Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
LETTERA APERTA al Provveditore Quattrone, defunto il 22 luglio 2010.


Polizia Penitenziaria - LETTERA APERTA al Provveditore Quattrone, defunto il 22 luglio 2010.

Notizia del 26/07/2010

in PrimoPiano

(Letto 4579 volte)

Scritto da: Adolini

 Stampa questo articolo


 

Egregio Provveditore,
 
 
Sono trascorsi alcuni giorni dalla Sua tragica scomparsa.
Mi ci è voluto fino ad oggi per riprendermi dalla sconvolgente ed inaspettata notizia che Ella non è più tra di noi.
In primo luogo vorrei dedicare le prime parole che riesco ad esprimere, con non poca difficoltà, ai Suoi Cari, perché pur non avendo avuto il piacere di conoscerLi, ho dentro di me la certezza e la consapevolezza dell’enorme dolore che stanno vivendo per il gran vuoto che Lei ha lasciato nelle loro esistenze; mi sento vicino a Loro nella condivisione e nell’accettazione della disgrazia che li ha così profondamente colpiti.
Io e Lei abbiamo avuto dei trascorsi molto tumultuosi, caratterizzati da comprensioni e anche tante incomprensioni, momenti costruttivi ed altri meno costruttivi, dialoghi pacati e altri molto meno pacati, divergenze e convergenze; insomma abbiamo in fondo condiviso nella vita professionale il perfetto equilibrio dettato dall’inesorabile ed indispensabile “gioco delle parti”.
Ma la sincera e profonda stima che nutro nei Suoi confronti, dovuta al riscontro oggettivo della Sua indiscussa Professionalità, preparazione, serietà ed umanità, mi fanno sentire autorizzato ad eccepire (ho eccepito tante volte le Sue decisioni) la Sua ultima scelta: sono furibondo, perché lei poteva scegliere di vivere e ha deciso invece di non vivere!
Poche ore dopo aver ricevuto la notizia della Sua morte e delle circostanze che l’hanno determinata, ho provato rabbia e frustrazione e ho subito deciso di non perdonarLa per aver scelto la morte piuttosto che la vita.
Oggi, a distanza di pochi giorni, comunque molto pochi per farmene una ragione, ho deciso di scriverLe che La perdono. La perdono perché Lei ha dimostrato ancora una volta di essere forte e, mi lasci passare la battuta, di voler avere ragione a tutti i costi. Dio solo sa quanto avrei voluto provare a fargli cambiare idea, come qualche volta sono riuscito a fare.
A nessuno è concesso di poter giudicare il prossimo e le scelte degli altri, per quel tipo di giudizio, Noi Cristiani (quelli veri e non i falsi bigotti che viaggiano con l’Osservatore Romano sotto il braccio), sappiamo che esiste la Giustizia Divina e sarà solo essa a giudicare Lei, me ed il Resto del mondo.
Ho deciso di perdonarLa perchè sconosco i motivi del Suo gesto e darei molto di quello che ho per conoscerli, ma sono certo che non essendo Lei una persona superficiale, di sicuro ne avrà avuti di buoni e di validi; forse avrà accettato molto male o non avrà proprio accettato il fatto che quello Stato che Lei ha sempre servito in maniera integerrima e con obbedienza assoluta, abbia avuto così scarsa considerazione di Lei.
Se ha pensato questo, credo proprio, stavolta, di doverLe dare ragione, ma al tempo stesso voglio dirLe che lo Stato è fatto di tante persone e che la maggior parte di esse erano e sono tuttora pronte a giurare che Lei è un autentico, irreprensibile e degnissimo Servitore dello Stato.
Lei mal sopporterà la presunzione di questa mia lettera, anzi, vedo già la Sua faccia “incazzata e seriosa” con la quale la leggerà, ma tanto una litigata in più o una in meno, non cambierà i Nostri rapporti.
Dopo averLa fatta arrabbiare un’ultima volta, faccio appello a quell’umanità e generosità che in tantissime occasioni, anche molto tristi, le ho visto mettere in campo, per chiederLe perdono io, stavolta, per la sfacciataggine che ho di testimoniarLe, a nome di una Regione Intera, la nostra, (tranne forse 4 o 5 persone … inezie rispetto al totale. sic!) eterna riconoscenza e gratitudine, per ciò che ci ha insegnato e per l’indelebile impronta che Lei ha lasciato nei Suoi anni di permanenza nella verde Umbria.
Forse non avrei dovuto essere io a dirLe grazie pubblicamente, ma in assenza di altri e più qualificati a farlo, mi prendo volentieri l’onere  e l’onore di questa incombenza.
Con affetto e stima  sinceri, da parte mia e di tutto il personale dell’Amministrazione Penitenziaria umbra!!!.
 
 
Orvieto, addì 26/Luglio/2010
 
                                                                                          Fabrizio Bonino
                                                                      Segretario Regionale SAPPe per l’Umbria

Scritto da: Adolini
(Leggi tutti gli articoli di Adolini)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Uno degli accusati dell''omicidio di Emanuele Morganti era stato arrestato la sera prima con più di 1000 dosi di droga ma subito rilasciato
Sequestrati telefoni e coltelli nel carcere di Cassino: operazione di Carabinieri e Polizia Penitenziaria
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.251.237


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino: chi non vuole i vice questori della Polizia Penitenziaria?





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione