Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Le verminose camarille


Polizia Penitenziaria - Le verminose camarille

Notizia del 17/08/2017

in Accadde al penitenziario

(Letto 1320 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


     Durante il fascismo, un autorevole personaggio siciliano scrisse a Mussolini che per stroncare questo formidabile centro di infezione (la Mafia) bisognava spezzare “le losche combriccole e le verminose camarille”.

     Una camarilla è un gruppo di persone che esercita un’ influenza su esponenti politici e che la usa per scopi di vantaggio personale. Per molti aspetti si tratta di un concetto assimilabile a quello di una lobby, sebbene se ne distingua per la prevalenza di un fattore comune più prettamente politico, che lega fra loro gli aderenti, anziché economico.

     Il termine deriva dalla lingua spagnola, in cui indica una piccola camera ed è  usato sia nell'accezione di piccolo parlamento sia per indicare il vano adibito a studiolo di un re (in questo senso, a indicarne la frequentazione) ma io direi anche di un Ministro, o di un Capo di Dipartimento.

     Questo termine si diffuse in Italia per riferirsi ai molti interessati ad orientare le sorti del Regno delle Due Sicilie.

     Tuttora viene usato per indicare supposti informali raggruppamenti di occulta influenza politica. In effetti come definire quei gruppetti politici che sul piano del consenso politico su scala nazionale contano ben poco non riuscendo nemmeno ad entrare in Parlamento, e quelle associazioni il cui scopo è quello di garantire chi si è reso autore di efferati reati?

    Quei gruppuscoli politici che hanno libero accesso alle stanze dei Dipartimenti, vietati ai comuni mortali e che riescono a farsi temere, e pertanto ad agire indisturbati in lungo e in largo per il Paese, con il ricatto delle denunce a destra e a manca, o con il timore della  presentazione di interrogazioni parlamentari.

    Ma il paradosso dei componenti di queste “verminose camarille” è che dovrebbero prendersela in prima battuta con i pezzi grossi dei Ministeri o dei Dipartimenti che aprono loro le segrete stanze, ne ascoltano i perfidi consigli, accettano le loro assurde proposte.

    Invece come il cane che si morde la coda, le “verminose camarille” dopo le loro ispezioni protestano contro gli stessi vertici che li autorizzano ad ispezionare e di contro i vertici    che ricevono queste persone nei salotti buoni, chiedono spiegazioni di talune inefficienze  a chi è stato abbandonato dalla politica, e da un’Amministrazione che appare sempre più smarrita e priva di identità.

    A buon intenditore poche parole.

 

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti con gastroenterite nella scuola di Cairo Montenotte: le analisi hanno appurato che era influenza
Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi
Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo
Record di sequestri di telefonini nelle carceri italiane. Aumento del 58 per cento nel 2017
Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione
Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà
Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi
Agenti intossicati a Cairo Montenotte: prime analisi confermano batteri nel filtro della cucina della scuola


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Caro collega Rosario condivido il tuo commento, qualcuno non è d'accordo ma fa niente l'importante è condividere il pensiero di ognuno di noi , anche se c'è chi risente di queste visite e mi consiglia di prendere l'antibiotico e cortisone , con ogni probabilità dissente sulle visite negli istituti , e comunque io sono propenso che le visite negli istituti sono un bene purché si parli anche delle condizioni di lavoro della polizia penitenziaria magari attraverso una interrogazione parlamentare cosa che sarebbe giusta e dovuta.
Caro signor Angelo stia tranquillo che quando serve l'antibiotico il cortisone dietro prescrizione medica stia pur certo che ne farò buon uso per curarmi , sono una persona educata e semplice che lavora in miniera ininterrottamente da 33 anni , non mi preoccupo delle visite estive ne tanto meno di quelle natalizie e pasquali anzi che vengano tutti i giorni specialmente nel turno serale dove un solo assistente capo e di sorveglianza generale

Di  Cremona  (inviato il 21/08/2017 @ 13:09:20)


n. 9


Sono d’accordo con il commento 8, che le visite i parlamentari e quant’altri le facessero tutto l’anno, non solo il 15 agosto e non riferite solo alle rilevanze per le condizioni di vita detentiva dei detenuti. Ma che considerassero anche le condizioni lavorative del Personale di Polizia Penitenziaria che tutt’ora opera con stressanti carichi di lavoro negli Istituti, per causa della cronicità e permanente mancanza di organico.
Cordialmente Crispino da Napoli

Di  Rosario  (inviato il 21/08/2017 @ 09:38:59)


n. 8


Le visite negli istituti sono previste da leggi e regolamenti , anzi sarebbe bene avennissero con più frequenza e non solo dal partito radicale ma da parte di tutte le istituzioni.
Non c'è nulla di male nelle visite da parte di istituzioni e mondo politico.



Di  Anonimo  (inviato il 20/08/2017 @ 11:18:31)


n. 7


FORSE SAREBBE MEGLIO CHE ANCHE TU TI FARESTI QUALCHE ANTIBIOTICO CON UN POCHINO DI CORTISONE CARO ANONIMO, VEDO CHE SAI CRITICARE TUTTI MA FORSE SAREBBE MEGLIO CHE TU GUARDERESTI UN PO ALLO SPECCHIO. COSÌ PRIMA DI SCRIVERE " Cazzate" riflettesse un po' di più.
Comunque. Complimenti nuvola rossa sei un grande.

Di  Angelo  (inviato il 19/08/2017 @ 22:24:47)


n. 6


Di sicuro le visite del 15 qualcosa servono , certo le visite del15 agosto sono come lantibiotico ci vorrà tempo ma l'effetto lo si nota visto che qualcuno si sente in cura antibiotica

Di  Anonimo  (inviato il 19/08/2017 @ 18:17:51)


n. 5


"Una camarilla è un gruppo di persone che esercita un’ influenza su esponenti politici e che la usa per scopi di vantaggio personale". Un pò come hanno fatto i commissari con il riallineamento, che hanno fatto tutte le pressioni possibili con taluni parlamentari "amici" per ottenerlo fregandosene della truppa e della polizia penitenziaria nel suo insieme...

Di  Generale Robert Lee  (inviato il 19/08/2017 @ 14:35:45)


n. 4


Per fortuna l'estate sta finendo e con essa anche il caldo afoso , tra breve saremo nella stagione delle piogge e si ripresentano i problemi delle infiltrazioni d'acqua .
Poi arriviamo all'inverno e si ripensata il problema del riscaldamento tutti al freddo all'umidità.
Passato l'inverno arriverà la nuova primavera poi l'estate e così via , ma alla fine i problemi rimangono senpre che sia autunno inverno primavera estate nulla cambia , ogni anno si ripresentano con un più peggio .
Se le cose non funzionano sarà colpa di Alfredo come una canzone del buon Vasco Rossi

Di  Anonimo  (inviato il 17/08/2017 @ 23:18:29)


n. 3


Dopo le parole esternate nei telegiornali nazionali della RAI in data 15 08 2017 da parte dell'ex parlamentare Rita BERNARDINI, i detenuti hanno iniziato la loro protesta pacifica per solidarietà mettendo in atto confusione nelle sezioni detentivi dei penitenziari creando non poco disagio al personale di custodia nonché pericolo per l'ordine, la sicurezza e la disciplina all'interno delle sezioni detentive. Allora mi dico è possibile accettare tutto questo a discapito del personale di Polizia Penitenziaria ivi in servizio, perché il Ministro e il governo non prende serissimi provvedimenti nei confronti della BERNARDINI di quanto allarmismo ha generato per le sue affermazioni nei telegiornali nazionali.
Cordiali Saluti Crispino da Napoli

Di  Rosario  (inviato il 17/08/2017 @ 20:45:43)


n. 2


Infatti. Se le periferie non funzionano la colpa è solo dei vertici o della politica. Capito caro anonimo che te la prendi con il Direttore o con il Comandante di turno???? Tutti bravi a fare i Don Abbondio, forte con i deboli e deboli o accondiscendenti con i forti!!!!!

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 17/08/2017 @ 16:38:36)


n. 1


Tutti a piangersi sopra. Le visite del 15 hanno colpito qualcuno della periferia . Immagino.

Di  Anonimo  (inviato il 17/08/2017 @ 09:43:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.91.16.95


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

8 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb

10 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova


  Cerca per Regione