Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Le indagini del NIC della Polizia Penitenziaria intercettano le comunicazioni dei boss con l'esterno


Polizia Penitenziaria - Le indagini del NIC della Polizia Penitenziaria intercettano le comunicazioni dei boss con l'esterno

Notizia del 27/12/2013

in Accadde al penitenziario

(Letto 4586 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Ancora una volta i colloqui in carcere effettuati tra detenuti appartenenti alla criminalità organizzata e i loro familiari, ritornano ad essere per i boss reclusi l’occasione per ricevere ed inviare messaggi all’esterno dell’ambiente penitenziario.

SETOLA Giuseppe, sottoposto dal 2009 alle restrizioni del regime detentivo speciale ex art. 41bis Ord. Pen., e capo indiscusso della frangia stragista del clan “dei Casalesi” – fazione Bidognetti, avrebbe continuato, attraverso la propria consorte, a ricevere e trasmettere indicazioni da e per l’esterno del carcere.

Le investigazioni compiute dagli uomini del N.I.C., principalmente poste in essere per mezzo delle attività tecniche di intercettazione ambientale eseguite nel penitenziario di Milano Opera, dove risulta detenuto SETOLA, hanno permesso di acclarare come sua moglie MARTINELLI Stefania, di fatto continuava a percepire dal gruppo camorristico il c.d. “stipendio”. 

La decodificazione dei messaggi intercettati durante i colloqui e l’analisi degli elementi riscontrati, hanno ancora una volta fatto emergere il prezioso contributo che la Polizia Penitenziaria fornisce quotidianamente anche alla lotta alla criminalità organizzata. Tema quest’ultimo che ha assunto importanza primaria, alla luce anche dell’introduzione nel nostro sistema normativo dell’art. 391 bis c.p., fattispecie delittuosa che punisce, alla pena della reclusione fino a quattro anni, colui che consente ad un detenuto sottoposto al “carcere duro”, di comunicare eludendo le restrizioni imposte.

In tale contesto, l’accusa mossa nei confronti della moglie del boss SETOLA, aggravata peraltro dal metodo mafioso e dall’aver commesso il fatto avvalendosi anche della figlia minore di età, rappresenta una delle prime applicazioni della norma, in un ambito in cui la Polizia Penitenziaria è di fatto direttamente coinvolta, essendo in prima linea nella gestione dei detenuti sottoposti al 41 bis e nei rapporti che ne conseguono con l’Autorità Giudiziaria. 

Tematiche queste che meritano considerazioni più attente ed incisive da parte dei vertici della Polizia Penitenziaria, tenuto conto che emerge sempre di più una pericolosità e un “fermento criminale” dei reclusi affiliati alle organizzazioni, dinamiche mafiose che si manifestano all’interno delle carceri e che i Poliziotti penitenziari sono chiamati a fronteggiare.

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.176.30


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

10 C’era una volta la sentinella





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

9 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione