Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
La saggezza profetica degli Agenti di Custodia. Parte II.


Polizia Penitenziaria - La saggezza profetica degli Agenti di Custodia. Parte II.

Notizia del 21/10/2011

in Accadde al penitenziario

(Letto 4517 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Cari vecchi agenti di custodia, eravate tutti bassi e cattivi; e anche se nella vita civile eravate dei pezzi di pane incapaci di far del male ad una mosca, in servizio diventavate cattivissimi; ligi al dovere, oppressi da una disciplina ferrea, in mancanza dello Stato, di regole certe, dovevate farvi “rispettare” dai detenuti che vi chiamavano: “Superiore”.

Quanti tra i nuovi assunti della polizia penitenziaria sanno che in carcere, specie nelle case di lavoro e nelle case di reclusione gli agenti di custodia venivano chiamati, dai detenuti: Superiore?

Dotati di scarsa cultura scolastica, ma con un senso del dovere innato, riuscivano a tenere testa ai più pericolosi criminali, e negli anni di piombo, anche ai più pericolosi terroristi che li chiamavano con disprezzo “servi dello Stato”.

Cari vecchi agenti di custodia, che avete attraversato l’epoca delle grandi rivolte carcerarie degli anni ‘70 e delle contestazioni, di voi oggi non rimane nemmeno un ricordo; la vostra (nostra) storia non si studia nelle scuole di formazione della polizia penitenziaria; non è mai stata presa in considerazione dalla commissione che si occupa di stilare i programmi per gli allievi agenti di p.p., quasi si vergognasse del nostro passato; un passato triste, certo, ma fatto anche di tanti piccoli gesti eroici quotidiani; un passato in cui voi, agenti di custodia, avete scritto pagine gloriose, pagando talvolta con un alto contributo di sangue la lotta alla criminalità organizzata ed al terrorismo.

Se solo i giovani agenti sapessero che tante frasi, tanti modi di dire, affondano le radici nel vostro (nostro) passato, forse vi guarderebbero con più ammirazione. Voi avevate capito tutto dell’essenza carceraria: - Ancora ci aviti a pisciari n’galera! - dicevano i vecchi appuntati ai giovani appena usciti dalle scuole e trasferiti nelle carceri che, solo per il fatto di avere un diploma credevano di essere più bravi e più intelligenti dei vecchi volponi imbrillantinati che trovavano in galera. Con il loro enorme grado rosso cucito sulla giacca grigio verde, guardavano con malcelata tenerezza i giovani allievi che si davano arie obiettando a qualche ordine sgrammaticato gridato dall’appuntato di turno, intendevano dire: - sei arrivato adesso in carcere e credi di sapere tutto. Ma ancora non hai capito niente della vita e del carcere! – questo intendevano dire a giovani come me dal sangue bollente e facili all’ira.

Oggi li ricordo tutti con affetto, avevano nomi da personaggi da film: Caputo, La Rosa, Sudano, Gallo, Piro, Porcu, Marras, Bianco, Rossi, Torrente, Campo, Sparta……..alcuni erano i pronipoti di quei soldati spagnoli che per primi colonizzarono le isole costituendo le prime guarnigioni a guardia dei fortini, trasformati poi in carceri, e che avevano italianizzato, nel tempo, i cognomi.

Avevano capito tutto del carcere, e parlavano di “carcerite” come quella forma di malattia che ti prende ad un certo punto della carriera, una sorta di odio amore per tutto quello che è carcere; parli sempre di carcere anche quando sei libero dal servizio? Ti vieni a prendere il caffè allo spaccio ma sei di riposo? Allora sei affetto da “carcerite”! Termini che racchiudevano modi di fare, modi di dire, slang carcerario nato da menti non eccelse ma molto saggie; saggezza popolar carceraria.

Spesso succedeva che un maresciallo desse un ordine, ma il brigadiere o capiva male o in contrapposizione al maresciallo dava un contrordine; allora le giovani guardie (le guardiette, così le chiamavano) avevano una sorta di disorientamento, ed ecco allora venire loro incontro la saggezza dell’appuntato Caputo che subito sentenziava: - Ordine + Contrordine = disordine!

Non è in fondo quello che succede oggi tra Direttori e Commissari? Tra Commissari e Ispettori ex Comandanti di Reparto?

Cari vecchi agenti di custodia, il nostro Dipartimento vi ha dimenticati, ha voluto “rimuovere” il passato come se fosse un peso di cui vergognarsi; la vostra storia è sconosciuta alle nuove generazioni.

Sarebbe ora che nei programmi delle scuole di formazione, a fianco di ambiziosissime materie formative, venissero inserite anche delle modeste ore di lezione sulla nostra storia che è la storia del Corpo degli Agenti di Custodia.

 
 
 

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Eppure caro mio vecchi agenti di custodia, che erano tutti bassi e cattivi; ci sono ancora, li avete abbandonati, lavorano ancora nelle sezione, perchè i giovani agenti hanno paura e si permettono di criticare chi ancora lavora in sezione da tanti anni.....

Di  RITA  (inviato il 28/04/2012 @ 18:11:46)


n. 5


Carissimo Nuvola Rossa, ho letto con molta attenzione quello che hai scritto, mi hai fatto rivivere certi momenti della mia carriera, oggi ho 30 anni di Onorato servizio, ma rimpiango il passato. mi sembrava che con la riforma del Corpo tutto sarebbe cambiato, invece oggi posso dire con assoluta certezza come dicono i nostri vecchi ( che si stava bene quando si stava peggio ). Io non so quanti anni di servizio hai ma sei molto informato del nostro passato e posso confermare hai nostri amici che leggono che quello che hai scritto è tutto vero.Speriamo in un miracolo come ha detto qualcuno gli uomini passano, la storia rimane, ma a noi non ci pensa nessuno.

Di  Giuseppe Milano  (inviato il 25/10/2011 @ 09:52:21)


n. 4


Caro nuvola rossa quello che tu scrivi mi fa riflettere tanto.
Io penso che i vecchi agenti di custodia erano persone ligie al dovere e tanti hanno pagato questo attacamento a lproprio ruolo con la vita.LEGENDO questo tuo pezzo mi viene in mente il Maresciallo Guido ucciso da un collega ,un giorno mi disse il mio sangue non è rossa ma bensì grigio verde.
I tempi ormai sono cambiati purtroppo non in meglio, i nostri diretti superiori e mi riferisco ai Commissari purtoppo a causa delle vigenti normative non si sentono in sintonia con il corpo, si sono resi conto che, malgrado siano laureati hanno lo stesso potere del vecchio marescalllo con la quinta elementare.
Comunque è sempre bello ricordare ilpassato ma sarebbe giusto pensare al futuro e cercare di riconquistare quella dignità che ogni giorno i nostri Superiori Dipartimentali ci tolgono.
Tu che sei un grande capo indiano pensi di poter fare qualcosa ?

Di  grande vecchio  (inviato il 22/10/2011 @ 19:52:03)


n. 3


da ex maresciallo maggiore del glorioso corpo degli agenti di custodia, transitato con la riforma .. sovrintendente capo della polizia penitenziaria [poi fortunatamente passato ispettore e successivamente commissario], mi fa veramente piacere che qualcuno ricordi in maniera positiva quelle persone che hanno fatto servizio quando la parola "diritti" non esisteva e onorato anche con la vita la loro uniforme grigio verde.

Di  giovanni merola  (inviato il 21/10/2011 @ 18:45:09)


n. 2


Bravo Nuvola , per non "" DIMENTICARE "" , sarebbe proprio giusto che l'Amministrazione nei programmi delle scuole qualche ora della nostra storia , ah anche nei corsi dei Commissari con concorso esterno , sintende .

Anzi Nuvola , te hai ricordato sofferenze minime , hai tralasciato quello che abbiamo passato , ma va bene cosi' , e' giusto il cambiamento e guardare avanti .

Gli uomini passano , la storia rimane , speriamo che il DAP lo ricordi .

Di  sappone  (inviato il 21/10/2011 @ 11:53:35)


n. 1


E semmai affidare la docenza della storia a qualche Commissario- Comandante in servizio nelle riserve indiane ....

Di  geronimo  (inviato il 21/10/2011 @ 11:43:26)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.179.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione