Dicembre 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2017  
  Archivio riviste    
Mio padre era un Agente di Custodia


Polizia Penitenziaria - Mio padre era un Agente di Custodia

Notizia del 06/10/2009

in Nuvola Rossa

(Letto 2738 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


I nostri antenati agenti di custodia, si sa, non godevano di grande considerazione da parte della società cosiddetta civile; erano considerati rozzi ed ignoranti, degli aguzzini che godevano nel maltrattare i detenuti.
 
A prescindere, quindi, dai luoghi comuni che gli Agenti di Custodia si sono portati dietro nel tempo, bisogna però in qualche modo rendere giustizia a queste figure eroiche, la cui vita era stata letteralmente venduta allo Stato (in virtù di turni massacranti, dell’esercizio di una disciplina feroce da parte dei superiori gerarchici – che oggi chiameremmo mobbing).
 
La maggior parte degli agenti di custodia era dotata di un grande spirito di sacrificio ed  abnegazione, era gente di modesta estrazione sociale, culturalmente sapeva appena scrivere e far di conto, erano piccoli di statura; ma questi nani cattivi (per buttarla sull’ironico) hanno avuto il proprio riscatto sociale nei figli. Figli che si sono inseriti perfettamente nel tessuto sociale della città dove i loro padri –mandati a fare servizio - decidevano di restare.
 
Figli che hanno fatto carriera nelle pubbliche amministrazioni, nella gerarchia militare, fino ad occupare le massime cariche politiche comunali.
 
E’ questo il caso di Salvatore Burrafato, neo eletto Sindaco del Comune di Termini Imerese con il 54,21% delle preferenze (MPA - varie Liste Civiche), figlio del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia Antonino Burrafato, ucciso dalla Mafia il 29 giugno del 1982.
 
Burrafato,43 anni, presidente del Consiglio Comunale uscente, funzionario alla presidenza della Regione conquista la carica di primo cittadino, con la benedizione del sottosegretario Gianfranco Miccichè.  
 
Nella prima dichiarazione da neo Sindaco, Salvatore Burrafato esordisce con queste parole: dedico al vittoria a mio padre. Appena ho saputo della vittoria, sono stato con mia madre davanti alla lapide che ricorda il luogo del suo sacrificio. Ma Burrafato non è solo, nella lista di figli di agenti di custodia che sono diventati sindaci. Un illustre predecessore di Burrafato, infatti è Michele Megale, ex Sindaco della città di Trapani, figlio dell’agente di custodia Megale Giovanni nato a Melfi l’8 maggio 1905, inviato in servizio a Trapani negli anni trenta. Megale, monarchico della prima ora, aderisce in seguito alla Democrazia Cristiana, ricoprendo varie cariche, consigliere comunale, assessore ed infine Sindaco di Trapani, nonché presidente della Azienda Municipalizzata dei Trasporti (SAU) e dell’Ente Luglio Musicale. Tra gli eventi più importanti della sua sindacatura, l’aver ricevuto l’8 maggio 1993 Papa Giovanni Paolo II a Trapani.
 
Sarebbe bello conoscere, dalla pagine di questo giornale, quali altri esempi positivi ci sono in Italia di figli di agenti di custodia assurti a posizioni di rilievo nella società; sarebbe questo un omaggio postumo a questi piccoli uomini che sacrificarono i propri affetti, il tempo libero, le proprie idee politiche a favore di uno Stato che per oltre un secolo li ha considerati uno scalino un po’ più alto dei detenuti.

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti con gastroenterite nella scuola di Cairo Montenotte: le analisi hanno appurato che era influenza
Movimento cinque stelle: il decreto di riforma dell''ordinamento penitenziario serve a smantellare il 4-bis, un regalo ai detenuti pericolosi
Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo
Record di sequestri di telefonini nelle carceri italiane. Aumento del 58 per cento nel 2017
Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione
Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà
Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi
Agenti intossicati a Cairo Montenotte: prime analisi confermano batteri nel filtro della cucina della scuola


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Anche mio nonno paterrno era un Agente di Custodia: Pischedda Giorgio: Comandante Guardie Carcerarie nato a Ploaghe-SS-14-03-1886 arruolato 16-12-1907. Cavaliere della corona d'Italia Vittorio Veneto. Comandante nelle carceri: Asinara, Favignana-Santa Caterina Colombaia-TP- Trapani-vicaria...........e molti ancora.
Noi nipoti ne siamo fieri, avendo anche ereditato la sua stupenda e delicata professione di Poliziotto Penitenziario

http://www.poliziapenitenziaria.it/dblog/fotografia.asp?fotografia=57

Di  Enrico Pischedda  (inviato il 02/11/2011 @ 17:31:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.91.16.95


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La resa e lo scioglimento della Polizia Penitenziaria: una scelta che avrà pesanti ricadute per lo Stato

2 Amministrazione di cartone o cartoni animati dell’Ammistrazione?

3 Visite medico-fiscali: il Re, il Giullare e i cetrioli che volano

4 Se San Basilide volesse farci una grazia, accetteremmo volentieri il passaggio agli Interni

5 In ricordo del Sovrintendente Capo Italo Giovanni Corleone

6 In ricordo dell’assistente capo Salvatore De Luca

7 Giuseppe Lorusso, Agente del Corpo degli Agenti di Custodia, ucciso dai terroristi di Prima Linea il 19 gennaio 1979 a Torino

8 Gli ex-terroristi salgono in cattedra nelle carceri, nel tentativo di mettere il bavaglio ai poliziotti che protestano

9 Una riforma necessaria: dalla sentenza Torreggiani ad oggi

10 Lotta alle mafie: le parole di chi non ha omesso il carcere e la Polizia Penitenziaria





Tutti gli Articoli
1 Forze dell’Ordine, arriva il Taser. Ecco il modello scelto per la sperimentazione

2 Colloqui disinvolti nel carcere di Padova: ai boss veniva consentito anche di incontrare persone sotto inchiesta del proprio clan

3 Pagarono 50 euro al medico per falsi certificati: licenziati due Poliziotti penitenziari già sospesi

4 Migliorano le condizioni degli allievi a Cairo Montenotte. Il sindaco: bollite l''acqua

5 Arrestato ex Agente penitenziario dai Carabinieri: in casa teneva pistole, munizioni e paletta della Polizia Penitenziaria

6 Protesta nazionale dei Poliziotti penitenziari francesi: aggressioni continue, poco interesse da parte del Governo

7 Enrico Sbriglia: a Padova ci sono scandali perché qui si indaga. Nelle altre carceri c''è omertà e copertura

8 Ergastolano ordinava estorsioni e pestaggi dal carcere di Bologna: utilizzava il telefono del compagno di cella che era in semilibertà

9 Carcere di Salerno: detenuti si lanciano olio bollente, Agente ferito con arma da taglio, telefonino e chiavetta usb

10 Boss mafiosi nella stessa cella e a colloqui con le loro famiglie nello stesso momento: così impartivano ordini dal carcere di Padova


  Cerca per Regione