Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Non esistono carceri “belli” e carceri “brutti”. Non ha senso “classificare” gli istituti penitenziari, specialmente Sant’Angelo dei Lombardi


Polizia Penitenziaria - Non esistono carceri “belli” e carceri “brutti”. Non ha senso “classificare” gli istituti penitenziari, specialmente Sant’Angelo dei Lombardi

Notizia del 07/09/2013

in Ma mi faccia il piacere ...

(Letto 3709 volte)

Scritto da: Attilio Russo

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Non esistono “ carceri belli o carceri brutti ” è la risposta che vogliamo fornire a chi classificava ottimo e punta di diamante l’Istituto di Reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi, come fosse un eden rispetto ad altri Istituti.

I penitenziari, secondo il nostro parere, sono tutti luoghi di estrema sofferenza umana ed oggetto di quotidiane ed inaspettate criticità imprevedibili.

Tra l’altro, bisogna osservare, in proposito, che la struttura in questione è la più recente per edificazione rispetto ad altre strutture che superano tutte abbondantemente i 50 anni nella regione e la popolazione detenuta dell’Istituto irpino resta contenuta ed è selezionata prima dell’assegnazione per posizione giuridica e fine pena.

Il Sappe primo sindacato di categoria della Polizia Penitenziaria, in più occasioni, ha ribadito la necessità che i detenuti devono vivere la detenzione secondo i dettami ordinamentali e costituzionali, anche perché quanto più stanno bene i detenuti tanto più stanno bene i Poliziotti nel loro servizio.

L’azione del Sindacato Autonomo della Polizia Penitenziaria resta soprattutto rivolta in primis, alle esigenze del Personale che opera sul territorio nazionale, quindi non possiamo condividere differenze di giudizi ed apprezzamenti verso il Personale che opera nelle diverse strutture, siano esse quelle di Sant’Angelo dei Lombardi, di Poggioreale od altre.

Le componenti e gli elementi alla base del buon funzionamento delle strutture penitenziarie sono tanti e diversi che devono anche coincidere tra di loro.

Invece, a dire della uil-penitenziari attraverso alcuni comunicati, solo tre sembrerebbero gli Istituti che funzionano in Italia tra cui uno è quello proprio di Sant’Angelo dei Lombardi.

Purtroppo a smentire le dichiarazioni del coordinatore generale della uil-pen, è giunta la triste e drammatica notizia di un ennesimo suicidio di un anziano detenuto, suicidio guarda caso messo in atto proprio nell’Istituto di Reclusione santangiolese.

Non intendiamo creare demagogie e strumentalizzazioni su drammatici eventi, né sulla qualità della detenzione dei ristretti, ma ci teniamo a sottolineare che l’impegno del nostro sindacato di categoria è quello di garantire al Personale della Polizia Penitenziaria tutti i diritti oggettivi e soggettivi spettanti.

A tal proposito dobbiamo evidenziare che la sede di Sant’Angelo dei Lombari, aperta da dieci anni, non ha ancora una pianta organica definita e stabile sia per quanto concerne il personale del comparto sicurezza sia per quello del comparto ministeri.

Il Sappe ha inoltre denunciato più volte che conseguenza di ciò è costituito dal fatto che il Personale del Corpo di Polizia viene impiegato ordinariamente in compiti di certo non Istituzionali con turnazioni fisse a discapito del Personale impiegato in turni più usuranti H.24.

Per quanto concerne l’organico del Corpo presente a Sant’Angelo bisogna ancora evidenziare che un contingente rilevante di Personale risulta ancora assegnato temporaneamente ormai da anni occupando posti che dovrebbero essere destinati al Personale più anziano che figura in posizione utile nella graduatoria nazionale che da anni cerca di raggiungere, invano, la sede richiesta.

È necessario rappresentare che il servizio della Polizia Penitenziaria svolto presso l’Istituto di Sant’Angelo è praticamente adempiuto in una sede disagiata sia per le condizioni geografiche – altitudine -, climatiche e difficoltà di comunicazione con i mezzi di trasporto, mentre alle altre FF.OO. vengono riconosciute particolari indennità e benefici per tali disagi e al nostro Personale, oggi, sono ancora negati.

Non a caso, il Sappe di Avellino ha in diverse occasioni vantato la struttura in questione per l’efficienza, ma nello stesso tempo non si può dimenticare mai di evidenziare le criticità e i disagi che le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria affrontano tutti i giorni presso la Casa di Reclusione di Sant’Angelo dei Lombardi, questioni queste oggetto di dettagliate corrispondenze delle quali, pazientemente, si è ancora in attesa di ricevere le dovute risposte .

 
 
 

Scritto da: Attilio Russo
(Leggi tutti gli articoli di Attilio Russo)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada
Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 9


complimenti per l'articolo hai centrato appieno la situazione delle carceri italiane.
spero tanto che qualcosa cambi e al piu' presto possibile.
di nuovo complimenti

Di  N.S.  (inviato il 11/09/2013 @ 14:22:09)


n. 8


Ma il direttore è distaccato anche lui? I suoi predecessori cosa gli hanno lasciato?

Di  Achille  (inviato il 10/09/2013 @ 23:33:54)


n. 7


Chiedo di avere rispetto, per i vostri commenti, perché ne arrivano alcuni troppo spinti verso chi dirige egregiamente l'Istituto di S. Angelo. L'articolo è stato redatto per fare e dare chiarezza a dichiarazioni non confacenti alla realtà penitenziaria che in questo periodo storico sta vivendo una drammatica realtà. Pertanto rispondete e commentate l'articolo.....

Di  attilio russo  (inviato il 10/09/2013 @ 15:29:24)


n. 6


Ma il direttore è distaccato anche lui? I suoi predecessori cosa gli hanno lasciato?

Di  Achille  (inviato il 09/09/2013 @ 22:51:38)


n. 5


Conosciamo bene il direttore Forgione decantato per paura di essere oscurati, come tanti poveri sindacalisti che sono passati e poi scappati dall'istituto di Sant'Angelo, perché il sindacato è fatto solo da lui, e quelli che sono rimasti hanno solo il compito di compiacerlo, sindacalisti falliti e opportunisti.

Di  batticuore28  (inviato il 09/09/2013 @ 18:29:54)


n. 4


grande il direttore di sant'angelo! 1000 in tutti gli istituti italiani come lui! non vi fossero problemi di nessun genere!informatevi bene! mi darete ragione 100%!!!!!!!grande il dott. forgione!!

Di  leopardi marco  (inviato il 09/09/2013 @ 15:46:35)


n. 3


altro che sotto la stessa bandiera...................

Di  arco  (inviato il 08/09/2013 @ 23:30:07)


n. 2


A dire il vero credo che oltre al fatto che l'istituto di Sant'Angelo sia bello nell'estetica, credo che la delegazione che ci è venuta a trova perchè sentiva la necessità di ossequiare il Direttore e un poco il Comandante, anche egli sotto la stessa bandiera.
I problemi sono i nostri e se io quest'anno avevo la doppia tessere anche con loro, allora credo questa volta giuro li mando a casa.

Di  carabina 12  (inviato il 08/09/2013 @ 13:00:11)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.185.157


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

10 Anche i mafiosi hanno fame





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

7 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

8 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione