Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Nella vita chi si comporta bene ottiene vantaggi, chi si comporta male no. Perché in carcere non è così?


Polizia Penitenziaria - Nella vita chi si comporta bene ottiene vantaggi, chi si comporta male no. Perché in carcere non è così?

Notizia del 05/05/2013

in Chiacchiere da Bar

(Letto 2678 volte)

Scritto da: Uomo Qualunque

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Quando una persona entra in carcere deve avvertire subito una differenza rispetto alla vita che faceva fuori. Oltre alla libertà di muoversi dove vuole, alla persona detenuta devono essere tolte anche delle agevolazioni, troppo spesso date per acquisite perché ritenute ormai uno standard di vita irrinunciabile. A molti, queste parole sembrano scontate e dettate solo dal buon senso, ad altri sembrano concetti retrogradi e non degni di un Paese civile.

Per quanto mi riguarda, sono concetti giusti e sacrosanti e sono d’accordo con l’impostazione che il Chris Grayling, attuale Ministro della Giustizia della Gran Bretagna con il governo Cameron, sta portando avanti e che ha riassunto così: “I detenuti devono avvertire il cambiamento della propria vita quando entrano in carcere». Il Ministro ha proposto di introdurre nuove regole e ha annunciato una stretta sulle condizioni carcerarie in linea con i principi di merito. E quindi niente televisione, niente abiti civili (per le prime due settimane), niente facile accesso a denaro e a troppi colloqui famigliari. E tempi ridotti in palestra. Tutti i detenuti, cioè, dovranno indossare le divise, vivere senza tv, avere pochi contanti per gli extra e limitati contatti con i famigliari. Almeno all'inizio. “Poi - ha continuato Grayling - le condizioni potranno essere migliorate installando di nuovo le tv in cella e tutti i benefits che ora sono dati per acquisiti. Dipenderà naturalmente dal comportamento dei detenuti”.

A me non sembranon concetti solo afflittivi della pena come molti si ostinaneranno a denunciare e a scandalizzarsene.

Divise per i detenuti per le prime due settimane di detenzione? Si. Niente canali satellitari sportivi nelle ore diurne in cui si dovrebbe lavorare o studiare? Certamente! Sistema “premiale” per avere più colloqui e contatti con il mondo esterno? Assolutamente si.

Un conto è un sistema penitenziario vendicativo ed oppressivo che la storia ci ha insegnato essere un sistema che non funziona, altra faccenda è quella di far finta (come avviene adesso in Italia) di rispettare la dignità dei detenuti concedendo loro un po’ di tv, un campetto da calcio, un po’ d’assistenza del mondo del volontariato... Così non va. Ora ci ritroviamo in un pantano in cui la tv è sacrosanta, ma se un detenuto insulta o aggredisce un poliziotto, un rappresentante dello Stato, qualche Direttore chiude un occhio per il quieto vivere e per non urtare la suscettibilità dei tanti “progressisti” (che si autodefiniscono progressisti) che da fuori fanno finta di osservare il carcere, comodamente seduti nelle loro poltrone. 

Con questo non voglio dire che in carcere si faccia una bella vita e che bisogna trattare male le persone detenute, ma riappropriarsi di un concetto semplice quanto opportuno, ritornare cioè ad un sistema “premiale” (che il nostro ordinamento penitenziario peraltro teorizza abbondantemente), mi sembra un’operazione necessaria anche in Italia.

Ben vengano anche da noi delle regole per introdurre dei limiti al potere discrezionale dei Direttori delle carceri o dell'equipe trattamentale (che di fatto non esiste nella maggior parte delle carceri) che introducano certezze sui modi e i tempi per premiere o punire chi si comporta male in carcere! E soprattutto, finiamola con questo falso buonismo che premia chi in carcere fa finta di essere un agnellino! La (presunta) mancanza di cattivi comportamenti non può essere la sola condizione per ottenere una vita "normale" in carcere.

Secondo me è inutile teorizzare un sistema penitenziario all’avanguardia (come spesso si sono vantate le persone che in carcere non ci hanno mai lavorato veramente) e poi buttare alle ortiche un concetto che sta alla base del nostro modello di convivenza civile: se ti comporti male, ottieni svantaggi; se ti comporti bene, hai delle agevolazioni.

Non so voi, ma io faccio così anche con i miei figli, senza per questo dover ricorrere ai ceffoni...

Leggi anche: http://www.guardian.co.uk/society/2013/apr/30/prison-uniforms-perks-chris-grayling

 


Scritto da: Uomo Qualunque
(Leggi tutti gli articoli di Uomo Qualunque)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


In Italia purtroppo non sarebbe attuabile questo programma, semplicemnte perchè il delinquente varcata la soglia del carcere non è più tale ma diventa un martire, vittima della società, del degrado , della disoccupazione, del disagio sociale ecc. ecc. ecc. Nessuno a livello politico penserebbe neanche per un solo istante di fare un discorso simile, avrebbe contro tutte le associazioni umanitarie, i partiti politici di estrema sinistra, amnesty international, nessuno tocchi caino, antigone ed inoltre i detenuti forti di questi appoggi comincerebbero subito con le rivolte ed avrebbero in soccorso la magistratura. Non si riesce a togliergli il vino pur sapendo che è fonte di traffici illeciti e causa della maggior parte dei problemi di ordine e sicurezza e avrebbero il coraggio di fare certe azioni? I voti alle elezioni non si pesano, si contano, i delinquenti ne portano a volontà verso chi li tutela perciò i politici eletti da queste persone se ne guardano bene dal tagliare il ramo su cui sono seduti. Comodamente e lautamente.

Di  cairo 74°  (inviato il 05/05/2013 @ 23:55:18)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.23.50.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione