Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Lucca: il personale aggredito dai detenuti ma per il Direttore “... non è successo niente!”


Polizia Penitenziaria - Lucca: il personale aggredito dai detenuti ma per il Direttore “... non è successo niente!”

Notizia del 31/10/2012

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 3291 volte)

Scritto da: Agente Furioso

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Paradossale presa di posizione del Direttore di Lucca a seguito di una aggressione subita dal personale nel mese di ottobre.

Invece di adottare provvedimenti nei confronti dei detenuti e di ripristinare le minime condizioni di sicurezza per il personale pensa bene di negare l’evidenza e comunicare alla stampa ed ai mass media che nel penitenziario di Lucca “non è successo niente!”.

I fatti.

Il 5 ottobre 2012 scoppia una rissa tra detenuti all’interno dei passeggi. Il personale in servizio interviene tempestivamente per sedare la rissa e, dopo aver riportato la calma, accompagna alcuni detenuti in infermeria. Questi ultimi, però, invece di farsi medicare si precipitano verso un cantiere interno al carcere e dopo essersi impossessati di una sega e di un badile con i quali aggrediscono i colleghi, intraprendono subito dopo una fitta sassaiola con altri detenuti.

A fatica con l’ausilio di altro personale e l’intervento del Comandante di Reparto si è riusciti a ripristinare l’ordine e la disciplina.

Gli interrogativi.

I lavori edili in corso vicino ai passeggi rispettavano tutte le norme di sicurezza?

E se le rispettavano è accettabile la disponibilità di attrezzi come seghe, badili e, addirittura, martelli pneumatici a portata dei detenuti?

Invece di rispondere a questi legittimi interrogativi il Direttore si preoccupa di comunicare ai mezzi di stampa che nel carcere di Lucca “non è successo niente!”

Non c’è che dire sembra proprio la più classica delle tecniche dello struzzo che mette la testa sotto la sabbia e non vede (o non vuole vedere) più nulla.

Vi ricordate la famosa gag di Totò che prendeva gli schiaffi e rideva... beh a Lucca succede la stessa cosa: “Tanto noi mica ci chiamiamo Pasquale!”

 


Scritto da: Agente Furioso
(Leggi tutti gli articoli di Agente Furioso)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 51


Questo caso non può essere dimenticato sapete perché ? Perché dopo di questo decina di casi son successi a lucca , L ultimo sabato sera , un detenuto ferisce Un Agente con un coperchio di cemento di un tombino ? Tombino ? Cemento. ? E cosa ci fa un coperchio di un tombino così alla portata di un detenuto ? Qui ci sono tante domande da fare al capo dei minatori , ci saranno questa volta risposte Concrete ????.?.?.?. O ci deve scappare il morto per intervenire ????

Di  Assstanco  (inviato il 30/09/2013 @ 23:43:08)


n. 50


E così anche questo caso, finalmente fu' dimenticato.

Di  Anonimo  (inviato il 24/11/2012 @ 00:25:05)


n. 49


Franz, tutto questo dopo quanti anni vi è venuto in mete di chiederlo? per quanti anni sei stato buttato in quel luogo che possiamo definire "il no luogo" senza vederti riconoscere quello che lamenti?

Di  Anonimo  (inviato il 18/11/2012 @ 11:32:00)


n. 48


Ha ragione anonimo , i problemi si risolvono dialogando , le accuse reciproche tra di noi , non pagano , e fanno di tutto questo un solo VINCENTE , l'amministrazione , che con le sue latitanze , e' contenta di tutto cio'.

Dobbiamo chiedere i nostri diritti sanciti dalla legge , un posto di lavoro dignitoso , il 4 turno , il rispetto della legge 626 , un mezzo per le traduzioni che non metta a rischio la nostra vita , senza freni , e senza benzina , ambieni salubri .

E' questo che dobbiamo giornalmente chiedere , prima o poi , il Capo deve svegliarsi , e far venire qualcuno a Lucca , noi l'aspettiamo , per far vedere in che condizioni si lavora .



Di  Franz  (inviato il 15/11/2012 @ 18:30:23)


n. 47


sembra che vi stiate massacrando tra di voi , accusando tutto e tutti , i pobblemi si risolvono con il dialogo e non con le contro opposizioni, oppure sparando a zero colleghi contro colleghi , personale contro amministrazione , cercate di evitare , dialogate con franchezza che sicuramente otterrete di piu.
ass.c. con 32 anni di servizio

Di  Anonimo  (inviato il 15/11/2012 @ 15:34:55)


n. 46


Sono daccordo con stylu68. full non voltare la pizza e cerchiamo di discutere dei tema che ci viene proposto.

Di  Anonimo  (inviato il 15/11/2012 @ 13:01:36)


n. 45


full sembri un martire ma a Lucca lavori solo tu???? mhaaa.... parli di moralità, famiglia, con una semplicità assurda. Solo perché fai servizio a turno e 6 incaz... con il mondo intero, pensi di avere il diritto di parlare di moralità. Posso comprendere che il servizio a turno e molto difficile ma tu denigri colleghi che sicuramente fanno un servizio diverso dal tuo, ma, che come te, fino a prova contraria, LAVORANO. L'amministrazione penitenziaria non è fatta solo del servizio a turno, ci sono gli uffici, gli spacci , le portinerie e bla bla bla... Comunque il discorso stà prendendo una piega che non c'entra nulla con i problemi li Lucca, poi se per tè chi fà "comodamente" servizio negli uffici sono i capri espiatori di tutto il male di Lucca... allora fai pure, sicuramente non sarò io che ti farò cambiare idea. Non risponderò più alle tue repliche, non perché ti snobbo ma perché come ho già detto stiamo uscendo fuori tema, dobbiamo parlare dei seri problemi di Lucca e non di queste cose.

Di  stylu68  (inviato il 15/11/2012 @ 01:24:27)


n. 44


Purtroppo quando un qualcosa si lascia giacere senza che nessuno se ne curi, quel qualcosa è destinato al deterioramento e se ci aggiungiamo il menefreghismo di qualcuno si ha come risultato il mix che si può denotare il questo forum: problematiche ataviche di vario peso mai risolte e che tutto d'un colpo vorremmo si risolvessero. Questa è una realtà che per troppo tempo è stata lasciata lì, avanti allo sguardo di mille e piu' persone che poco o nulla hanno fatto, o se volevano fare da altri gli è stato impedito. risolvere una cosa alla volta, unità, uniformità e con spirito di corpo bisogna affrontare la cosa senza però speculare sulle spalle di chi lavora, nel vero senso della parola, al tragico servizio a turno nelle sezioni dove sono detenuti (ci tengo a ricordarlo perchè spesso si tende a dimenticarlo) persone che se fossero state dei buoni concittadini non si troverebbero in quel luogo. Anche chi è preposto a tutelare l'ordine la disciplina e la sicurezza, a sua volta ha il diritto, consacrato nel tessuto normativo, di essere tutelato, dove per "essere tutelato" intendo al minimo il rispetto delle normative, anche quelle riguardanti la sicurezza sui luoghi di lavoro, da parte di chi è il datore di lavoro. la guerra tra i poveri non ha mai portato a nulla.

Di  Anonimo  (inviato il 15/11/2012 @ 00:55:40)


n. 43


grazie stylu... purtroppo la verità è questa, io non me la prendo con i miei colleghi, ma con l'amministrazione, che nulla fa... per bilanciare il lavoro, i turni, i servizi.
ed anche tu ci metti del tuo.
se tutti avrebbero l'oppurtunità di un'obiettiva coscienza del proprio lavoro, di sicuro avresti un'opinione diversa. e purtroppo, anche se è noioso ripeterlo... dovresti provare sulla tua pelle il turno, quel turno che ti ruba l'anima, i sentimenti, l'affetto della famiglia.
poi potresti provare a parlare e scrivere cose che nemmeno tu immagini.
ma finchè non provi, è meglio che la tua moralità resti nascosta nel tuo interiore privato, senza additare a scusa che faccio il gioco dell'amministrazione

Di  fulll  (inviato il 14/11/2012 @ 23:17:29)


n. 42


Egregio full, era scontata una risposta del genere, d'altronde finchè ci saranno persone che la pensano come te... migliorare il carcere è fantascienza ...... ti faccio i miei più sinceri auguri di buon lavoro al servizio a turno.... non te la prendere ma tu fai il gioco dell'Amministrazione...

Di  stylu68  (inviato il 14/11/2012 @ 21:05:54)


n. 41


egregio stly68, ti vorrei ricordare che mentre te e quelli come te si rilassano allo spaccio, tutti gli altri non possono e sai perchè?
perchè non hanno i cambi, in sezione ci sono 80 detenuti, quelli dei cancelli, come ben tu sai devono fare due e tre posti di servizio, quelli veri a contatto con i detenuti, ma sicuramente te e qualcun altro non lo comprende, chi sta con la pancia piena non conosce fame.
e per finire non provo nessun risentimento per il collega dello spaccio, anche io al suo posto farei lo stesso, se tu avessi letto attentamente e qualche volta saresti venuto in conferenza di servizio capiresti a chi mi riferivo. evidentemente stai comodamente seduto in qualche ufficio e non conosci veramente il lavoro svolto all'interno, forse ne hai sentito parlare solamente.
con questo ti voglio solamente dire che sono 20 anni che qualcuno è in prima linea e qualcun altro si è adagiato nel suo piccolo e comodo mondo dorato, sarebbe ora che l'amministrazione sanasse sia la struttura e il meccanisco dei posti di servizio con l'avvicendamento dei posti fissi.

Di  fulll  (inviato il 14/11/2012 @ 17:46:19)


n. 40


Quanto leggo in questo blog ha davvero dell'incredibile , se io fossi ha capo di un azienda , e miei dipendenti mi segnalassero tutte queste anomalie , farei salti mortali per non dico risolvere , ma almeno per dare dei segnali , che possano ridare fiducia a chi lavora ,riorganizzare l'assetto lavorativo , qui questo istituto sembra essere dimenticato davvero .

Ma e' o non e' un istituzione dello STATO ??

Ci sono o no detenuti , e Poliziotti ?

C'e' o no da garantire ordine e sicurezza , e la tanta benedetta citata RIEDUCAZIONE ?? E allora voi davvero credete che tutte queste cose possono essere garantite in queste condizioni ???

Non volete sistemare il carcere , volete che caschi a pezzi , la sala colloqui , la caserma , la 1 sezione , che da una parte la ditta ripara le volte , e dall'altra piove dal tetto della 1 sezione , va bene .

Allora nessuno ci puo' impedire di urlare al mondo che questo e' un fallimento di un pezzo di un istituzione Italiana.

Di  vedobene  (inviato il 14/11/2012 @ 12:14:11)


n. 39


Tutti posti di servizio sono importanti, anche lo spaccio, x la sua pecularietà, dona a tutti noi quei 5 minuti di relax e di fuga della realtà drammatica carceraria che in nessun altro ambiente del carcere trovi. Inoltre trovi bibite fresche e calde, dociumi, panini belli freschi e il caffè. Pare che il commento di full abbia un pò di astio contro il collega che fa servizio allo spaccio.... le questioni sindacali vanno ben oltre questo tuo commento e dobbiamo finirla con il sindacato ad personam intraprendendo una strada unitaria che ci porti a qualcosa di concreto. Il problema di Lucca non è il collega dello spaccio che fa due posti di servizio contemporaneamente!!!!!!!! sono le persone come te che invece di denunciare le gravi problematiche di servizio......si accaniscono contro una singola persona..... metidiamo gente metidiamo, questo vuole la nostra amministrazione DIVIDERCI METTERCI UNO CONTRO L'ALTRO COSI LORO FANNO COME GLI PARE

Di  stylu68  (inviato il 14/11/2012 @ 11:01:12)


n. 38


la conferenza di servizio di lucca... 1) è importante che la sala convegno sia aperta, io devo fare colazione, il collega invece di stare al suo posto assegnato, in questo caso portineria 1, può abbandonare il posto e servire il caffè e preparare i panini, mica è importante stare al primo ingresso... basta che lo spaccio sia aperto.
ps dimenticavo... può prestare servizio anche senza pistola nella 1 portineria. ma questo solo per il collega spaccista, per tutti gli altri... pistola e divisa, mi raccomando e non abbandonate il vostro posto di servizio. questo è importante a lucca, tenere lo spaccio aperto, anche se il servizio assegnato è portineria 1, posto di servizio armato.

Di  fulll  (inviato il 13/11/2012 @ 23:29:44)


n. 37


Hai Ragione anonimo , la conferenza non esiste a Lucca , esiste una sorta di guardarci in faccia , come siamo vestiti , se c'e' qualche macchina che occupa il piazzale , te vai in 3 invece che in sala regia etc etc , ma non c'e' quello che io definisco una sorta di dialogo costruttivo del nostro (COMANDANTE ) COMMISSARIO -

Finche' ci sara' questa distanza , bhe allora ne avremo di scrivere su queso blog .

Di  MAX  (inviato il 13/11/2012 @ 19:50:00)


n. 36


Ciao MAX sono l'agente che ha scritto come anonimo 23. TUTTO GIUSTO quello che dici sulla conferenza di servizio, ma parli di teoria vero??? Perché nella pratica tutto questo a Lucca non accade in conferenza!!!!

Di  Anonimo  (inviato il 12/11/2012 @ 18:35:54)


n. 35


Bisogna fare delle considerazioni molto importanti, il penitenziario di Lucca ha visto negli ultimi anni un fuggi fuggi di personale, alcuni perchè ormai erano arrivati alla frutti altri per cambiamenti che non hanno accettato.... C'è da dire che il problema principale di Lucca è la carenza grave di personale e la struttura fatiscente. Questo mix esplosivo sommato al sovraffollamento dei detenuti, ai carichi di lavoro esagerati che il personale di polizia deve affrontare tutti i giorni, alla quasi assenza totale di sottoufficiali, al Comandante di reparto che invece di stare più vicino al personale e girare per il carcere, passa ore e ore e ore in direzione con il Direttore (sicuramente a lavorare) ma non è questo il modo, danno il risultato finale NON é SUCCESSO NIENTE

Di  stylu68  (inviato il 11/11/2012 @ 10:48:37)


n. 34


x Anonimo 23 - cosa significa conferenza ?? hai ragione non mi sono esperro bene , la conferenza di servizio e' lo strumento utile per dar via alle operazioni di lavoro mattutino delll'istituto , novita' di rilievo in istituto , tipo ods o disposizioni varie ,(molte volte non le notiamo quando le affiggono in quanto le mettono al corpo di guardia nella bacheca dei detenuti ) oppure per pianificare la perquisizione mattutina , oppure per darer una semplice pacca sulla spalla , o come si sul dire un po di zucchero , per non ricevere sempre amaro .
Inoltrre e' il posto Dove , magari , si esprimono reciprocamente le varie problematiche di rilievo dell istituto .

E tutto questo non solo puo' migliorare l'organizzazione del servizio giornaliero , ma puo' anche far capire che il comandante (commissario) e' presente .

Di  MAX  (inviato il 10/11/2012 @ 12:16:47)


n. 33


siccome non conosco il termine conferenza, che significa ?

Di  Anonimo  (inviato il 09/11/2012 @ 14:49:23)


n. 32


la delusione cresce, ogni giorno che passa... ricordo i vecchi agenti di custodia, si! le guardie, quelle magnifiche persone compatte, schiette ed incazzate. il Direttore Truscello, persona saggia e giusta, uno schiaffo quando lo meritavi, e una carezza, da padre, questi erano i Direttori.
insegnavano al personale il duro mestiere del carcere e della vita.
oggi mi sento solo, e cerco, con mille espedienti di non farmi fregare, ma, non dai carcerati, bensì dai miei superiori

Di  silent  (inviato il 08/11/2012 @ 21:34:14)


n. 31


Il silenzio e' vero a volte fa piu' male di parlare , ma noi per anni siamo stati zitti , per anni abbiamo subito , per anni ci siamo dovuti accontentare solo di stare zitti , eravamo militari , e se parlavamo c era la consegna in caserma , o il trasferimento a pianosa , oggi siamo un corpo di Polizia che non deve imparare nulla da nessuno , con una riforma alle spalle , e con un personale sano , zelante .

Il fatto e' un altro , ma i NOSTRI COMANDANTI DOVE SONOOOO ??

SE il direttore ha ritenuto comunicare alla stampa che nessuna aggressione vi e' stata ; il COMANDANTE PERCHE' NON HA DETTO : NOOOO , DIRETTORE I MIEI, E SOTTOLINEO MIEEI , UOMINI SONO STATI IN OSPEDALE , IN INFERMERIA PER FARSI MEDICARE ..
E come si sono fatti male ??

Non e' stato fatto , i commissari comandanti ) devono stare un po di piu' con il personale , non devono( grazie a DIO non tutti ) solo istruire in un baleno rapporti disciplinari , i commissari comandanti devono , aiutare il personale , devono comprendere le difficolta' quotidiane , devono andare alla conferenza , non possono chiudersi per ore nell ufficio del direttore .
Tutto questo non avviene , e quindi il silenzio non puo' esserci .


Di  max  (inviato il 08/11/2012 @ 17:54:36)


n. 30


Il silenzio dice piu' di mille frasi e questo è quanto accade. voglio scrivere a proposito 2 citazioni:

Alcuni raggiungono la loro massima cattiveria nel silenzio. (Elias Canetti)

Quando non hai niente da dire, non dire niente (quindi chiedi il silenzio)(Charles Caleb Colton).

In bocca al lupo colleghi di Lucca, vi auguro il meglio.


Di  Benzina Super  (inviato il 06/11/2012 @ 13:22:56)


n. 29


Già tutto dimenticato!!! Ancora non lo avete capito?? In Toscana esistono solo i grandi istituti, gli istituti periferici sono di contorno e non solo x l'amministrazione anche x i sindacati. Smentite pure, ma questa è la pura realtà .

Di  Nik  (inviato il 05/11/2012 @ 20:41:34)


n. 28


Cavolo , e' strano dopo tanti anni si apre una discussione su Lucca , uan discussione che ripercorre una serie di problematiche , in primis , l'aggressione del 5 ottobre .

Certo non chiaro il fatto che non vie ' stata aggressione nei confronti dei colleghi , non si comprende perche' il direttore di lucca fa un comunicato alla stampa per dire che non vi e' stata nessuna aggressione , perche' lo ha fatto ??

Bella domanda , trovera' mai risposta ??

Forse per smentire i comunicati del SAPPE , che avevano solo denunciato quanto accaduto il 5 ottobre , o forse perche' si voleva chiudere in fretta e furia questa vicenda ?

Una cosa e' certa , il Dipartimento si sara' chiesto , dopo che due colleghi , sono stati medicati , il terzo e' scampato grazie alla prontezza dei riflessi , cosa sia realmente successo , gli arnesi la ditta , i lavori autorizzati , o no
Tutti si fanno queste domande , e i Diriegnti preposti alle ispezioni verifiche ?

Faranno qualcosa adesso ??

Speriamo che questa vicenda , non rimanga con un punto interrogativo .!!!

Di  marc  (inviato il 05/11/2012 @ 14:58:36)


n. 27


anonino 23 perche ne dubiti che non sono di lucca ? ho solo commentato quello che letto scritto da te , e mi riferivo esclusivamente al parcheggio.

Di  Anonimo  (inviato il 05/11/2012 @ 08:15:46)


n. 26


X anonimo 25 visto che dici che non conosci la realtà di Lucca non puoi giudicare. Non si tratta di rispetto per gli altri, se hai letto bene quello che scrivevo dicevo che quello del parcheggiare era il pensiero importante mentre i problemi sono altri. Poi se è vero che non conosci lucca, e ne dubito, evita di difendere posizioni che non conosci o vivi

Di  Anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 20:18:59)


n. 25


anonino n° 23 premesso che non conosco la realtà di lucca , ma parcheggiare nel modo giusto significa avere rispetto anche per gli altri, quindi se qualcuno richiama per poter far parcheggiare anche altre persone lo trovo giusto. oppure ognuno puo fare cio' che vuole?

Di  Anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 19:01:29)


n. 24


Lucca è un carcere in mano a nessuno. Gli orticelli sono tanti e il personale che è stanco di subire non ha che la vecchia arma, la malattia. Abbandonati non solo da Roma e Firenze ma anche dai superiori dell'Istituto. Grazie a voi sindacalisti che cercate di aiutarci ma come leggevo una volta in un negozio per i miracoli dobbiamo attrezzarci quindi siamo consapevoli che la soluzione è lontanissima/impossibile al momento e il futuro è incerto

Di  agente di lucca  (inviato il 04/11/2012 @ 15:27:56)


n. 23


alla fine tutti parlano, i sindacati scrivono, al DAP avranno forse letto, al PRAP anche loro avranno forse letto, il Direttore ha avuto la sua letterina di lamentela dei sindacati che ha condiviso con il Comandante, i giornali hanno avuto uno spazio da riempire e NOI, di NOI che lavoriamo a Lucca, o comunque NOI appartenenti al Corpo di Polizia Penitenziaria, e dico NOI in maiuscolo, perché NOI siamo il corpo della POLIZIA Penitenziaria, NOI che lavoriamo c.d. a turno, ai reparti con i carcerati per intenderci. NOI saremo di nuovo dimenticati fino alla prossima aggressione!!!!!!!!!!! o no scusate forse se c'è da procedere disciplinarmente son tutti pronti. Con questo dico grazie a tutti voi ma come sempre NOI rimarremo soli a combattere con l'indifferenza dei nostri superiori che pensano solo a cose frivole, si perché a Lucca il problema principale dovete sapere è come si parcheggia la mattina.............anche i politici che son venuti alle sfilate. Cosa fare quale sarebbe la soluzione, PERSONALE serve PERSONALE di tutti i ruoli e qualche investimento in più da parte del DAP. Ah consapevole che questa mia sarà letta e "cestinata" alla stesso tempo e mi raccomando tu che sei di Lucca parcheggia a modo!!!!!!!!!!!!!!!

Di  Anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 14:56:30)


n. 22


Tutto tace , chissa' se veramente questa volta qualcuno andra' fino in fondo , come spesso avviene quando Gli Agenti vengono denunciati , o rapportati disciplinarmente per qualche chilo di carote trovate in accumulo in cucina detenuti , e mandato dinanzi alla commissione regionale .

Chissa' se davvero qualcuno si chiedera' : ma gli agenti come si son fatti male il giorno 5 ottobre ???

Noi abbiamo ancora un po di fiducia nei confronti di chi Istituzionalmente , gestisce questo Dipartimento , speriamo non ce lo facciano perdere del tutto .

Certo qualcuno dira' :: Ma tanto faranno un po di casino e poi dimenticheranno , come spesso avviene nelle carceri , tanto nelle carceri i problemi non mancano mai ... e qui si sbagliano , quanto e' successo non lo dimenticheremo -

Ci sentiamo umiliati nell'anima , non solo per le condizioni di lavoro che ci impongono , ma perche'dimenticati da tutti .



Di  stancodisubire  (inviato il 03/11/2012 @ 20:29:30)


n. 21


Quanti se e quanti ma !!! Ma se a noi umili servitori dello STAto vengono tutti questi dubbi , perche' a chi legge giornalmente praticamente tutto. Quello che succede nelle carceri non si. E' fayto tutte queste domande?? Ma Lucca. Esiste x il DAP???

Di  vbera  (inviato il 03/11/2012 @ 08:45:07)


n. 20


certo è che se quel giorno fossero stati presenti oltre 30 detenuti ai passeggi, se fosse stato aperto un cantiere a 3 metri da dove si svolgevano i passeggi con oltre 30 detenuti durannte la fruizione dell'aria, se a disposizione dei detenuni fossero stati messi tutti quegli arnesi che potevano entrare nella disponibilità loro con semplicità o con violenza sulle persone della ditta che esegue i lavori, se 3 o 4 Poliziotti fossero rimasti coinvolti nella baraonda (immagino una sega a contatto con la pelle cosa avrebbe potuto provocare), se gli operatori della ditta esterna fossero stati coinvolti a loro volta, se una volta divisi i detenuti litiganti, questi fossero stati rimessi in sezioni detentive ordinarie e non ad un isolamento, se, se, e ancora se.... beh non oso immaginare il continuo della storia...

Di  Benzina Super  (inviato il 02/11/2012 @ 21:55:19)


n. 19


Uniko non devee essere la STAR del blog , ha detto la sua .

Quello che invece deve essere sottolineato , e' che il Dipartimento , il Provveditore , devono veramente capire cose' successo il giorno 5 ottobre a Lucca .

Se il personale gia' lavora in condizioni estreme , dando sempre il massimo , non puo' rimanere dimenticato , siamo esseri umani con la divisa di cui onorati di portarla , siamo POLIZIOTTI , certo c'e' qualcuno che a volte dimentica il suo ruolo , e prendendo un trapano mentre cammina su di un solaio di carton gesso , casca , finisce su un letto del collega , ed e' salvo per miracolo , ma questa e' una responsabilita' che si assume giornalmente il collega , il Direttore , e il Comandante .

Il nostro ruolo primario , e' garantire ordine e sicurezza , quindi metteci in condizioni di garantirla , ma senza fare 4 posti di servizio ,e 50 ore di straordinario al mese .

Risulta che il NEO Provveditore di Firenze e' persona molto stimata , seria , sincera , dovrebbe essere lui ad accertare se c'e' stata aggressione nei confronti dei colleghi , deve capire perche' c'e' questo marasma a Lucca .

Di  max  (inviato il 02/11/2012 @ 19:19:20)


n. 18


è proprio vero chi non conosce la persona e la storia non è in grado di dettare sentenze. ( come spesso avviene) purtroppo.
b.a.

Di  Anonimo  (inviato il 02/11/2012 @ 09:38:02)


n. 17


Probabilmente il direttore del carcere di lucca,è come si dice in gergo accamosciato,abbiate il coraggio ,è se volete denunciatelo all'autorità giudiziaria,nn e possibbile essere aggrediti dai detenuti e il direttore nn prenda nessun provvedimento,e magari gli da ragione ai detenuti,siete poliziotti e come tali fatevi valere:mi meraviglio del comandante che nn prende seri provvedimenti a favore dei poliziotti penitenziari,e faccia valere i propri diritti.

Di  ispettore incazzato  (inviato il 01/11/2012 @ 23:02:52)


n. 16


In ogni istituto penitenziario vi e' un comando di polizia penitenziaria abbiate il coraggio di denunciare ....... siamo o non siamo poliziotti???? soprattutto quando vi e' un oltraggio a pubblico ufficiale !!! verbalizziamo tutto !!!!

Di  Walter  (inviato il 01/11/2012 @ 13:24:14)


n. 15


non volendo entrare in merito ai fatti successi , debbo testimoniare che ho conosciuto l'attuale direttore della cc di lucca circa 16 anni addietro ed allora si è dimostrato ( sono sicuro che non sia cambiato) sempre attento , cordiale, e corretto , pertanto una cosa e minimizzare i fatti all' esterno una altra cosa e il da farsi, poi dico sempre una cosa " siamo tutti bravi ad eleggerci giudici su questioni che capitano agli altri , mentre il buon senso direbbe di non dare giudizi affrettati su nessuno , specialmente quando le cose e i fatti non li viviamo in prima persona. dopo di cio' la mia solidarietà ai colleghi aggrediti .
b.a.

Di  Anonimo  (inviato il 01/11/2012 @ 11:07:12)


n. 14


Ringrazio il Primo sindacato della Polizia Penitenziaria che ci da la possibilita' di dire la nostra su questo " inaudito" episodio accaduto a Lucca , ma e' giusto che ognuno di noi dica la sua .

Quello che piu' mi farebbe piacere , che il CAPO del DAP , davvero verifichi quanto accaduto il 5 ottobre , come quando avviene nei confroni del personale della Polizia Penitenziaria , quando si apre un procedimento disciplinare , o di semplice verifica .

Ma e' davvero possibile che due detenuti che con forza tentano di entare nei passeggi ,e per farlo , colpiscono 2 Agenti , e non commettono il REATO di aggressione o di altro ???

Ma il Prap di Firenze ? si sara' chiesto come si saranna fatti male i colleghi ?

Girano voci che il Provveditore di Firenze e il Dirigente di Lucca sono molto amici , possibile che il dirigente di Lucca non abbia detto che diversi Agenti sono stati feriti ?

Mah speriamo che chi comanda davvero vada a controllare , non solo i reparti chiusi da una vita per riaprirli , ma anche in che condizioni versa il penitenziario Lucchese .

Di  max  (inviato il 01/11/2012 @ 10:58:04)


n. 13


Dobbiamo reagire e chiedere maggior tutela, dal punto di vista giudiziario, per noi operatori di sicurezza, sempre più spesso soggetti alla maleducazione e alle aggressioni da parte dei reclusi. Nella maggior parte dei casi, a creare problemi, soprattutto di comportamento e scarso rispetto, sia nei penitenziari che nelle strade sono gli immigrati che a mio avviso andrebbero al piu' presto rispediti nei loro paesi di origine ! Basta con le quotidiane aggressioni a danno di noi poliziotti !

Di  giovanni  (inviato il 01/11/2012 @ 08:19:01)


n. 12


Solidale con i colleghi ? Chi il dirigente di Lucca ? Uhm !!


Chissa' se il direttore o il comandante hanno mai chiamato il collega rimasto ferito in convalescenza , chissa' se il direttore ha proposto un riconoscimento ai colleghi che hanno evitato il peggio ai passeggi . Uhm , chissa'..

Di  asky  (inviato il 01/11/2012 @ 00:01:41)


n. 11


A prescindere da come si è arrivati all'aggressione subita dai colleghi la prima cosa che in questo caso UN Dirigente deve fare è essere solidale in pubblico con i suoi uomini! Poi magari potrà accertare eventuali mancanze di questo. "un dirigente" invece pensa solo ai suoi affari e alla sua immagine nei luoghi che contano.

Di  Alessandro  (inviato il 31/10/2012 @ 23:23:23)


n. 10


Volevo aggiungere che ad oggi chi siede alle scrivanie del potere deve ringraziare gli uomini e le donne della Polizia penitenziaria che ogni giorno svolgono il proprio lavoro con zelo, scrupolo e professionalità come dice " unico" facendo 2 e a vole 3 posti di servizio insieme!!!! Mio caro " unico" hai trovato proprio un nickname adatto, unico e speriamo che davvero tu sia unico anche in senso di quantità. Poi basta non sono qui x polemizzare con te ma te
la sei cercata.

Di  Uno di noi  (inviato il 31/10/2012 @ 23:14:59)


n. 9


senza entrar nel merito... ma la solidarietà? termine sconosciuto al datore di lavoro? oppure solamente disinteresse per i suoi sottoposti

Di  frank  (inviato il 31/10/2012 @ 23:06:42)


n. 8


caro uniko sai , a volte per mettere in atto zelo e professionalita' ci vogliono uomini , non chiacchiere .

Di  sappone  (inviato il 31/10/2012 @ 22:06:11)


n. 7


Mio caro "unico" i muratori erano al lavoro penso al massimo a 3 metri dal cancello di uscita dai passeggi!!!! Quando ti trovi in situazioni di emergenza i secondi sono vitali per decidere e mettere in sicurezza, anche gli stessi detenuti ed è questo quello che hanno fatto i colleghi di Lucca mettere in sicurezza 2 detenuti che venivano aggrediti da altri detenuti, ma questi invece di essere riconoscenti... penso che come hai scritto non sei della polizia penitenziaria oppure non lavori in un istituto. Non mi firmo non per te ma...

Di  Uno di noi  (inviato il 31/10/2012 @ 20:48:18)


n. 6


Caro Uniko, quegli arnesi non erano stati messi in sicurezza xkè erano in uso ai muratori..i quali sono stati aggrediti dai detenuti ed è x questo che questi ultimi ne hanno avuto possesso e utilizzato contro la PolPen..poi i detenuti non erano in infermeria..ma i colleghi li stavano accompagnando quindi vuol dire che è successo "durante il tragitto"...la domanda da porsi è:chi ha autorizzato ad eseguire quei lavori ai passeggi durante l'ora d'aria?..poi se x te è una colpa che 3 dicasi 3 colleghi non siano riusciti a impedire che questi detenuti, con la forza, riuscivano ad appropriarsi di seghe pale ecc..

Di  l'ultimaruotadelcarro  (inviato il 31/10/2012 @ 20:14:57)


n. 5


Uniko @
Non parlo del caso specifico, parlo in generale di questi signorotti e non cambio una virgola dell'opinione che ho su loro. Poi che la sicurezza sia un nostro compito è altrettanto vero ma bisognerebbe capire in che condizioni stanno lavorando i colleghi di Lucca, non mi meraviglierei se chi si deve occupare dei lavori occupasse anche altri posti di servizio.

Di  cairo74°  (inviato il 31/10/2012 @ 19:33:24)


n. 4


Non ho parole! Però vorrei sottolineare alcuni aspetti che forse avete un pò tutti tralasciato. Come è possibile che i detenuti dal locale Infermeria siano potuti scappare dalla sorveglianza dei colleghi ed entrare in possesso di quegli arnesi? Chi ha la responsabilità della sicurezza perchè non ha fatto chiudere in un locale apposito e sotto chiave tutti quegli arnesi? Il Direttore dirige l'istituto ma chi opera per mantenere la sicurezza, l'ordine e la disciplina negli Istituti è la Polizia Penitenziaria ... Cari amici prima di polemizzare e buttare la croce addosso agli altri facciamoci tutti un bel esame di coscienza! Se un carcere funziona non è per merito di chi lo dirige ma di chi fà il proprio dovere con zelo, scrupolo e professionalità!

Di  Uniko  (inviato il 31/10/2012 @ 19:10:00)


n. 3


Purtroppo questi signorotti, e sottlineo signorotti , si devono dimostrare all'esterno persone emancipate , comprensive e sopratutto acerrimi sostenitori della rieducazione e del reinserimento sociale, tanto gli schiaffi li prendiamo noi. In fin dei conti cosa ci si può aspettare da degli avvocati che nessuno nomina a sua difesa perchè perderebbe la causa ancora prima che cominci il processo? E' preferibile schierarsi con i detenuti e non avere problemi .

Di  cairo74°  (inviato il 31/10/2012 @ 18:25:44)


n. 2


Qualche egiorno fa leggevo un'articolo su questo sito , si parlava di fiducia nell'amminsitrazione , ma come si fa a leggere queste cose ?

Come puo' un' Agente lavorare con serenita', assolvere i mille compiti affidati , se poi non viene messo in condizioni di assolverli con serenita' ?

http://www.lagazzettadilucca.it/cronaca/2012/01/extracomunitario-in-carcere-sale-sul-tetto-minaccia-di-tagliarsi-le-vene-e-lancia-tegole-sulle-guardie/

http://iltirreno.gelocal.it/lucca/cronaca/2012/10/06/news/nuove-aggressioni-nel-carcere-di-s-giorgio-due-detenuti-finiscono-al-pronto-soccorso-1.5815068

http://www.lagazzettadilucca.it/cronaca/2012/01/tenta-il-suicidio-in-carcere-al-s-giorgio-la-denuncia-del-sindacato/


Facendo una ricerca su google , basta cliccare carcere lucca , e' davvero spaventoso quanto accaduto negli ultimi 2 ANNI i , ma quanto si legge nell'articolo di Furioso , e' davvero inaudito .

Ma cosa Aspetta Il Dipartimento ad intervenire , ridiamo fiducia a questo personale che si sente abbandonato a se stesso .

I N T E R V E N I T E ...

Siamo UOMINI E DONNE CON UNA DIGNITA' , NON CALPESTATECELA-



Di  sappone  (inviato il 31/10/2012 @ 15:57:14)


n. 1


Se tutto cio' fosse vero ,, bhe allora qualcuno dovra' spiegare , il DAP cosi' attento alla nostra salute ... Dovra' aprire un'ichiesta , accertare , come possa verificarsi quanto letto nell'articolo di Agente Furioso, qui si parla , non solo di salvaguardare l'incolumita' dei colleghi , ma anche di non far perdere la dignita' il morale , dei colleghi che giornalmente in tutti gli istituti del paese , con i soli mezzi della buona volonta', portano avanti le carceri .

Non ho davvero parole , mi sembra tutto surreale -

Qualcuno intervenga .

SOLIDARIETA' AI COLLEGHI DI LUCCA .

Di  stancodisubire  (inviato il 31/10/2012 @ 15:13:04)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.179.146


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione