Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
La pagliacciata delle mozioni sulle carceri: nessuna pone al centro la Polizia Penitenziaria


Polizia Penitenziaria - La pagliacciata delle mozioni sulle carceri: nessuna pone al centro la Polizia Penitenziaria

Notizia del 11/01/2010

in Enzima

(Letto 2279 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Oggi e domani saranno in discussione alla Camera due mozioni sottoscritte da politici appartenenti a quasi tutto l’arco parlamentare.


Mozione 1/00288: primo firmatario l'On. Rita Bernardini (Radicali - Pd)

 

Mozione 1/00240: primo firmatario l'On. Michele Vietti (Udc)



Sono il primo segno di vitalità e di interesse ai problemi che il sistema penitenziario sta vivendo da anni e giungono dopo la “passerella mediatica” degli stessi politici svolta lo scorso ferragosto quando si sono recati “in gita” presso parecchi istituti penitenziari.

Seguono anche a precisi ed autorevoli interventi del Capo dello Stato Napolitano e di importanti rappresentanti della Chiesa Cattolica che hanno posto l’attenzione sulle difficili condizioni di vita della “povera” popolazione detenuta.

Le soluzioni che le due mozioni presentano al Parlamento sono più o meno le stesse che anche il Sappe ha più volte indicato come interventi urgenti ed indispensabili per arginare l’imminente crollo dell’intero sistema penitenziario.

Il problema allora dov’è?

Il problema sta nel fatto che i politici fanno il loro mestiere di “politico” e quindi non si interessano realmente al problema in quanto tale, ma lo guardano dalla prospettiva del tornaconto elettorale che le loro azioni/dichiarazioni determineranno nel breve e in taluni casi anche nel lungo periodo.

E’ evidente ormai che come “bacino elettorale” la Polizia Penitenziaria non ha nessuna rilevanza politica tanto è vero che nelle due mozioni si allude ad un’effettiva mancanza di organico del Corpo, ma lo si fa come mero dato statistico, quasi una formalità da assolvere che oltretutto è utile a dare una parvenza di completezza del proprio discorso.

Tutto qui.

Nella loro disamina del problema la Polizia Penitenziaria è un trascurabile dato accessorio.

Nelle due mozioni non si fa alcun riferimento al fatto che i problemi che il sistema penitenziario sta vivendo da anni, in realtà, sono affrontati ed arginati esclusivamente dal Corpo di Polizia Penitenziaria 24 ore su 24, 365 giorni l’anno nella quasi totale mancanza di riconoscimento di questo lavoro svolto se non in occasione di manifestazioni ufficiali come la Festa del Corpo o cose simili.

Il problema vero, reale, e che purtroppo non è di facile soluzione, trae origine dal fatto che i politici che “sfruttano” (sfruttano in maniera legittima visto il loro tipo di mestiere) l’emergenza penitenziaria, le Associazioni che si battono indifesa dei diritti delle persone detenute, non sono in grado di scendere a confrontarsi con la realtà della vita penitenziaria che non è fatta solo dal continuo appellarsi all’art. 27 della Costituzione e dal citare i pronunciamenti della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (su cui tutti siamo d’accordo in linea di principio), ma è fatta di problemi reali che solo la Polizia Penitenziaria è in grado di capire, che sta quotidianamente arginando e di cui peraltro sta scontando le conseguenze dovute alla mancata presa di posizione, da parte dei politici e dell’opinione pubblica, in difesa dei propri diritti in quanto lavoratori e in quanto unici rappresentanti dello Stato a cui è stato chiesto di farsi carico del problema “carceri”.

I continui riferimenti agli organici degli psicologi, degli educatori, degli assistenti sociali, ai diritti violati delle persone detenute, su cui ruotano anche queste due mozioni, le potremmo considerare una goliardica presa per i fondelli se tutto ciò non fosse fatto alle “spalle” di migliaia di appartenenti alla Polizia Penitenziaria che a costo di enormi sacrifici (anche di vite umane) stanno impedendo il crollo dell’intero sistema penitenziario; enormi sacrifici che oltretutto ricadono su altrettante migliaia di rispettive famiglie di poliziotti penitenziari.

Continuare a sbandierare come soluzioni, degli interventi legislativi, degli interventi di edilizia penitenziaria, delle auliche dichiarazioni di diritto (che nella migliore delle ipotesi saranno applicati soltanto fra svariati mesi), senza al contempo porre al centro e come primo urgente intervento l’adeguamento dell’organico di Polizia Penitenziaria e una seria, precisa presa di posizione a favore delle immediate esigenze del Corpo, è un comportamento irresponsabile, disonesto, umiliante (per il ruolo istituzionale ricoperto da chi propone solo “più diritti per i poveri detenuti”), che si tradurrà nell’ennesima pagliacciata da parte di chi ha la il mandato elettorale di gestire al meglio l’Amministrazione Pubblica.

Non è onesto continuare a parlare dei problemi “dei poveri detenuti” quando a fronteggiare la situazione in cui versano da anni (e non da ieri) gli istituti penitenziari della Repubblica Italiana, si lasciano in  prima linea solo gli appartenenti alla Polizia Penitenziaria.

Di questa irresponsabile recita da parte dei nostri politici che andrà in scena tra poco, forse non riusciremo, come categoria, a darne peso nelle prossime tornate elettorali, di certo peserà nelle coscienze di chi non pone al centro l’Istituzione che per prima ed unica sta pagando il costo dell’abbandono in cui versa il nostro sistema penitenziario italiano: la Polizia Penitenziaria.

 


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati
Dal carcere di Milano alla Siria: così si è radicalizzato il giovane foreign fighter
Sanremo, rissa tra detenuti sedata dalla Polizia Penitenziaria
Poliziotti Penitenziari aggrediti da un detenuto nel carcere di Busto Arsizio


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


carissimi amici anch'io sono ormai da circa 28 anni in servizio e posso assicurare che tutto questo schifo che sto vedendo ultimamente non lo avevo mai visto prima, credetemi apparirò come un retrogrado ma a volte mi viene da pensare il famoso detto; "era meglio quando si stava peggio" e aggiungo "poco maledetto e subito". scusatemi ma non mi vengono le parole giuste per definire il modo in cui tutti i politici sia da una parte che dall'altra ognuno pensa solo a quello che gli fa più comodo personalmente, poi c'è il politicuccio di turno che vuole emergere ed allora si cominciano a chiedere ma forse è vero che esiste la Polizia Penitenziaria? ma chi sono questi? che fanno? e l'esperto della situazione risponde: " ma come non lo sapete che questa gente ammazza i detenuti? sono la carceraria, gli aguzzini.


Di  nic  (inviato il 13/01/2010 @ 15:08:31)


n. 3


Carissimi colleghi dopo 30 anni di servizio sono venuto conoscenza che noi siamo un Polizia di seconda mano in quanto chi ci rappresenta sono persone civili pertanto non interesse di farci decollare. Sono contento di essere andato in pensione ma giuro che in 30 non ho sentito altro che belle parole ma i fatti maiiiiiii

Di  Domenico  (inviato il 12/01/2010 @ 12:53:09)


n. 2


La mia considerazione in merito all'ennesima pagliacciata non direi politica ma governativa, ormai non ha più peso per noi poliziotti, continuiamo ad assistere quotidianamente alle rissose arrighe tra politici che tutto fanno tranne che prendere seriamente il problema carceri. oggi siamo ancora più soli ad affrontare le problematiche penitenziarie, è vero che abbiamo giurato fedeltà allo stato ma è altrettanto vero che non siamo retribuiti adeguatamente per tutto quello che facciamo doverosamente sacrificando le nostre mogli i nostri figli, privando loro di molte nostre attenzioni perchè il lavoro ci chiede sempre di più, ma fino a quando dobbiamo continuare a sopportare tutto questo? Sarebbe ora che ci sedessimo attorno ad un tavolo e inizziassimo a pensare seriamente a come far sentire la nostra voce.

Di  Nicola La bella  (inviato il 12/01/2010 @ 09:24:57)


n. 1


carissimi amici, il problema del sistema penitenziario purtroppo non interessa a nessuno. infatti solamente quando vi è stato l'indulto le persone vedendosi sotto casa le persone che noi tutti i giorni dobbiamo gestire, hanno capito in quel momento le difficolta del nostro lavoro e le difficoltà che incontriamo tutti i giorni. Dobbiamo noi come parte sindacale portare tutto fuori e denunciare ad alta voce tutte le cose che non vanno perchè il poliziotto penitenziario non riesce più a mantenere questi ritmi ed essere una spugna che deve assorbire tutte le inconcruenze del sistema.

Di  antonio martucci  (inviato il 12/01/2010 @ 00:01:43)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.176.30


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

3 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

4 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione