Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Nonostante le REMS, in carcere sono necessari reparti di osservazione e trattamento psichiatrico con l’ausilio di personale sanitario specializzato


Polizia Penitenziaria - Nonostante le REMS, in carcere sono necessari reparti di osservazione e trattamento psichiatrico con l’ausilio di personale sanitario specializzato

Notizia del 26/09/2016

in Accadde al penitenziario

(Letto 1413 volte)

Scritto da: Agente Sara

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Si sta andando, ormai, verso la totale chiusura degli OPG (Ospedali Psichiatrici Giudiziari) a favore delle REMS (Residenze per l'Esecuzione delle Misure di Sicurezza detentive).

Secondo la norma, le REMS si caratterizzano per  l'adozione di una terapia idonea alla riabilitazione del soggetto ricoverato, prendendo in considerazione la misura di sicurezza giudiziaria, la pericolosità personale e sociale e il reato commesso.

In queste nuove strutture, la stessa normativa non prevede l'impiego del personale del Corpo di Polizia Penitenziaria, salvo casi specifici disciplinati e richiamati dalla circolare dipartimentale n. 0188857 del 31.05.2016, ovvero l’impiego limitatamente ai servizi di scorta  in caso di trasferimenti, piantonamenti e traduzioni delle persone ricoverate, se disposti da parte dell'Autorità Giudiziaria.

A prescindere dalle persone ricoverate nelle REMS, però, presso gli istituti penitenziari, a tutt’oggi, esistono detenuti affetti da problemi di natura psichica, i quali rappresentano un grande problema di gestione, soprattutto quando non si riceve il supporto necessario.

Capita così che l’agente di servizio, in prima linea, durante il proprio turno può correre il rischio di ritrovarsi a dover calmare il ristretto che, improvvisamente, può dare in escandescenza.

Oltremodo, non tutte le realtà penitenziarie presentano dei veri e propri reparti dedicati all’osservazione e al trattamento psichiatrico dei detenuti affetti da disturbo mentale.

Infatti,  il più delle volte, i ristretti in questione si ritrovano nei reparti comuni con il resto della popolazione detenuta, e ben si comprende come ciò non è certamente la soluzione migliore.

Talvolta, i ristretti affetti da disagio psicologico vengono allocati nei reparti infermeria, ma anche questa, a mio avviso, non è la migliore ubicazione. Anzi, può capitare che proprio l’infermeria ospiti detenuti affetti da patologie delicate, ad esempio disabilità motorie oppure malattie cardiache, per le quali sarebbe auspicabile una situazione tranquilla, piuttosto che quella dove un detenuto affetto da malattia psichica, soprattutto in fase acuta, può degenerare in circostanze altamente stressogene.

Per queste ragioni sarebbe, invece, necessario realizzare all’interno del carcere un reparto di osservazione e trattamento psichiatrico per i detenuti affetti da disturbo mentale, garantendo la presenza di medici psichiatri e personale infermieristico specializzato, che siano, obbligatoriamente, presenti H 24.

Inoltre, il personale di Polizia Penitenziaria impiegato in servizio in questi reparti deve necessariamente essere adeguato nei numeri, considerata la particolare tipologia di utenza, e deve ricevere una specifica formazione, affinché possa gestire al meglio le situazioni di disagio lavorativo che, purtroppo, vengono ancor di più ad accentuarsi in presenza di detenuti affetti da disturbi psichici, con tendenza a gesti autolesionisti ed aggressivi verso chiunque vi sia attorno.

Per essere funzionale, il reparto in esame deve avere camere detentive idonee, ove tutto deve essere concepito per evitare di diventare un’arma pericolosa.

E’ notorio, infatti, che un detenuto con disturbi psichici potrebbe utilizzare ogni oggetto presente nella cella per farsi del male o per far del male ad altri. Perciò, se tutto viene costruito ad hoc, anche durante una crisi del detenuto è meno pericoloso mantenere il controllo della  situazione.

Nel reparto psichiatrico, inoltre, dovrebbero essere istituite una serie di attività propedeutiche ad un percorso di recupero e/o di stabilizzazione della patologia, così da poter reinserire il ristretto  nei reparti comuni,  una volta ritrovato un minimo di equilibrio.

Ovviamente, anche questa è una proposta finalizzata a migliorare, di riflesso, il lavoro dei poliziotti penitenziari che oggi, purtroppo, in assenza di reparti simili corrono continuamente il rischio di ritrovarsi in situazioni borderline, difficili da gestire e che, inevitabilmente, contribuiscono ad alimentare il malessere sul posto di lavoro.

 

 


Scritto da: Agente Sara
(Leggi tutti gli articoli di Agente Sara)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 1


Gli O.P.G. non dovevano chiudere. E' sotto gli occhi di tutti ciò che accade in molte REMS.
Semmai il DAP ed il governo avrebbero dovuto farli funzionare bene, rimuovendo il marciume che in talune realtà sguazzava da molti decenni. Ma le intenzioni non ci sono state. Peccato.
Penso nel mio piccolo, che a poco a poco smantelleranno del tutto l'intero Corpo, è questione di tempo.
Ma poi si ricorrerà come sempre alle leggi emergenziali e si capirà che è stato sbagliato, quindi si farà ricorso nuovamente al vecchio modello.
In Italia si lavora sempre in emergenza. E' stato sempre così, è così sarà in futuro.

Di  anonimo  (inviato il 26/09/2016 @ 11:35:10)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.5.230


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

3 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

4 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

5 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

6 Diventa anche tu Capo del DAP!

7 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

8 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

9 C’era una volta la sentinella

10 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione