Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Nicola Gratteri: amnistia e indulto non sono assolutamente una soluzione, il messaggio sarà che in Italia si può aggiustare tutto


Polizia Penitenziaria - Nicola Gratteri: amnistia e indulto non sono assolutamente una soluzione, il messaggio sarà che in Italia si può aggiustare tutto

Notizia del 14/10/2013

in Il Commento

(Letto 3469 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


“L’amnistia e l’indulto non sono assolutamente una soluzione. La cosa grave è far passare il messaggio che in Italia alla fine tutto si può aggiustare e c’è uno sconto”. Sono le parole rilasciate ai microfoni di “24 Mattino”, su Radio24, da Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria.

 

Vuole che parliamo dell'indulto? Ma è già stato detto così tanto...". Non è che repetita iuvant. È che nonostante le molte voci contrarie a indulto e amnistia, questo Paese continua a fare gli stessi errori. E allora Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria, decide di raccontarci cosa pensa.

Dottor Gratteri, che opinione ha di questo susseguirsi ravvicinato di provvedimenti di clemenza?
La cosa grave è che si mette nella testa della gente l'idea che alla fine tutto s'aggiusta. Che non esiste la certezza della pena. Che in primo grado, in appello o addirittura dopo la sentenza definitiva qualcosa succede, perché uno sconto ci sarà sempre per tutti. Negli ultimi anni il tema del sovraffollamento delle carceri è stato molto dibattuto. Eppure non è stato fatto nulla, né in termini di politica penale né di strutture. Abbiamo assistito a grandi proclami, dibattiti, conferenze.

Ma perché, per esempio, i vari ministri che si sono succeduti non sono andati in Albania, in Romania, in Tunisia e in altri Paesi ad aprire un dialogo per definire trattati bilaterali?
Su quale tema? Sulla possibilità di far scontare la pena ai detenuti stranieri condannati in Italia nei loro paesi d'origine. In Italia nel 2012 c'erano 112,6 detenuti per ogni 100 mila abitanti. La media europea è 127,7. Quindi noi siamo sotto la media: questo ci dice che il problema non è che sono troppi i detenuti è che sono poche le carceri. Ci sono istituti penitenziari chiusi per mancanza di personale.

Perché nel 1994 sono state chiuse Pianosa e l'Asinara?
Si potrebbero riaprire e mandarci i detenuti con il 41-bis, per esempio. Ma diciamo di più: in provincia di Cagliari c'è un carcere quasi finito, costruito appositamente per i 41-bis, mai utilizzato per mancanza di personale. In provincia di Nuoro un'intera sezione dedicata ai 41-bis ed è vuota. Del famoso piano carceri di Alfano non si è visto nemmeno un mattone. La politica non si è mai occupata seriamente del problema, per miopia. Si dice che mancano i soldi, ma trovarli non sarebbe così complicato. Penso ai milioni di soldi buttati per la mancata informatizzazione dei processi. Facciamo un esempio. Per notificare 50 ordinanze di custodia cautelare in carcere, si spendono circa 30 mila euro tra carta, toner e forza lavoro. Potremmo risparmiarli notificando al detenuto un cd con il pdf. Quando arriva in carcere potrebbe leggere l'ordinanza su un pc. Se l'obiezione è dove si trovano i soldi, le dico che i tribunali italiani e le procure sono piene di computer inutilizzati. Poi, se io fossi al ministero della Giustizia, comprerei 10 mila tablet (a gara costerebbero assai poco) e ne darei uno a ogni detenuto: tutti gli atti - ordinanza, avviso di fine indagine, avviso di fissazione udienza, la sentenza e tutto il resto - verrebbero notificati lì.

Quanti soldi risparmieremmo?
Milioni. Basta pensare a tutte le ore spese dalla polizia giudiziaria per notificare atti in giro per l'Italia. Con quei fondi potremmo pagare gli straordinari alla polizia penitenziaria e colmare la carenza di personale. Per completezza aggiungo che nella commissione Letta, della quale faccio parte, sono già state depositate modifiche in tal senso. Speriamo bene. Il problema, lo hanno sottolineato più volte anche le istituzioni europee, esiste. In una delle condanne a carico dell'Italia si parla di tortura per il trattamento inumano della popolazione carceraria.

Qualcosa bisogna fare: cosa suggerisce?
Ci sono reati tipici commessi dai tossicodipendenti per comprarsi la dose. Perché, quando vengono condannati, stanno in carcere trattati con il metadone? Non serve a niente. Le statistiche dicono che su dieci tossicodipendenti che entrano in comunità, quattro guariscono. E allora la soluzione può essere pensare a comunità di recupero più chiuse, protette e sicure. Dove questi particolari detenuti possano cominciare un recupero e salvarsi la vita.

E la proposta di abolire alcune leggi "riempi-carceri" come la Bossi-Fini sull'immigrazione, la Fini-Giovanardi e la ex Cirielli?
Sono dettagli, in fondo non spostano di molto il numero dei detenuti. Il problema non è se le condizioni di vita nelle carceri italiane non sono degne di un paese civile. Su questo non c'è dubbio. Non è civile che dal carcere si esca perché si sta stretti: in un paese civile si esce dal carcere perché si è scontata la pena e si è iniziato un percorso di recupero. Vero. L'ultimo indulto è stato nel 2006.

Che effetti ha avuto?
La storia ci ha dimostrato che non è servito assolutamente a nulla. Sono usciti 20 mila detenuti e dopo tre anni siamo tornati allo stesso numero di popolazione carceraria.

 

ilfattoquotidiano.it - radio24.it

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


A proposito del dott. Gratteri, notizie di poche ore fa.
Due finti Agenti nell'appartamento del figlio dove studia all'università di Messina.
Hanno messo sotto scorta anche il figlio di questo grande magistrato.
Lo penso stamattina, lo pensai all'epoca che, Renzi abbia sbagliato a non nominarlo Ministro della Giustizia o Capo del Dipartimento.


Di  Nino da Reggio C.  (inviato il 18/01/2016 @ 11:45:02)


n. 2


Ho avuto l'onore di conoscere il Dott. Gratteri presso la Scuola di Formazione di Portici. Era il 2005, i suoi pensieri di giudice e soprattutto di uomo dalle umili origini, le tante cose che voleva a che vorrebbe ancora fare, la grinta, la "raffinata intelligenza" e lo smalto, non l'ha mai perso. Mi stupisce soprattutto ciò che continua a proporre. Riscontro però mio malgrado che la sua schiettezza continua a fare TANTA PAURA, soprattutto ai tanti politici di turno "E NON della politica"....che di carcere non ne sanno nulla. Vi confesso che uno dei miei desideri più ricorrenti è quello di apprendere che prima o poi potrà essere finalmente a capo del dicastero a cui apparteniamo...
A noi...Poliziotti Penitenziari che abbiamo giurato fedeltà allo Stato, a quel gesto simbolico, "Dobbiamo" tutti i Santi giorni rifarci. Costi quel che costi. Ma queste sono soltanto le parole di uno che per anni continua a credere ancora che qualcosa cambierà. Spero ancora che l'apparato della giustizia e perchè no, il nostro Glorioso Corpo della Polizia Penitenziaria possa finalmente essere gestito da persone umili che, non pensano ad altro che al LAVORO.
Buon lavoro a tutti.

Di  Gianni Trumino  (inviato il 15/10/2013 @ 18:16:48)


n. 1


gli exstracomunitari definitivi devono andarsene a scontare la pena nei loro paesi e non liberi per strada

Di  domenico  (inviato il 15/10/2013 @ 16:54:40)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.199.76


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

5 Riordino vuol dire mettere ordine

6 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Cos''è e come funziona la Banca dati nazionale del Dna





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione