Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Mobbing a Commissario di Polizia Penitenziaria, sentenza TAR: risarcito con 152mila euro


Polizia Penitenziaria - Mobbing a Commissario di Polizia Penitenziaria, sentenza TAR: risarcito con 152mila euro

Notizia del 28/01/2013

in Ricorsi Contenziosi Sentenze TAR CASSAZIONE

(Letto 9964 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater)

ha pronunciato la presente SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 2737 del 2011, proposto da: OMISSIS, rappresentato e difeso dall'avv. Gioia Maria Scipio, con domicilio eletto presso Paolo Ricciardi in Roma, v.le Tiziano, 80;
contro
Ministero della Giustizia (D.A.P.), rappresentato e difeso dall'Avvocatura Gen.Le Dello Stato, domiciliata per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12;
per il risarcimento danni per mobbing - ex art. 30 c.p.a.

FATTO e DIRITTO

Con il ricorso in epigrafe il ricorrente ha chiesto il risarcimento del danno biologico e morale ex artt. 30, 1, e 34 CPA.
Il risarcimento è chiesto in relazione a quanto statuito dalla precedente sentenza del TAR Lazio, Roma, I, n. 3552 del 2004.
In particolare, la decisione ha affermato che .
In proposito, sono state ritenute tutte fondate le seguenti censure : .
Il ricorso in epigrafe contiene i seguenti motivi di diritto :
1). Responsabilità contrattuale della PA per violazione del diritto alla salute, ex art. 32 Cost.; e norme poste a tutela del lavoratore, ex art. 2087 cc, L. 395/1990; DLGS 443/1992; disposizioni del DPR 3/1957; responsabilità per mobbing.
In data 10.12.2012 il ricorrente ha depositato altra memoria difensiva.
Il ricorso è fondato e meritevole di accoglimento nei termini di seguito illustrati.
I). In via assolutamente preliminare deve rappresentarsi che nessun dubbio può sussistere sulla spettanza della giurisdizione a questo Giudice con riguardo alla pretesa risarcitoria in oggetto
Ciò premesso, ad avviso della Sezione, il principio dal quale muovere al fine della risoluzione della questione per cui è causa, è rappresentato dalla costante affermazione giurisprudenziale secondo cui – prima ancora dell’entrata in vigore del CPA e già a seguito della novella di cui alla l. n. 205/2000 – “Il riconoscimento del diritto al risarcimento del danno per lesione di interesse legittimo è condizionato dalla verifica di tutti i requisiti di legge che sono la lesione della situazione soggettiva di interesse tutelata dall'ordinamento (danno ingiusto) e l'accertamento del dolo o della colpa della p.a., la cui imputabilità è esclusa sia ove la violazione delle regole sia l'effetto di un errore scusabile sia ove non possano essere mosse censure sul piano della diligenza e della perizia.” (Consiglio Stato, sez. VI, 4 novembre 2002, n. 6000).
II). In punto di fatto – non è superfluo rammentarlo- parte ricorrente fu destinataria del provvedimento di revoca dalle funzioni di Comandante di reparto.
Sulla illegittimità del provvedimento de quo non è il caso di soffermarsi: essa costituisce dato pacifico, posto che questo Tribunale Amministrativo Regionale ebbe ad annullarlo con sentenza n. 3552/2004.
Il pregresso annullamento del provvedimento non determina ex se ed in via automatica la sussistenza di un danno ingiusto risarcibile ai sensi del paradigma normativo di cui all’art. 2043 cc: la delibazione sul petitum risarcitorio postula invece che ci si soffermi sulla ricorrenza di tre ulteriori condizioni:
a). l'esistenza di un nesso eziologico tra provvedimento illegittimo ed evento dannoso (T.A.R. Veneto, sez. II, 31 marzo 2003, n. 2166);
b). la sussistenza di una condotta dolosa o colposa imputabile all’amministrazione (intesa, quest’ultima, quale “apparato amministrativo”, nel solco inaugurato dalla sentenza n. 500/1999 della Suprema Corte di Cassazione);
c). la ricorrenza di un danno risarcibile diverso ed ulteriore rispetto a quello eliso dalla sentenza demolitiva del provvedimento.
Quanto all’aspetto del nesso eziologico, è pacifico che per effetto del provvedimento di revoca il ricorrente è stato, doverosamente, sospeso dalle proprie mansioni.
Circa l’aspetto dell’elemento soggettivo e’ doveroso soffermarsi, quanto a tali ultimi aspetti, sulle circostanze fattuali che seguirono alla revoca dell’incarico del ricorrente.
Nel caso di specie, tuttavia, occorre considerare che la citata sentenza del TAR n. 3552/2004 ha accertato che .
Dunque, sono integrati senz’altro gli estremi di una condotta colposa.
Nessun dubbio, quindi, può sussistere in ordine alla ricorrenza dell’elemento della colpa in capo all’amministrazione.
Alla luce dei predetti criteri nella fattispecie, ad avviso del Collegio, il comportamento dell'Amministrazione non può essere ritenuto giustificabile, non ricorrendo alcun elemento, né di fatto né di diritto, che possa rendere giustificabile l'adozione da parte dell'amministrazione di atti illegittimi.
Quanto alla ricorrenza di un danno risarcibile, esso è senz’altro ravvisabile sotto il profilo del danno biologico e patrimoniale subito dal ricorrente per mobbing.
Premesso che chi lamenta un danno da lesione di interessi legittimi, causato da un provvedimento illegittimo della p.a. non può pretenderne il risarcimento se non provveda ad impugnare l'atto asseritamente fonte di danno chiedendone l'annullamento (T.A.R. Lazio, sez. II, 14 febbraio 2005, n. 1259; Consiglio Stato, sez. IV, 27 dicembre 2004, n. 8215), nel caso in esame va evidenziato che il ricorrente ha regolarmente impugnato il provvedimento di revoca delle funzioni chiedendone contestualmente la sospensione cautelare.
Circa la quantificazione del danno in parola, il ricorrente ha depositato una perizia di parte del Dr. Arcangelo Italiano - dirigente psichiatra ASL RM C - alla quale il Collegio ritiene di potere fare riferimento sia in quanto basata su parametri oggettivi di legge e sia poiché non sussiste alcuna contestazione di controparte.
In particolare la perizia conclude nel senso che < il Omissis ha dichiarato di non avere mai presentato disturbi della sfera psichica, almeno prima del settembre 2002. Successivamente manifestava una serie di sintomi e disturbi della sfera psichica che si strutturavano nel tempo. Tale quadro psicopatologico, in considerazione del tempo trascorso dall’evento primario (quasi 7 anni) della storia clinica del soggetto e del sostanziale insuccesso della terapia farmacologica e di quella psicologica – presenta ormai le caratteristiche cliniche della in emendabilità e della permanenza assoluta. Valutato in chiave psico- diagnostica il Omissis attualmente manifesta un quadro psicopatologico composto da una sindrome depressiva ricorrente di gravità medio-elevata associata da ansia episodica parossistica; tale danno oggi è valutabile al 35% (trentacinquepercento) della totale invalidità>.
In conclusione, il Collegio ritiene di dover accogliere il ricorso e di dover liquidare il danno così come prospettato dall’interessato nell’ultima memoria depositata il 10.12.2012.
Sul punto, la quantificazione del danno biologico operato sulla base delle tabelle del Tribunale di Roma 2012 per un soggetto di 40 anni (età che il ricorrente aveva quando è stato adottato il primo provvedimento ) evidenzia le seguenti cifre :
35% di invalidità permanente : € 127.118,78;
180 giorni di IT assoluta (€ 103.30 al giorno): € 18.594,00;
90 giorni di IT al 50% (€ 51.65 al giorno) : € 4.648,50;
90 giorni di IT al 25% (€ 25.83 al giorno) : € 2.324,70
per un totale complessivo di € 152.685,98.
A questo si devono aggiungere interessi e rivalutazione come per legge.
Le spese seguono la soccombenza e sono liquidate in dispositivo.

 

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Prima Quater) definitivamente pronunciando :
Accoglie il ricorso, come in epigrafe proposto nei sensi di cui in motivazione e condanna il resistente a corrispondere all’interessato la somma di € 152.685,98, oltre rivalutazione e interessi come per legge.
Condanna il resistente al pagamento delle spese di giudizio in favore del ricorrente per complessivi € 2000,00 (duemila/00).
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 10 gennaio 2013 con l'intervento dei magistrati:
Elia Orciuolo, Presidente
Giampiero Lo Presti, Consigliere
Maria Ada Russo, Consigliere, Estensore

DEPOSITATA IN SEGRETERIA
Il 28/01/2013

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)

Fermare l'immunità dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria? Fermare l'immunitá dei Dirigenti del DAP. Cosa può fare la Polizia Penitenziaria?




 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada
Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria
15 febbraio 1977, 40 anni fa l''arresto di Renato Vallanzasca


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


con tutto il rispetto simone, prima di saper usare il pc bisognerebbe imparare meglio a scrivere. ma la colpa non è tua, ma di un'amministrazione che ci costringe all'ignoranza per meglio manipolarci.

Di  Antonio  (inviato il 14/03/2014 @ 00:09:08)


n. 5


e in pensione e addapavaaaaaaa bisogna pignorargli la lauta pensione .

Di  dap dap dap  (inviato il 13/03/2014 @ 15:47:52)


n. 4


gli assisternti capo dopo 35 anni in servizio non si puo mandarli in pensione senza fargli fruire di un avanzamento, a vicesovrintendente e assurdo, poi guardando tutti quei upg che sono diventati sovrintendenti e non dare l'opportunita a chi veramente ha alte capacita professionali significa bloccare un qualcosa che sara denigratorio verso chi merita di diventare sovrintendente fate qualche cosa sindacato sappe non e possibile che io oggi faccio verbali per i vicesovrintendenti che neanche un compiuter sanno usare

Di  simone  (inviato il 01/04/2013 @ 20:53:05)


n. 3


Allora il Grande E solerte DIRETTORINO del epoca deve mettere le mani al portafogli e pagare di tasca propria x la sua incapacita' se e in pensione trattenergli una parte della pensione , a dapava'

Di  si  (inviato il 01/02/2013 @ 08:46:35)


n. 2


.... provvedimento del 27.10.2003 con cui il Direttore generale della Direzione generale del personale e della formazione del DAP ha disposto la revoca del ricorrente dalle funzioni di Comandante di reparto della Casa circondariale di Viterbo con contestuale distacco del medesimo presso il Centro di servizio sociale per adulti della stessa città

Di  Ispettore inca...to  (inviato il 31/01/2013 @ 11:23:51)


n. 1


mA E' POSSIBILE SAPERE IL NOME DI QUESTO GRANDE DIRETTORE CHE HA PROVOCATO TUTTO QUESTO ???

Di  STANCODISUBIRE  (inviato il 31/01/2013 @ 11:20:14)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.185.157


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

9 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada

10 Danneggiò le auto dei Poliziotti nel parcheggio del carcere di Ancona: individuato grazie alle telecamere


  Cerca per Regione