Ottobre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Ottobre 2017  
  Archivio riviste    
Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio


Polizia Penitenziaria - Le discutibili relazioni tra Dap, Radicali e Associazioni di Volontariato denuciate dal Senatore Di Maggio

Notizia del 18/07/2017

in Attualità

(Letto 3867 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il 28 giugno scorso è stata presentata un’interrogazione parlamentare molto dettagliata che ha denunciato i problemi reali ed attuali del sistema penitenziario italiano, in particolare quei problemi che stanno incidendo non poco sulla sicurezza delle carceri e quindi sul lavoro della Polizia Penitenziaria: celle aperte e sorveglianza dinamica. Celle aperte, sorveglianza dinamica, 41-bis, alta sicurezza, DAP e volontari nelle carceri: interrogazione parlamentare del Senatore Salvatore Tito Di Maggio

Nei giorni successivi, il 12 luglio, l’interrogazione è stata illustrata in una conferenza stampa presso la sala “Caduti di Nassirya” del Senato.

Hanno preso la parola il primo firmatario dell’interrogazione parlamentare, il Senatore Salvatore Tito Di Maggio (fratello dell’indimenticabile Francesco Di Maggio ex Vice Capo DAP), la Senatrice Erika Stefani, anch’essa firmataria dell’interrogazione, la Dr.ssa Emanuela Piantadosi presidente dell’Associazione Vittime del Dovere e il Dr. Donato Capece Segretario Generale del SAPPE. Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

Senza mezzi termini, il Senatore Di Maggio ha parlato di uno “scenario inquietante” che si sta prospettando all’interno e all’esterno delle carceri. Una convergenza di eventi e di coincidenze che sembrerebbero minare alla base l’intero sistema penitenziario ormai, in molti casi, fuori dal controllo della Polizia Penitenziaria.

Di Maggio ha chiesto al Ministro della Giustizia Andrea Orlando la rimozione del Capo DAP Santi Consolo perché totalmente inadeguato al ruolo, se non causa di un vero e proprio sfascio.

Nei giorni immediatamente successivi alla conferenza stampa si sono alzate poche, ma indicative, voci in difesa di Santi Consolo. Le prime provenienti dal partito Radicale e da “Nessuno Tocchi Caino” (per comodità indicato anche in NTC - ndr) che hanno preso le sue difese in un articolo dal titolo “Nessuno tocchi Santi Consolo” pubblicato il 14 luglio su “Il Dubbio” (il quotidiano della Fondazione dell’Avvocatura italiana). I Radicali difendono Santi Consolo: nessuno ce lo tocchi, ha fatto tanto per migliorare le carceri

L’interessamento e l’affetto per Santi Consolo non deve stupire i lettori.

Sono parecchi mesi ormai che è in corso una specie di “luna di miele” tra il Capo DAP e le due organizzazioni che, guarda caso, sono anche direttamente collegate tra di loro. Porte delle carceri sempre aperte per i Radicali ... luna di miele al Dap

Il Segretario di Nessuno Tocchi Caino è Sergio D’Elia, ex terrorista di Prima Linea con 12 anni di carcere già scontati. Insieme a Rita Bernardini è anche membro della direzione del Partito Radicale. L’ultimo Congresso di Nessuno Tocchi Caino si è svolto nel dicembre 2015 presso il carcere di Milano Opera (Direttore Giacinto Siciliano).

In occasione dell’ultimo congresso del Partito Radicale del settembre 2016, poi, Sergio D’Elia ha chiesto al DAP di spostare 44 boss mafiosi dal carcere di Milano Opera al carcere di Roma Rebibbia per poter partecipare ai lavori congressuali in quanto tutti i boss risultavano essere regolarmente iscritti al Partito Radicale. Carceri, i Radicali: “Spostate 44 ergastolani a Rebibbia”. Boss, killer e stragisti invitati al congresso di partito

La richiesta ha sollevato parecchio sdegno e alla fine il Ministro Orlando ha negato il consenso. Carceri, ergastolani a Rebibbia per congresso dei Radicali: dopo articolo del Fatto.it Dap non autorizza trasferimento

In quei giorni però, il Capo DAP Santi Consolo aveva già autorizzato lo spostamento, così come ha rivelato da Il Fatto Quotidiano. Ergastolani a Rebibbia per congresso dei Radicali, capo del Dap disse: “Mai confermato trasferimento”. Il documento lo smentisce

Santi Consolo, allora, invece di ammettere la “svista”, annunciò indagini approfondite per scoprire chi all’interno del DAP avesse fatto uscire quella notizia così riservata. 

Tra gli organi dirigenti di Nessuno Tocchi Caino, oltre a Sergio D’Elia e Rita Bernardini, risultano anche: http://www.nessunotocchicaino.it/chisiamo/organi-dirigenti

Ambrogio Crespi condannato a 12 anni di carcere per una vicenda di scambio politico-mafioso, che è anche autore del film “Spes contra spem” sugli ergastolani del carcere di Opera (il DAP sta autorizzando la proiezione del film in numerose carceri nelle quali si recano delegazioni dei Radicali e di NTC. ‘Spes contra Spem’, Santi Consolo (Dap): “Questo docufilm deve essere proiettato ovunque. Vero messaggio contro la criminalità”

Francesca Mambro ex terrorista neofascita dei Nuclei Armati Rivoluzionari, condannata complessivamente a nove ergastoli, 84 anni e 8 mesi di reclusione;

Carmelo Musumeci condannato all’ergastolo ostativo per reati di mafia;

Sergio Segio ex terrorista di Prima Linea, della quale fu il principale dirigente e "comandante militare".

Tra gli altri organi dirigenti anche altri attivisti, quali avvocati impegnati in campagne di abolizione del 41-bis, e anche Ornella Favero, già appartenente a Lotta Continua, presidente della cooperativa che controlla Ristretti Orizzonti del carcere di Padova e Presidente della Conferenza nazionale volontariato giustizia che ha da poco stipulato un protocollo d’intesa con Gemma Tuccillo attuale Capo del Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità, protocollo volto a facilitare l’ingresso del volontariato nelle carceri.

Accordo Ministero della Giustizia e associazioni di volontariato: più facile per i volontari aiutare i detenuti anche all'esterno

Il Dipartimento giustizia minorile e di comunità apre ai volontari: più facili le procedure di partecipazione

A noi non stupisce la solerzia (spontanea?) del Partito Radicale e di Nessuno Tocchi Caino in difesa di Santi Consolo, che ha da sempre mostrato un’apertura nei confronti delle due organizzazioni.

A noi stupisce l’attuale silenzio del Capo DAP, nonostante il suo operato sia stato pesantemente chiamato in causa dall’interrogazione parlamentare.

A noi stupiscono la moltitudine di vicende e di coincidenze che stanno emergendo e per le quali sarebbe ora che intervenissero autorità terze a verificare a fondo, prima che questo momento emergenziale determini conseguenze ben più gravi per quanto riguarda la sicurezza delle carceri in Italia.

Sia ben chiaro, con questo articolo non vogliamo assolutamente gettare discredito o accusare alcuna delle persone citate, ma abbiamo ritenuto nostro dovere segnalare che da interessi (anche motivati) e dalle migliori intenzioni, si rischia di arrivare a "combinazioni" tali da innescare pericolose ed impreviste conseguenze.

Del resto, abbiamo letto tutti quello che avrebbe dichiarato Giuseppe Graviano quando insinuò che, in passato, la mafia ha cercato di infiltrarsi nel Partito Radicale: Giuseppe Graviano: i mafiosi provarono a strumentalizzare Pannella, ora vorrei iscrivermi. La risposta dei Radicali: può farlo chiunque

 

Nessuno tocchi la Polizia Penitenziaria, Sappe: i Radicali hanno un approccio al carcere casuale, occasionale e soprattutto strabico

 

Celle aperte, sorveglianza dinamica, 41-bis, alta sicurezza, DAP e volontari nelle carceri: interrogazione parlamentare del Senatore Salvatore Tito Di Maggio

 

Santi Consolo totalmente inadeguato al suo ruolo e carceri fuori controllo: conferenza stampa al Senato

 

Radicali a difesa dei detenuti, ma con moderazione ...

 

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Saranno processati due medici intervenuti sulla Poliziotta penitenziaria Angela Valeria Lepore, deceduta in ospedale dopo il ricovero a Bari
Giuseppe Salvatore Riina organizzava festini con cocaina: relazione della Squadra Mobile sul tavolo del Tribunale di Sorveglianza
Droni per consegnare droga e altre merci in carcere: da gennaio bloccati 120 dispositivi nei penitenziari britannici
Così entrano i telefonini e la droga nel carcere minorile di Airola
Carcere di Alba esempio lampante di mala amministrazione: Deputato Rabino critica la risposta di Orlando sulla riapertura del carcere
Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo
Cibo biologico per i detenuti: il TAR Piemonte sospende il bando di gara del DAP
Nuovo carcere di Nola. Aggiudicata la gara di appalto per la realizzazione del penitenziario da 1200 posti


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 8


@6 basterebbe intanto iniziare ad inoltrare la disdetta all'Ente

Di  PASQUINO  (inviato il 20/07/2017 @ 10:36:23)


n. 7


http://www.unimc.it/cittateneo/in-evidenza/glauco-giostra-in-corsa-verso-il-csm

Glauco Giostra sembra infatti essere uno dei papabili in quota Pd (ma di area professionale e non politica) per sedere nel nuovo consiglio.

Questo è uno preso a caso dall'elenco dei "riformatori" delle Commissioni Orlando.

Stranamente solo ed esclusivamente professionisti o pseudo tali presi esclusivamente da un versante.
ma le riforme in un Paese democratico, non dovrebbero essere condivise?

Paese piccolo perché pregno di piccoli uomini

Di  PASQUINO  (inviato il 20/07/2017 @ 10:35:19)


n. 6


per il commento n.5
Si, è vero. Per l’anno 2016 il ministero dell’economia ha stanziato Euro 4.131.383,03 di cui all’art. 1 quater, Legge 30 maggio 2005 n. 89.
Dati rilevati dal bilancio consuntivo 2016 dell’Ente:
https://www.enteassistenza.it/eap-resources/resources/cms/documents/2016_RELAZIONE_COLLEGIO_REVISORI_CONTI.PDF

Di  joe  (inviato il 20/07/2017 @ 09:10:42)


n. 5


A natale non ritirero il pacco natalizio commissionato a cooperative di detenuti poi vorrei sapere quanto ci costa.Domanda e vero ché l'ente riceve finanziamento dello stato per le forze di polizia ? e che questo viene immesso nelle casse dall'ente assistenza dove però attingono anche per il personale civile " unico ente assistenza" ?

Di  Antonio  (inviato il 19/07/2017 @ 21:34:28)


n. 4


ACCORPAMENTO

Di  A  (inviato il 18/07/2017 @ 15:39:20)


n. 3


A Roma-Rebibbia “Fine pane mai”: la prima panetteria che sfonda le mura del carcere.
Inaugurato il 20 aprile nella terza casa circondariale di Roma-Rebibbia il primo punto vendita di pane, pizza e gastronomia sulle mura di un carcere. Ci lavorano 8 detenuti che hanno seguito corsi di panetteria.
È la prima volta in Italia (e forse nel Mondo) che un invalicabile muro di cinta di un carcere viene sfondato per aprire una panetteria dove lavorano i detenuti.
Accade nella terza casa circondariale di Roma Rebibbia, dove ieri (20 aprile) è stata inaugurata, in via Bartolo Longo 82 (proprio tra le mura del carcere) “La Terza bottega: fine pane mai”. Il gioco di parole con “fine pena mai”, usato per indicare l’ergastolo...
In questo caso, chi mette letteralmente le mani in pasta nel forno interno a ridosso delle mura, sono 8 detenuti con regolare contratto di lavoro.
L’iniziativa, del costo complessivo di oltre 2 milioni di euro, è stata finanziata con 800 mila euro della Cassa delle ammende del Dipartimento amministrazione penitenziaria.
Ecco, ora provate ad aprire una piccola impresa artigianale e provate a farvi dare un finanziamento a "babbo morto" dallo Stato.
Il coordinatore del progetto è tale Claudio Piunti, che il carcere lo conosce bene “perché ci ho passato 23 anni”.
Ex appartenente alle Brigate Rosse, condannato a 32 anni, è stato rilasciato per buona condotta.
Insomma, nun c'avemo capito un caxxo, invece di fare questo lavoro dovevamo darci tutti alla clandestinità, in caso di arresto dichiararci prigionieri politici e poi organizzare una cooperativa sociale.

https://www.lanuovariviera.it/category/cronaca/roberto-peci-era-un-militante-delle-brigate-rosse/

Il bello che in alcuni articoli viene definito come uno "mai pentito" coinvolto nell'omicidio dell'Agente di Custodia (un nostro fratello di giubba) Michele Di Muro.
Ecco chi tutela il sistema, solo chi si arma...
W l'italia (volutamente minuscolo)

Di  PASQUINO  (inviato il 18/07/2017 @ 15:34:16)


n. 2


BAR

Di  G  (inviato il 18/07/2017 @ 09:06:11)


n. 1


http://www.sappe.it/file_pubblici/SFAPPE%20PARMA%20e%20SULMONA%20379%202017.pdf

Di  GRAVISSIMO  (inviato il 18/07/2017 @ 09:04:16)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.156.82.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Il fallimento dell''amministrazione penitenziaria che si vuol far pagare alla Polizia Penitenziaria

2 Le grandi manovre per depotenziare la Polizia Penitenziaria: un gioco a somma zero che porterà alla sconfitta di tutti

3 Congedo programmato e malattia

4 Il Messaggero: stanziati fondi per rinnovo contratto polizia, dovrebbero essere circa 100 euro a regime

5 Impedire l’accesso e l’utilizzo dei telefonini in carcere è possibile. Perché il DAP non agisce?

6 Cacciati dalla sede centrale torneranno a lavorare in periferia, ma nel frattempo ...

7 Cari provveditori: la matematica non è un opinione

8 Concorso vice ispettori di Polizia Penitenziaria. Interrogazione parlamentare sui ritardi del DAP

9 La legge è uguale per tutti ma per qualcuno è un po’ più uguale

10 Interpellanza parlamentare M5S: chi sta smantellando il 41-bis e perché?





Tutti gli Articoli
1 Il boss Michele Zagaria simula suicidio durante videoconferenza: ecco il filmato del TG2

2 Arrestati due Poliziotti penitenziari alla Dozza e altri due indagati: detenuti del carcere di Bologna controllati dalla ''ndrangheta e dai casalesi

3 Roberto Spada trasferito nel carcere di Tolmezzo in alta sicurezza: per il DAP è un detenuto ad elevata pericolosità

4 La fidanzata: porti la divisa in modo indegno. Poliziotto penitenziario consegnava telefoni e droga in carcere a Bologna

5 Agente penitenziario arrestato per intralcio alla giustizia e falso nel carcere di Milano San Vittore Francesco Di Cataldo

6 Gravissime affermazioni di Consolo sulla lotta alla mafia: Movimento 5 Stelle contro lo smantellamento di fatto del GOM e del 41-bis

7 E'' morto il mafioso Salvatore Riina

8 Detenuti navigavano su internet con la connessione del Comune: sessanta Agenti di Polizia Penitenziaria hanno setacciato l''istituto di Airola

9 Arrestato Poliziotto penitenziario del carcere minorile del Beccaria: spacciava droga e affittava cellulari ai detenuti

10 Bambino neonato utilizzato durante i colloqui in carcere per consegnare droga e telefonino al padre detenuto


  Cerca per Regione