Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Lavorare tra i Cannibali


Polizia Penitenziaria - Lavorare tra i Cannibali

Notizia del 03/08/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 2975 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Se il nostro lavoro, tempo fa, nella scala dei lavori più stressanti era classificato al secondo posto, dopo i minatori, un motivo scientifico c’era. Se una volta andavamo in pensione dopo vent’anni di lavoro, c’era alla base un motivo scientifico; questo già l’abbiamo scritto diverse volte. Lo sottoscriviamo nuovamente, così per fare accademia. In un periodo storico, invece, dove regna l’alta finanza, dove le banche dominano e condizionano la nostra vita, dove gli Stati Europei hanno perso la loro sovranità in favore della BCE, ebbene tutti questi studi scientifici non contano niente.

Eppure lavorare all’interno delle carceri con detenuti mafiosi, terroristi, sieropositivi, tossicodipendenti, oligofrenici, pazzi aggressivi, ritardati, extracomunitari dal linguaggio incomprensibile, è stato sempre un inferno. Stare in mezzo ai detenuti in un Reparto è fonte di continua tensione. Cercare di resistere ogni giorno ad infinite pressioni psicologiche, dalla più banale alla più seria (ad esempio un tentativo di corruzione) e reagire cercando di far prevalere la Legge, dimostrando che quell’agente rappresenta comunque lo Stato, è sicuramente fonte di stress, ma questo non importa a nessuno, né ai nostri politici, né pare ai nostri vertici.

Oggi abbiamo scoperto di avere, tra i detenuti, un’altra categoria: i cannibali. Il recente caso di Venezia, dove ad un nostro collega - a cui va tutta la nostra solidarietà -, un detenuto ha staccato una falange del dito, con un morso ci getta nello sconforto in quanto l’episodio è emblematico dello stato di abbandono cui sono lasciati i poliziotti penitenziari, armati solo di pazienza e buon senso, quando prestano servizio in sezione. Guai a parlare di spray al peperoncino o altre diavolerie per difendersi, i ben pensanti, una certa classe politica di una certa sinistra ultra garantista, si opporrebbero con manifestazioni di piazza.

Viaggiamo alla media di un’aggressione al giorno, nelle carceri italiane post Torreggiani, ma questo continua a non scandalizzare i nostri vertici, sempre protesi alla ricerca di nuovi spazi, di ristrutturazioni di celle, ma poco attenti ai problemi del personale di P.P.

Già, i nostri vertici dipartimentali! Gli stessi vertici che inviano continuamente note sul benessere del personale di P.P. dando indicazioni acchè vengano concessi congedi e riposi, ma non prestando minimamente attenzione né scandalizzandosi, se, ad esempio, tutti gli Istituti di una Regione come la Sicilia, da quattro mesi sono senza M.O.S. e i poliziotti penitenziari vanno avanti a forza di arancine e pane "cunzato", andando incontro probabilmente a danni gastrici che si rifletteranno sui servizi a causa delle malattie inevitabili.

Dopo gli OPG chiusi e l’arrivo massiccio dei pazzi nelle carceri, ora arrivano anche i cannibali; detenuti irriducibili che mordono gli agenti, procurando loro sfregi permanenti e, potenzialmente, potrebbero trasmettere malattie.

Non riusciamo più a dare delle punizioni esemplari, tranne che qualche giorno di esclusione dalle attività in comune (ferme restando le conseguenze penali) stando bene attenti che la camera sia ordinaria e che sia dotata di quel minimo comfort che magari fuori quel detenuto non aveva mai avuto.

A volte, leggendo queste tristi notizie, da poliziotto penitenziario, mi vergogno di essere amministrato in questo modo e provo una profonda rabbia contro la politica colpevole di avere abbandonato a se stesso il Corpo di Polizia Penitenziaria. 

 

Detenuto stacca a morsi un dito a Poliziotto Penitenziario a Venezia

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli
Andrea Orlando: il carcere non basta a garantire la sicurezza
Naso fratturato e denti rotti: Poliziotto penitenziario ferito da detenuto a Napoli Poggioreale
Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano
Ripetute proteste nella stessa giornata nel carcere minorile Beccaria di Milano
Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


frank , quindi non sei un appartenente alla pol.pen ? di quello che hai scritto traspare che appartieni ad altro corpo.
baschino azzurrino

Di  Anonimo  (inviato il 05/08/2015 @ 16:44:28)


n. 4


condivido e aggiungo: oggi a distanza di 33 anni effettivi peraltro in altro corpo non rifarei più questa professione e me ne guardo bene dal consigliarlo ai miei figli. tengo duro per alcuni anni ancora.

Di  frank  (inviato il 05/08/2015 @ 12:52:49)


n. 3


condivido pienamente quello scritto da nuvola rossa e Antonio sembrerò retorico ma a tutela del lavoratore una volta c'era il sindacato?? Allora, una volta tanto, tutti quanti insieme iscritti e non iscritti ai sindacati, agenti delle sezioni e non, facciamo sentire la nostra voce!!!
Pasquale Lorè

Di  Lorè Pasquale  (inviato il 03/08/2015 @ 21:22:39)


n. 2


magari ma non vogliono ci metterebbero il bavaglio

Di  fatti piu' in la  (inviato il 03/08/2015 @ 15:07:12)


n. 1


Nuvole Rossa, condivido in pieno i contenuti del tuo intervento. Nel contempo mi faccio una domanda: se la politica e l'amministrazione non si accorge di noi, se costoro fanno finta di non vedere forse noi dovremmo trovare un modo diverso di far sentire la nostra voce. Bene fa il Sappe, che rappresento nella mia realtà lavorativa, a denunciare questi fatti ma penso che ciò non basti più. Opinione pubblica e stampa sono ormai assuefatti. Cosa fare?. Io un'idea l'avrei. Un documento di denuncia sulle condizioni lavorative della Polizia Penitenziaria; basterebbe indicare istituto per istituto i turni di lavoro, gli straordinari espletati, i riposi non fruiti, i giorni di congedo arretrati, gli straordinari non pagati, i servizi di missione non liquidati, l'esposizione al fumo passivo, la fatiscenza dei luoghi di lavoro, la violazione degli accordi sindacali, le continue aggressioni, ecc.. Una volta confezionato tutto, quindi fotografata la situazione della stragrande maggioranza degli istituti, mandare tutto alla corte di giustizia europea. Ci sarà una commissione che come per i detenuti si potrà occupare dei diritti violati dei lavoratori. Bisogna cominciare a puntare in alto. Buone vacanze a tutti Antonio Musardo.

Di  Anonimo  (inviato il 03/08/2015 @ 10:50:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.153.63


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

9 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

4 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

5 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

10 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


  Cerca per Regione