Aprile 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Aprile 2018  
  Archivio riviste    
L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no


Polizia Penitenziaria - L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

Notizia del 23/04/2018

in Houston abbiamo un problema

(Letto 1153 volte)

Scritto da: Matteo Ricciardi

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nel 2015, la Direzione Generale del Personale e della Formazione, intervenendo per l'ennesima volta a chiarimento della vicenda relativa ai presupposti per maturare l'indennità per servizi esterni al personale del Corpo di Polizia Penitenziaria, ha dato dei chiarimenti in ordine all'interpretazione da dare alla precedente lettera circolare del 2014.

Purtroppo, al di là delle buone intenzioni della Direzione Generale, la nota del 2015 ha si chiarito alcuni punti controversi e tuttavia, non avendo ripreso l'elencazione né avendo riproposto tutte le considerazioni esplicitate nella circolare del 2014, pare abbia nuovamente concorso a generare nuovi dubbi interpretativi.

Conseguentemente, appare necessaria una nuova pronuncia sulla vicenda, auspicando che questo nuovo intervento, non tralasciando alcuna ipotesi, sia effettivamente l'ultimo e chiarificatore intervento.

Ovviamente non può tralasciarsi di rilevare come la necessità di questa ulteriore pronuncia derivi dalle scelte delle direzioni che, anche in diretto ed aperto contrasto le une con le altre, a parità di condizioni hanno adottato soluzioni antitetiche.

A tale logica, talvolta incomprensibile, pare abbiano soggiaciuto anche alcuni Provveditorati.

Tra l'altro, appare assolutamente necessario chiarire se al Personale del Nucleo Traduzioni e Piantonamenti, intendendosi in tale novero sia l'aliquota destinata alle traduzioni e piantonamenti sia quella destinata ad operare negli uffici vada corrisposta l'indennità in parola, atteso che il solo criterio dell'immanenza della presenza del detenuto, valutato come discrimine tra i servizi svolti intra moenia e quelli extra moenia, appare da solo fuorviante atteso che, ad esempio, le Portinerie degli Istituti Penitenziari costituiscono un presidio di sicurezza che, proprio per tale natura, vede la presenza detenuta ridotta al solo transito temporaneo.

Per tale ragione, dunque, la ratio sottesa alla dazione dell'indennità non era e non può essere la sola presenza della popolazione detenuta, ma bensì deve discendere, come infatti esplicitato nel quadro normativo, anche dalla qualità del servizio svolto.

In tal senso, peraltro, la circolare del 2015 evidenzia che, per i servizi svolti al di fuori dell'area detentiva strettamente intesa, alcuni servizi specifici danno luogo alla maturazione della dazione dell'indennità, in particolare:

            a) vigilanza armata all'esterno degli uffici o presso gli enti e strutture terzi – in ciò non dovendosi, a parere della scrivente, distinguere tra posti di servizio univocamente deputati a tali servizi ed altri che, pur titolari di altre competenze, possano comunque essere chiamati a concorrere a tale difesa;

            b) attività di tutela, scorta, traduzione, vigilanza, lotta alla criminalità – anche in questo caso, a parere della scrivente, non può e non deve limitarsi la valutazione della spettanza alla singola condotta giornaliera, dovendosi avere riferimento all'attività effettivamente svolta. Così infatti non si può sostenere che la Squadra Mobile effettui interventi di contrasto alla criminalità solo allorché operi all'esterno dei propri uffici, essendo al contrario l'operazione sul campo nulla più che la conclusione dell'attività di indagine dispiegata diuturnamente da tale struttura.

Per tale ragione, dunque, la singola traduzione non può prescindere dal lavoro del relativo ufficio pianificazione, né l'attività di un singolo Nucleo potrebbe dispiegarsi senza l'apporto dell'Ufficio Sicurezza e Traduzioni di riferimento.

Sempre in forza di tale ragionamento, forse troppo logico, non può ritenersi che il contrasto alla criminalità operato dal Nucleo Centrale Investigativo e dalle sue diramazioni regionali sia limitato alla singola operazione, dovendosi al contrario concludere che anche in questo caso l'operazione sul campo sia la conclusione di una più vasta attività svolta anche e soprattutto nei rispettivi uffici;

            c) tutela della normativa in materia di poste e comunicazioni – sibillina indicazione che parrebbe essere riferita agli uffici che, nella nostra Amministrazione, sovrintendono alla gestione della posta, ovvero i vari uffici protocolli. Ovunque collocati.

Inoltre, al fine di meglio comprendere la vicenda, va richiamata l'attenzione sul contenuto della circolare del 2015, paragrafo 2, allorché la stessa Direzione Generale, nel ricostruire il quadro normativo della vicenda, sente la necessità ed il dovere di precisare: “...omissis...L'emolumento in parola, previsto come elemento del trattamento economico accessorio, mira a remunerare il maggior impegno conseguente ad un servizio caratterizzato da particolari condizioni...omissis...”

Per tutte queste ragioni, è doveroso e necessario richiedere alla Direzione Generale una ulteriore e definitiva pronuncia in merito, a tutela di tutto il Personale impiegato presso i Nuclei Traduzioni e Piantonamenti, i Nuclei e le aliquote investigative e gli Uffici Sicurezza e Traduzione.

Da ultimo, non certo per importanza, si ritiene che quel che vale per il Dipartimento – Direzione Generale Detenuti e Trattamento, Nucleo Investigativo Centrale, Specializzazioni, Protocollo e simili – deve valere, ovviamente, anche per le omologhe articolazioni territoriali.

 

 


Scritto da: Matteo Ricciardi
(Leggi tutti gli articoli di Matteo Ricciardi)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Alfonso Bonafede, chi è il ministro della Giustizia proposto da M5S e Lega
Un busto di Giovanni Falcone al carcere di Massama
I radicali difendono la Direttrice di Poggioreale:Pessimo il servizio delle Iene. La cella zero non esiste più
Video intervista Teleroma 56 a Maurizio Somma Segretario Regionale (sappe)
Braccialetti anti-stalker: Fastweb spiega come funzionano.
Violenza a Poggioreale, il cappellano: Ingiusto accusare la polizia di abusi
Totoministri: ecco il possibile ''listone'' del Governo Lega-5 Stelle. Alfonso Bonafede ‘corre’ per il Ministero della Giustizia
Fiammetta Borsellino accusa il DAP: ignorata la richiesta di incontro con i boss Graviano


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


Grazie all'accordo regionale tutt'oggi nessuno si meraviglia dei tanti che da oltre 25 anni sono in ufficio come carica fissa .
Non vorrei che reclama la presenza esterna sono coloro che da 25 anni sono cariche fisse grazie all'accordo regionale e locale.

Di  Anonimo  (inviato il 27/04/2018 @ 18:47:06)


n. 5


Salve a tutti, esiste qualcuno qui dentro che può dirmi a chi Rivolgermi? Ho ancora il parametro stipendiale non aggiornato dopo il riordino...nessuno e in nessun forum mi sanno rispondere e in istituto continuano a ripetere che è tutto in automatico...non sono l'unico ho notato

Di  nikki  (inviato il 26/04/2018 @ 17:03:23)


n. 4


Meglio cambiare da presenza esterna in presenza di servizio reparti detentivi .
Del resto e stata istituita per compensare un servizio gravoso quali servizio reparti detentivi e servizi di traduzioni .
Se poi si ritiene lavoro gravoso lo stare in ufficio va anche bene

Di  Anonimo  (inviato il 25/04/2018 @ 20:10:46)


n. 3


Questo dovrebbe porre attenzione per i sindacati perché è la stessa identica cosa per noi pensionati esclusi dal rinnovo contrattuale . Il rinnovo contrattuale a chi si è a chi no , in pratica noi andati in pensione al 31 12 2015 niente mentre chi andato in pensione dal 01 01 2016 Si .
Stessa cosa per noi sovrintendenti del 2002 Nulla .
La presenza va corrisposta solo ai colleghi che lavorano all'interno dei reparti detentivi.

Di  Pensionato 2015 ex minatore  (inviato il 24/04/2018 @ 18:16:57)


n. 2


Già abbiamo Noipa che impiega 5 mesi per inserire l'assegno famigliare , e non parliamo di tutto il resto di Noipa irpef conguaglio non si capisce nulla .
Adesso anche questa delle presenze esterne .

Di  Anonimo  (inviato il 23/04/2018 @ 20:07:45)


n. 1


La si può risolvere cambiando con indennità di sola presenza interna per compensare il servizio gravoso interno reparti detentivi.

Di  Anonimo  (inviato il 23/04/2018 @ 14:17:55)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.81.78.135


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 In memoria di Rocco D''Amato, ucciso nella Casa Circondariale di Bologna da un detenuto il 13 maggio 1983

2 Fermate il mal di vivere dei poliziotti penitenziari!

3 Dopo aver depotenziato il regime detentivo, ora si vogliono metter fuori altri detenuti

4 La festa per ricordare che cos’era la Festa del Corpo. Santa Rita della Rosa nel Pugno al posto di San Basilide?

5 Ma la mobilità dei direttori quando la fanno?

6 Poliziotto penitenziario condannato a tre anni di reclusione per stalking: minacciava un collega, la moglie e i figli

7 La perquisizione straordinaria

8 Il Ministro Orlando dice che la situazione delle carceri è sotto controllo. Non ha dati aggiornati o non vuole spaventare gli italiani?

9 Sorveglianza dinamica …. quando al Dap si rifanno il maquillage senza trucco e parrucco

10 Operazione Nucleo Cinofili a Regina Coeli: rinvenimento droga e arresto





Tutti gli Articoli
1 Nuovi sconti per gli appartenenti alle Forze Armate e agli operatori della Giustizia L''iniziativa rivolta a 500 mila persone consente di risparmiare fino a tremila euro l''anno

2 Sospeso lo stipendio a Sissy Trovato. La rabbia del padre: Le istituzioni l’hanno lasciata sola

3 Stipendi comparto Difesa e Forze dell''Ordine, arretrati a maggio, ecco le cifre

4 Riforma Carceri: Orlando getta la spugna

5 Forze Armate e di Polizia: ecco cosa prevede il contratto di Governo Lega-M5S

6 Detenuto scatenato a Santa Bona: feriti cinque agenti di Polizia Penitenziaria

7 I Carabinieri Nas alla Dozza. Mensa della penitenziaria nel mirino

8 I giudici litigano tra loro, 28 boss e affiliati escono dal carcere

9 Alfonso Sabella: Ho pensato al suicidio. Condannato a morte dallo Stato

10 Caso Cucchi, carabiniere accusa colleghi: "Dopo botte scaricarono su penitenziaria"


  Cerca per Regione