Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
La selezione darwiniana dei dirigenti del DAP


Polizia Penitenziaria - La selezione darwiniana dei dirigenti del DAP

Notizia del 01/07/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 2630 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nella mia esperienza da "guardia" presso il DAP, ho avuto modo di conoscere molti dirigenti dell’amministrazine penitenziaria.

E' così che, negli anni, mi sono fatto una mia personalissima idea di come vadano le cose e di come esista una sorta di selezione naturale dei dirigenti di tipo darwiniano, per la quale sopravvivono e fanno carriera i meno capaci.

Le persone valide (e vi assicuro che ce ne sono molte anche nella nostra amministrazione e anche tra i dirigenti), coscienti della propria dignità e delle proprie capacità, traggono soddisfazioni personali e raggiungono anche obbiettivi utili a tutta la collettività, indipendentemente dalla propria sede di servizio.

Ma, poi, si “adagiano” nelle sedi in cui si trovano, appagati dal solo fatto di svolgere il proprio lavoro in modo onesto e costruttivo. A questa categoria appartengono anche molti poliziotti che svolgono bene il proprio lavoro, indipendentemente dalla qualifica e dagli incarichi assegnati.

Esistono, poi, le persone che hanno poche capacità e poche conoscenze, perché hanno trascorso la maggior parte del loro tempo lavorativo in attività  di “arrampicamento sociale” cercando in ogni modo di elevare la propria posizione sociale e professionale, per interesse economico e prestigio personale.

Questa categoria di dirigenti, a sua volta, si divide in due sottocategorie: quelli consapevoli e quelli inconsapevoli dei propri limiti.

Gli inconsapevoli tendono ad agire da soli. Alcuni riescono anche a fare carriera, ma in genere collezionano errori su errori, la cui gravità dipende direttamente dal loro livello di responsabilità. Con il passare del tempo, tendono a sopravvalutare le proprie possibilità (anche legali) e qualcuno finisce addirittura in guai giudiziari.

I più pericolosi, invece, sono quelli che conoscono i propri limiti, perché sono abbastanza scaltri da capire che se cedono parte della loro “sovranità” e se si alleano, riescono ad ottenere maggiori successi.

Col passar del tempo, queste persone hanno formato un gruppo, un’associazione di fatto, consolidando all’interno del DAP una sedimentazione di rapporti di forza con precise gerarchie di potere e di alleanze strategiche.

Pur tuttavia, sotto l'egida dell’apparente comunione di intenti e di rispetto istituzionale reciproco, si svolgono feroci guerre di posizione che scoppiano, soprattutto,  quando si libera una stanza dipartimentale del terzo piano, quello “nobile” in cui lavorano il Capo e Vice Capo DAP.

Come in un odierno sistema feudale di vassalli, valvassori e valvassini, analoghe strategie vengono messe in atto a livello di ogni singola direzione generale, nella quale la gerarchia si misura dalla distanza della propria stanza da quella del Dirigente Generale.

Queste sono le “preoccupazioni” di livello dirigenziale.

Tra le gerarchi inferiori, invece, il massimo livello di carriera è raggiunto quando si lavora nella “Segreteria Particolare” del dirigente (si legge la posta, si fanno le telefonate, si annunciano le visite, ci si veste rigorosamente in giacca e cravatta o tailleur e si viaggia con due borse di pelle al seguito, la propria e quella del dirigente).

A queste mansioni ambiscono anche Commissari della Polizia Penitenziaria.

Gli unici stravolgimenti possibili, in questa sorta di “pax dipartimentale”, si verificano quando avviene un cambiamento a livello politico, con un nuovo Capo dello Stato, Capo del Governo, Ministro, Sottosegretario, Sindaco, Prefetto, etc.

A quel punto, infatti, partono scalate repentine nella gerarchia dipartimentale o capitano rovinose “cadute” nell’oblio (fino al prossimo cambiamento politico con conseguenti vendette).

In questi casi, anche il più oscuro e anonimo dirigente può essere oggetto di veri e propri eventi propizi, volgarmente detti “botte di culo”, allorquando parenti o affini assumono incarichi importanti nel settore della Giustizia.

Ogni tanto si verificano anche strane congiunzioni astrali che consentono l’arrivo presso il DAP di persone capaci, competenti e volenterose. Ma durano poco.

A queste rare persone viene subito frapposta una cortina di ferro di isolamento.

Nella maggior parte dei casi queste persone se ne vanno spontaneamente, molto prima di subire gli effetti dell’isolamento, perchè si rendono conto di quanta vasta e ramificata sia la rete di alleanze tra le persone incapaci e consapevoli di esserlo.

Queste "brave persone", arrivate per caso al DAP, non cercano alleanze per arrampicate sociali, si “accontentano” di fare bene il proprio lavoro e, appena possibile, se ne tornano nella loro sede periferica.

Lo scollamento tra il centro e la periferia nel dipartimento dell’amministrazione penitenziaria sta tutto qui. Chi lavora bene rimane al proprio posto, gli incapaci invece scalciano e raggiungono i vertici.

E’ una selezione di tipo darwiniano. L’incapace sa che per sopravvivere deve eliminare (metaforicamente parlando) le persone capaci.

Queste ultime, invece, traggono soddisfazione nello svolgere al meglio i propri compiti, non si alleano, non si arrampicano e sono, così, destinate ad estinguersi senza lasciare tracce del loro passaggio.

Non c’è soluzione per migliorare questo stato di cose. Tutto il sistema si regge con la servizievole complicità di tutte le qualifiche sub-dirigenziali, Commissari di Polizia Penitenziaria (è bene ricordarlo) compresi.

Negli ultimi anni sono andate, quasi contemporaneamente, in pensione alcune colonne portanti dell’amministrazione penitenziaria, ma ognuna di esse ha lasciato molte pedine sparse nei gangli del Dipartimento.

A loro volta, queste pedine sono state frutto di una selezione naturale tra i più scaltri (vecchi personaggi di indubbie capacità da faccendiere, ormai prossimi al pensionamento anch’essi) o tra i più adulanti e servizievoli.

Negli ultimi anni, però, si è assistito ad un sostanziale “annacquamento” delle capacità dei Dirigenti del DAP e delle loro pedine di riferimento. Tutto ciò ha determinato la paralisi delle capacità di indirizzo e controllo del DAP sull’intera amministrazione penitenziaria.

Il passo successivo potrebbe essere il sostanziale collasso dell’intero sistema penitenziario.

Il recente passaggio dal DAP al DGM della direzione generale dell’esecuzione penale esterna è uno dei segnali più evidenti. Il DGM già faceva fatica a gestire quattro/cinquecento detenuti minorenni, figuriamoci predisporre piani di reinserimento sociale per decine di migliaia di detenuti maggiorenni …

Il canto del cigno, infine, è la convocazione degli “stati generale dell’esecuzione penale”, una sorta di kermesse che si limiterà alla stesura di una lista di miglioramenti teorici da adottare, molti dei quali si sarebbero già dovuti raggiungere da quarant’anni con la piena attuazione della riforma penitenziaria del 1975.

 

 


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


Lecchini, adulatori, viscidi, spioni , ossequiosi nella consapevolezza del non essere all'altezza del proprio ruolo ....., e cose varie .....

La nostra grande amministrazione annovera con tanto di amalgama una serie di " personaggi " che durante gli anni di servizio radicolarizzano i propri comportamenti di discutibile moralità !
Con piacere " e me lo voglio augurare che non lo sia " lor signori dirigenti funzionari utilizzano questi soggetti salvo poi studiarli per arrivare ai loro obiettivi , dopo di che li scaricano .
Noto negli anni di servizio che tali categorie sono solite cambiare aria e bandiera dalla sera alla mattina avvicinando e leccando anche persone che un tempo odiavano o tramavano alle loro spalle .
Personaggi dal valore umano e professionale prossimo allo zero , quid dell'intelligenza oggetto di marcate plusvalenze , giusto per usare un termini nei bilanci calcistici della massima serie .
Personaggi che sbavano ed ansimano quando vedono che qualche collega in difficoltà stenta a portare avanti il servizio, personaggi che vedono la pagliuzza e non le travi , personaggi che cambiano le verità pur di far sentire i lor " padroni " estasiati nel dirigere le cose ....... ,
personaggi che ogni vocabolo è superfluo da esternare affichè vengano etichettati ; basta chiamarli così come hanno già postato in precedenza : chaffauer , lecchini, squatteri, ecc......
Ogni fatto e riferimento è puramente causale , visto che ognuno possa sentirsi tirato in ballo , posto che lo sia lecchino ed altro ecc....

Di  appuntato prossimo alla pensione  (inviato il 01/07/2015 @ 14:54:12)


n. 3


incornicerei la frase: "l’incapace sa che per sopravvivere deve eliminare (metaforicamente parlando) le persone capaci" aggiungendovi anche il lecchino e colui il quale, pur di far raggiungere gli obiettivi ai propri dirigenti, accondiscende, rischiando, a realizzarli in modo illegittimo, perchè per costoro il fine giustifica i mezzi).
siamo sempre lì.
fare concorrenza sleale, danneggia gli onesti.
ma ci sarà sempre chi ha più fame di loro.
fame di autorità e potere.
e se per averli costoro si sono spinti a incitare i dirigenti a iniziare provv.ti disciplinari verso un'anima in pena, troveranno prima o poi chi farà la stessa cosa con loro con mezzi ancora più spietati.
il male che fai ti torna indietro. ricordatelo, leccaculo.




Di  Antonio  (inviato il 01/07/2015 @ 13:03:02)


n. 2


Fonte LIVESICILIA

Di  Ordo▲  (inviato il 01/07/2015 @ 10:46:35)


n. 1


Bell'articolo Enzima.......ed aggiungo.

Chi non ha mai assistito o non ne sia stato destinatario, ad una esibizione dell’arte del lecchinaggio?
Un autoerotismo di attenzioni, complimenti, sottintese complicità che titillano, illudono, compiacciono. A volte con obiettivi ben specifici, SEMPRE per ((miseria morale)), l’accostarsi ad un presunto potere e, sia pure per un attimo, respirarne il profumo di autorità.

I lecchini li troviamo nel mondo politico, nelle redazioni dei giornali, negli uffici, nelle Università, e naturalmente nei nostri ambiti, dovunque ci siano gerarchie ed al tempo stesso possibilità di entrare in filiere di benefici.
I lecchini di eccellenza dicono al capo ufficio che ammirano la sua capacità di direzione...anche se poi il capo è come si dice dalle mie parti....SCARSO!...((ma proprio SCARSO))!!!
I lecchini non hanno memoria. Leccare il presente automaticamente cancella ogni precedente segnale nelle papille che traspirano umori umettanti.
Ne ho conosciuto uno che si abituava al nuovo direttore o Comandante nel giro di poche ore...roba da fare accapponare la pelle e le p....
Anni prima mi raccontò che da piccolo lo faceva stare bene portare i fiori alla maestra e le portava i libri, aspettandola tutte le mattine all'ingresso della scuola. Certamente non si era innamorato della maestrina. Più semplicemente stava iniziando a provare le prime emozioni/pulsioni dell'arte del LECCHINAGGIO.
Che dire.....uno così probabilmente ha la lingua che fa la muta.... come la coda delle lucertole.....si consuma e poi le ricresce al momento giusto!!!
I veri Uomini nel nostro Corpo ci sono e pure tanti....ma sono così scazzati che non li senti più neanche parlare.
Un abbraccio ENZIMA

Di  Ordo▲  (inviato il 01/07/2015 @ 10:45:22)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.247.205


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione