Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
La saggezza profetica degli Agenti di Custodia (terza parte)


Polizia Penitenziaria - La saggezza profetica degli Agenti di Custodia (terza parte)

Notizia del 29/10/2011

in Memoria del Corpo

(Letto 3539 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Durante i primi anni del Novecento, moltissimi agenti di Custodia vennero classificati come: agenti Mormoratori. Ma chi erano questi Agenti? Bastava lamentarsi in servizio con i propri colleghi, o protestare anche debolmente con i propri superiori per questioni di servizio, o con il Direttore per le durissime condizioni di lavoro, per essere classificati a fine anno come MORMORATORI.

Fare l’agente di custodia in quegli anni non doveva essere una passeggiata; possiamo certamente affermare che quegli agenti, definiti dai direttori: mormoratori, sobillatori, maldicenti erano coloro che portavano dentro di se i primi semi del sindacalismo che sarebbero però fioriti quasi un secolo dopo.

Questi non potevano certo lamentarsi pubblicamente, senza rischiare pesantissime ritorsioni e persecuzioni disciplinari, e per questo facevano largo uso di lettere anonime al fine di denunciare “presunti misfatti”, con la segreta speranza di far emergere il marcio e di ottenere in qualche modo giustizia, rispetto a determinate situazioni per le quali non avrebbero mai potuto protestare ufficialmente.

I più arditi, si imbarcavano su un treno alla volta di Roma per andare a protestare di persona presso gli Uffici del Ministero.

Ecco allora il perché di tanti giudizi negativi riscontrati sui registri matricola degli agenti, ad opera degli onnipotenti direttori dell’epoca.

Se infatti è possibile che, data la bassa estrazione sociale, la scarsa cultura scolastica, le misere condizioni di vita, molti agenti fossero “cattivi”, dediti al vino, o alla “crapula”, pluri rapportati disciplinarmente, è pur vero che molti furono giudicati aspramente per aver cercato di ribellarsi a condizioni di lavoro intollerabili, e ad una disciplina soffocante.

I nostri colleghi agenti di custodia, che oggi cerchiamo con ogni mezzo di rimuovere dal nostro passato, era gente coraggiosa, che rischiava il posto di lavoro se osava ribellarsi; nonostante tutto, già un secolo fa, alcuni coraggiosi attuarono forme di protesta eclatanti per reclamare condizioni di vita più dignitose:

Sassu Giovannino - non si può dire un cattivo agente; anzi deve qualificarsi discreto. E’ intelligente e onesto (…) fu punito per aver reclamato al Signor Prefetto senza alcun fondamento; è propenso a discutere gli ordini che riceve, è pertinace nel sostenere di avere ragione quando ha torto; è bene fargli provare altra residenza (…) dedito alla censura dei superiori e alle denunzie anonime a carico degli stessi (…) organizzatore di complotti; dedito alla denunzia anonima, costituisce una seria preoccupazione per l’ordine e la disciplina del Corpo. E’ qui, infatti (Nisida n.dr.), che con le sue insinuazioni e con le sue istigazioni verso i compagni, riuscì, coadiuvato da altri pochi, a far rifiutare la mensa a circa 40 guardie accampando pretesti sulla bontà e sul caro prezzo della stessa. Con questi eccellenti requisiti occorre sia ben guardato e proposto, alla prima occasione, per l’espulsione dal Corpo cui non arreca che danno sotto tutti i rapporti. E’ bene che sia sorvegliato per impedire che insinui nei compagni, sentimenti di discordia.

Volpe Giovanni - nato a Conversano (BA) il 03/09/1884: sospetto di corrispondenza al giornale settimanale di Livorno “La verità”, contro i suoi superiori. E’ stato accusato come tale da un compagno ma l’accusa non si è potuta provare, tuttavia per confidenze avute per altra via, si è saputo che il Volpe ha in pubblici spacci censurato l’operato dei suoi superiori e si è anche vantato di avere alte clientele, mediante le quali avrebbe fatto trasferire il Comandante delle guardie (…) è intelligente ma presuntuoso, si è provocato ilo di lui trasferimento perché sospetto di appartenere ad un partito di guardie che congiurano contro i superiori servendosi di anonimi.

Cerruto Vincenzo - nato a Modica il 19/11/1874: 42 rapporti disciplinari, tra i quali “insinuare il malcontento fra i compagni, mormorare in servizio; per avere inoltrato direttamente un telegramma al Ministero; tenta di sobillare i compagni ed imporsi con minacce a ricorsi ai superiori. Bisogna che sia fermato per non prendere il sopravvento sui colleghi.

Giurgola Adolfo - nato a Lecce 11/03/1886: nei primi tempi dimostra di essere un buon agente ma in seguito, forse per insinuazione di cattivo compagno, si è reso mormoratore.

Ferreri Sebastiano - nato a Caltagirone il 30/05/1880: Diffidare sempre: ha il miele in bocca e il veleno nel cuore. Agente infido e mormoratore.

Pisa Gaetano - nato a Niscemi il 16/11/1889: fu allontanato da questa casa (Mamone n.d.r.) per la sua scandalosa condotta e in particolare in riguardo al Direttore dell’Istituto all’indirizzo del quale osò pronunciare frasi minacciose e criminali.

Paglieri Leonardo Carlo - nato a Caramagna Ligure il 17/04/1883: rosicatore, maldicente, facile alla censura e a spargere il malcontento fra i compagni.

Infante Alfonso - nato ad Aversa (CE) il 26/11/1884: malcontento sempre; fu uno dei promotori dell’agitazione nel Corpo degli AA.CC. ed era meno soddisfatto dai miglioramenti che il disegno di legge presentato al Senato concede alle guardie; davasi da fare per promuovere una novella agitazione (1908).

Curulli Vincenzo - nato a Gerace Superiore il 10/2/1888: ipocrita, sleale e censuratore, suscitatore di malcontento.
 
 
 
 
 
 

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Se penso che ci sono stati certi direttori che hanno scritto questo e piu' di questo su delle persone che hanno subito ogni sopruso sulla loro pelle cio' conefrma quello che ho sempre pensato, senza i sindacati noi da certi direttori saremo stati schiacciati come delle blatte.
Questo anche grazie a i vecchi marescialli e ancor piu' dai vecchi ufficiali, quelli imboscati nel comandi regionali.
Voi direttori non dovete prendervela se noi in voi vediamo delle persone che nulla hanno a che fare con il nostro Corpo, vi consideriamo burocrati e figure che non ci appartengono perche avete abusato e caplestato la dignità di migliaia di agenti di custodia in un periodo dove nulla era concesso. Vi ricordate il riposo ogni tre mesi?... e la licenza ogni diciotto mesi?...

Di  Marco  (inviato il 02/11/2011 @ 14:47:49)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.130.145


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione