Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Lettera ad Enrico Mentana sul caso Cucchi: quando sarà ascoltata anche la Polizia Penitenziaria?


Polizia Penitenziaria - Lettera ad Enrico Mentana sul caso Cucchi: quando sarà ascoltata anche la Polizia Penitenziaria?

Notizia del 30/07/2012

in Orgoglio della Polizia Penitenziaria

(Letto 3283 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Dott. Mentana,

Ieri sera ho seguito la Sua intervista a Ilaria Cucchi e subito dopo ho visto il film cronaca sul caso diStefano Cucchi. Le scrivo innanzitutto per complimentarmi con Lei per come ha condotto l’intervista, nella totale imparzialità e nel rispetto del processo che attualmente si sta celebrando per stabilire le responsabilità di quanto accaduto al povero Cucchi.

Da appartenente al Corpo della Polizia Penitenziaria da quasi ventisei anni, mi sono sentito a disagio e amareggiato nel sentire certe affermazioni di alcuni intervistati, questo perchè nei miei tanti anni di lodevole servizio, mai e poi mai ho assistito a maltrattamenti ai danni di detenuti da parte dei miei colleghi e personalmente ho sempre svolto il mio servizio nella correttezza, fedeltà e consapevolezza, delle persone detenute che abbiamo in custodia.

Non ritengo comunque giusto, anzi lo ritengo fuori luogo, che ogni qualvolta si tratti di parlare di carcere se ne debba parlare nella maniera piu’ negativa e dispregiativa, mancando conseguentemente di rispetto alle migliaia di persone che giornalmente lavorano nel mondo penitenziario, a partire dai poliziotti penitenziari, medici, educatori e tante altre figure che per il loro ruolo svolgono un lavoro difficile e faticoso, soprattutto non riconosciuto, neppure da chi ha il dovere di farlo.

Si sa che quanto c’è da sputare fango su determinate figure c’è sempre qualcuno che ne approfitta, queste persone sono sempre le stesse, quelle che per il carcere e per i detenuti non si sono mai preoccupati, ma che sanno perfettamente che ogni giorno i sindacati della Polizia Penitenziaria denunciano a gran voce il sovraffollamento e la invivibilità delle carceri italiane, una situazione drammatica per detenuti ma anche per tutto il personale penitenziario.

Mi ha colpito invece piu’ di ogni altra cosa quanto detto dal padre di Stefano Cucchi, forse uno dei pochi intervistati che ha saputo distinguere i singoli da tutto il resto. Nella sua intervista guardandolo mi sono convinto che quest’uomo cerca soltanto di capire cosa sia potuto succedere a suo figlio, lo fa in una maniera umile consapevole di come era caratterialmente suo figlio, nessuna affermazione fuori luogo verso le istituzioni, ma solo l’invito a chi ha visto di dire solo la verità. Un padre che chiede di sapere la verità di cosa sia accaduto a suo figlio merita solo rispetto, ed io che sono padre lo capisco perfettamente, spero che al piu’ presto gli sia data una risposta nella maniera piu’ chiara e trasparente. Ecco qualcuno dovrebbe prendere esempio da quest’uomo, la persona piu’ colpita nell’animo che vuole sapere soltanto chi sono quelli che hanno sbagliato, anche il singolo, quelli che non hanno ottemperato ai loro doveri istituzionali e che a causa loro hanno trascinato un intero sistema, un Corpo composta da oltre quarantamila uomini e donne del Corpo della Polizia Penitenziaria e tutte le altre figure che ruotano intorno al sistema penitenziario.Gli altri intervistati invece presentano nel modo di esprimersi il chiaro intento di far capire che è tutto il sistema a funzionare in questa maniera, tutto l’apparato statale delle forze dell’ordine e la magistratura che copre queste cose, un immagine distorta e contorta che è inaccettabile .e che non fa parte di questo Paese.

Lei che è un bravo giornalista, sa benissimo che non è esattamente così, Lei sa benissimo quanti detenuti giornalmente vengono salvati dai poliziotti penitenziari, come sa altrettanto bene quante aggressioni ai poliziotti si registrano giornalmente negli Istituti di pena della nazione. Nessun intervistato ha speso una parola verso gli operatori delle forze dell’ordine che operano giornalmente con alto senso del dovere nella difesa dei cittadini, questa la dice lunga sulle persone intervistate e le loro considerazioni verso le istituzioni democratiche, non si puo’ accettare tutto questo, da appartenente alla Polizia Penitenziaria vorrei la stessa verità che cercano i famigliari di Stefano, se qualche mio collega ha sbagliato ciò non significa che per questo tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine sono uguali, ed il messaggio che è passato ieri sera è proprio questo.

Se proprio devo esprime una mia modesta opinione credo che il caso Cucchi debba far riflettere tante persone, fare scarica barile nel nostro Paese è un mal costume che conosciamo molto bene, personalmente posso dirle che nella mia carriera non ho mai alzato una mano verso un detenuto, so che cio’ puo’ accadere, ma non solo nelle carceri.

Ilaria Cucchi durante l’intervista ha dichiarato che non si puo’ parlare dei Carabinieri sennò si rischia una querela, come vede Dott. Mentana, nonostante gli affondi e affermazioni gravi della Cucchi in varie interviste verso l’istituzione carceraria e la magistratura, non c’è stata alcuna querela, forse questo nel rispetto e nella comprensione del suo stato d’animo, ma cio’ non puo’ essere una cosa che durerà a lungo, anche per il rispetto delle istituzioni e dei suoi rappresentanti, per cui credo sia giunta l’ora che i vertici del Corpo di Polizia Penitenziaria e tutte le altre istituzioni chiamate in causa in maniera equivoca facciano i loro passi. Ieri sera Ilaria Cucchi ha detto la sua, gli intervistati hanno detto la loro, ma ad oggi ancora non abbiamo sentito la versione di tutti i coinvolti in questa vicenda, mi auguro che un giorno, dopo le sentenze della magistratura, sia consentito anche a queste persone di avere la parola, non dico in un film documentario o in un programma di prima serata, ma in un programma dove siano invitate tutte le persone interessate a questa vicenda.

Colgo l’occasione per dirle che Lei è un giornalista di cui ho avuto la massima considerazione per la Sua correttezza e professionalità di giornalista, per questo motivo La seguo sempre. La ringrazio della Sua cortese attenzione.

Cordiali Saluti
Cagliari, lì 24 Luglio 2012
 
Paolo Spano - Assistente Capo di Polizia Penitenziaria

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Bravo Spano, complimenti !!!!!

Di  borbonico  (inviato il 04/08/2012 @ 19:33:54)


n. 5


Condivido il tuo intervento lucido ed acuto, ma' una cosa mi ha deluso il "nostro" capo-diartimento nel film come tu hai visto alla domanda " se ci sono violenze nel carcere" ha risposto di si ,alludendo che nella maggior parte dei carceri c' e' ancora violenza , a sto punto questa e' la goccia che fa' traboccare il vaso anche un capodipartimento ci lascia soli in pasto ai leoni , solo a pensarci mi vengono i brividi .Pero' rimaniamo uniti e cacciamoli fuori dalle...... Mi avete capito

Di  Marcoarianese  (inviato il 31/07/2012 @ 17:05:20)


n. 4


Carissimi colleghi,
un grazie innanzitutto a tutti Voi per aver condiviso il contenuto della lettera che ho trasmesso al Dott. Mentana.
Cara Rea-Silvia, faccio parte della famiglia del S.A.P.Pe dal primo giorno della sua nascita e sono passati da allora piu' di ventidue anni.
Sono V. Segretario Provinciale si puo' dire da sempre, non credo che ci sia bisogno di me nei ruoli apicali del sindacato, come sai il SAPPe e i suoi segretari generali sull'immagine del Corpo ogni giorno intervengono sui mass media e sulla carta stampata in modo efficace e incisivo.
Quello che tutti noi facciamo per l'immagine del nostro Corpo, lo facciamo nella consapevolezza che solo così possiamo essere fieri del nostro ruolo e della divisa che orgogliosamente indossiamo.
Il vostri coomenti positivi ci danno maggiormente la spinta a continuare in questa direzione.
Grazie a tutti Voi.
Paolo Spano

Di  Paolo  (inviato il 30/07/2012 @ 17:36:39)


n. 3


Condivido il commento di Silvia e Gianvito continua cosi' Paolo Spano ce ne vorrebbero tanti altri come te nella polizia penitenziaria!

Di  Anna  (inviato il 30/07/2012 @ 16:59:48)


n. 2


Caro Spano è da tempo che seguo le tue lettere, mi stupisce la precisione e l'incisività del contenuto da cui capisco la tua profesionalità e il buon senso non comune.
Ci sarebbe bisogno di te nei ruoli apicali del sindacato, ci sono le condizioni?

Di  Rea-Silvia  (inviato il 30/07/2012 @ 13:35:14)


n. 1


PURTROPPO CHI CI COMANDA NON INDOSSA LA NOSTRA DIVISA
" ANZI LA DIVISA" QUINDI SE NE FREGANO DI COME VENIAMO TRATTATI E GIUDICATI ( QUOTIDIANI,TG NAZIONALI,LOCALI E PROGRAMMI TELEVISIVI IN PRIMA, SECONDA E TERZA SERATA)
GRAZIE SPANO.
Gian Vito

Di  GIAN VITO  (inviato il 30/07/2012 @ 12:44:43)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.23.50.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione