Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Opg ancora aperti, i Direttori al Ministro: non sappiamo dove mandare gli internati


Polizia Penitenziaria - Opg ancora aperti, i Direttori al Ministro: non sappiamo dove mandare gli internati

Notizia del 02/04/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 1591 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Quasi tutte le Regioni sono pronte» ad accogliere nelle strutture alternative i circa 700 internati negli ex manicomi criminali, assicura in una nota il Ministero della Giustizia. Ma oggi, come abbiamo potuto accertare contattandoli uno ad uno, nessuno dei sei Opg, gli ospedali psichiatrici giudiziari della vergogna, chiuderà i battenti come previsto per legge. 

Il cambio di targa  

Salvo uno, quello di Castiglione delle Stiviere (Mantova). Ma qui tutto si risolverà in un cambio di targa all’ingresso, con quella di Opg che lascerà il posto alla più rassicurante sigla Rems, le residenze per l’esecuzione della misura di sicurezza, massimo 20 letti, sorvegliate, in larga parte d’Italia non ancora attive. O non in numero tale da accogliere tutti.  

Un caso lo illustra Nunziante Rosania, direttore dell’Opg Barcellona Pozzo di Gotto (Messina). «Per ora non chiudiamo perché non sapremmo dove mandare gli internati pugliesi, calabresi e lucani che non hanno strutture pronte nelle loro regioni». « I 68 siciliani verranno in parte dimessi e presi in carico dai nostri dipartimenti di salute mentale, mentre una metà di loro andrà nelle due Rems di Naso e Caltagirone». Il problema è che le due strutture non saranno in grado di accogliere anche chi commetterà nuovi reati e verrà giudicato incapace di intendere e di volere dal giudice. «Di sicuro non potranno rientrare in Opg e io non posso mettermeli in tasca», commenta sconsolato. 

In Emilia alle Rems hanno pensato per tempo, attivando due strutture a Bologna e Parma. «Ma anche qui nell’Opg di Reggio -spiega il direttore Paolo Madonna - resteranno i detenuti di altre regioni, soprattutto veneti, privi di residenze»».  

Il Veneto è stato infatti commissariato «e altre regioni inadempienti lo saranno», preannuncia il Ministro della salute, Beatrice Lorenzin, che in cima alla lista avrebbe il Piemonte e la Calabria. 

Le Regioni in ritardo con l’apertura delle Rems, secondo “Stop-Opg”, sarebbero solo Friuli, Puglia e Trento, oltre alle due maglie nere individuate dalla Lorenzin. Un quadro tutto sommato rassicurante, che non coincide però con quello fornitoci dai direttori degli Opg. E nemmeno con le parole di uno “sfiduciato” capo del dipartimento della Polizia Penitenziaria, Santi Consolo. «Siamo disponibili a trasferire con la dovuta gradualità gli internati presso le Rems, che però - precisa - devono confermare le disponibilità reali e finora tutte queste conferme non arrivano».  

«E’ ingiusto e crudele accanirsi contro chi ha già sofferto tanto», dichiara nel frattempo il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Ricordando che «a decidere la detenzione è un’apposita commissione medica e soprattutto un giudice», che indirizzeranno chi è incapace di intendere e di volere «in strutture che servono a ridare dignità a chi è stato detenuto in posti indegni di un essere umano».  

Il futuro  

Il problema è appunto capire cosa accadrà se le Rems faranno registrare il “tutto esaurito”. Intanto il governatore veneto, Luca Zaia, difende la sua scelta, parlando «di vergogna del governo che scarica qua e là malati di mente pericolosi per se e gli altri». Una pericolosità che in verità sarebbe esclusa dalla sorveglianza nelle Rems, che il Veneto non ha preso nemmeno in considerazione. C’è però quel codicillo della legge sulla chiusura degli Opg, che prevede la custodia solo entro il limite delle pena edittale, che sarebbe stata assegnata all’imputato se questo fosse stato capace di intendere e di volere. «Abbiamo parecchi soggetti pericolosi con gravi disturbi della personalità», dichiara il direttore dell’Opg di Barcellona. «Circa il 70% dei nostri ha alle spalle un omicidio», gli fa eco il collega di Reggio Emilia. Chi si curerà di loro finiti i termini di custodia è un’altra “dimenticanza” che farà discutere. 

di Paolo Russo - lastampa.it

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La pretesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma
Un detenuto su cinque è musulmano, la denuncia del sindacato: lingua araba e celle aperte mix pericoloso


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Portateli a casa del sindaco di roma il Sig. Dott. Marino visto che è sua la paternità di questa innovazione senza soluzione, già non ne capisce niente di amministrazione capitolina figuriamoci di opg, internati, malati psichiatrici, e via dicendo " A Marino sei come le nuvole se te scanzi esce er sole" ciao a tutti

Di  ortega  (inviato il 04/04/2015 @ 22:38:00)


n. 2


Chiacchere come al solito tante, fatti pochi (nessuno)
Chi paga per tutto questo, come al solito l'intera comunità.

Di  Gabriele  (inviato il 03/04/2015 @ 11:17:33)


n. 1


E' materia assai delicata quella degli OPG.
Concordo pienamente con il direttore sanitario di Barcellona dott. Nunziante Rosania.
Ci sono internati e internati. Ci sono malati e malati!
Quel 70% di reclusi per omicidio?
Alcuni internati, non sapendo cosa ne sarà di loro e del mondo a cui fanno parte da tempo sono andati nel panico...intanto qualcuno ha già scelto di farla finita, togliendo il disturbo impiccandosi nella doccia della propria cella.
Secondo il mio modestissimo parere, si continua a fare confusione...soprattutto la dove la politica non capisce pressochè nulla di malattia mentale.
Avverto come la sensazione che provo quando ad un incrocio dove il semaforo non funziona......il vigile fa più confusione che altro!!!
Attenzione cari politici...questa confusione nel futuro si potrebbe pagare cara.....MOLTO CARA

Di  Saro  (inviato il 03/04/2015 @ 10:55:20)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.247.194


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione