Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
L’INVIDIOSO MUORE TANTE VOLTE QUANTO L’INVIDIATO OTTIENE IL PLAUSO DELLA GENTE.


Polizia Penitenziaria - L’INVIDIOSO MUORE TANTE VOLTE QUANTO L’INVIDIATO OTTIENE IL PLAUSO DELLA GENTE.

Notizia del 01/02/2011

in Cesare Cantelli

(Letto 12234 volte)

Scritto da: Cesare Cantelli

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 

Il migliore fra gli uomini è quello che arrossisce quando lo lodi e rimane in silenzio quando lo offendi.
L’uomo non è niente altro che quello che decide di essere, esiste solo nella misura in cui si realizza e non è niente altro che l’insieme dei suoi atti e l’opera del suo vissuto.
Tuttavia, qualche volta incontriamo individui che sfuggono a questo ragionamento, uomini che sono sopraffatti dai sentimenti dell’invidia e della superbia.
Sociologicamente l’invidia è considerata un aspetto negativo, un vizio, che consciamente o inconsciamente mina la personalità, dimostrando l’immaturità dell’individuo preda della superbia e della menzogna.
L’invidia può avere radici molto profonde nella personalità di un soggetto. Può essere causata da una mancanza di affetto, o da un’eccessiva competitività, o anche da desideri che sono frustrati.
Essendo le cause così rilevanti, spesso è difficile per un soggetto riuscire a risolvere il proprio problema.
Alla base dell’invidia c’è, quasi sempre, la disistima e l’incapacità di vedere le cose e gli altri prescindendo da sé stessi: in questo senso, si può affermare che l’invidioso è generalmente frustrato, ossessivo, manipolatore, con pochi scrupoli e sicuramente ipocrita.
L’invidioso assume spesso atteggiamenti e comportamenti ben precisi e riconoscibili. Tra i più tipici comportamenti dell’invidioso c’è il disprezzo dell’oggetto invidiato, una celebre e proverbiale rappresentazione di questo atteggiamento è la favola di Esopo La volpe e l’uva.
L’invidioso può rivolgere la propria invidia non solo verso oggetti materiali, ma anche verso presunte doti possedute dall’invidiato, per esempio, una particolare avvenenza, intelligenza o capacità, uno spiccato fascino, un ruolo sociale o istituzionale e, soprattutto, il successo.
In questi casi, l’invidioso reagisce tentando di disprezzare o di sminuire l’invidiato o quanto dall’invidiato rappresentato, perché ai suoi occhi questo è colpevole di evidenziare ciò che l’invidioso non ha. In un certo senso, è come se si sentisse sminuito dall’esistenza dell’invidiato e in qualche modo, danneggiato da questo.
Questo sentimento  è sempre stato condannato dalla società, tanto che l’invidia è considerata, dal punto di vista morale, un vizio. L’invidioso infatti ha il vizio di svalutare le persone che percepisce come migliori di sé e spesso non si limita al pensiero o alle fantasie di tipo aggressivo e distruttivo, ma cerca di danneggiare oggettivamente l’invidiato, ostacolandolo in ogni suo progetto o iniziativa.
Egli infatti è colpevole, agli occhi dell’invidioso, di essere apprezzato e stimato dalla società più del dovuto, e comunque più di quello che l’invidioso desidererebbe, anche in confronto a sé stesso.
La consapevolezza che il soggetto odiato a causa dell’invidia non nutra alcun sentimento negativo nei confronti dell’invidioso non migliora in quest’ultimo il rancore e l’ostilità provata.
Quasi nessuno ammette di essere invidioso.
Pochissime persone ne parlano apertamente, perché svelare questo sentimento è come rivelare al mondo la parte più meschina e vulnerabile di sé stessi.
Esistono due tipi di invidia : quella buona e quella cattiva. L’invidia buona rappresenta comunque un sentimento doloroso che si prova nel vedere qualcun altro riuscire laddove vorremmo noi, ma in questo caso non si provano sentimenti negativi come odio e rancore per l’invidiato e non si cerca di ostacolarlo, o di togliergli ciò che possiede.
L’invidia, in un certo qual modo, corrisponde all’emulazione ed è accompagnata da un desiderio profondo di arrivare allo stesso livello dell’altro.
L’invidia positiva è dunque uno stimolo, una motivazione verso il miglioramento, che consente di  colmare le proprie lacune, spesso con la ricerca di medaglie e di trofei vari da ostentare a un pubblico che ne ignora la valenza, ma che servono a farci sentire personalità, degna del ruolo che ricopre l’invidiato.
L’invidioso pensa così di valorizzare i propri punti di forza, anche se incoscientemente, non sapendo che trae in inganno solo se stesso, o chi gli sta intorno in quanto succube per ragioni d’interesse.
Quindi l’invidioso si adopera per cercare di somigliare sempre di più al modello vincente rappresentato dall’altro, che lui sente come antagonista, giungendo allo scadimento in un comportamento anale, pari all’imbecillità più assurda.
                                                                                                                                              
Ed è così che l’invidioso non muore mai una volta sola, ma tante volte quanto l’invidiato vive salutato dal plauso della gente.
 
 

Cesare Cantelli

 

 


Scritto da: Cesare Cantelli
(Leggi tutti gli articoli di Cesare Cantelli)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli
Andrea Orlando: il carcere non basta a garantire la sicurezza


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Io non credo che questo articolo si riferisca ad una persona in particolare.
Non perchè non vi sarebbero candidati ma perchè questi sono molti e provenienti da molti sindacati.
Però secondo me ce ne sono alcuni che meritano più di altri di essere additati come INVIDIOOOSSSSI

Di  Marione  (inviato il 30/01/2011 @ 11:56:34)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.75.207


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia

10 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


  Cerca per Regione