Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
L’idea di carcere del Pres. Tamburino. Dicotomia tra teoria e pratica e tra realtà e immaginazione


Polizia Penitenziaria - L’idea di carcere del Pres. Tamburino. Dicotomia tra teoria e pratica e tra realtà e immaginazione

Notizia del 26/07/2012

in Il Pulpito

(Letto 2343 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Noi del Sappe l’avevamo detto prima ancora che arrivasse a Largo Daga: il Pres. Tamburino non è adatto a fare il Capo dell’Amministrazione Penitenziaria. Si era appena sparsa la voce di un suo probabile incarico e noi replicammo con un comunicato stampa che invitava l’Esecutivo a non decretare la nomina.

(Leggi AVVICENDAMENTO AL DAP. SAPPE: TAMBURINO NON È VOLTO NUOVO. SERVE ALTRO MAGISTRATO)

Conoscevamo Tamburino come uomo di cultura, con le caratteristiche, però, di uno studioso del diritto nel suo aspetto filosofico troppo lontano, a nostro parere, dal pragmatismo, dalla intraprendenza e dalla risolutezza che sono le principali qualità che dovrebbe avere un buon Capo Dipartimento.

Puntuali, come le tasse e la morte, ci ritroviamo oggi, qui, a pronunciare il solito, scontato “Noi l’avevamo detto!”

Bella soddisfazione ... 

Soddisfazione vanificata e sopraffatta dalle notizie che giungono quotidianamente dagli istituti penitenziari; notizie che, ormai, hanno sempre più le caratteristiche di un vero e proprio bollettino di guerra. Suicidi di detenuti - una cinquantina dall’inizio dell’anno -, suicidi di colleghi – sette dall’inizio dell’anno - tentati suicidi, autolesionismi e aggressioni, aggressioni e ancora aggressioni... 

I dati sui suicidi, in particolare, sono di quelli da far tremare le vene ai polsi: negli ultimi dieci anni un centinaio di agenti penitenziari e un migliaio di detenuti. Qualcuno smentisca che si tratta quasi di un bollettino di guerra! E poi le aggressioni. In un contesto di estremo buonismo, fondato su ipotetici patti di responsabilità con i detenuti, il personale nelle carceri continua ad essere oggetto di aggressioni in un clima surriscaldato, quasi da girone dantesco. 

Mentre, infatti, da una parte c’è un capo del Dap che continua a teorizzare improbabili prese di coscienza da parte di una popolazione detenuta ristretta in condizioni di assoluta invivibilità, dall’altra parte c’è la triste ed amara realtà delle sezioni detentive dove un micidiale cocktail di sovraffollamento, afa e promiscuità genera attriti e tensioni che finiscono per sfociare in atti di auto ed etero lesionismo. 

In questi ultimi giorni tre episodi mi hanno colpito in particolar modo, sia per la loro gravità sia, soprattutto, per il fatto che avrebbero (dovuto) potuto essere evitati. 

Il primo, il più grave per gli effetti provocati, è stata l’aggressione di un assistente capo a Spoleto che ha riportato numerose fratture al volto e una prognosi di settantacinque giorni salvo complicazioni. Per la dinamica dell’aggressione, il collega, se non fossero intervenuti altri in suo aiuto, avrebbe potuto anche perdere la vita

La seconda, altrettanto grave per le implicazioni, è stato il tentativo di aggressione con lametta da parte di un detenuto di Pisa affetto da Hiv. Quest’ultima è particolarmente allarmante perché si tratta di un detenuto che, appena dieci giorni prima, si era reso protagonista di una analoga aggressione al personale, ferendo 3 agenti ed un medico i quali, oltre alle cure del caso, per ragioni di profilassi hanno dovuto anche sottoporsi a lunghe terapie antivirali per scongiurare il rischio di contagio. 

La terza, ultima per conseguenze ma ugualmente allarmante, è l’aggressione subita da una collega nel carcere di Sassari, di estrema violenza e in una condizione di assoluta inferiorità (l’agente era da sola in mezzo a decine di detenute). Ebbene la collega è stata salvata dalle altre detenute che sono intervenute in suo aiuto contenendo ed immobilizzando l’aggreditrice. 

Questa è la differenza tra il carcere immaginario del Pres. Tamburino ed il carcere reale esistente in Italia. Il Pres. Tamburino immagina (o spera) che le carceri italiane siano tutte come Rieti, come Trento o come la nuova sezione di Avellino. 

Il Pres. Tamburino non immagina (o non sa) che esistono altri duecento penitenziari dove la realtà è molto lontana dalle sue fantasie; dove ci sono brande fino a cinque livelli, dove ci sono anche dodici detenuti nella stessa cella, dove qualche volta si dorme sui materassi in terra, dove si soffre, dove si muore e dove si è ristretti e si lavora in condizioni da terzo mondo. E’ lì che un Capo del Dap dovrebbe (deve) intervenire ... altro che sorveglianza dinamica!  

Il Capo del Dap, poi, ci dovrebbe spiegare come possono accadere episodi come quello di Spoleto e che cosa bisogna fare per evitare che si ripetano. 

Il Capo del Dap ci deve spiegare come può essere successo che un detenuto autore del ferimento di quattro agenti possa aver ripetuto lo stesso gesto con le stesse modalità all’interno dello stesso carcere

Il Capo del Dap ci deve spiegare come è possibile che chi dovrebbe garantire l’ordine e la sicurezza degli istituti penitenziari, alla fine, si trova ad essere soccorso dagli stessi detenuti.

L’amministrazione penitenziaria non può essere governata in dicotomia tra teoria e pratica, tra realtà ed immaginazione. Dal Pres. Tamburino, filosofia o non filosofia, pretendiamo che certi episodi non accadano più; dal Pres. Tamburino pretendiamo interventi in favore dell’incolumità e della sicurezza del personale

Se non vuole farlo o se non ne è capace, pretendiamo, allora, che se ne vada immediatamente e lasci il passo a chi può e vuole tutelare chi rappresenta lo Stato mettendolo nelle condizioni di lavorare con serenità, tranquillità e senza temere per la propria incolumità fisica e psicologica.

 


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 4


La domanda è: ma quali sono i criteri con i quali vengono scelte le persone per un incarico del genere? Perchè x incarichi anche infimi si deve fare un concorso, e per un mega incarico del genere vale l'intuitus personae, vale a dire che sostanzialmente un ministro improvvisato (id. tecnico) si fa consigliare da qualcuno che gli spiffera qualche nome tra i più in vista ed ammanicati. In America nomine così passano allo screening del Senato. Da noi manco un colloquio.
Un elemtare dovere di trasparenza: ma il nome di Tamburino chi lo ha fatto al Ministro? Ilo Divino Otelma?

Quindi non è il nome, il problema, ma il sistema.
E poi, ma sta scritto in qualche pagina del Vangelo che debbano essere solo i magistrati nei posti chiave del DAP? Con quale esperienza nel campo dirigenziale (a meno che non si voglia considerare esperienza quella di soggetti come Piscitello, che a furia di saltare da una poltrona all'altra si sono fatti un curriculum)... ?
Quindi, non è che serva un altro magistrato. Serve proprio un diverso criterio di nomina e un diverso bacino da cui scegliere il candidato adatto.

Di  Barbara M.  (inviato il 28/07/2012 @ 21:18:52)


n. 3


be una marcia unitaria verso il dap no? se scaviamo piu' a fondo sai la robaccia che esce vedi ultimi episodi di qualche ex appartenente,dovrebbero far luce su anni di sperpero ai danni di chi sta in periferia,i colleghi che fanno i scendiletto si dovrebbero vergognare a non avere un po' di dignità

Di  antonio  (inviato il 26/07/2012 @ 09:34:15)


n. 2


Caro Mario,
fosse solo questo non ci sarebbero problemi considerato che - per legge - l'indennità acquisita come Capo di un Corpo di Polizia dello Stato rimane per sempre, anche dopo aver lasciato l'incarico e anche in pensione.
Il problema è un altro e sono tanti anni che ne parlo.
Fare il Capo del Dap nella pratica è come essere un Ministro (e parlo di Ministri di prima fascia, non quelli "senza portafoglio").
L'incarico di Capo del Dap ha - di fatto - tutte le caratteristiche di un Ministro in carica.
A partire dalla sede; unico Dipartimento ad avere un Palazzo per proprio conto, con tanto di annessi e connessi: Vigilanza, Autoparco, Ufficio Stampa, Ufficio legislativo, Centro Elaborazione Dati, ecc. ecc. ...
In pratica non parliamo di un Dipartimento ma di un vero e proprio Ministero Penitenziario.
Ovviamente, chi è a capo di questa po’, po’ di struttura gode di una serie infinita di privilegi (qualche volta addirittura superiori ad un Ministro di seconda fascia).
Lasciamo stare l’alloggio di servizio (nel centro storico di Roma), le auto blu a disposizione (Maserati, Jaguar, Bmw, Audi, Land Rover e Mercedes ... ), gli autisti e la scorta (decine di unità), le segreterie, le segretarie, i commessi, gli uscieri, gli aiutanti di campo e gli assistenti personali o le stupidaggini (?) come gli iphon, gli ipad, i palmari, i tablet, tv satellitare e abbonamenti vari e pensiamo ad esempio alla possibilità di arrivare con l’auto di servizio fin sotto gli aerei a Fiumicino oppure alla facoltà di utilizzare i voli di stato sugli aerei della Presidenza del Consiglio, della Protezione Civile o dei Servizi.
E, poi, pensiamo al fatto di poter frequentare tutte le alte ed altissime cariche dello Stato, di poter fare e ricevere cortesie e di poter decidere della sorte di quasi cinquantamila dipendenti e quasi settantamila detenuti.
Chi arriva a fare il Capo del Dap viene, si solito, da incarichi di secondo piano (Tamburino era Presidente del Tribunale di Sorveglianza) e torna a fare cose di medesima rilevanza (Ionta ora è Procuratore Aggiunto a Roma e Margara tornò addirittura a fare il Magistrato di Sorveglianza).
Credo siano queste, e non altre, le ragioni per le quali chi siede su quella poltrona non vorrebbe mai più lasciarla.

Di  GB de Blasis  (inviato il 26/07/2012 @ 09:03:21)


n. 1


Lasciare, ma siamo matti e dove lo prende un super stipendio come quello che sta percependo, caro De Blasis non lascerà mai come non ha mai lasciato nessuno prima di lui.

Di  mario64  (inviato il 26/07/2012 @ 08:28:17)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.130.145


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione