Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Nuclei Traduzioni e Piantonamenti : Un disastro annunciato


Polizia Penitenziaria - Nuclei Traduzioni e Piantonamenti : Un disastro annunciato

Notizia del 28/09/2012

in Houston abbiamo un problema

(Letto 5757 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Non c’è nulla di gradevole nell’essere profetici ed aver annunciato al mondo penitenziario, in tempi non sospetti, il disastro cui si andava incontro se si fosse continuato a gestire i Nuclei Traduzione senza soldi per la benzina, senza soldi per la manutenzione dei mezzi, con l’uso di automezzi fatiscenti che hanno fatto 11 volte il giro del mondo, con un turismo giudiziario esagerato, con l’accompagnamento in ogni dove di ogni detenuto sia esso agli arresti domiciliari o con la pericolosità uguale o pari a quella di un passerotto.

Siamo arrivati al capolinea: furgoni che prendono fuoco per strada, udienza che slittano creando un clamore mediatico, ricoveri di detenuti che non vengono eseguiti per mancanza di automezzi, interi NTP bloccati per mancanza di certificati di affidabilità, traduzioni eseguite con staffette di mezzi che partono da un Istituto per prelevare detenuti in altri istituti e accompagnare i detenuti di qua e di là, con relative scorte miste, con consumo di centinaia di chilometri giornalieri ed esasperazione da parte del personale.

Traduzioni eseguite in auto pur di assicurare i detenuti nelle aule di giustizia e non fare andare in escandescenza i giudici che hanno sempre e comunque ragione, ma che allo stesso tempo nessuno, negli uffici superiori, si sogna di autorizzare ufficialmente con buona pace dei vari Coordinatori coraggiosi che si prendono la responsabilità di farle ma che in caso di sinistro sono totalmente scoperti, tanto da essere esposti e colpiti nelle parti basse del corpo umano da un mega cetriolo che gira a mezz’aria sempre pronto a colpire la Polizia Penitenziaria.

In mezzo a questo disastro annunciato si assiste ad uno spreco di denaro pubblico degno della Prima Repubblica (che i nostri attuali politici ci hanno fatto rimpiangere); ruberie varie, vite da nababbi alle spalle dei contribuenti, amanti, ostriche e champagne. Qualcuno dice che sarebbe bastato solo il 10% delle cifre nella disponibilità dei Consiglieri regionali del Lazio per rinnovare il parco macchine del DAP o comunque per assicurarne la manutenzione.
 
Non vedo, e non credo che da parte del Governo ci sia la volontà di intervenire drasticamente per dare risposte immediate a tale problema che ha e avrà ripercussioni sul sistema Giustizia già gravemente ammalato. E allora? Fermiamoci tutti. Che i Direttori abbiano il coraggio, almeno per una volta dall’approvazione della “Meduri” di mettere gli attributi sopra le scrivanie e di fermare le traduzioni, pretendendo risposte certe da parte dei Provveditori (Direttori che hanno fatto carriera e che forse hanno dimenticato che qualche mese fa anch’essi lo erano) e che il nostro Capo del Dipartimento abbia il coraggio di scrivere ai signori magistrati la reale situazione che sta attraversando l’Amministrazione Penitenziaria, invitandoli a non rimproverare i capi scorta rei solamente di essere arrivati in ritardo in aula per colpe non ascrivibili a loro.
 
 
 
 
 
 
 

Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 22



traduzione presso istituto x con pernotto presso istituto y, formalmente rispondente alla normativa vigente ANQ, ma anche, non scordiamoci, presumibilmente da equiparare al servizio alberghiero di cui al DPCM 21/10/2008. Dopo circa 13 ore di missione ovviamente con relativi “clienti” al seguito, siamo giunti presso le stanze assegnateci e con sgomento prendevamo atto, come dire, della oggettiva presenza degli arredi previsti. Per il resto non mi pare opportuno e soprattutto elegante scendere in ulteriori particolari. L’intervento non è finalizzato alla sterile polemica, come erroneamente potrebbe sembrare, ma ad una costruttiva riflessione alla luce della legge 183/2011 e sulla sua applicazione. Certamente siamo tutti consapevoli delle norme impositive della cd e ormai nota spending review, tuttavia bisognerebbe prendere coscenza, delle possibilità che l’amministrazione ha nell’offrire alle proprie donne e ai propri uomini, senza distinzione, di ruoli o di comparto, una certa accoglienza. Questo poiché sotto ogni abito vi è come asserisco da tempo una persona con una dignità propria, che credo non sia merce di scambio. Nessuno si aspetta moquette piuttosto che bagni rivestiti di marmo di carrara piuttosto che servizio in camera (anche se negli alberghi di prima categoria non di lusso sono magari presenti), tuttavia sarebbe opportuno (se del caso) non nascondere la testa sotto la sabbia di fronte all’evidenza, peraltro comune a molte realtà, che viceversa magari comunicano che il servizio previsto non è garantito. Indossiamo un uniforme e nelle nostre singole posizioni rappresentiamo un’ Istituzione così come rappresentano lo Stato i singoli Dirigenti dislocati sul territorio che sono caricati di responsabilità, responsabilità demandate dalla legge e che tutti più o meno conosciamo. Nessuno può mettere in discussione, se non eventualmente altrettanti Dirigenti sovra-ordinati, la gestione e l’organizzazione di ogni singola realtà (poiché comunque non se ne conoscono le peculiarità), però nemmeno -il condizionale è d’obbligo- se del caso, adattarsi a situazioni logistiche, come dire, non generali. Un solo dato: un mattino successivo, causa la legittima e consueta chiusura del locale spaccio non è stato possibile fare colazione se non tramite i distributori automatici, che, per carità sono presenti in tutti gli istituti, è di facile immaginazione il servizio che offrono…….. ma, tra l’altro, la prima colazione non rientra tra i servizi previsti ed equiparabili al servizio alberghiero? Credo che una sincera presa di coscenza non possa che cagionare una maggiore e proficua collaborazione fra tutti gli attori in campo senza scaricare a cascata le incombenze, magari sull’ultima ruota del carro. L’austerity non può fare da alibi.

Di  isp.rico massimo  (inviato il 24/10/2012 @ 12:32:52)


n. 21


Se solo immaginiamo che prima del 90 i Carabinieri facevano la meta' dei servizi che facciamo noi con il doppio degli uomini alle traduzioni -
Gia' cio' ci dovrebbe far aprire un apmia discussione .

Oggi per far quadrare i conti , ne il comandante di reparto ne il dirigente della struttura , sollevano urgentemente il problema delle carenze dei nuclei locali , ne chiedeno uomini ai provveditori regionali e ogni giorno per garantire il corretto svolgimento di udienze , ricoveri , viste etc etc , (almeno in alcuni istituti della Toscana non so in altre realta' come procede ) si continua a lesinare sul personale del reparto , gia' carente mettendo cosi non solo a rischio la sicurezza interna , ma aumentando di per se i carichi di lavoro , gia' estenuanti .

E' questa la verita' ognuno vuol farsi bello con quello che ha , ma ovviamente sempre e solamente a pagare e' la Polizia Penitenziaria .

Quanto durera' questa situazione ?????

Di  stancodisubire  (inviato il 11/10/2012 @ 16:32:16)


n. 20


Caro guerriero è vero siamo arrivati al capolinea.Purtroppo è vero i nostri diretti superiori non prenderanno mai una posizione in merito, non avranno mai il coraggio di interrompere le cosidette traduzioni, gli attribbuti sempre ben nascosti tanto il c...o della Pol.Pen è sempre disponibile al cetriolo.
A modesto avviso tutti dovremmo prendere posizione ognuno per il proprio ruolo POSIZIONE e responsabilità.
Voglio concludere dicendo che poche sono le speranze di un immediato miglioramento.
P.S una domanda ma la Benemerita come faceva?

Di  agomal61@tiscali.it  (inviato il 04/10/2012 @ 10:56:29)


n. 19


@Pasquale: sottoscrivo in toto il tuo intervento. molti, troppi ntp, sono diventati, ahimè, dei rifugiom peccatori. a volte si stenta a comporre scorte decenti anche sotto il rpofilo estetico con la solita scusa, magari reale, non biasimo per questo alcuni Funzionari Comandanti anche loro alle prese con mille difficoltà, "questi abbiamo e con queste divise, ringrazia che ci sono!".......Molti conoscenti esterni a volte domandano il perchè siamo vestiti in maniera differente...."articolate", ahimè, le risposte.....bisognerebbe riscoprire anche un minimo di omogenea autorevolezza generale.....senza con questo peccare di facile autoritarismo. questo aspetto dovrebbe essere curato anche e soprattutto dai nostri Funzionari. all'inizio forse per alcuni sarà oggetto di polemica con le solite scuse non ho i miei diritti, sono altri i problemi, ecc., quindi sono autorizzato a......poi magari diventa sana routine. un saluto.

Di  isp. rico massimo  (inviato il 03/10/2012 @ 08:53:56)


n. 18


rispondo senza leggere l'articolo... mi basta il titolo, e pensare che si è sempre puntato sulla visibilità all'esterno del corpo! (ma non era meglio dotare ogni istituto della teleconferenza?) e per fare ciò si sguarnivano le guarnigioni (sembra un gioco di parole) ora che siamo con le pezze al culo dentro e fuori? la coperta è sempre stata corta, ma pensiamo ancora oggi a cosa inventare per imboscare personale mentre dentro si lavora con posti di servizio accorpati senza tener conto dei carichi di lavoro :P sapete che vi dico? finchè la barca va lasciamola andare...........ma io mi sono già rotto!

Di  cicccioo  (inviato il 02/10/2012 @ 22:19:27)


n. 17


Sono uno dei tanti che ha dato inizio alla prima fase di costituzione dei nuclei locali iniziando dal 1995 con i corsi di formazione e l'affiancamento ai carabinieri. Abbiamo dato tanto e ci siamo veramente impegnati e devo dire che quel periodo non esiste più. Voglio semplicemente dire che all'inizio lo si faceva veramente con passione, eravamo dediti al servizio anzi, la famiglia veniva posta in secondo piano. Non lo so perchè forse perchè avevamo voglia di riscattarci e quindi volevamo fare solo bella figura nei confronti degli altri Corpi.Oggi quel dinamismo e quell'attaccamento non esiste più semplicemente perchè 80% dell'attuale organico degli ntp non hanno la dovuta formazione, quella formazione che abbiamo ricevuto noi, e devo dire con estrema professionalità, dai carabinieri. La domanda è: " dov'è quel personale che inizialmente ha contribuito alla costituzione di questo servizio e lo ha reso davvero grande e importante??" Ve lo dico io, si trova a turno. Non c'è bisogno che vi dica il perchè sono certo che ognuno di voi saprà cercare dentro stesso per trovare le risposte. Ad ogni modo oggi, il servizio ntp, è diventato un semplice spostamento, una gita dove si parla soltanto di b....tte, di straordinario, di cercare modo e maniera per andare a dormire in albergo etc.etc. A mio modesto parere è diventato un servizio squallido dove ancora oggi, l'autista che ha responsabilità civili, penali e amministrative percepisce lo straordinario tassato al 50% (5-6 euro nette all'ora e costituisce reddito)mentre la scorta che dorme dietro percepisce 8,00 euro nette all'ora (passivo!!!) e senza che questo gli comporti aumento di reddito. Non voglio fare il profeta e spero di non essere tacciato "presuntuoso" ma sapevo già che sarebbe finita così perchè ogni cosa che inizia a funzionare o funziona davvero, l'amministrazione fa modo e maniera per distruggerla. Il problema è sempre lo stesso, non abbiamo spazi e l'ntp rappresenta l'unica finestra per scappare da una miniera che giorno dopo giorno diventa sempre più impossibile. Ne deriva che, l'amico dell'amico raccomandato dal tizio che abita vicino a caio fa di tutto per cambiare servizio e quindi fiumi di persone incompetenti e menefreghiste si sono buttate nei nuclei apportando le conseguenze che oggi sono sotto gli occhi di tutti.
Pasquale

Di  Pasquale  (inviato il 02/10/2012 @ 20:30:41)


n. 16


Leggendo questi post mi viene da dire solo una cosa...... bravi noi tutti che continuiamo a farci la guerra...." la guerra dei morti di fame" . invece di essere un solo "CORPO" di Polizia Penitenziaria continuiamo a azzuffarci tra di noi con tutto il piacere di chi questo lo ha voluto e continua a volerlo. Continuiamo così....... che ne faremo tanta di strada.... come vogliono coloro che sono li seduti dietro una poltona del DAP. Saluti

Di  nello  (inviato il 02/10/2012 @ 16:25:40)


n. 15


mario 64 nell'istituto dove presto servizio ogni fine anno si svolgono gli interpelli per tutti i posti di servizio , pertanto ci altri istituti dove si cerca di dare a tutti la possiblità di rotare, ma purtroppo bisogna dire che in tanti disertano certi posti di servizio per vari motivo come ad esempio la responsabilità.
ass.c. mike

Di  Anonimo  (inviato il 02/10/2012 @ 16:12:07)


n. 14


Per Marco(13) tu vivi in un isola felice, le rotazioni ogno 2 anni e cosa sono, meteore scocisciute negli altri istituti.

Di  mario64  (inviato il 02/10/2012 @ 06:10:45)


n. 13


DAL 15 SETTEMBRE SONO ENTRATO AL NTP IN QUANDO NEL MIO ISTITUTO SONO STATO VINCITORE DI INTERPELLO(rotazione ogni 2 anni) E DOPO 24 ANNI NELLE MINIERE COME USATE DIRE VOI E SEMPRE IN PRIMA LINEA,,,,,RAGAZZI SEMBRA FACCIO UN ALTRO LAVORO MI PIACEEEE : - )) CIAO A TUTTI.....

Di  MARCO  (inviato il 01/10/2012 @ 20:31:55)


n. 12


giampiero è verissimo ,alla fine nessuno vuole schiodarsi dai nuclei . chissà perchè? mha.
ass.c. mike

Di  Anonimo  (inviato il 01/10/2012 @ 13:39:18)


n. 11


chi non sta bene all'NTP se ne vada a servizio a turno.Però noto che nessuno ci vuole tornare, anzi si lamentano però non mollano lo sterzo del furgone.Adesso si sono inventati pure l'ordine pubblico e tra non molto la polizia stradale.bè non so che dire.

Di  giampiero  (inviato il 01/10/2012 @ 11:08:57)


n. 10


ciao a tutti,proprio l'altro giorno mentre ero in visita al dap ho incontrato il dirigente nonchè ufficiale del disciolto corpo degli agenti di custodia che da poco si occupa di tutto questo preso Beni e servizi.......dopo una breve chiacchierata ho chiesto ma come sia possibile rimediare a questa situazione di crisi sugli autoveicoli?
cortesemente e gentilmente mi ha fatto capire una cosa,soldi non c'è ne sono e dobbiamo solo sperare per il 2013!

credetemi se una persona come lui, stimata e elogiata ovunque per i suoi successi nell'amministrazione e oltre mi dice così,penso proprio che siamo alla FRUTTA !!!!

Di  capitano ultimo  (inviato il 01/10/2012 @ 08:48:37)


n. 9


ass.c. mike l'idea non è male . solo cosi qualcuno incomincia ad abbassare le ali della superiorità e a scendere da quel piedistallo che gli ha permesso di non entrare in reparto da almeno 15 anni e di guardare tutti dall' alto .
ass.c vero turnista stanco

Di  Anonimo  (inviato il 30/09/2012 @ 17:35:34)


n. 8


dopo essere sceso dalle nuvole ,dove pensavo che tutto si fa per vero spirito di sacrificio, propongo di togliere i nuclei locali ,e di utilizzare tutto il personale operante negl' istituti per 30 giorni,facendolo ruotare per tutti vari posti di servizio,solo cosi si puo' ottenere stimoli nuovi ed avere personale meno stressato , stando un po fuori dalle miniere puzzolenti. cosa ne pensate , ve lo immaginate ogni 2 mesi di servizio un mese fatto fuori all'ntp.
ass.c. mike

Di  Anonimo  (inviato il 30/09/2012 @ 12:02:50)


n. 7


caro anonimo 64, sembra che la pensiamo allo stesso modo. Sono contento di aver trovato almeno un altro collega che la pensa come me. Dobbiamo aggiungere che, se per puro caso, in qualche carcere si faranno le rotazioni, i nostri panzoni e autisti con patente D ultracinquantenni, per lo choc provato non rimetterebbero mai piede al SAT e pertanto avremmo perso già in partenza quei 5 - 6 - 7- 10 uomini che ruoteranno e che inevitabilmente si ammaleranno d'ansia fino a completare i 18 mesi di convalescenza ed essere riformati. La colpa è solo del DAP perchè non c'era bisogno di demandare la rotazione alla contrattazione decentrata; bastava stabilirlo a monte: 10% ogni anno in automatico e stabilire sia i criteri d'entrata che d'uscita, infatti adesso chi ha più iscritti nei nuclei si inventerà la qualsiasi per non farla o per ritardarla all'infinito (almeno fino alla fine di ottobre......) sono davvero indignato........

Di  orgoglio e pregiudizio  (inviato il 30/09/2012 @ 11:10:34)


n. 6


Si è vero, i superpoliziotti sono allergici al piantonmento, e ai rientri in Istituto che dovrebbero fare solo i giorni festivi, ma si sa erano fracicucci per la miniera.Caro (orgoglio e pregiudizio) le rotazioni non si faranno mai, troppo interesse, e troppe zuppe(cosi le chiamano) che già si sono spartiti. In più mettici pure che non sei un superpolizioto fico proveniente dal centro di Abbasanta, dove formano i veri poliziotti delle scorte, e l'equazione è fatta, solo che ad oggi nessuno mi ha saputo dire dove si formano i nostri superbi e valorosi Rambo. Per co,pletezza di informazione aggiungo che dopo 30 anni di miniera, fatti orgogliosamente, non mi mischierei mai con i nostri Rambo, è una questione di pelle, ma provo dispiacere per i giovani che aspirano ad andarci, e che trovano la strada sbarrata dai nostri panzoni. E ti assicuro che nella realtà che vivo, nessuno si illude di andarci, poichè anche se siamo sotto il Ministero della Giustizia, nella nostra Amministrazione, di Giustizia non si vede l'ombra. Meditate gente.

Di  anonimo64  (inviato il 30/09/2012 @ 09:03:38)


n. 5


Caro anonimo 64 hai fatto la foto esatta di quello che accade negli NTP; ti sei dimenticato però che quando c'è u n piantonamento in ospedale (6 ore di servizio quindi non si guadagna niente, il collega dell'NTP si ammala e deve essere sostituito dai minatori e un'altra cosa : quando si viaggia a 40 km orari in autostrada è perchè bisogna arrivare in Istituto a mensa chiusa per avere il buono pasto. Noi del SAT siamo dei poveri illusi se pensiamo che si faranno le rotazioni al NUCLEO.

Di  orgoglio e pregiudizio  (inviato il 30/09/2012 @ 00:01:35)


n. 4


Sono un collega del N.T.P. anche oggi sono partito alle 6 per il tribunale, e sono rientrto alle 14 circa, qui una volta scaricato il mezzo sono stato reimpiegato per un trasferimento di detenuto alla bellezza di 300 km circa.Ragazzi vi confesso che non sono stanco, ma di più, alle volte penso, ma chi me lo fa fare, quando ero in miniera diciamo che mi riposavo spesso, (voi capite), ero abbastanza fracicuccio, ma qui non posso, dopo quello che ho fatto per entrare, ho bussato a tante, ma tante porte, e alla fine l'ispettore amico dell'amico ha potuto farmi entrare.Certo faccio una vitaccia, prima quando facevamo il viaggio in aereo tornavamo sempre scarichi, ed era bello girare liberi e bighellonare per gli aereoporti della penisola, ma poi a qualche maledetto è venuta la malsana idea di reimpiegarci con altro depo (che iella).Ma ci sono sempre le traduzioni lontane, quelle oltre i cinquecento km, belli erano i tempi in cui potevamo alloggiare sempre negli alberghi e fare la bolletta( cosi la chimate), ragazzi che camere, e che belle cene, poi l'idea facciamoli dormire e mangiare negli istituti vicini c'è la crisi, e qui salti mortali per non andarci, vediamo le camere che fanno schifo davvero, e alla sorveglianza lo diciamo chiaro e tondo noi qui no, e il buon ispettore cerca di rabbonirci, guardate che i colleghi del S.A.T. dormono li, appunto che ci dormano loro, noi siamo i fighi dell'N.T.P.
Cosa vogliamo dire dello straordinario, io mi lamento, ma come faccio 60 ore di straordinario, e me ne pagano 40, in miniera spesso 0, è davvero un'ingiustizia, io faccio i sacrifici, sono sempre per strada(meno male, non in miniera)i furgoni fanno schifo, puzzano, i sedili sono rotti, ci sono molte foto a testimoniarlo, e dulcis in fundo spesso si rompono, ragazzi certe figure di merd......ma io non mollo, sono sempre a cassetta, oddio il fatto di non muovermi troppo mi ha fatto crescere un pochino la pancetta, ma va bene un sacrificio, non siete d'accordo anche voi.A dimenticavo, a me personalmente devono darmi parecchi buoni pasto, perchè noi furboni, qualche volta(spesso) quando finiamo presto in tribunale, sulla strada del ritorno abbiamo l'andatura di crociera 60km orari, la prudenza non è mai troppa con i furgoni, con le macchine quando siamo in città e possiamo accendere le sirene e lampeggianti ci sentiamo davvero poliziotti e siamo felici, non dovrei dirlo, ma qualche volta passo vicino casa mia con la speranza di farmi vedere quanto sono fico.Ma torniamo al furgone con velocità di crociera 60km, perchè lo facciamo, voglio svelarvi il segreto, noi quando usciamo dall'istituto almeno 2 o 3 ore di straordinario dobbiamo farlo, altrimenti è un sacrificio stupido alzarci alle 5, e spesso ci uniamo anche il famoso buono pasto, siamo o no furbi.Ma non venitemi a parlare di far ruotare il personale anche al N.T.P. davvero voi pensate che dopo anni e anni a stare fuori dalle miniere io voglia rientrarvi, LEVATEVELO DALLA TESTA, noi ormai siamo superspecializzati (di cosa poi) e spesso voi avete il privilegio di venire con noi, ma fatelo rimanere privilegio, non ci pensate proprio, vi facciamo attaccare dai sindacati, che pretese assurde, sono anni che ci coltiviamo il nostro orticello, e ora venite voi se...........Oddio mi sono risvegliato, non sono un superbo e super Agente del N.T.P. sono un povero cristo della miniera, che tutti i giorni affronta, quello che voi nemmeno sognate, state pure sui vostri furgoni, fatevi pure rompere la schiena dai vostri coordinatori con i reimpieghi, ma sappiate che vi abbiamo smascherato, sappiamo tutto di voi e delle vostre furbate, e ad onor del vero, non vi vediamo nemmeno troppo bene.
Senza stima.

Di  anonimo64  (inviato il 29/09/2012 @ 22:08:43)


n. 3


caro Nuvola Rossa, conoscendo i direttori delle carceri ti dico che non avranno mai il coraggio come dici tu di "mettere gli attributi - ovvero le palle - sopra le scrivanie". I Direttori pregano affinchè non capiti a loro di bloccare le traduzioni. Devono fare carriera e diventare provveditori e quando diventano provveditori si dimenticano di essere stati direttori. E' dei direttori e dei provveditori parte della colpa di questo disastro.

Di  dalla miniera alla bgr  (inviato il 29/09/2012 @ 22:02:28)


n. 2


Carissimi colleghi,
Ormai non c'è più nulla da fare.....ormai (parlo per me stesso), ho perso tutte le speranze.
Il Sappe - il sindacato più rappresentativo della polizia Penitenziaria -, continua da sempre a denunciare ....segnalare....chiede lumi....ai nostri funzionari del Dap, per le mille problematiche quotidiane che il corpo quotidianamente è costretto a fare i conti, ma purtroppo abbiamo un ministero di "gomma" dove tutto ormai rimbalza da una scrivania all'altra, per non parlare delle ormai ed immancabili scene mute (i nostri dirigenti e funzionari del dap non hanno il coraggio di fornire nemmeno risposte chiare e determinanti alle lettere sindacali del SAPPe).
Che vergogna!!.
Un saluto a tutta la Polizia Penitenziaria.
W la Polizia Penitenziaria
W il SAPPe

Di  ezio  (inviato il 29/09/2012 @ 21:24:43)


n. 1


I Nuclei Traduzioni e Piantonamenti?? Ne vogliamo parlare? Ma dove vogliamo cominciare? dall'impiego, dall'attitudine, dalle capacità, dal coraggio o cosa o dai modelli organizzativi che non decollano oppure peggio ancora dai propri orticelli locali e regionali di talune minoritarie sigle del comparto?
Ci si lamenta,ma nessuno chiede di scendere dai nuclei traduzioni e passare alle miniere......, c'è qualche diaria di viaggio , c'è dello straordinario che prima si piange e ci si prostituisce per farlo per poi attivare il sindacato a propria tutela ......
Ne vogliamo parlare ?......
Situazione colpevolemnte ed ommissivamente disastrosa e non solo, alle prime responsabilità c'è il famoso " scaricabarile " .......
Commentarne le modalità o alimentare dei forum è fuori luogo poichè ci dovrebbero esssere le autorità preposte al fine di non far bloccare le traduzioni, la benzine , i collaudi , l'efficienza dei mezzi e tane altre cose................
I lumi del DAP ...e che ci sono loro sui mezzi, per strada, nei reparti detentivi, tra AIDS, HCV ecc.....
Bene fa il SAPPe a denunciare.....a scrivere sulla stampa.....
WWW il SAPPe.

Di  il cinico  (inviato il 29/09/2012 @ 16:22:25)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.23.50.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

10 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

6 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

7 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

8 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

9 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

10 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico


  Cerca per Regione