Gennaio 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2018  
  Archivio riviste    
La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni


Polizia Penitenziaria - La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

Notizia del 06/02/2018

in L''Osservatorio Politico

(Letto 2321 volte)

Scritto da: Giovanni Battista Durante

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Lo schema di decreto legislativo recante “Riforma dell’Ordinamento Penitenziario in attuazione della delega di cui all’articolo 1, commi 82, 83, 85, lettere A), B), C), D), E), F), G), H), I), L), M), O), R), S), T), U) e V), della legge 23 giugno 2017, n. 103, reca modifiche sostanziali in tema di infermità psichica, soprattutto se sopravvenuta nel corso dell’esecuzione penale, attualmente disciplinata dall’articolo 148 c.p., art. 4-bis legge 354/75 (divieto di concessione di benefici e accertamento della pericolosità sociale dei condannati per taluni delitti), ed altre questioni che andiamo a valutare nel dettaglio.

 

INTERVENTI IN MATERIA DI INFERMITA’ PSICHICA

L’abrogazione dell’articolo 148 del codice penale e la modifica del 147 riconducono l’infermità psichica, anche sopravvenuta durante l’esecuzione della pena, nell’alveo della sospensione dell’esecuzione della pena, senza alcun intervento di contenimento nei confronti del soggetto interessato, comunque responsabile di reati. Se è vero che gli ospedale psichiatrici giudiziari sono stati chiusi, è altrettanto vero che sono state istituite le REMS, Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza, nelle quali si sarebbe potuto prevedere anche il ricovero di queste persone che, diversamente, il più delle volte restano abbandonate a se stesse, in un contesto sociale a loro ostile, poiché, spesso, se ne percepisce la pericolosità, ovvero il disagio e il disadattamento. Tale decisione si inserisce nell’alveo di quel contesto politico-culturale che vuole la progressiva dismissione di ogni struttura di cura/contenimento, sia essa giudiziaria o civile, per il recupero dei soggetti con disagio psichiatrico, comunque autori di reati.

 

MODIFIHE ARTICOLO 4 – BIS LEGGE 354/75 (DIVIETO DI CONCESSIONE DEI BENEFICI E ACCERTAMENTO DELLA PERICOLOSITA’ SOCIALE DEI CONDANNATI PER TALUNI DELITTI. POTERE DEL PROCURATORE NAZIONALE O DISTRETTUALI ANTIMAFIA RISPETTO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI PENITENZIARI

Importanti modifiche vengono introdotte all’articolo 4-bis della legge 354/75, in tema di divieto di concessione dei benefici e accertamento della pericolosità sociale dei condannati per taluni delitti.

In particolare, l’attuale formulazione della disposizione prevede che i benefici per taluni delitti (omicidio, prostituzione minorile, pornografia minorile, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile, rapina aggravata, anche nel caso in cui la violenza o minaccia sia stata commessa da persona che fa parte dell’associazione di cui all’articolo 416 bis, estorsione sempre aggravata, sequestro di persona a scopo di estorsione, reati in materia di droga) possano essere concessi ai detenuti o internati, purché non vi siano elementi tali da far ritenere la sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata, terroristica o eversiva. La modifica che introduce il decreto legislativo de quo stabilisce che i benefici in questione (assegnazione al lavoro all’esterno, permessi premio, misure alternative alla detenzione, esclusa la liberazione anticipata) possono essere concessi ai detenuti e internati, salvo che siano stati acquisiti elementi che indichino la sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata, terroristica o eversiva. Pertanto, il giudice, per negare i benefici de quibus, deve acquisire elementi concreti, circa la sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata o eversiva, mentre prima era sufficiente che non vi fossero elementi tali da far ritenere la sussistenza di collegamenti con la criminalità organizzata. La differenza non è di poco conto, atteso che viene operata un’inversione dell’onere della prova, tale che il giudice, per poter negare la concessione dei benefici, deve acquisire elementi certi circa la sussistenza di tali collegamenti, attraverso il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Adesso si aggiunge anche il parere del Procuratore della Repubblica. Dal punto di vista strettamente giuridico l’obbligo di dimostrare una situazione a contenuto negativo è del tutto estranea ai principi del nostro ordinamento. (Manuale di diritto penitenziario – Canepa/Merlo – Giuffrè editore). La dottrina, in proposito, fa riferimento al concetto di probatio diabolica. V. Grevi.

Con tale modifica, quindi, si rende più semplice l’accesso ai benefici penitenziari per i responsabili di reati comunque gravi che potrebbero essere stati commessi da appartenenti alla criminalità organizzata, avvalendosi dei metodi di cui all’articolo 416 bis, ovvero per le medesime finalità.

Viene inoltre eliminata la norma che consente di vietare la concessione dei benefici del lavoro all’esterno, dei permessi premio e delle misure alternative alla detenzione nel caso in cui il Procuratore nazionale antimafia o il procuratore distrettuale comunica, d’iniziativa o su segnalazione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica competente in relazione al luogo di detenzione o internamento, l’attualità di collegamenti con la criminalità organizzata.

Si toglie così, di fatto, competenza ad un organismo centrale.

 

ARTICOLO 18 (COLLOQUI CORRISPONDENZA E INFORMAZIONE)

Con le modifiche introdotte nel decreto legislativo in questione si agevola anche l’uso di internet. Infatti, nell’articolo 18 (Colloqui, corrispondenza e informazione) dopo il quinto comma 5 Può essere autorizzata nei rapporti con i familiari e, in casi particolari, con terzi, corrispondenza telefonica con le modalità e le cautele previste dal regolamento è stato inserito il comma seguente: Le comunicazioni possono avvenire, salve le cautele previste dal regolamento, anche mediante programmi informatici di conversazione visiva, sonora e di messaggistica istantanea attraverso la rete internet. Si tratta delle modifiche a cui ha fatto riferimento più volte la stampa in passato, con riguardo all’uso di skype. Infine, un’ulteriore detrazione di pena, da aggiungere ai 45 a semestre già previsti, è stata stabilita per i detenuti che partecipano ai progetti di pubblica utilità: un giorno ogni cinque di partecipazione al progetto, per un massimo di quindici per semestre.

 

LAVORO PENITENZIARIO

L’unica vera svolta che avrebbe dovuto contenere il decreto legislativo in questione riguarda il tema del lavoro per i detenuti, ma è proprio questo aspetto che mostra i limiti maggiori, limitandosi, il legislatore, a riproporre meri enunciati di principio, senza alcuna iniziativa concreta, ad eccezione del lavoro di pubblica utilità. Tra l’altro, il governo ha di recente aumentato immotivatamente la paga dei detenuti, facendo in modo che, ormai, un detenuto lavorante guadagni più di un agente di Polizia Penitenziaria. Sarebbe stato opportuno, invece, ridurre la paga dei detenuti e defiscalizzare gli oneri per le aziende, come avviene in Germania, dove i detenuti guadagnano circa due euro l’ora, in modo da rendere interessante, per le aziende, investire in carcere.

 

IL RUOLO DELLA POLIZIA PENITENZIARIA

Con la legge delega di riforma dell’ordinamento penitenziario il Ministro Orlando, nell’ambito della delega volta a riformare l’ordinamento penitenziario ed il sistema dell’esecuzione penale, si era impegnato a realizzare “un intervento riformatore ad ampio raggio” che avrebbe comportato, tra l’altro, una ulteriore implementazione delle competenze all’esterno della Polizia Penitenziaria.

In virtù di tali premesse, appare pertanto evidente la delusione delle circa 40 mila unità di personale di Polizia Penitenziaria, in seguito alla presa d’atto del reale contenuto dell’atto preliminare del governo, sottoposto a parere parlamentare, che all’art. 22 si limita a disporre testualmente : “all'articolo 58 della legge 26 luglio 1975, n. 354, dopo il primo comma sono aggiunti i seguenti commi: «Alle attività di controllo partecipa, ove richiesta, la Polizia Penitenziaria, secondo le indicazioni dei direttore dell'ufficio di esecuzione penale esterna e previo coordinamento con l'autorità di pubblica sicurezza. Tali attività riguardano esclusivamente l'osservanza delle prescrizioni inerenti alla dimora, alla libertà di locomozione, ai divieti di frequentare determinati locali o persone e di detenere armi. Le attività di controllo sono svolte con modalità tali da garantire il rispetto dei diritti dell'interessato e dei suoi familiari e conviventi, da recare il minor pregiudizio possibile al processo di reinserimento sociale e la minore interferenza con lo svolgimento di attività lavorative.».

Continua, pertanto, lo svilimento del ruolo della Polizia Penitenziaria all’interno dell’esecuzione Penale e, quindi, nel proprio ed esclusivo alveo di competenza, rispetto alle altre forze di Polizia, ma soprattutto continua la mortificazione dovuta alla circostanza che, stando all’attuale testo, la Polizia Penitenziaria potrebbe intervenire esclusivamente “secondo le indicazioni dei direttore dell'ufficio di esecuzione penale esterna…”

Il direttore dell'ufficio dell'esecuzione penale esterna è un educatore dirigente, alle dipendenze del quale si vorrebbe porre la Polizia Penitenziaria, nello svolgimento di compiti e funzioni che sono esclusivamente di polizia di sicurezza e di prevenzione.

 


Scritto da: Giovanni Battista Durante
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista Durante)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Mauro Palma garante dei detenuti: approvate la riforma Orlando così com''è, senza accogliere le indicazioni della Direzione Antimafia
Protesta nel carcere di Reggio Calabria: battitura delle inferriate da parte di 80 detenuti in alta sicurezza
Detenuto di 22 anni non rientra nel carcere minorile di Airola dopo la partita di calcio
Erika Stefani, Lega: basta svuota carceri, da Gentiloni ennesimo regalo ai criminali
Ancora telefonini nel carcere di Avellino. Telefoni trovati nella sezione alta sicurezza
Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo
Così droga, cellulari e armi entrano nel carcere di Foggia
carcere di Brescia. detenuto tenta di colpire un medico con uno sgabello


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 12


visto che i compiti istituzionali sono relegati all'interno dell'istituto dovrebbero toglierci l'arma e la qualifica di polizia giudiziaria come in Svezia, magari dando degli incentivi economici cospicui

Di  Anonimo  (inviato il 12/02/2018 @ 18:41:09)


n. 11


LAVORO PENITENZIARIO

L’unica vera svolta che avrebbe dovuto contenere il decreto legislativo in questione riguarda il tema del lavoro per i detenuti, ma è proprio questo aspetto che mostra i limiti maggiori, limitandosi, il legislatore, a riproporre meri enunciati di principio, senza alcuna iniziativa concreta, ad eccezione del lavoro di pubblica utilità. Tra l’altro, il governo ha di recente aumentato immotivatamente la paga dei detenuti, facendo in modo che, ormai, un detenuto lavorante guadagni più di un agente di Polizia Penitenziaria. Sarebbe stato opportuno, invece, ridurre la paga dei detenuti e defiscalizzare gli oneri per le aziende, come avviene in Germania, dove i detenuti guadagnano circa due euro l’ora, in modo da rendere interessante, per le aziende, investire in carcere.

Di  Anto  (inviato il 06/02/2018 @ 22:19:34)


n. 10


...cari colleghi...e la puzza di cipolla e di soffritto a prima mattina e nel primo pomeriggio, la conosce solo chi lavora a turno in sezione, per non parlare della spazzatura, che arrivi a casa che ti fai pure schifo da solo perchè puzzi a tutti...ahahah, un ispettore a Napoli mentre andavamo al poligono, lui si preoccupava appena arrivati solo, di raccogliere le cicorie reste o creste fate voi, ahahah... e poi voltandosi in quanto chiamato da qualche collega che aveva problemi con l'arma, ridendo diceva a noi...ma chist che lavoro è, ahahah roba da pazzi che ho passato...colleghi!

Di  Anto  (inviato il 06/02/2018 @ 18:06:39)


n. 9


X Anonimo il cameriere/infermiere/educatore contento
Appuntààà......puortem’ duje cafè, na’ suppost’ e nu nottin’ po’ njnnill’...

Di  X Anonimo il cameriere/infermiere contento  (inviato il 06/02/2018 @ 16:57:35)


n. 8


@anonimo
aumento di stipendio medio per i vigili del fuoco 85 euro lordi.
Quello che sono riusciti ad ottenere in più è il riconoscimento anche a loro dell'assegno di funzione (15 anni, 25 anni, 32 anni), che non avevano e che rivendicavano da vent'anni.
Alcuni giornali conteggiando anche questo parlano di un aumento medio di 250 euro lordi.
Ma in realtà l'aumento del rinnovo contrattuale è di 85 euro lordi.

Di  GB de Blasis  (inviato il 06/02/2018 @ 16:19:32)


n. 7


Vigili del fuoco aumenti da euro 400,00 mensili notizia di indifesa e non solo.
Per noi come si spiega un ridicolo aumento con decorrenza dal 2016 mentre i vigili del fuoco dal 2014.
Collega del commento 6 se proprio vuoi sapere sulle spalle portò 35 anni di servizio tutti in miniera della Lombardia precisamente Cremona

Di  Anonimo  (inviato il 06/02/2018 @ 16:04:35)


n. 6


X il commento n5... beh attualmente la polizia penitenziaria con l’attuazione della vigilanza dinamica nn ha piu motivo di esistere dunque ci stai te a fare da educatore e cameriere!! In miniera ci lavoro e credimi nn è come dici te!! Ah mi viene il dubbio che tu nn sia qualcuno con la divisa e se lo sei nn annusi l’odore di sezione!!

Di  Anonimo  (inviato il 06/02/2018 @ 15:12:55)


n. 5


Collega del commento 4 e 2 sai perché gli Agenti di Custodia stavano bene. Stavano bene perché erano coscienti del lavoro di agenti di custodia . Oggi pensate più ai servizi esterni che quelli interni . La polizia di stato non pensa proprio di fare la sorveglianza interna istituito eppure tanti colleghi credono di fare servizi guardia finanza carabiniere polizia di stato e stradale. Ma dentro chi deve lavorarci in miniera .

Di  Anonimo  (inviato il 06/02/2018 @ 14:21:29)


n. 4


Per l' anonimo tu te la suoni e tu te la cantina.

Di  Anonimo  (inviato il 06/02/2018 @ 13:59:26)


n. 3


collega del commento n.2 compiti e doveri sono l'osservazione la vigilanza la sicurezza istituiti penitenziari . Ci sino altri concorsi nel comparto sicurezza difesa .

Di  Anonimo  (inviato il 06/02/2018 @ 12:51:10)


n. 2


X Commento n.1
Secondo me la Polizia Penitenziaria deve stare nelle celle e i carcerati fuori!

Di  X commento 1  (inviato il 06/02/2018 @ 09:56:31)


n. 1


Mia sola opinione e che la polizia penitenziaria dovrebbe assolvere solo esclusivamente compiti d'istituto penitenziario occupandosi solo di lavorare dentro l'istituto penitenziario e lasciare che dell'esecuzione penale esterna si occupi polizia di stato e carabinieri aggiungo che sarebbe pure meglio passare il servizio traduzioni all' arna dei carabinieri e porre fine alla carenza di personale .

Di   (inviato il 06/02/2018 @ 08:46:24)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.196.215.69


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il nuovo ruolo degli Ispettori con carriera a sviluppo direttivo

2 Le osservazioni del Cons. Ardita sulla riforma ordinamento penitenziario: il testo integrale audizione Commissione Giustizia del Senato

3 La riforma dell’ordinamento penitenziario: osservazioni e considerazioni

4 Ma chi siamo?

5 Max Forgione, un grande uomo salito in cielo

6 In memoria dell''Assistente Capo Paolo Gandolfo

7 Nuova circolare Dap per uso dei social: regole deontologiche, immagine e decoro. (o nascondere degrado, incuria e abbandono?)

8 Il Commissario Capo Giuseppe Romano insignito del prestigioso premio: Il discobolo d’oro

9 Le osservazioni del Procuratore Aggiunto di Catania Sebastiano Ardita alla riforma dell''ordinamento penitenziario

10 Il piano del Governo per svuotare le carceri: benefici anche per reati gravi e senza il parere della Direzione Nazionale Antimafia





Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria: accorpamento nella Polizia di Stato o nei Carabinieri?

2 Polizia Penitenziaria: accorpamento non si farà, ecco perchè

3 Il boss e il pentito si incrociano in aereo: la Polizia Penitenziaria evita alo scontro fisico tra i due

4 Corte Cassazione: Sciopero della fame detenuti è un''azione dimostrativa di scontro e di ostilità verso le istituzioni

5 Rapporto Ragioneria Generale dello Stato: dipendenti statali meno 7,2 per cento. Polizia Penitenziaria meno trentacinque per cento!

6 Ancora due Agenti penitenziari aggrediti da detenuto nel carcere di Rebibbia

7 Riforma ordinamento penitenziaria: anche l''Associazione Nazionale Funzionari del Trattamento contro i progetti del Governo

8 Comunicato DAP: la solidarietà a Luca Traini in carcere è una notizia priva di fondamento

9 Carcere di Parma: un’altra grave aggressione ad agente penitenziario

10 Il carcere è troppo duro per Michele Zagaria: il suo avvocato dice che il 41-bis lo deprime


  Cerca per Regione