Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Lavorare in carcere: un bando di concorso per diventare boia nei penitenziari dello Sri Lanka


Polizia Penitenziaria - Lavorare in carcere: un bando di concorso per diventare boia nei penitenziari dello Sri Lanka

Notizia del 13/04/2012

in Accadde al penitenziario

(Letto 3411 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo


Nello Sri Lanka si apre la corsa al posto di lavoro come boia. In questo Paese è ancora in vigore la pena di morte per coloro che stuprano, uccidono o hanno a che fare con il traffico di droga. Nonostante non ci siano state esecuzioni negli ultimi 30 anni, è ancora necessario ricoprire la carica di Boia.
 
Il bando, per accedere al concorso per questo lavoro, non è ancora stato reso pubblico ma la notizia è comunque trapelata portando tantissime persone a presentare comunque la domanda di partecipazione. Il dato interessante, che ne emerge da questo evento, è la massiccia presenza di domande di partecipazione presentate dalle donne. Il commissario delle prigioni dello Sri Lanka, il sig. Kodippili, ha dichiarato che le domande saranno reputate comunque valide ma a partire dalla pubblicazione ufficiale del bando.
 
I posti di lavoro da coprire sono per 2 boia che dovranno rappresentare questa figura ormai istituzionale all'interno delle carceri dello Sri Lanka. Il tipo di esecuzione che dovrebbe essere applicata è quella effettuata tramite l'impiccagione.
 
Lo Sri Lanka è stato a favore della pena di morte per vari periodi storici anche se ufficialmente non è stato messo a morte nessun condannato a partire dal 1976. In questo anno fu effettuata l'ultima esecuzione e dopo di allora nessun detenuto ha subito la stessa sorte.
 
La pena di morte, con impiccagione, è ufficialmente tornata in atto dal 2004 a causa di un omicidio feroce accaduto a carico di un giudice dell'Alta Corte. Il giudice, Sarath Ambepitiya, venne assassinato con una serie di colpi di pistola mentre faceva ritorno presso la propria casa dopo una giornata di lavoro.
 
Prima del 2004 il presidente Kumaratunga, che allora era in carica, provò ripetutamente a ripristinare la valenza delle esecuzioni. Nel 1999 il Paese viveva un periodo di grossi tumulti e la violenza era aumentata così tanto da portare il Presidente a ricostituire la pena di morte; la popolazione si ribellò a questa proposta e i condannati a morte poterono riprendere respiro. Tutti i condannati a morte ebbero la pena commutata ad ergastolo a vita.
 
Dal 2001, quando chi era condannato a morte non poteva più sperare alla commutazione all'ergastolo, nessuno è stato giustiziato e i detenuti che sono in attesa di impiccagione sono oltre i 1100.
 
 

Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.185.157


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione