Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Magistrati fuori ruolo: al Capo DAP almeno 500mila euro l'anno


Polizia Penitenziaria - Magistrati fuori ruolo: al Capo DAP almeno 500mila euro l'anno

Notizia del 19/12/2011

in Dal buco della serratura

(Letto 6558 volte)

Scritto da: Araba Fenice

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


A proposito dell’equità dell’attuale manovra finanziaria, avete sicuramente sentito parlare dell’istituto del “fuori ruolo”, in virtù del quale quando un dipendente pubblico viene chiamato a svolgere un incarico presso un ministero, una commissione parlamentare, un’authority o un organismo internazionale, va appunto in “fuori ruolo” e trattandosi, in linea di principio, di incarico temporaneo, conserva il posto di lavoro unitamente allo stipendio a cui si aggiunge, tuttavia, l’indennità per il nuovo incarico: in sostanza, due stipendi per un periodo di tempo sovente illimitato.

Nel 1994, il Consiglio Superiore della Magistratura lanciava l’allarme, segnalando “il numero crescente dei magistrati collocati fuori ruolo, la durata inaccettabile di alcune situazioni, alcune superano il ventennio altre addirittura il trentennio…la reiterazioni degli incarichi…con la creazione di vere e proprie carriere parallele”.

In effetti, il fenomeno del fuori ruolo sembra affascinare particolarmente gli appartenenti alla magistratura, visto che attualmente sono circa 350 i magistrati fuori ruolo, nonostante le note carenze di organico che affliggono la macchina della giustizia, tanto che il CSM è dovuto intervenire mediante una apposita circolare del 6 febbraio 2008.

La delibera costituisce un “punto di equilibrio” fra aspettative e pressioni diverse e fissa in dieci anni il limite massimo, nell’arco dell’intera carriera, per la collocazione fuori ruolo di ciascun magistrato.

Se la circolare non verrà modificata in futuro, non ci sarà più la figura degli “eterni fuori ruolo”, di magistrati destinati per sempre “ad altri lidi” con carriere “parallele” rispetto a quelle dei magistrati “comuni”.

In sostanza, quando un dipendente pubblico passa da un fuori ruolo ad un altro, pur lasciando sguarnito il posto di origine, visto che, ex lege, non può essere sostituito, i suoi colleghi che restano in servizio devono farsi carico anche del suo lavoro; anomalia questa che per i magistrati appare ancora più bizzarra, ove si ponga mente che il magistrato fuori ruolo percepisce anche l’indennità per malattia, mentre quelli in servizio la perdono, e il tempo trascorso in fuori ruolo viene computato nell’anzianità di servizio, tanto che gli stessi conseguono gli avanzamenti di carriera previsti.

Tra i magistrati più illustri vi è l’attuale sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, già Presidente dell’Antitrust, Antonio Catricalà, fuori ruolo dal Consiglio di Stato da sempre, ma ciononostante nel 2006 da consigliere ottiene la promozione a presidente di sezione, per la quale funzione incassa, senza svolgerlo, uno stipendio di circa 9.000,00 € netti al mese a cui si aggiungevano 528.492,67 € annui dell’Antitrust, e a cui si aggiunge oggi la sostanziosa indennità connessa alla funzione di sottosegretario alla Presidenza.

Parimenti, per venire al mondo penitenziario, il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria dott. Franco Ionta è magistrato fuori ruolo ma, nel contempo, anche Commissario straordinario per l’edilizia penitenziaria.

Ricordate il terzo pilastro del Ministro della Giustizia Alfano per risolvere la drammatica situazione delle carceri: se qualcuno avesse rammentato al Guardasigilli Alfano che i palazzi per essere solidi debbono poggiare su almeno quattro pilastri, errore questo che l’ex Ministro della Giustizia Castelli, che prima ancora di essere ministro è un brillante ingegnere, come ad ogni pie’ sospinto rivendicato dal medesimo, non avrebbe mai commesso.

Al Capo del Dipartimento fanno eco il consigliere  Ottaviani, il consigliere Roberto Piscitello, che ha da poco preso il posto del consigliere Ardita e il consigliere Francesco Cascini, responsabile del Nucleo Investigativo Centrale, il nucleo che si occupa dei fatti di reato commessi in ambito penitenziario o, comunque, direttamente collegati ad esso, tra i quali vi è la repressione del c.d. doppio lavoro degli appartenenti al Corpo, che per i magistrati non solo è legalizzato ma anche profumatamente pagato.  

Ma facciamo un passo indietro. Poco prima delle ultime elezioni il Governo Berlusconi, come riconoscimento per i successi nella lotta al terrorismo, decide di aumentare la speciale indennità che fa parte della retribuzione del Prefetto De Gennaro, portandola da 9.000,00 € a 19.000,00 € lordi mensili. Nonostante l’aumento venga disposto in gran silenzio, la notizia trapela e inevitabilmente attira l’ira funesta dei piani alti della sicurezza.

L’aumento viene perciò esteso ai massimi vertici militari e alle figure equiparate dalla normativa vigente.

A tanto si aggiunga che il Capo della Polizia, per legge, ha diritto anche ad un secondo aumento, dello stesso importo, poiché gli spetta anche l’indennità di Direttore Generale della Pubblica Sicurezza. Il risultato che si ottiene è che le retribuzioni dei responsabili della sicurezza nazionale raggiungono livelli stratosferici, in qualche caso inimmaginabili per lo Stato, dai 650.000,00 € annui di De Gennaro ai 380.000,00 annui per i Capi di Stato Maggiore.

Orbene, il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria risulta, allo stato, percepire, euro in più euro in meno, uno stipendio lordo annuo di 500.000,00 € a cui va aggiunto lo stipendio da magistrato, essendo fuori ruolo, e l’indennità quale Commissario straordinario per l’edilizia penitenziaria, anche se sembra avervi rinunciato.

Lo so cosa stanno pensando le solite malelingue: come può prendere così tanto il Presidente Ionta a fronte di missioni, straordinari, buoni pasto, che non vengono regolarmente liquidati, sintomatici di un sistema carcere che rischia ogni giorno l’implosione, eppure le rivolte di Montacuto e Parma hanno dimostrato come le responsabilità della drammatica situazione penitenziaria non sono imputabili al Capo del Dipartimento, ma semmai sono da individuare nei Comandanti di Reparto e nei Direttori, che sono stati non a caso rimossi dall’incarico: se non fosse che il funzionario del carcere anconetano sollevato era stato nominato Comandante soltanto da un mese e al momento dell’accesa protesta era in ferie, mentre la navigata Direttrice si è solo adoperata a ripristinare l’ordine e la sicurezza dell’Istituto. 

Con viva considerazione la Vs Araba Fenice. (Meditate gente, meditate!!!)   


Scritto da: Araba Fenice
(Leggi tutti gli articoli di Araba Fenice)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 10


Diamine!!!!!! allora anche la Dott.ssa Matone o chi come lei magistrato collocata fuori ruolo percepisce questa cifra ??????? Ragazzi voi cosa ci fareste per tutti questi soldi ??????

Di  Anna  (inviato il 06/10/2012 @ 16:39:50)


n. 9


e io pagoooo !!!

Di  giovanni  (inviato il 15/03/2012 @ 15:58:47)


n. 8


e voi litigate per farvi retribuire le ore di straordinario effettuate !!!!
ahahah !!!!!

Di  marcel  (inviato il 25/12/2011 @ 17:26:49)


n. 7


io sarei vissuto onesto, se mia avessero lasciato vivere in pace

Di  il brigante  (inviato il 23/12/2011 @ 12:09:54)


n. 6


Io dico solo: vergogna, vergogna, vergogna, vergogna!!!!!!!!!!!!!!!!!!
ridateci la nostra verità e la nostra dignità di Poliziotto.
Le ricordo caro Presidente Ionta che noi non abbiamo pene da scontare!!!!!!!!!!!!!!!!!!

un saluto e un AUGURIO a tutti colleghi

Di  P.P. nauseato  (inviato il 22/12/2011 @ 19:21:41)


n. 5


E anche oggi c'è notizia di un povero cristo di poliziotto che ha deciso di togliersi la vita; il bene più importante che una persona può avere.
Cosa fanno i signori magistrati, fuori ruolo, che dirigono il DAP e che hanno retribuzioni da per migliaia di euro alla faccia della crisi italiana?
Sarebbe opportuno chiedere i danni a lor signori per la pessima gestione del problema che risulta esistente anche al DAP, si vedano le sentenze del tribunale che condannano l'amministrazione per colpa di determinati personaggi che addirittura continuano far carriera e arrivano ai vertici del "palazzo".
Di questo che ne pensano i vertici dello Stato: IL CAPO DEL GOVERNO, IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA E GLI ALTRI ORGANI DI CONTROLLO?
I "signori" festeggiano il Natale e la famiglia del collega, cosa deve festeggiare?

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 20/12/2011 @ 23:45:29)


n. 4


Sono passati circa 11 anni dal decreto lgs. 76/2001 il quale ha integrato il D.Lgs. 443/92 nell'articolo 34 quater; Quando le specifiche mansioni dei sostituti commissari saranno resi pubblici con decreto del ministro della giustizia??
Qualcuno potrebbe scandalizzarsi per questo ritardo, rasserenatevi perchè questo non è nulla in confronto a istituti dove i sostituti commissari fanno servizio come preposti interni unitamente ai rispetabilissimi assistenti capi e sovrintendenti.
Mi piacerebbe che qualcuno mi dicesse quali sono i compiti del sostituto commissario.
Grazie

Di  pasquale  (inviato il 20/12/2011 @ 11:57:57)


n. 3


E che dire dei tanti sindacati che percepiscono tantissimi soldi. Ci sono Segretari Generali che si sono fatte le ville, hanno le macchine in leasing, magnano a sbafo e fanno la bella vita. Secondo voi perche' sono sempre gli stessi i segretari generali? Certo, IONTA guadagna tanto ma almeno tutti lo sanno, quanto guadagnano i nostri sindacalisti?

Di  E io pago.....  (inviato il 19/12/2011 @ 23:36:04)


n. 2


C'è anche chi ha rinunciato alla doppia retribuzione come ad esempio D'Angelo Nicola, gia' consigliere dell' Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Agcom, il quale anzicche' mettersi in aspettativa ai circa 15 mila euro al mese avrebbe potuto tranquillamente aggiungere anche i 6.500 euro circa al mese.
Magari bisognerebbe modificare la legge, pare quella del 73' che consente ai Magistrati fuori ruolo del Consiglio di Stato, Corte dei Conti, Tar, ecc di continuare a percepire un corposo stipendio mensile per un lavoro che non svolgono più, proprio alla luce di questo grave momento di difficoltà finanziaria, viene chiesto un piccolo sacrificio in un mare di grande necessità economica.

Di  Giò  (inviato il 19/12/2011 @ 20:28:04)


n. 1


Alla fine la manovra salva l'Italia, la pagheranno come al solito i poveracci come me e come i pensionati. Il professor Monti NON riuscirà a scardinare tutta una serie di privilegi di cui godono questi manager di Stato o pseudo tali. Che rabbia!!!!!

Di  alfio la punta  (inviato il 19/12/2011 @ 13:40:56)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.238.168


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

3 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione