIANO.....VIVA LA POLIZIA PENITENZIARIA....

Di  nonmimeraviglianiente  (inviato il 25/06/2012 @ 14:00:45)


n. 1


-- L'analisi è perfetta , concreta, aderente e tangibile.......!!
Un piccolo particolare però, mi sia consentito di esternarlo :" Il fenomeno non scitto del corporativismo ......., e quello nepotismo non è stato descrittto" . Non è che si scopre l'acqua calda , ma nella nostra Amministrazione è onnipresente in tutte le articolazioni e servizi............!!
Dei lauti stipendi ai Manger di turno o di stanza ....., senza centrarne gli obiettivi poi , lasciano il tempo che trovano........................
Complimenti ENZIMA....!!

Di  il cinico  (inviato il 25/06/2012 @ 10:43:48)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.119.60


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere


  Cerca per Regione