Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
L''unica speranza del Corpo: l''unificazione con la Polizia di Stato


Polizia Penitenziaria - L''unica speranza del Corpo: l''unificazione con la Polizia di Stato

Notizia del 11/12/2017

in Attualità

(Letto 10341 volte)

Scritto da: Matteo Ricciardi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Continuano ad inseguirsi voci, più o meno bene informate, sul possibile futuro accorpamento del Corpo di Polizia Penitenziaria nella Polizia di Stato.

Ebbene, volendo prescindere da qualsivoglia visione faziosa e campanilistica, appare necessario riconoscere che l'accorpamento in un unica Forza di Polizia appare l'unica soluzione possibile.

Tale soluzione, infatti, consentirebbe finalmente all'Italia di sottrarsi definitivamente alle censure europee da lungo tempo indirizzate sia contro l'eccessiva frammentazione delle Forze di Polizia, sia contro la supposta violazione delle Regole minime europee che prevedrebbero una netta cesura tra Forze di Polizia e soggetti deputati alla gestione degli Istituti Penitenziari.

Inoltre, atteso lo sfacelo del DAP e dell'attuale Ministero, tutto concentrato nella ricerca di voti e dunque interessato solo ad aumentare le mercedi ai detenuti ed ad inseguire le chimere del recupero di Personale di Polizia Penitenziaria per i servizi d'istituto tramite una riduzione degli organici delle sedi c.d. extra moenia, l'accorpamento alla Polizia di Stato pare essere non solo una soluzione auspicabile, ma bensì anche l'unica soluzione!

Intendiamoci, la Polizia Penitenziaria esiste perché esiste il carcere, ogni poliziotto penitenziario, di qualsiasi Ruolo, esiste ed ha diritto allo stipendio perché esiste il carcere e perché esistono i detenuti. Punto e fine.

Altrettanto ovviamente, tuttavia, l'esistenza del carcere, dei detenuti, del Corpo di Polizia Penitenziaria e (ahinoi) dell'Amministrazione Penitenziaria postula l'esistenza e la necessità di funzionamento di una serie di sevizi di supporto, il cui funzionamento costituisce la conditio sine qua non per l'esistenza stessa del sistema.

Del resto è di tutta evidenza che il carcere per poter esistere necessita dei servizi di matricola, di un ufficio comando, di un ufficio servizi, del sopravvitto, dei conti correnti, di una ragioneria, di una lavanderia, della cucina, dell'infermeria etc. etc.

Similmente un istituto penitenziario, per poter operare deve potersi riferire ad un provveditorato ed al Dipartimento per tutti quei servizi e quelle esigenze che esulano e travalicano le competenze della singola sede.

Tutto ciò, ovviamente, volendo tralasciare l'attitudine della dirigenza penitenziaria a sentirsi piccoli monarchi di stati indipendenti, autoreferenziali ed inefficienti.

A riprova di quanto detto, e del danno provocato dagli attuali vertici si segnala:

il taglio agli organici conseguente alla legge c.d. Madia, la cui colpa va imputata interamente all'attuale ministro ed al DAP, incapaci nel passato di ottenere l'autorizzazione alle assunzioni che TUTTI i Corpi di Polizia hanno ottenuto – anche per l'emergenza carceri!!! - ed incapaci e colpevoli di rendere trasparenti e certi i tempi di definizione dei concorsi pubblici – vedasi l'epopea del concorso per Vice Ispettore in atto da dieci, DIECI, 10 anni!

L'attuale situazione del SADAV, il cui Personale dovrebbe rientrare nelle sedi di appartenenza perché, evidentemente ritenuto di troppo, che allo stato è desolantemente vuoto, tanto che i neo agenti, finalmente alle porte dell'assunzione, dovranno essere avviati alla frequenza dei corsi di formazione vestendo la sola tuta ginnica, stante l'attuale incapacità del DAP – in questo caso non della Polizia Penitenziaria – di programmare per tempo l'acquisizione dei necessari materiali!

In questo tragico frangente, dunque, in ragione della incapacità dell'attuale dirigenza, delle limitazioni imposte dagli organismi sovranazionali – che ovviamente non conoscono o preferiscono trascurare il fenomeno delle MAFIE, dell'atavico odio della dirigenza penitenziaria per la Polizia Penitenziaria e dell'ancora più corrosivo odio di certa politica – colpevolmente non contrastata da Ministero e Dipartimento, l'unica soluzione che possa dare dignità alla Polizia Penitenziaria è il transito alla Polizia di Stato.

 


Scritto da: Matteo Ricciardi
(Leggi tutti gli articoli di Matteo Ricciardi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti con gastroenterite nella scuola di Cairo Montenotte: le analisi hanno appurato che era influenza
Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi
Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo
Record di sequestri di telefonini nelle carceri italiane. Aumento del 58 per cento nel 2017
Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione
Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà
Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi
Agenti intossicati a Cairo Montenotte: prime analisi confermano batteri nel filtro della cucina della scuola


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 42


Grazie gentile Segretario per le parole di apprezzamento. Sfortunatamente quello che ho riportato è quello che quotidianamente vivo e tocco con mano. Ripeto ciò che ho scritto, dignità a Noi Poliziotti, perchè finora non ne abbiamo avuta, a tutti coloro che credono ancora che quello che fanno è Polizia, beh che dire...contenti Voi....ad majora e buone feste.
Funzionario

Di  funzionario  (inviato il 20/12/2017 @ 16:23:37)


n. 41


Non sono d'accordo sull'eventuale passaggio in polizia di stato, piuttosto la polizia di stato passi in polizia penitenziaria venghino da noi ce posto per tutti

Di  Anonimo  (inviato il 20/12/2017 @ 08:21:23)


n. 40


Chi si è arruolato nel corpo di Polizia Penitenziaria, dovrà rimanere tale e quale, la speranza di essere accorpati nella Polizia di stato è lontana anni luce...Fidatevi! Non succederà mai!

Di  Anto  (inviato il 19/12/2017 @ 21:35:24)


n. 39


N°29 Io non mi sono sentito mai un maggiordomo,dipende da come ti imposti con i reclusi bisogna improntare la propria personalità comunque ognuno ha le sue idee io difenderò fino all'ultimo le ragioni della Polizia Penitenziaria a tempo dovuto ho fatto il giuramento per questo corpo di polizia.

Di  Andrea  (inviato il 18/12/2017 @ 21:04:59)


n. 38


Ad Maiora! egregio Funzionario!
Le sue parole sono state più che esaustive e quanto mai limpide e lapidarie e, io concordo pienamente con Lei!
W le Forze dell'Ordine!
Segretario Regionale Ugl Polizia di Stato Sicilia Marco Governara

Di  Marco  (inviato il 14/12/2017 @ 17:54:19)


n. 37


Devo smentire Gio e spezzare una lancia in favore di Marco!
La maggior parte dei poliziotti penitenziari vuole transitare nella Polizia di Stato, gli unici a non voler transitare sono: dirigenti sindacali (perché perderebbero le tessere), raccomandati che non hanno mai visto una galera e quelli che la galera la vedono di striscio, oltre ai dirigenti penitenziari che, senza la Polizia Penitenziaria, sarebbero il nulla!

Di  Sciogliete la Polizia Penitenziaria  (inviato il 13/12/2017 @ 15:45:08)


n. 36


buongiorno, la vexata quaestio anima sempre lo spirito di noi tutti appartenenti alla Polizia Penitenziaria, basta una voce, un articolo di giornale sul presunto accorpamento che, ognuno, giustamente, dice la sua. Ebbene, da Funzionario di questo Corpo mi sento di dover fornire il mio punto di vista. Sono entrato in questa Istituzione credendo di fare il poliziotto di "dirigere" degli uomini e di far rispettare le leggi, mi ritrovo a firmare centinaia di domandine dei detenuti per le cose più disparate e dover chiedete all'A.D. anche il per permesso per andare in bagno visto che alla fine dei conti quello che comanda per davvero è solo e soltanto il Direttore, (art. 9 docet) personalmente, sono per l'accorpamento, sia esso con PS, con G.di F. con Arma, l'importante è che avvenga in modo da consentire ad ognuno di noi di riacquistare un minimo di dignità professionale e sociale, e di servire lo Stato e leggi nelle quali crede e non coloro che le leggi le violano. Ormai quelle minime funzioni esercitate sino a qualche tempo fa ormai (parlo del mio I.P.) sono un vago ricordo. il tempo lo si passa a fare letteralmente da maggiordomi e da pacieri fra detenuti, nulla più, mortificati quotidianamente da un Dipartimento che ci disprezza (guardate come siamo stati trattati con il riordino). il Discorso è lungo e complesso ma che ben venga l'accorpamento. Per i nostalgici, il passato è storia e come tale va studiata e ricordata, rendendo sempre onore a tutti quelli che sono caduti per lo Stato. Per coloro, viceversa, che amano fare da maggiordomi che credono in quello che fanno, beh, che dire, potrete sempre rimanere nel vostro amato Dipartimento e continuare a fare ciò in cui credete. Ad majora

Di  Funzionario  (inviato il 13/12/2017 @ 10:15:35)


n. 35


Marco Governara noi non vogliamo dipendere dalla polizia di stato nella maniera assoluta no .
Non abbiamo bisogno e non ci aiuta certo, vogliamo una polizia penitenziaria con un capo della polizia penitenziaria in divisa che netta fine al nostro comando dei direttori assegnando ai direttori solo esclusivamente il comando dei soli educatori .

Di  Gio  (inviato il 13/12/2017 @ 09:10:42)


n. 34


Per Marco nn ho nulla con te,solamente che vedo le cose diversamente.
Ti saluto

Di  Anonimo  (inviato il 12/12/2017 @ 20:04:16)


n. 33


Buona sera a tutti...!
Rispondo al commento n° 22 di Anonimo (inviato il 11/12/2017 @ 20:46:33)
Ascolta ma perchè di infervolisci, io non intendo offendere nessuno, meno che mai voi colleghi della penitenziaria, libero di non crederci, ma vi ammiro molto per la pazienza e l'alta professionalità che mostrate giorno dopo giorno!
Beh... tu dici che quello che dico io non rappresenta la realtà nelle sezioni detentive, io invece ti ribadisco che, in base ai comunicati degli stessi sindacati di categoria, non v'è giorno che passi e si veda scritto sui vai blog gli eventi critici che accadono nel silenzio più assoluto di chi invece dovrebbe prendere posizione a tutela dei lavoratori, e mi riferisco in primis al datore di lavoro... Direttore e a tutta quella catena di comando che deve imporsi in tutti i modi leggittimi in salvaguardia del Corpo di Polizia Penitenziaria.-
Ma vi accorgete o no! Che una certa classe politica se ne sta altamente fregando di voi!?
Su una cosa hai ragione! Dovreste essere più valorizzati, ma perchè io, che sto scrivendo da alcuni mesi a sta parte!? Lunge da me lontano l'idea di sminuire la vostra professionalità ma, le cose non stanno per niente andando bene.-
ah ah ah ah... ma poi! che importanza ha chi è più o meno anziano!? Io ho 30 anni di servizio, credo che possano bastare a dire la mia!?
Come di consuetudine Distinti Saluti.- Marco Governara Segretario Regionale Ugl Polizia di Stato Sicilia

Di  Marco  (inviato il 12/12/2017 @ 18:34:18)


n. 32


Eppure basta poco.
Manifestare tutti i giorni h. 24 sotto il palazzo di Via Arenula per chiedere a gran voce la Direzione Generale del Corpo di Polizia Penitenziaria. Dico tutti i giorni fino a quando non si avrà la Direzione Generale con decreto Legge. Purtroppo le OO.SS. tutte, questo non lo vogliono. Punto




Di  Marco  (inviato il 12/12/2017 @ 15:07:19)


n. 31


Pensate che in polizia di stato vi aspettino ?
Vi sbagliate di grosso .

Di  Gio  (inviato il 12/12/2017 @ 13:17:30)


n. 30


Vogliamo fatti non parole. Si vocifera...si parla...ma di che?? Di che cosa? Sono anni che sento dire sta cosa ma mai nessuno l ha portata fino in fondo x concretizzarla. Manca il coraggio? Manca il vero interesse da parte politica?? Non so. In italia non funziona niente. Che vergogna. Una cosa e' sicura: la polizia penitenziaria e' sempre in coda alle altre forze vigenti sul territorio. Siamo quelli del dimenticatoio. Ammettiamolo. Nessuno fa niente x darci lustro e quell importanza che meritiamo e invochiamo affinche' venga riconosciuta. Sempre a parlare dei diritti dei detenuti. E noi? Quale posto occupiamo? Ridateci la giusta dignita'. Se questo significa accorpamento ben venga. Certo: anche in questo vogliamo essere alla pari dei colleghi della p.s e non un surrogato tanto x darci il contentino.

Di  alex-c  (inviato il 12/12/2017 @ 08:34:53)


n. 29


SI all’ accorpamento, non vedo dove sia il problema per chi vuole continuare a fare il maggiordomo ai detenuti e se ne esce con la storia degli agenti di custodia, delle chiavi, della storia del corpo e bla bla bla.....
Ma lo volete capire che ormai è stata imboccata una strada senza via d’ uscita a favore dei detenuti?
Fino a quando ci saranno i dirigenti penitenziari, non ci sarà mai nessun capo de corpo ed a questo punto l’ Unica salvezza si chiama POLIZIA DI STATO!!!
Eventualmente la bozza legislativa di accorpamento dovrebbe prevedere:
1- istituzione di un corpo di custodia senza funzioni di polizia che ingloberebbe anche i poliziotti penitenziari che non volessero transitare nella Polizia di Stato;
2- l’ Accorpamento della Polizia Penitenziaria nella Polizia di Stato con compiti legati all’ esecuzione penale, ad esclusione della custodia e del trattamento.
Mi sembra un’ ipotesi talmente democratica da poter permettere a chi vuole ed è contento di continuare a fare il maggiordomo ed agli altri di transitare in una forza di Polizia vera e propria laddove vi sono dirigenti in divisa, si svolgono funzioni di Polizia, ecc, ecc
Non vedo dove sia il problema, ognuno sarebbe messo nelle condizioni di fare ciò che più lo aggrata...
Concordo in pieno con quello che scrivono Giuseppe 1974 e Marco Governara!!!!
W LA POLIZIA DI STATO!

Di  Sciogliete la Polizia Penitenziaria  (inviato il 12/12/2017 @ 06:40:38)


n. 28


Vogliamo fatti non parole. Si vocifera...si parla...ma di che?? Di che cosa? Sono anni che sento dire sta cosa ma mai nessuno l ha portata fino in fondo x concretizzarla. Manca il coraggio? Manca il vero interesse da parte politica?? Non so. In italia non funziona niente. Che vergogna. Una cosa e' sicura: la polizia penitenziaria e' sempre in coda alle altre forze vigenti sul territorio. Siamo quelli del dimenticatoio. Ammettiamolo. Nessuno fa niente x darci lustro e quell importanza che meritiamo e invochiamo affinche' venga riconosciuta. Sempre a parlare dei diritti dei detenuti. E noi? Quale posto occupiamo? Ridateci la giusta dignita'. Se questo significa accorpamento ben venga. Certo: anche in questo vogliamo essere alla pari dei colleghi della p.s e non un surrogato tanto x darci il contentino.

Di  alex-c  (inviato il 12/12/2017 @ 00:21:07)


n. 27


Bene o male avremmo una paternità siamo stati sempre orfani addio dap addio min.della giustizia è stato un piacere

Di  Anonimo  (inviato il 12/12/2017 @ 00:17:16)


n. 26


L'accorpamento è necessario perché i dirigenti penitenziari hanno smembrato questa amministrazione in soli 25 anni di smilitarizzazione. E' questo quello che si meritano. Noi continueremo ad esistere come specializzazione.

Di  saverio  (inviato il 11/12/2017 @ 22:06:56)


n. 25


Si al l'accorpamento, subito anche.
Se vogliamo tenere ancora lo status di poliziotti, e non di futuri educatori come vuole il dap, passare sotto il ministero dell'intero è la soluzione più plausibile.
Prima si fa, prima ci salviamo.

Di  Davide  (inviato il 11/12/2017 @ 21:54:59)


n. 24


Andrea non e' giusto quello che scrivi,non lo vedo giusto.
Chi pernotta deve risarcire lo stato,lo stato siamo tutti noi.
Non devono pagare chi crea dei danni alla societa',anzi! Deve essere chi crea danno alla societa' che deve pagare.
Quei soldi vanno dati alle persone oneste,ai padri di famiglia che hanno bisogno di lavorare.
La politica su questo dovrebbe intervenire.
Chi paga alla societa' quando subisce.
Poi Andrea i sindacati fanno eccome ,leggi i comunicati in particolare il Sappe,i sindacati si fanno sentire.

Di  Anonimo  (inviato il 11/12/2017 @ 21:12:00)


n. 23


Io mi chiedo se alcuni colleghi che commentano si sono resi conto come nell ultimo decennio la situazione sia totalmente precipitata. Dove svoglo servizio io da 20 anni ormai credo che l unica speranza sia lo smantellamento del corpo. Io mi sono arruolato come Agente di POLIZIA PENITENZIARIA ed oltre ai compiti istituzionali della 395 90 giuridiacamente siamo annoverati dal cpp all arricolo 57. Ormai i ben pensanti ci vogliono equiparare ai CD FUNZIONARI PEDAGOGICI ed io Non ci sto

Di  GIUSEPPE 1974  (inviato il 11/12/2017 @ 21:11:08)


n. 22


Per il professore Marco.
Sicuramente mi sono arruolato prima di te.
Non esiste nulla di quello che dici tu,il Corpo di Polizia penitenziaria ha bisogno solo di essere comandato da una persona in divisa,perche' non abbiamo nulla da invidiare a nessuno.
Il problema sono le valutazioni delle persone che si dovrebbero fare Solo in base alle attitudini ,esperienze,gavetta,non per i CM di lingua.
I Poliziotti Penitenziari valgono anche tanto vanno valorizzati.
No all'accorpamento,no alla fine di una storia.

Di  Anonimo  (inviato il 11/12/2017 @ 20:46:33)


n. 21


per susirbone forse non hai capito tu? Ho solo detto che eventualmente il corpo viene sciolto come successo alla forestale e mi danno la possibilità di scegliere preferisco andare nella PS con gli stessi compiti di adesso tranne la sezione, chi ha parlato di guardia giurata? Poi per quanto mi riguarda almeno non facciano una cosa forzata io non voglio fare parte del corpo di giustizia e non voglio mettermi il camice. Questa, sia ben chiaro è una mia scelta personale può essere condivisa come non può esserlo. Rimane il fatto che per ora si parla solo di ipotesi è non vi è alcuna fonte certa di quello che il governo ha intenzione di fare? Chiudo per con un in bocca al lupo a tutti i colleghi comunque sia la loro scelta. Buone Feste

Di  cavallo pazzo  (inviato il 11/12/2017 @ 20:33:47)


n. 20


Io leggendo vedo solo la resa di tanti colleghi e lo sputo del piatto dove si mangia pochi sono quelli che hanno un po d'orgoglio a far parte del corpo di Polizia Penitenziaria il più completo visto i compiti che ci hanno attribuito e appena vedono uno spiraglio per uscirsene anzichè battersi e far valere il nostro corpo di Polizia ecco che se la battono mi sembrate tanti Giuda e i sindacati hanno la loro colpa sull'eventualità dell'accorpamento se i lavoranti detenuti quasi prendono più di un agente di Polizia Penitenziaria vuol dire che il loro sindacato si fa valere di più.

Di  Andrea  (inviato il 11/12/2017 @ 20:15:42)


n. 19


Marco governara non condivido .
La polizia penitenziaria resti così come senza ma senza se

Di  Anonimo  (inviato il 11/12/2017 @ 20:01:40)


n. 18


"piccoli monarchi di stati indipendenti, autoreferenziali ed inefficienti" Matteo stavolta ti sei superato!!!!!

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 11/12/2017 @ 19:41:49)


n. 17


Buona sera a tutti!
Rispondo al commento del numero 10 che si firma:" Quando ci vuole ci vuole"
Vedi caro collega, io non so tu quando ti sei arruolato ma, l'accorpamento a questo punto arrivato è indispensabile, perché, purtroppo, il DAP, a mio avviso, dedica più attenzione ai detenuti che all'incolumità delle migliaia di poliziotti che lavorano nelle sezioni detentive, è innegabile che non si lavora più come una volta, mi riferisco alla sicurezza personale.-
Vedi, sembrerebbe che qualche classe politica e non solo, voglia redimere con la denominazione rieducazione, il detenuto che per anni e anni a vissuto delinquendo, magari chissà, potrebbe anche riuscirci, ma deve avvalersi di personale che abbia tale attitudine.-
Non mi pare che fare il poliziotto equivale a fare l'assistente sociale o il socio sanitario o peggio mi sento, il badante!
Quindi per tale motivo tutta la classe sindacale dovrebbe sollecitare il transito nelle altre forze di Polizia a prescindere il colore, e, lasciare al personale specialistico il compito di RIEDUCARE i detenuto.-
NOI SIAMO POLIZIOTTI.
Concludo abbracciando l' esternazione dell'amico Giuseppe 1974 post n° 15 inviato 11.12.2017 ore 14,46:29... meditate gente, meditate!
Distinti Saluti da Segretario Regionale UGL Polizia di Stato Sicilia
Governara Marco


Di  Marco  (inviato il 11/12/2017 @ 18:42:25)


n. 16


No all'accorpamento!!!!! Chi voleva arruolarsi in altri Corpi doveva pensarci prima. Io mi sono arruolato nel Corpo degli Agenti di Custodia perché volevo arruolarmi negli AA.CC. e, nonostante tutto e tutti, credo nel servizio che facciamo anche se molti di noi pensano ad altro. Uno dei tanti problemi forse è proprio questo, ossia che molti di noi non credono in quello che fanno. Viva la Polizia Penitenziaria.

Di  Giovanni  (inviato il 11/12/2017 @ 18:35:27)


n. 15


io voglio passare alla NASA

Di  potipoti  (inviato il 11/12/2017 @ 17:24:55)


n. 14


Tempo ci avete messo, ma lo avete capito!
L’ unica salvezza è l’ accorpamento alla Polizia di Stato!
Coloro che dicono di essersi arruolati per fare i carcerieri, potrebbero agevolmente chiedere di permanere nel nuovo Corpo di custodia (senza funzioni di Polizia) così da accontentare tutti, gli altri transiterebbero nella Polizia di Stato e si occuperebbero di esecuzione penale esterna, traduzioni, vigilanza uffici di giustizia, presidi esterni agli istituti. Niente digos o squadra mobile come ironicamente dice qualcuno, ma funzioni connesse all’ esecuzione della pena fuori dal carcere!!!
INFINE UNA DOMANDA AL SINDACATO: Perché invece di scriverlo in questo blog, non fate dei comunicati stampa indirizzati a tutte le istituzioni, delle manifestazioni di protesta in piazza, ecc, ecc?
Il fumo negli occhi non serve!
Il futuro è questo:
http://cronaca.il24.it/addio-alla-polizia-penitenziaria-alle-squadre-nautiche-della-polizia-le-ipotesi/

Di  E la Polizia di Stato SI ALL’ ACCORPAMENTO  (inviato il 11/12/2017 @ 17:13:28)


n. 13


Forse cavallo pazzo non ha capito
... vai a fare la guardia giurata in carcere non il poliziotto nella volante

Di  Susirbone  (inviato il 11/12/2017 @ 17:08:52)


n. 12


Favorevole per l'unificazione tanto ai pensionati non interessa nulla più che solo soldi soldi

Di  Anonimo  (inviato il 11/12/2017 @ 16:52:11)


n. 11


l'ACCORPAMENTO E' L'UNICA SOLUZIONE ! NESSUNO RINNEGA IL PASSATO MA BISOGNA EVOLVERSI ... E POI SE MANTENIAMO LE STESSE FUNZIONI NON VEDO QUALE POSSA ESSERE IL PREGIUDIZIO SE INDOSSIAMO TUTTI LA STESSA DIVISA... (QUANDO MAI è STATO UN PREGIUDIZIO INDOSSARE LA DIVISA DELLA POLIZIA DI STATO).CHI NON VUOLE L'ACCORPAMENTO E ' PERCHè HA PAURA DI NON STARE PIù AL PALAZZO ...MA NON PENSA A CHI E ' IN TRINCEA... QUANDO MI SONO ARRUOLATO VOLEVO INDOSSARE UNA DIVISA E NON STARE IN BALIA DEI CARCERATI e DELL'OPINIONE PUBBLICA POPULISTA CHE PRIMA VOGLIONO LA CONDANNA DEL COLPEVOLE E POI CI TRATTANO DA CARNEFICI. BENE AL SAPPE ... WL'ACCORPAMENTO ps guardate nei contratti e nelle assunzioni i soldi migliori li prendono sempre polizia e carabinieri

Di  w accorp  (inviato il 11/12/2017 @ 15:59:36)


n. 10


Arrivati a questo punto meglio sciogliere il corpo. Le carceri sono polveriere in mano ai prigionieri.

Di  Remo  (inviato il 11/12/2017 @ 15:34:48)


n. 9


Si certo,i sogni non sono proibiti.
Ma basta con questa storia degli accorpamenti.
I filosofi purtroppo esistono,bisogna pur dare un po' di spazio anche a loro.
Che si voglia o no! Questa e' la storia(Agenti di Custodia)(Polizia Penitenziaria) poi le origini sono sempre origini.
Tutti ci siamo arruolati per il posto di lavoro.
Chi resta all'interno degli istituti?

Di  Anonimo  (inviato il 11/12/2017 @ 15:22:09)


n. 8


Quale Storia? Quale immagine? Lo stereotipo del secondino? Il mondo è in conitnuo cambiamento. La Polizia penitenziaria, accorpata al dipartimento della pubblica sicurezza quindi alla Polizia di Stato, diventerà una specialità, con compiti istituzionali simili previsti dalla 395/90 escludendo la sorveglianza all'interno degli istituti che dovrà essere prerogativa di personale appositamente formato per il programma di trattamento di ogni ristretto. Quindi, la Polizia penitenziaria si occuperà della cd EPE (esecuzione penale sterna), sarà posta all'esterno degli isituti come la vigilanza dei corpi di guardia (block house, portinerie, vigilanza muri perimetrali)e in caso di sordini in assetto anti sommossa a sedare gli animi bollenti dei detenuti. In soldoni un notevole risparmio, automezzi, caserme, vestiario, uffici dirigenzili spariranno ....se ce volontà politica è fattibile. Questo è il futuro e credo davvero sia LA SOLUZIONE!

Di  Giuseppe1974  (inviato il 11/12/2017 @ 14:46:29)


n. 7


AACC Agenti di Custodia gloriosi,poi Polizia Penitenziaria,questa e'storia,il resto e' noia.
No all'accorpamento.

Di  Anonimo  (inviato il 11/12/2017 @ 14:29:28)


n. 6


Mi dispiace deludere tanti colleghi sulle conseguenze che provocherebbe un eventuale "accorpamento" della "penitenziaria" nella Polizia di Stato, e specialmente quelli che magari, già si immaginano su una volante, o a fare indagini. Il nostro glorioso "Corpo di Polizia" rimarrebbe solo un satellite della p.s., continuando a svolgere il proprio servizio, solo ed esclusivamente, in carcere. (tranne i soliti raccomandati naturalmente...come al solito). Addirittura si parla di un transito presso il Ministero dell'Interno, con funzioni di "guardie di giustizia", alle quali togliere anche l'arma di ordinanza, dal momento che in carcere non si può portare a seguito; vale a dire una struttura simile a quella dei vigili del fuoco, per certi versi. Cioè non più una forza di Polizia che, bene o male , è formata da agenti\ufficiali di p.g. senza limitazioni spazio-temporali, ad un corpo di "guardiani". Nonostante tutto, oggi abbiamo la dignità di una struttura di Polizia con specifici compiti, sicuramente non inferiore come dignità alle altre forze di Polizia.

Di  Salvatore Pellicano  (inviato il 11/12/2017 @ 13:48:28)


n. 5


Per i commenti 2 e 3 mi sono arruolato perché avevo bisogno di lavorare e se vi è la possibilità di stare meglio ben venga l accorpamento poi se vi è possibilità di scegliere tu puoi anche rimanere in questa amministrazione ognuno è libero di decidere.

Di  Cavallo pazzo  (inviato il 11/12/2017 @ 13:14:35)


n. 4


Perche' essere accorpati?
Il corpo ha una storia!
Non sono d'accordo,semmai vanno cambiate tante cose,con l'impegno di tutti.

Di  Quando ci vuole ci vuole  (inviato il 11/12/2017 @ 12:34:59)


n. 3


Per Isaia:
Ma quando ti sei arruolato sapevi mestiere che andavi a fare?
Allora perche' non ti sei arruolato negli altri corpi?

Di  Quando ci vuole ci vuole  (inviato il 11/12/2017 @ 12:26:41)


n. 2


Non fa una piega, speriamo che ci salviamo fa endo questo passo. E che i carcerati se li tenesse il dap.

Di  Isaia  (inviato il 11/12/2017 @ 07:33:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.227.104.40


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Gratteri, Ardita, Stati Generali... fino ad oggi sono state ignorate tutte le proposte di riforma della Polizia Penitenziaria ...il 2018 sarà l’anno buono?

3 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

8 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Videoconferenze tra DAP e periferia: ogni tanto una buona notizia





Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

7 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova

10 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb


  Cerca per Regione