Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Lavorare tra i Cannibali


Polizia Penitenziaria - Lavorare tra i Cannibali

Notizia del 03/08/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3059 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Se il nostro lavoro, tempo fa, nella scala dei lavori più stressanti era classificato al secondo posto, dopo i minatori, un motivo scientifico c’era. Se una volta andavamo in pensione dopo vent’anni di lavoro, c’era alla base un motivo scientifico; questo già l’abbiamo scritto diverse volte. Lo sottoscriviamo nuovamente, così per fare accademia. In un periodo storico, invece, dove regna l’alta finanza, dove le banche dominano e condizionano la nostra vita, dove gli Stati Europei hanno perso la loro sovranità in favore della BCE, ebbene tutti questi studi scientifici non contano niente.

Eppure lavorare all’interno delle carceri con detenuti mafiosi, terroristi, sieropositivi, tossicodipendenti, oligofrenici, pazzi aggressivi, ritardati, extracomunitari dal linguaggio incomprensibile, è stato sempre un inferno. Stare in mezzo ai detenuti in un Reparto è fonte di continua tensione. Cercare di resistere ogni giorno ad infinite pressioni psicologiche, dalla più banale alla più seria (ad esempio un tentativo di corruzione) e reagire cercando di far prevalere la Legge, dimostrando che quell’agente rappresenta comunque lo Stato, è sicuramente fonte di stress, ma questo non importa a nessuno, né ai nostri politici, né pare ai nostri vertici.

Oggi abbiamo scoperto di avere, tra i detenuti, un’altra categoria: i cannibali. Il recente caso di Venezia, dove ad un nostro collega - a cui va tutta la nostra solidarietà -, un detenuto ha staccato una falange del dito, con un morso ci getta nello sconforto in quanto l’episodio è emblematico dello stato di abbandono cui sono lasciati i poliziotti penitenziari, armati solo di pazienza e buon senso, quando prestano servizio in sezione. Guai a parlare di spray al peperoncino o altre diavolerie per difendersi, i ben pensanti, una certa classe politica di una certa sinistra ultra garantista, si opporrebbero con manifestazioni di piazza.

Viaggiamo alla media di un’aggressione al giorno, nelle carceri italiane post Torreggiani, ma questo continua a non scandalizzare i nostri vertici, sempre protesi alla ricerca di nuovi spazi, di ristrutturazioni di celle, ma poco attenti ai problemi del personale di P.P.

Già, i nostri vertici dipartimentali! Gli stessi vertici che inviano continuamente note sul benessere del personale di P.P. dando indicazioni acchè vengano concessi congedi e riposi, ma non prestando minimamente attenzione né scandalizzandosi, se, ad esempio, tutti gli Istituti di una Regione come la Sicilia, da quattro mesi sono senza M.O.S. e i poliziotti penitenziari vanno avanti a forza di arancine e pane "cunzato", andando incontro probabilmente a danni gastrici che si rifletteranno sui servizi a causa delle malattie inevitabili.

Dopo gli OPG chiusi e l’arrivo massiccio dei pazzi nelle carceri, ora arrivano anche i cannibali; detenuti irriducibili che mordono gli agenti, procurando loro sfregi permanenti e, potenzialmente, potrebbero trasmettere malattie.

Non riusciamo più a dare delle punizioni esemplari, tranne che qualche giorno di esclusione dalle attività in comune (ferme restando le conseguenze penali) stando bene attenti che la camera sia ordinaria e che sia dotata di quel minimo comfort che magari fuori quel detenuto non aveva mai avuto.

A volte, leggendo queste tristi notizie, da poliziotto penitenziario, mi vergogno di essere amministrato in questo modo e provo una profonda rabbia contro la politica colpevole di avere abbandonato a se stesso il Corpo di Polizia Penitenziaria. 

 

Detenuto stacca a morsi un dito a Poliziotto Penitenziario a Venezia

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


frank , quindi non sei un appartenente alla pol.pen ? di quello che hai scritto traspare che appartieni ad altro corpo.
baschino azzurrino

Di  Anonimo  (inviato il 05/08/2015 @ 16:44:28)


n. 4


condivido e aggiungo: oggi a distanza di 33 anni effettivi peraltro in altro corpo non rifarei più questa professione e me ne guardo bene dal consigliarlo ai miei figli. tengo duro per alcuni anni ancora.

Di  frank  (inviato il 05/08/2015 @ 12:52:49)


n. 3


condivido pienamente quello scritto da nuvola rossa e Antonio sembrerò retorico ma a tutela del lavoratore una volta c'era il sindacato?? Allora, una volta tanto, tutti quanti insieme iscritti e non iscritti ai sindacati, agenti delle sezioni e non, facciamo sentire la nostra voce!!!
Pasquale Lorè

Di  Lorè Pasquale  (inviato il 03/08/2015 @ 21:22:39)


n. 2


magari ma non vogliono ci metterebbero il bavaglio

Di  fatti piu' in la  (inviato il 03/08/2015 @ 15:07:12)


n. 1


Nuvole Rossa, condivido in pieno i contenuti del tuo intervento. Nel contempo mi faccio una domanda: se la politica e l'amministrazione non si accorge di noi, se costoro fanno finta di non vedere forse noi dovremmo trovare un modo diverso di far sentire la nostra voce. Bene fa il Sappe, che rappresento nella mia realtà lavorativa, a denunciare questi fatti ma penso che ciò non basti più. Opinione pubblica e stampa sono ormai assuefatti. Cosa fare?. Io un'idea l'avrei. Un documento di denuncia sulle condizioni lavorative della Polizia Penitenziaria; basterebbe indicare istituto per istituto i turni di lavoro, gli straordinari espletati, i riposi non fruiti, i giorni di congedo arretrati, gli straordinari non pagati, i servizi di missione non liquidati, l'esposizione al fumo passivo, la fatiscenza dei luoghi di lavoro, la violazione degli accordi sindacali, le continue aggressioni, ecc.. Una volta confezionato tutto, quindi fotografata la situazione della stragrande maggioranza degli istituti, mandare tutto alla corte di giustizia europea. Ci sarà una commissione che come per i detenuti si potrà occupare dei diritti violati dei lavoratori. Bisogna cominciare a puntare in alto. Buone vacanze a tutti Antonio Musardo.

Di  Anonimo  (inviato il 03/08/2015 @ 10:50:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.107.91


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

7 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

8 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

9 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna

10 Il ruolo della Polizia Penitenziaria tra la scommessa delle misure alternative e la banca dati DNA





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Consiglio dei Ministri: Santi consolo NON confermato nel ruolo di Capo DAP?

5 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

6 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

7 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

8 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

9 Evasione da Sollicciano: probabile rimozione Direttore e Comandante, ma il Sappe chiama in causa il DAP e Gennaro Migliore

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione