Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Lettera al Direttore


Polizia Penitenziaria - Lettera al Direttore

Notizia del 16/12/2009

in Lettere

(Letto 1912 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Gentile De Blasis, vorrei porre alcune domande in merito al nostro lavoro di Agenti di Polizia Penitenziaria e ti chiedo di rispondermi con la massima trasparenza e celerità.

Innanzi tutto mi presento sono l’Ass.te Scalabrella Vinicio e presto servizio presso la Casa di Reclusione di Orvieto (TR) e di recente mi sono dimesso dalla carica di Vice Segretario Provinciale dell’OSAPP e mi sono tesserato con voi, nella convinzione che un Sindacato come il vostro, il primo sul territorio nazionale, ha bisogno di più iscritti possibili per avere maggior forza.

Vengo subito al punto, parlo di me e dei colleghi su tutto il territorio Nazionale che sono nella mia stessa situazione.

1) Nella C.R di Orvieto siamo dieci agenti in meno tra cui nove sono a servizio a turno, uno sta in ufficio.

Quelli che sono rimasti raggiungono un minimo di 41 ore ed un massimo di 54 ore di straordinario mensile. Non è nostra scelta fare tutte queste ore di straordinario ma è la conseguenza della mancanza di personale che abbiamo. Oltretutto alla fine dell’anno ci tolgono bei soldini dalla busta paga con il conguaglio fiscale (ma almeno ce le pagassero tutte come la prima, invece se la prima ora è pagata 10 euro anche la 54ma ora dovrebbe essere pagata a 10 euro e non 5 euro come avviene, altrimenti che convenienza c’è? E il nostro sacrificio a cosa è valso?).

2) Ma la ferita che ci fa più male è quella della legge Brunetta, la legge per i cosiddetti fannulloni (Volponi) che troveranno sempre delle scappatoie e cosi facendo saremo sempre noi a lavorare. Infatti a marzo noi che abbiamo lavorato tutto l’anno instancabilmente ci ritroviamo a pagare conguagli esagerati, con due, tre, o quattro rate che ci vengono tolte dallo stipendio.

Invece, quello che durante l’arco dell’anno ha fatto il furbo mandando la malattia, incassa con l’incentivo arrivando a prendere quasi quanto noi poveri lavoratori che abbiamo sgobbato tutto l’anno con sacrificio e spirito di Corpo (perché io a questi valori ancora ci credo).

La differenza tra queste (due) categorie è minima considerando che loro, stando a casa non hanno neanche l’usura della macchina e il consumo del carburante.

Ma la cosa secondo me più importante è che stanno vicini ai i propri figli e alle proprie mogli. La seconda categoria è quella che se lo prende nel ...., ci rimette il carburante e il resto che ti ho elencato prima. Ti dico questo perché sto vivendo quest’esperienza qui ad Orvieto.

Premetto che ho una bambina anche io di cinque anni ma è nata con un problema (labiopalatoschisi, bilaterale) per il quale usufruisco della legge 104 prendo i tre giorni mensili che mi spettano anche se non mi servono, perchè te lo dico con il cuore in mano e senza vergogna voglio rimanerle vicino. Della legge 151 usufruisco di un mese l’anno perchè non sono uno che se n’approfitta per farsi l’estate fuori.

Ho aperto questa parentesi per farti capire che chi ha voglia di lavorare deve essere pagato equamente e non ricevere solo le briciole. Questo dovete dire a chi comanda se no il personale rimane a casa.

3) Ho detto tutto questo perché io e qualche altro povero agente disgraziato, che lavoriamo tutto l’anno come forsennati, con il rischio di qualche disturbo, lo facciamo perché dobbiamo pagare il mutuo di casa e altre cose, senza mandare mai la malattia e non vorremmo vedere questi che si pavoneggiano e ci prendono in giro vantandosi di aver preso quasi quanto noi d’incentivo.

4) Ma questi Ministri sanno che noi poveri agenti di Polizia Penitenziaria operiamo con gente malata (tossici, malati di AIDS, epatite, scabbia e via discorrendo)? Questi Ministri hanno capito che la Polizia Penitenziaria è al collasso, è sotto stress per i turni massacranti e non ce la fa più a mantenere questo ritmo?

VOGLIAMO DARGLI UN SEGNALE FORTE.

Al momento, a mio parere, siete l’unico Sindacato che tenta perlomeno di tutelarci e farci star bene nelle ore di servizio. Ti chiedo, se possibile, di pubblicare questa lettera sulla vostra Rivista, magari anche in un’altra forma o in forma ridotta, perchè ho cercato di esprimere quello che pensano gli agenti. Ti Ringrazio del tempo prezioso che mi hai dedicato, colgo l’occasione per porgerti distinti saluti.

Vinicio Scalabrella



Caro Vinicio, innanzitutto voglio ringraziarti per la belle parole che hai indirizzato al Sappe e per la stima che hai espresso per questa Rivista che è il suo organo ufficiale di informazione. Mi lusinga il fatto che hai voluto affidare alle nostre pagine questo tuo grido d’allarme che ritieni (e lo condivido) possa rappresentare il pensiero della stragrande maggioranza dei colleghi di tutta Italia.

Mi chiedi risposte trasparenti e veloci. In realtà la tua lettera contiene molte più risposte che domande. A mio avviso, poni un’unica sola domanda (che poi è più corretto definire richiesta): Quale puo’ essere un sistema efficace per allargare la forbice restributiva tra chi lavora (che deve essere maggiormente gratificato) e chi è assenteista (che deve essere disincentivato)?

Preliminarmente, vorrei rassicurarti sul fatto che siamo consapevoli del problema legato al conguaglio fiscale che aumenta in misura spropositata per coloro che effettuano (sono costretti) parecchie ore di straordinario e del conseguente effetto collaterale che causa il paradossso per il quale fino ad un tot numero di ore la retribuzione è di 10 euro, mentre superata una soglia x (per effetto appunto del conguaglio fiscale) la retribuzione scende fino a 5 euro. L’unica soluzione a questa aberrazione fiscale è la completa detassazione degli straordinari, ed è questa la strada che stiamo cercando di percorrere. Per quanto riguarda, invece, la vexata quaestio degli incentivi, come puoi constatare dal nuovo accordo sul FESI per l’anno 2009 stiamo cercando di percorrere proprio la strada dell’allargamento della forbice tra chi lavora e chi no, attraverso una retribuzione sempre più legata alla effettiva presenza in servizio.

Per il resto delle tue affermazioni, infine, non posso che ribadire la piena condivisione dei concetti che hai inteso esprimere.

Un abbraccio.

G.B. de Blasis


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 7


Grazie, caro Giuseppe.
Oltre a ricambiare, di cuore, gli auguri di buon anno ti auguro di raggiungere al più presto i tuoi cari in quel di Napoli.
Ti assicuro tutta la nostra disponibilità a sostenere la vostra causa.
Un abbraccio.

Di  GB de Blasis  (inviato il 30/12/2009 @ 11:31:24)


n. 6


GENTILISSIMO DE BLASIS, SONO L'ASS.TE C. DEL GAUDIO GIUSEPPE, E PRESTO SERVIZIO A REBIBBIA NC. IN PRIMIS TI FACCIO IO MIEI PIU SINCERI AUGURI, SONO ANNI CHE COLLABORO CON VINCENZO DE FELICE CHE TU DI SICURO CONOSCERAI. TI RUBO UN MINUTO, SOLO VOI SAPPE CI POTETE AIUTARE, IL GIORNO 19/09/09 TUTT I SINDACATI RICEVONO DAL DAP COMPRESI VOI, IL PIANO ASSEGNAZIONI DEI CORSI USCENTI CON RELATIVI INCREMENTI DI SEDE,CHE VENGONO ESPOSTI IN TUTTE LE BACHECHE D'ITALIA PER PRESA VISONE AL PERSONALE, E SI DARA CORSO A 751 TRASFERIMENTI COME DA PIANO ASSEGNAZIONI IN TUTTA ITALIA, DI CUI 20 A NAPOLI POGGIOREALE, IO SONO IN GRADUATORIA 11°, IO COME GLI ALTRI 19 CHIAMO ALL'UFFICIO TRASFERIMENTI, PER CONFERMA, IL QUALE CI ASSICURA CHE 20 UNITA SARANNO INCREMENTATE A NAPOLI COME DA PIANO ASSEGNAZIONE, QUINDI NEL MESE DI GENNAIO SAREMO ANDATI TUTTI E 20 A CASA, A FINE NOVEMBRE CIRCOLAVANO VOCI CHE A NAPOLI VI ERANO MOLTI DISTACCATI E FORSE NON MANDAVANO PIU LE UNITA STABILITE, IL GIORNO 21/12/09 ESCE UN NUOVO PIANO ASSEGNAZIONI IL TUTTO SENZA CONVOCARE I SINDACATI, E NAPOLI E PROPIO CANCELLATA DA QUESTO NUOVO PIANO, MA CI RENDIAMO CONTO CHE SONO CIRCA 19 ANNI IO COME TANTI CHE ASPETTIAMO DI ANDARE A CASA ABBIAMO MOGLI FIGLI, E CI TOLGONO IL TRASFERIMENTO DA SOTTO AL NASO, PRIMA CI AVVISANO IN TUTTA ITALIA POI, ABBIAMO SCHERZATO?????????? NOI CONOSCIAMO LA NOSTRA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE E CERCHIAMO DI SVOLGERE IL NOSTRO LAVORO CON TUTTA LA PROFESSIONALITA' POSSIBILE, E I NOSTRI DIRITTI??? POI NOI SIAMO STRESSATI ??? CI SONO COLLEGHI DA CUNEO MILANO, CHE ADDIRITTURA HANNO GIA' FITTATO CASA GIU,LE PROPIE MOGLI HANNO CHIESTO IL TRASFERIMENTO DEL POSTO DI LAVORO, MA E POSSIBILE CHE CI HANNO ILLUSI PER 3 MESI???? SOLO VOI CHE PORTATE LA DIVISA COME NOI CI POTETE AIUTARE A NON PORTARE AVANTI QUESTO VERO E PROPIO ABUSO, SOLO VOI CI POTETE TUTELARE, ADDIRITTURA SU QUEL PIANO ASSEGNAZIONI CI HANNO FATTO FARE PURE LE REVOCHE SCADENZA 10/12/09 !!!!!!!! MI SPIEGO UN COLLEGA DI SEDE A MILANO E TRA I PRIMI A ROMA E NAPOLI CHE FA' REVOCA ROMA PERCHE E DI NAPOLI, ADESSO SI TROVA FUORI SIA A ROMA CHE A NAPOLI ????, E RIMASTO A MILANO, VOI CAPITE LA BEFFA??????????? ALLA FINE CI HANNO DETTO GLI UFFICI COMPETENTI CHE SE SI OPPONGONO I SINDACATI IL TUTTO NON SI FA, E RIMANE IN VIGORE IL PIANO ASSEGNZIONI DEL 18/09/09 PROT.0337025, QUINDI SAREMO TRASFERITI A CASA.SPERO CI POSSIATE AIUTARE, GRAZIE CARISSIMO DE BLASIS, E SPERIAMO CHE IL NUOVO ANNO CI PORTI DAVVERO QUALCHE BUONA NOTIZIA. AUGURONI A TE E TUTTO IL TUO STAFF, E NATURALMENTE A TUTTI I COLLEGHI. ASSISTENTE CAPO. DEL GAUDIO GIUSEPPE.

Di  GIUSEPPE  (inviato il 30/12/2009 @ 07:32:45)


n. 5


Grazie Giovanni , una voce in piu' per la Polizia Penitenziaria .
Armando .

Di  ARMANDO  (inviato il 19/12/2009 @ 20:30:32)


n. 4


Bene Signori,
questo si che è fare sindacato.
Puntare alla meritocrazia in modo da poter riconoscere gratificazioni e diritti a tutti i colleghi.
Mi associo ai quesiti posti dal collega di Orvieto e ringrazio De Blasis per la linea di pensiero espressa in risposta.
Complimenti per il blog.

Di  Antonio  (inviato il 16/12/2009 @ 23:49:56)


n. 3


Complimenti per il blog dara' ancora piu' voce a chi crede nella grande O.S. piu' rappresentativa del corpo ....

Di  Armando  (inviato il 16/12/2009 @ 22:01:17)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.48.3


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

4 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

5 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

6 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

7 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione