Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Le ultime parole famose di Tamburino & Pagano


Polizia Penitenziaria - Le ultime parole famose di Tamburino & Pagano

Notizia del 08/12/2014

in Il Commento

(Letto 2848 volte)

Scritto da: Il Realista

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Finalmente si è concluso l’ultimo ciclo di un’era di profonda confusione e mancanza di progettualità nell’amministrazione penitenziaria.

Il Medioevo dell'amministrazione penitenziaria, secondo noi, è iniziato con l’arrivo di Giancarlo Caselli nel 1999 a Capo del DAP, un nome troppo illustre e troppo in vista per perder tempo a prendere quelle decisioni necessarie ad incidere veramente sul DAP.

Caselli avrebbe dovuto attuare l’ultima parte della riforma iniziata nel 1975 e portata a compimento nel 1990 con l’istituzione del Corpo di Polizia Penitenziaria. Giancarlo Caselli è durato un anno circa, poi ci sono stati cinque anni di Giovanni Tinebra, un anno e mezzo di Ettore Ferrara, quattro anni di Franco Ionta e gli ultimi due di Giovanni Tamburino.

Ad onor del vero, nella realtà dei fatti,  i giochi li hanno fatti  Vice Capi  e  Dirigenti del Dap, perchè sono loro che hanno sempre esercitato materialmente il potere reale.

Alcuni sopra tutti: Emilio Di Somma, Luigia Mariotti Culla ed Enrico Ragosa, che nel frattempo sono andati in pensione e usciti di scena quasi definitivamente, a parte tutti quei “figli e figliocci” messi nei “posti giusti” in tutti questi anni e che sono ancora lì.

Da non sottovalutare, nemmeno, l'nfluenza di dirigenti di seconda fascia collocati in alcuni posti strategici da anni ed anni (qualcuno più di venti) e che hanno il potere materiale di orientare le decisioni dipartimentali e che gestiscono, di fatto, un "orticello" di amministrazione penitenziaria.

Ci auguriamo che il vento di rinnovamento che sta arrivando con Santi Consolo e Mauro Palma, si porti via anche tutti questi dirigentini o, almeno, tutti quelli che sono allo stesso posto da più di cinque anni.

Purtroppo, a noi sembra che alla fine di questi decenni, sono rimaste solo le macerie di un’amministrazione penitenziaria che dopo Nicolò Amato non ha avuto più chiaro cosa dovesse fare e dove dovesse andare (per dirla alla Totò).

Prima del Sig. Torreggiani e del Consiglio d’Europa, solo la mafia e qualche politico avevano compreso davvero l’importanza del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

Tutti gli altri hanno preferito ignorarla o sono rimasti indifferenti alla totale disorganizzazione di un Dipartimento da cinquantamila dipendenti e oltre centomila anime da gestire, tra detenuti in carcere e alle misure alternative.

Il peggio però sembra passato. Ormai i riflettori si sono accesi anche nelle carceri e non crediamo si potrà rimanere così passivi e inermi e tirare a campare come ha fatto un’intera generazione di Dirigenti. Ormai non ci si potrà più nascondere facendo finta di niente.

Godiamoci quindi "Le ultime parole famose" di Tamburino&Pagano, rilasciate dopo la nomina di Santi Consolo che dimostrano, loro malgrado (ma lo capiranno solo fra un po’) che sono stati gli ultimi “poco lungimiranti” amministratori del DAP.

 

Ex Capo DAP Tamburino: sovraffollamento risolto, ho inaugurato sei carceri

 

Luigi Pagano: offriamo a Santi Consolo il contributo di un’’amministrazione sana e vitale

 

Forse è arrivata l’ora che Tamburino e Pagano comincino a pensare ad una “exit strategy”

 

Il fallimento del DAP: una colpa che non è ascrivibile ai soli Tamburino e Pagano

 

 

 


Scritto da: Il Realista
(Leggi tutti gli articoli di Il Realista)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità
Fino a 6 mesi di carcere e 1000 euro di multa per chi sporca edifici e mezzi di trasporto, sia pubblici che privati


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Oramai solo una miserabile pensione è il solo traguardo da raggiungere in salute, del resto non ci aspettiamo piu niente chi viene viene non cambierà nulla un saluto a tutti

Di  Anonimo  (inviato il 12/12/2014 @ 09:42:23)


n. 1


Ma perche qualcuno è convinto che cambi qualcosa? cosa dobbiamo aspettarci , dopo i fatti di Roma, dove la politica è riuscita per fino a corrompere la mafia.
Ma cosa vogliamo aspettarci di bello, ormai tra queste macerie non è rimasto piu' nulla, la Polizia Penitenziaria demotivata e ormai rassegnata, aspetta soltanto che un miracolo faccia qualcosa.
Non so se qualcuno si è reso conto, non c'è piu' nulla, solo corruzione e uno scenario da vomito.
La politica, ormai da considerare piu' pericolosa della mafia, sta distruggendo tutto. Questo paese andrebbe commissariato, e i politici rinchiusi in galera.
Buone feste a tutti

Di  Poliziotto Penitenziario  (inviato il 08/12/2014 @ 17:38:13)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.203.188


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

7 Diventa anche tu Capo del DAP!

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

10 C’era una volta la sentinella





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

5 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

6 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

9 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione