Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Le lunghe ombre di Torino: il malessere della Polizia Penitenziaria continua ...


Polizia Penitenziaria - Le lunghe ombre di Torino: il malessere della Polizia Penitenziaria continua ...

Notizia del 17/02/2014

in Lettera alla Redazione

(Letto 3201 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Riceviamo e pubblichiamo questa lettera-appello che dimostra come il malessere di migliaia di Polizotti penitenziari non si cancella con un numero verde o un discorsetto qua e là di qualche Dirigente. I molti problemi legati ad un lavoro stressante, pericoloso e nemmeno valorizzato dai propri vertici, produce una miscela molto pericolosa.

 

Ricordate il caso del omicidio-suicidio nel carcere di Torino? Ancora adesso ci si interroga su cosa avesse spinto il povero collega a un simile gesto estremo!!

Eppure da qualche tempo,in molti stiamo provando quella sensazione di frustrazione,rabbia, impotenza, continue imposizioni e minacce velate . E quello che accade a un gruppo di uomini addetti al servizio delle traduzioni.Il nostro compito e' quello di scortare detenuti in Tribunali,ospedali, spesso detenuti con gravi problemi di salute o peggio autolesionisti a tutte le ore dl giorno e della notte!! Come dicevo un pugno di uomini, e come si fa a garantire tutto questo ? Semplice, rinunciamo ad avere dei turni programmati, rinunciamo ad avere impegni quotidiani, sottraendo tempo alle nostre famiglie ai nostri figli.

Tutto questo fino ad oggi è stato fatto con molti sacrifici, con orgoglio e spirito di Corpo. Ma tutto ha un limite, non ci si aspetta certo delle ricompense, ma soprattutto non ci si aspettano delle umiliazioni, trattati con sufficienza dai superiori che sarebbero coloro che ti dovrebbero tutelare,consigliare collaborare.

Nello specifico, il personale viene inviato in "trasferta" in tutto il territorio nazionale, e' previsto da una legge dello stato che al personale inviato in trasferta venga anticipata una somma per i pasti e per eventuali pernotti, invece, a causa della ben nota spending review, improvvisamente sembra che al personale non spetti più nulla o quasi, addirittura in occasione di lunghe trasferte, il personale deve anticipare dalle proprie tasche soldi necessari per la consumazione dei pasti, quindi oltre al danno anche la beffa, perché anziché restituire quanto anticipato, bisogna attendere la chiusura dei fogli di viaggio, precisando che la direzione di Vercelli non paga le missioni dal mese di Ottobre 2013.

Ma è veramente così? No, diciamo noi, c'è sicuramente una interpretazione troppo restrittiva da parte del nostro dirigente. Cosi più volte tentiamo un dialogo che puntualmente diventa un monologo del capo!! Così iniziano i malumori,qualche tentativo di protesta risolte nel nulla.

Da questo momento in poi, i superiori iniziano una dimostrazione di forza, restrizioni di servizio,controllo assiduo dei servizi espletati, pronti subito a cercare la minima lacuna sul servizio come pretesto per fare tagli sulle indennità.Oppure aspettare il minimo errore per sanzionare disciplinarmente il personale o addirittura creando delle vere e proprie trappole per indurre in errore, mentre quando è il personale a relazionare un detenuto per minacce subite, non viene neppure ammonito.

Provate a immaginare delle persone sottoposte continuamente a lavorare in condizioni di disaggio già solo per il tipo di lavoro, a questo aggiungete umiliazioni, stress e vessazioni.

A questo punto la misura e colma!! E ancora così difficile immaginare perché a volte delle persone equilibrate possano commettere gesti estremi?

Lettera firmata.

 

E' morto in ospedale il Poliziotto omicida-suicida del carcere di Torino

 

Omicidio-suicidio Torino, Sappe: Capo DAP inadeguato, serve un comandante del Corpo

 

Omicidio-suicidio Torino: all'origine un equivoco su rapporto disciplinare

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Ma in tutto questo i SINDACATI dove sono? Forse sì ricordano di vercelli solo ad ottobre? Il sindacato deve tutelarti in questi momenti sé non ti tutela in queste problematiche che ci sta a fare? Che vergogna!!!!! Fatemi sapere Che iniziativa prenderà il V.stro. sindacato........ sé devo pagare la tessera e non essere tutelato, Allora toglietela risparmiate sicuramente!!!! In bocca al lupo!!! Siamo tutti con voi!!!!

Di  luigi  (inviato il 19/02/2014 @ 08:20:20)


n. 9


Certo che nessuno viene al nucleo, se al nucleo lasciate gli scarti dei servizi e tu sai bene a cui mi riferisco, poi se permetti nella mia realtà lavorativa, sono 20 anni senza esagerare che ci sono le stesse persone al nucleo, e di avvicendamento non si parla proprio, anche se previsto dal regolamento, le famose rotazioni dei posti di servizio, ma questo succede anche all'interno. Aggiungo che anche noi all'interno portiamo la divisa con orgoglio, ne più, ne meno di voi. Il mio intento credimi, non è quello di offendere nessuno di voi, ma di criticare si, sono anni che i colleghi che conosco del nucleo si lamentano di questo e di quello, ma ci fosse qualcuno che chieda di rientrare all'interno.Quindi il mio (essere dignitosi) era inteso in questo verso, se io sto sempre a lamentarmi cambio mansione tutto qui, e se nessuno la fa, vuol dire che anche se state male come dite, accettate quanto vi succede. pur di non rientrare. Tutto qui.

Di  mario64  (inviato il 18/02/2014 @ 19:46:18)


n. 8


Gentile Mario64...non conosco la tua realtà di servizio, quindi mi permetto di criticare o giudicare nessuno. Sono lieto che persone come te non facciano parte dei nuclei operativi. Lungi da me l'offesa nei tuoi riguardi, ma di commenti come i tuoi ne ho sentiti tanti negli anni passati. La realtà oggi e quella che i colleghi " dell'interno" si rifiutano di fare servizio al N.O. Piuttosto mandano malattia !!! Quindi niente lauti guadagni, niente bei servizi !!! Un motivo ci sarà se preferiscono lavorare all'interno !!!!
Non ci crederai...esistono colleghi che ancora credono nel nostro corpo, difendono la nostra immagine e portano la nostra divisa con orgoglio fuori dalle mura del carcere. Ma se per Te e tutti quelli che commentano il nostro lavoro come te.....abbiamo perso non la battaglia ma la guerra!!!!!

Di  Osti sei  (inviato il 18/02/2014 @ 19:26:03)


n. 7


Risposta al post. 3.
Non faccio parte del N.T.P. e ad onor del vero nemmeno vorrei farne parte, il servizio programmato di Domenica nel Lazio dove presto servizio solo Rebibbia e il Coeli che io sappia fanno le traduzioni di Domenica, e se permetti la Domenica sono programmate eccome, ma dai. Rifiuto di ordine e interruzione di pubblico servizio, stai esagerando, conosciamo tutti il modo di evitare certi servizi, dove faccio servizio io, i tuoi colleghi del Nucleo, quando devono fare il rientro in Istituto RIGOROSAMENTE ai passeggi, a Natale e Pasqua, conoscono il metodo per non farsi denunciare. La verità è che finche state li, subite di tutto e di più, l'importante è non entrare in Istituto, chi è causa del suo mal pianga se stesso. Per finire chiudo dicendoti, che io le sentenze le sparo a ragion veduta, perché io vedo tutti i giorni, almeno smettetela di lamentarvi in pubblico, siate dignitosi.

Di  mario64  (inviato il 18/02/2014 @ 18:22:28)


n. 6


condivido. il trucchetto delle amm. pubbliche ormai senza più soldi e che non vogliono distrubare i dirigenti al dap che non vogliono rompere le scatole al ministro che non vuole essere troppo rompiscatole davanti alla BCE è quello di essere costretti a cercare e trovare gli eroi che, putacaso, si trovano sempre.
poi si stufano e si lamentano. e l'amm. ne trova altri.
rifletteteci, è come il privato. la manodopera al ribasso è sempre reperibile in quanto troveranno sempre qualcuno più povero o bisognoso (o semplicemente desideroso di lavorare e di gratificazioni) di te.
si chiama: concorrenza sleale ed abbassamento dei diritti sindacali di tutti.
occorre costringere i nostri dirigenti a chiedere i soldi. certo, rifiutare un servizio per 50 euro/mese è strumentale, farlo per 150, può essere verosimile ed essenziale.

Di  Antonio  (inviato il 18/02/2014 @ 14:54:01)


n. 5


Lo scandalo è che quando partono Ministro, Capo DAP ed affini, l'anticipo per i colleghi c'è sempre.
Ovvio che l'anticipo ai colleghi non lo danno cereto questi Signori, che come se dice a Roma c'hanno le saccocce a "chiocciola" cucite sotto l'ascelle...
Anzi, pare che questionino pure circa la regolarità di elargizione dei buoni pasto, non sia mai arrivano tardi, dato che guadagnano poco

Di  PASQUINO  (inviato il 18/02/2014 @ 14:08:35)


n. 4


Solita, penosa, oramai non più sopportabile guerra tra poveri e, ..... poveri noi che simo delle pecore destinate al macello. Facciamo pena .... altro che sindacati ..... chi ha orecchie intenda.
Divide et Impera

Di  Divide et Impera  (inviato il 18/02/2014 @ 13:54:10)


n. 3


Immagino che non facciate servizio al nucleo traduzioni!! Queste situazioni capitano anche quando il servizio non è programmato, quindi anche di domenica, quando gli uffici ragioneria sono chiusi. Quindi sei costretto ad anticipare!! Ma lo scandalo e non non te li restituiscono il gg dopo!!.
In ogni caso, il fatto di non avere anticipo di missione, non ti mette al riparo di una denuncia per rifiuto di ordine e interruzione di pubblico servizio!! Riflettere prima di sparare sentenze.

Di  Ostisie  (inviato il 18/02/2014 @ 12:12:37)


n. 2


....bravi i colleghi che levano il pane alle proprie famiglie per anticipare le spese!!!siete degli eroi!!!!grazie anche a questi eroici gesti le cose non cambieranno mai!!!!niente soldi....niente traduzione!!!!!siccome i vostri superiori sanno che a turno non ci volete andare pagate e statevi muti!!!!

Di  Anonimo  (inviato il 18/02/2014 @ 08:47:26)


n. 1


Io se mi permettete con tutto il rispetto do la colpa a chi si presta a lavorare in simili condizioni, se le disposizioni dicono che c'è bisogno dell'anticipo, non si scappa che anticipo sia, altrimenti non si parte. Ma purtroppo, molti di voi, (quasi tutti)e lasciatemelo dire, perché lo vedo tutti i giorni, sono causa del proprio male, pur di non tornare al S.A.T. fate tripli e quadrupli servizi, fino allo sfinimento, encomiabili si, ma non avete capito che cosi fate solo l'interesse della nostra dell'Amministrazione matrigna. Partite sotto scorta, e quanto di peggio vi fanno fare, S V E G L I A T E V I imparate a dire di no. Poi solo una precisazione, a me risulta che i colleghi coinvolti negli avvenimenti di Torino (Omicidio-Suicidio) facevano parte del servizio a turno. Noi almeno montiamo alle 8 e finiamo alle 16, vero e che siamo all'interno, ma almeno abbiamo la certezza di andare via alle 16, a parte episodi di tanto in tanto. Riflettete gente, riflettete.

Di  Mario64  (inviato il 17/02/2014 @ 19:07:12)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.142.219


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

8 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

9 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni

10 Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa


  Cerca per Regione