Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Mio padre era un Agente di Custodia


Polizia Penitenziaria - Mio padre era un Agente di Custodia

Notizia del 06/10/2009

in Nuvola Rossa

(Letto 2810 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


I nostri antenati agenti di custodia, si sa, non godevano di grande considerazione da parte della società cosiddetta civile; erano considerati rozzi ed ignoranti, degli aguzzini che godevano nel maltrattare i detenuti.
 
A prescindere, quindi, dai luoghi comuni che gli Agenti di Custodia si sono portati dietro nel tempo, bisogna però in qualche modo rendere giustizia a queste figure eroiche, la cui vita era stata letteralmente venduta allo Stato (in virtù di turni massacranti, dell’esercizio di una disciplina feroce da parte dei superiori gerarchici – che oggi chiameremmo mobbing).
 
La maggior parte degli agenti di custodia era dotata di un grande spirito di sacrificio ed  abnegazione, era gente di modesta estrazione sociale, culturalmente sapeva appena scrivere e far di conto, erano piccoli di statura; ma questi nani cattivi (per buttarla sull’ironico) hanno avuto il proprio riscatto sociale nei figli. Figli che si sono inseriti perfettamente nel tessuto sociale della città dove i loro padri –mandati a fare servizio - decidevano di restare.
 
Figli che hanno fatto carriera nelle pubbliche amministrazioni, nella gerarchia militare, fino ad occupare le massime cariche politiche comunali.
 
E’ questo il caso di Salvatore Burrafato, neo eletto Sindaco del Comune di Termini Imerese con il 54,21% delle preferenze (MPA - varie Liste Civiche), figlio del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia Antonino Burrafato, ucciso dalla Mafia il 29 giugno del 1982.
 
Burrafato,43 anni, presidente del Consiglio Comunale uscente, funzionario alla presidenza della Regione conquista la carica di primo cittadino, con la benedizione del sottosegretario Gianfranco Miccichè.  
 
Nella prima dichiarazione da neo Sindaco, Salvatore Burrafato esordisce con queste parole: dedico al vittoria a mio padre. Appena ho saputo della vittoria, sono stato con mia madre davanti alla lapide che ricorda il luogo del suo sacrificio. Ma Burrafato non è solo, nella lista di figli di agenti di custodia che sono diventati sindaci. Un illustre predecessore di Burrafato, infatti è Michele Megale, ex Sindaco della città di Trapani, figlio dell’agente di custodia Megale Giovanni nato a Melfi l’8 maggio 1905, inviato in servizio a Trapani negli anni trenta. Megale, monarchico della prima ora, aderisce in seguito alla Democrazia Cristiana, ricoprendo varie cariche, consigliere comunale, assessore ed infine Sindaco di Trapani, nonché presidente della Azienda Municipalizzata dei Trasporti (SAU) e dell’Ente Luglio Musicale. Tra gli eventi più importanti della sua sindacatura, l’aver ricevuto l’8 maggio 1993 Papa Giovanni Paolo II a Trapani.
 
Sarebbe bello conoscere, dalla pagine di questo giornale, quali altri esempi positivi ci sono in Italia di figli di agenti di custodia assurti a posizioni di rilievo nella società; sarebbe questo un omaggio postumo a questi piccoli uomini che sacrificarono i propri affetti, il tempo libero, le proprie idee politiche a favore di uno Stato che per oltre un secolo li ha considerati uno scalino un po’ più alto dei detenuti.

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Ministero della Giustizia condannato a risarcire detenuto:"detenzione disumana"
2771° Natale di Roma - 21 aprile 2018 esibizione della Banda del Corpo di Polizia Penitenziaria
Bollate, sequestro di droga in carcere La denuncia del Sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria
Le Fiamme Azzurre all'' Earth day Italia a Roma dal 21 al 25 aprile 2018
che cosa è la trattativa Stato- Mafia
M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria
Trattativa Stato-Mafia: condannati Dell''Utri, Mori e De Donno. Assolto Mancino
Renato Vallanzasca rimane in carcere. Non ha mai chiesto perdono ai familiari vittime


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Anche mio nonno paterrno era un Agente di Custodia: Pischedda Giorgio: Comandante Guardie Carcerarie nato a Ploaghe-SS-14-03-1886 arruolato 16-12-1907. Cavaliere della corona d'Italia Vittorio Veneto. Comandante nelle carceri: Asinara, Favignana-Santa Caterina Colombaia-TP- Trapani-vicaria...........e molti ancora.
Noi nipoti ne siamo fieri, avendo anche ereditato la sua stupenda e delicata professione di Poliziotto Penitenziario

http://www.poliziapenitenziaria.it/dblog/fotografia.asp?fotografia=57

Di  Enrico Pischedda  (inviato il 02/11/2011 @ 17:31:46)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.45.156


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no





Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

5 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

9 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione