Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Le Guardie Carcerarie stiano fuori dalla stanza.


Polizia Penitenziaria - Le Guardie Carcerarie stiano fuori dalla stanza.

Notizia del 15/03/2011

in Ma mi faccia il piacere ...

(Letto 4106 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Molti colleghi si sono indignati quando qualcuno da questa pagine criticò aspramente l’idea di inserire nel contesto del calendario della polizia penitenziaria 2011 una serie di attori o protagonisti della televisione, insieme a poliziotti penitenziari, all’apparenza entusiasti dell’immagine che questi volti noti davano all’intero Corpo.

    Personalmente, fui molto aspro con tale scelta e non me ne pento. L’idea di inserire gente famosa in un contesto del quale nemmeno sanno come si chiamano i protagonisti del calendario, alla fine mi ha dato ragione.
    Nel mese di marzo, troviamo la signora Franca Leosini, una bella signora di 58 anni, giornalista, che di solito si diverte ad intervistare i criminali, che i nostri dirigenti a furor di popolo hanno voluto che prestasse la propria immagine per il calendario , ma che, leggo su Panorama del 24/2/2011 (cara assassina io non ti giudico ma tu confessati, a firma di Alessandro Milan), intervista i criminali (la Leosini) seduta ad 1 metro da loro e, per creare la giusta empatia ESIGE CHE LE GUARDIE CARCERARIE STIANO FUORI DALLA STANZA.
   Ora, i difensori del calendario potranno obiettare che l’autore dell’articolo non è lei e pertanto nulla possiamo imputare alla giornalista di Storie Maledette, ma è pur vero che ogni bravo giornalista, prima di mandare in stampa il proprio pezzo, credo lo faccia leggere all’intervistata, proprio per evitare che escano delle incongruenze dall’articolo; certo se l’ha fatto, allora è molto grave che la Leosini non sappia nemmeno come si chiamano gli uomini in divisa che la ospitano dentro i penitenziari; se il giornalista non gliel’ha fatto leggere prima, resta il rammarico di come a distanza di venti anni dalla riforma si continui ancora a chiamare guardie carcerarie i poliziotti penitenziari e di come fa girare le palle leggere che la Leosini esige che….. A casa sua forse potrà esigere ma non credo proprio che all’interno di un penitenziario la stessa possa esigere alcunchè!
 
 
Nuvola Rossa
 

Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Mafiosi convertiti all''islam durante la permanenza in carcere: il caso del boss che vuole convertire anche il figlio
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La protesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 11


PER cAMBIARE IL CORPO bISOGNA DARE PIU POTERI AI COMANDANTI CHE ABBIANO TANTA ESPERIENZA E NON AI DIRETTORI.

Di  dINO  (inviato il 08/04/2011 @ 15:46:25)


n. 10


Mi chiamo Nicola, hp prestato servizio nella P.P. per 22 anni a Como, ne hoh sentite di tutti i colori, i vari sindacati Il SA.P.P.E. IN PRIMIS ne ha fatte di lotte contro una Nazione rimsta indietro di 10 anni, Anche alcuni nostri Dirigenti del Ministero, sbagliano ancora, i giornalisti sono LAUREATI " come" con i prosciutti o comprate?
ne sentiremo ancora delle belle.
ciao a tutti i polizziotti Italiano e Europei.

Di  Nicola  (inviato il 31/03/2011 @ 17:20:51)


n. 9


faccio parte del glorioso corpo da 25 anni e ne vado fiero e con la stessa fierezza del mio AMICO e collega GIUSEPPE MONTALTO morto per mano vigliacca ,per tanto o guardia carceraria o poliziotto o "secondino" la signora giornalista sappia che gli eroi portano una divisa l'onore el'onesta,compatisco la signora e ne colgo accenni da schibacchino mai stati eroi .

Di  alessandro  (inviato il 20/03/2011 @ 05:11:45)


n. 8


ANCORA SI CREDE ALLE FAVOLE,ABBIAMO COMANDANTI ATTORI VICE COMANDANTI CAGNOLINI ISPETTORI CHE DOVREBBERO ANDATRE IN PENZIONE ASSISTENTI CAPO CON 25/30ANNI DI SERVIZIO DIVENTATI BRIGADIERI CHE PRESO IL GRADO SONO DIVENTATI GENERALI SI DICEVA CHE CON LE NUOVE LEVE UFFICIALI E SOTTOUFFICIALI DOVEVAMO CAMBIARE ME SE C'E SEMPRE IL SOLITO MARCIUME (LI ADDESTRANO ALL'ANTICA) COME POSSIAMO FARCI VALERE FUORI..........

Di  ER CACIARA  (inviato il 18/03/2011 @ 17:11:36)


n. 7


Proprio per l'immagine che ha prestato ad un calendario che dovrebbe rappresentare un intero Corpo, la signora leosini avrebbe dovuto leggersi prima l'intervista e dare l'ok. In questo caso non sappiamo se l'abbia letta bbia dato l'ok allora questo è grave. Se non l'ha letta avrebbe dovuto scrivere due righe al capo del DAP scusandosi dell'uso improprio del termine guardie carcerarie. Siccome non ha fatto nè l'una nè l'altra cosa, confermo il mio giudizio negativo sulla signora supponente .

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 18/03/2011 @ 16:51:17)


n. 6


se il collega si fosse rifiutato di uscire dalla stanza,e mandato a monte questa intervista,sarebbe stato tutelato dai nuovi comandanti,
" dirigenti",ho sarebbe stato passibile di qualche sanzione disciplinare?,vista l'alta preparazione su carta,e la scarsissima eperienza D'istituto?.
Siamo tutelati da nessono.

Di  marcello  (inviato il 18/03/2011 @ 14:41:39)


n. 5


Caro amico Anonimo,
pur rispettando la tua opinione, permettici di non condividerla affatto.
Innanzitutto, la grande professionalità, la preparazione e il rispetto del nostro lavoro si dimostra con i fatti e, sicuramente, l’articolo di Panorama citato da post di Nuvola Rossa non depone certamente a favore della Leosini.
Circa il “pontificare con aria di evidente superiorità...”, permetterci altrettanto di affermare che questa è semplicemente una tua impressione, peraltro destituita di ogni fondamento.
Come abbiamo avuto modo di spiegare tante e tante volte, questo è il blog della Rivista Polizia Penitenziaria S.G.&S. che (piaccia o non piaccia) è l’organo di informazione ufficiale del Sappe.
Ovviamente, in quanto organo ufficiale di informazione, esprime opinioni oltre a raccontare i fatti. E questa é la stessa cosa che si fa in questo blog: raccontare i fatti ed esprimere le opinioni!
E questo nell’assoluto rispetto di una delle regole fondamentali del giornalismo: separare i fatti dalle opinioni.
Questo noi facciamo e crediamo di farlo abbastanza bene, comunque in assoluta buona fede.
Per questo rispettiamo anche la tua opinione, anche se non la condividiamo affatto.
Del resto la cosa positiva di internet, come tutti i mezzi di informazione liberi, è che ognuno può esprimere facoltativamente la propria opinione e tutti gli altri possono scegliere se leggerla o non leggerla.
Bisogna meditare, invece, sui mezzi di informazione del Dap che non sono politici e non appartengono a nessuno, men che menoa chi li gestisce. E per questo devono (ripetiamo DEVONO!) far solo informazione senza esprimere alcuna opinione.
Ed invece così non è.

Di  Redazione  (inviato il 18/03/2011 @ 11:26:17)


n. 4


Ho conosciuto la Signora Leosini in occasione di un'intervista ad un detenuto. E' indubbiamente una giornalista di grande professionalità e preparazione e molto rispettosa del nostro lavoro. Le critiche che le sono state rivolte sono davvero superficiali e basate, oltretutto, su uno scritto non suo.
Mi sembra che su questo sito l'unica cosa che siete capaci di fare è di "pontificare" con un aria di evidente superiorità che non penso sia condivisa dalla maggior parte dei colleghi.
Saluti

Di  Anonimo  (inviato il 18/03/2011 @ 08:53:42)


n. 3


Infatti, a carico della giornalista cui parlasi, di commenti ce ne sarebbero tantiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, però mi limito semplicemente a dire che farebbe meglio a seguire, qualora previsti, dei corsi di aggiornamento al fine di migliorare le sue capacità professionali ed evitare, in futuro, errori simili che, a mio parere, sono sempre più frequenti nelle giovani leve del giornalismo.

Di  Michele De Marco  (inviato il 17/03/2011 @ 15:26:52)


n. 2


Caro Nuvola Rossa , hai perfettamente ragione in quello che dici , però Io personalmente penso che la Signora Leosini si debba vergognare della sua causale ma sua INCULTURA .
Una giornalista del suo calibro , non può ignorare certe cose , dovrebbe essere il TOP .
Ma daltronte parecchi giornalisti non sono altro che semplici SCRIBBACCHINI , diversamente , dovrebbero dimostrare sul campo di battaglia il loro valore , e ti posso assicurare che io di SIGNORONI della penna , ne conosco parecchi , e una parte è proprio non all'altezza del lavoro svolto .
Attenta Signora Leosini che la non informazione rinnovata è inizio di troppa cultura da Lei mantenuta , in pura e sola COTTURA .!!!
Mi auguro che per la Signora non sia un inizio per scuocersi del tutto .
Saluti
Enrico

Di  Anonimo  (inviato il 17/03/2011 @ 13:23:45)


n. 1


Questo la dice lunga sull'utilità e sull'efficiacia dell'ufficio stampa e pubbliche relazioni del Dap....
Ma del resto che cosa gli può inportare ad una ex educatrice di come ci chiamano i giornalisti ?

Di  Guardiacarcere  (inviato il 17/03/2011 @ 12:41:05)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.166.0


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione