Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Organico della Polizia Penitenziaria e presenze detenuti: andamenti e confronti


Polizia Penitenziaria - Organico della Polizia Penitenziaria e presenze detenuti: andamenti e confronti

Notizia del 05/05/2010

in Enzima

(Letto 9422 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nell'intervento precedente "Breve storia dell'organico del Corpo di Polizia Penitenziaria cosi' come previsto dalla Legge", abbiamo visto come, nel corso degli anni, l'organico previsto del Corpo di Polizia Penitenziaria ha subito degli incrementi, fino ad arrivare all'ultimo decreto legislativo del 21 maggio del 2000 n. 146 che prevede l'impiego di 45.121 poliziotti penitenziari da distribuire in tutti gli istituti penitenziari per adulti, per minori e in tutti gli altri compiti e servizi che il Corpo ha assunto negli ultimi due decenni.

Dalle tabelle presentate la volta scorsa si può notare come le previsioni d'incremento dell'organico, hanno avuto degli aggiustamenti in corso d'opera. Tutto ciò si traduce nel grafico seguente che fotografa la situazione anno per anno, tenuto conto dell'organico previsto in vigore per quell'anno.

 

Polizia Penitenziaria: organico previsto dalla legge 

 

In realtà (come spesso accade) quanto previsto/promesso dal legislatore non è stato attuato e il Corpo di Polizia Penitenziaria ha dovuto "accontentarsi" di disporre di un numero di persone ben più esiguo di quanto previsto, come evidenziato nel grafico sottostante. Il rapporto tra personale previsto e personale effettivamente a disposizione, può fornire già i primi spunti per eventuali analisi e considerazioni personali che il lettore potrà segnalarci commentando questo articolo.

 

Polizia Penitenziaria: confronto tra organico previsto dalla legge e organico effettivamente presente 

 

Negli stessi anni però, qual'è stato l'andamento delle presenze dei detenuti negli istituti penitenziari italiani? I dati che disponiamo si riferiscono alle persone adulte (uomini, donne, stranieri) effettivamente detenute in carcere e sono esclusi i minori e i detenuti sottoposti a misure alternative. I dati del grafico successivo però indicano anche i semestri ed evidenziano per esempio, il brusco decremento dal luglio 2006, data dell'inizio dell'effetto della legge 241/2006 (il cosiddetto indulto).

 

 

Ora non ci rimane che unirli in un unico grafico che permette il raffronto diretto tra: l'andamento delle presenze negli istituti penitenziari per adulti, l'organico di Polizia Penitenziaria previsto dalla legge e l'organico effettivamente a disposizione del Capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria (DAP). Il confronto è presentato nel grafico successivo ed è stato sfoltito dei dati riferiti alle presenze dei detenuti di metà anno, presentando solo il dato di fine anno, per meglio compararlo con i dati in nostro possesso riferiti all'organico effettivo.

 

 

Com'è facile intuire (facile per noi che apparteniamo alla Polizia Penitenziaria, un po' meno facile se chi legge è un politico o un dirigente del DAP), la situazione ha assunto toni davvero drammatici per chi opera negli istituti penitenziari e non è più rinviabile il ricorso a provvedimenti urgenti come quelli che il Sappe sta ribadendo da mesi, se non da anni.

Come dimostrano i dati rappresentati dal grafico, il fenomeno della crescita delle persone detenute ha origine già dal 1998 e, tolto il "buco" rappresentato dalle scarcerazioni dovute all'indulto del 2006, ha un andamento sostanzialmente lineare, tantoché può essere tracciata una linea quasi retta tra il 1995 e il picco raggiunto oggi.

Da questo ultimo grafico è evidente che (a questo punto dovrebbe esserlo anche ad un politico o un dirigente del DAP) la crescita del numero di persone detenute e il contestuale decremento di personale (iniziato già nel 2005) ha assunto aspetti che rasenterebbero il ridicolo se non fossero coinvolte direttamente le vite dei nostri colleghi, con le conseguenti ricadute nell'ambito delle rispettive famiglie.

Sono dei dati questi che sono letteralmente nascosti all'opinione pubblica perché nessun politico potrebbe difendere questi numeri. Nessun amministratore pubblico potrebbe trincerarsi (come fino ad ora è stato fatto) sul rapporto numerico tra poliziotti impiegati e persone detenute che in Italia è ampiamente maggiore di quello delle altre Nazioni europee e che quindi (a parer loro) giustificherebbe una crescita del numero dei detenuti senza una crescita corrispondente del personale di Polizia Penitenziaria.

Il ricorrere al rapporto numerico poliziotti/detenuti, è un errore (o per meglio dire una scappattoia) a cui hanno fatto ricorso quasi tutti i Ministri di via Arenula per sottrarsi alle proprie responsabilità politiche.

Un altro "errore" è stato quello di sbandierare la nostra riforma e la nostra legislazione penitenziaria come tra le più avanzate del Mondo, come quella più progressista ed illuminata in difesa dei diritti delle persone detenute.

La realtà è che la riforma (inapplicata) penitenziaria, è stata scaricata sulle spalle della Polizia Penitenziaria che negli anni ha assunto il ruolo, di fatto, di presidio medico, psicologico, ri-educativo, il tutto garantendo contemporaneamente la sicurezza dei cittadini e dei detenuti stessi. Un lavoro titanico, non riconosciuto e non valorizzato dapprima dai nostri stessi dirigenti.

I dati invece parlano chiarissimo. La differenza tra l'area al di sotto della linea arancione e quella al di sopra della linea rossa infatti, si chiama stress da lavoro, riposi non fruiti, ore di lavoro straordinario non pagato, spese di missioni anticipate e rimborsate dopo mesi e mesi, disagi che scontano le nostre famiglie, rapporti disciplinari per inadempienze inevitabili, aggressioni subite e, in casi estremi, ha sicuramente aggravato lo stato d'animo di chi, tra i nostri colleghi, è ricorso all'estremo gesto del suicidio per superare i propri problemi.

Fino a quando dovremo assistere all'allargamento di questa "forbice" numerica e fino a quando i nostri amministratori vorranno sfruttare il lavoro della Polizia Penitenziaria, non ci è dato sapere.

Di certo è che si sta lavorando solo per aumentare il divario della "forbice" e non per cercare di chiuderla.

 

Articoli correlati:

(I parte) Il disciolto Corpo di Polizia Penitenziaria: i dati reali sul progressivo decremento del personale

(II parte) Breve storia dell’organico del Corpo di Polizia Penitenziaria così come previsto dalla Legge


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Terrorismo: i Poliziotti Penitenziari in ascolto e i terroristi islamici cambiano strategia
Carcere di Teramo: rientra la protesta, trasferiti 120 detenuti
Governo invia i militari per controllare le carceri: penitenziari brasiliani al collasso
Comunità ebraica di Milano: contro il radicalismo islamico nelle carceri, istituire corsi multi religiosi
Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento
Carcere di Orvieto, un''eccellenza che rischia di andare in fumo per le scelte del DAP
Ecco come avvengono i rimpatri degli stranieri clandestini e perché è così difficile attuarli
Andrea Orlando: il carcere non basta a garantire la sicurezza


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 25


Cari colleghi oramai dopo lunghi anni di servizio sono giunto ad una conclusione, il governo non ha un nostro valido rappresentante perchè non siamo rappresentati nemmeno dalla classe Dirigente nelle nostre sedi ( fra cani non si mozzicano) e lasciano noi in prima linea. Come vedete anche sindacalmente la linea è chiara una sigla che attacca l'altra invece di essere tutti uniti ..... che strano!!!!! Automaticamente cosi ci si manca di rispetto e collaborazione tra di noi. Comunque da 4 anni a questa parte con l'avvento dei nuovi comandanti (Commissari) e i prossimi la discesa verso il baratro è assicurata. N.B. Fate un sondaggio sul personale che negli ultimi 48 mesi è cessato dal servizio per infermità ... io saro' il prossimo . ciao a tutti

Di  truppa  (inviato il 02/06/2010 @ 15:05:23)


n. 24


Colleghi se vogliamo ottenere quello che ci spetta,cominciamo ha fare qualcosa di concretto,rispetiamo alla lettera gli ordini di servizio,blocchiamo le traduzioni nei tribunali ,i colloqui è tutti qui servizi che rallentino il vivere quotidiano nelle carceri.Cosi vediamo se il governo si dia da fare, con la carenza cronica del personale mancante.Se vogliono in pochi mesi varano dei concorsi è assumere il personale: In poche parole io non celafaccio più,sempre di servizio ,se chiedo la licenza mi dicono che non c'è personale,ma come si fa: é ora di fare qualcosa di serio.

Di  mik  (inviato il 28/05/2010 @ 18:42:09)


n. 23


solo due cose: una l'ex ministro castelli ha già dimenticato quanta polizia pen. ha preteso non solo per la sua tutela, ma anche per la vigilanza alla sua dimora; secondo se qualcuno può spiegarmi, visti i tempi per quale motivo la pol.pen debba continuare a fornire supporto all'ex ministro mastella (è forse un membro del governo italiano?) nelle sue scorribande di piacere lungo la penisola italiana, atteso che il governo continua a predicare sacrifici, tagli agli straordinari, ma poi dispone che vengano eseguiti tali servizi?

Di  andrea  (inviato il 26/05/2010 @ 14:45:34)


n. 22


ex ministro castelli,vorse vuole mandare nei penitenziari le guardie padane,se fosse cosi saremo tanto contenti ,cosi possiamo andare in ferie è recuperare i congedi arretrati da 2 ha 3 anni.

Di  italiano  (inviato il 20/05/2010 @ 13:46:18)


n. 21


Ma non niente allarmismi, ci siamo sbagliati noi.
L'ex Ministro Castelli ci ha aperto gli occhi e dobbiamo smetterla di lamentarci: http://www.poliziapenitenziaria.it/public/post/ex-ministro-castelli-non-e-vero-che-poliziotti-penitenziari-sono-pochi-19.asp

Di  Enzima  (inviato il 19/05/2010 @ 11:20:35)


n. 20


cari colleghi, ieri si svolto la festa del corpo, con la partecipazione del Presidente della Republica, il nostro ministro ,dott.Alfano,il capo del dap,Ionta,tutti anno parllato,belle parole,ma solo parole, le parole le porta via il vento.Qui abbiamo bisogno subito di fatti concreti,arruolare subito tutto il personale mancante,senza tirarlla per le lunghe, mancano circa 7000 persone,se continua cosi questa estate,salta tutto.

Di  italiano  (inviato il 19/05/2010 @ 11:13:08)


n. 19


Qui signori colleghi le cose se stanno mettendo davero male, se questo governo non non assuma al più presto il personale mancante, la sittuazione e trammatica.Io personalmente non c'è la faccio più, nei posti di servizio dove servono 4 colleghi ne monta in servizio 1 con tutte le coseguenze che ne derivano,mancaza di sicurezza,ridota ai minimi termini,celle piene come l'uovo,è ancora non è arrivata l'estate.Non so se faccio ha resistere ancora.

Di  Anonimo  (inviato il 17/05/2010 @ 19:48:12)


n. 18


qui, si parla, si parla,si parla, ma nessuno prende provvedimenti, il nostro Carissimo Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ci aveva promesso tante cose.........forse aspettano che succeda quello che succedeva negli anni 80

Di  giuseppe  (inviato il 17/05/2010 @ 18:47:45)


n. 17


NN ABBIAMO NESSUNO CHE CI RAPPRESENTA DAVVERO IN MANIERA FORTE AL GOVERNO, E POI PARLANO DI APERTURA DI NUOVE CARCERI O PADIGLIONI......MA CON QUALE PERSONALE?CARO CAPO DEL DIPARTIMENTO FACCIA LA SUA PARTE NELLE SEDI COMPETENTI, IN MANIERA FORTE, PERCHE' IL PERSONALE E' ALLO STREMO TOTALE "PSICOLOGICAMENTE STREMATO" SIA DAI CARICHI DI LAVORO CHE DAL SISTEMA DI LAVORO CHE OGNI GIORNO CI ACCINGIAMO A SVOLGERE NELLA MASSIMA SERIETA' E PROFESSIONALITA'..............

Di  Pasquale  (inviato il 17/05/2010 @ 17:18:23)


n. 16


Cari colleghi le cose, sono messe male davvero , questo governo non sente le nostre lamentele ,non prende nessuno provedimento per le gravissima carenza cronica di mancanza di personale.Mancano ha regime circa 6000 agenti.Man mano che passano i mesi la sittiuazione diventa più pesante.

Di  italiano  (inviato il 14/05/2010 @ 20:42:42)


n. 15


Ma perchè questo governo, visto le condizioni in cui lavora la polizia penitenziaria,non prende i dovuti provedimenti ed assumere al più presto il personale mancante, ho aspetta che la barca vada a fondo, con le dovute conseguenze che ne derivano.

Di  italiano  (inviato il 12/05/2010 @ 22:39:44)


n. 14


mamma mia stiamo a metà maggio e la situazione nn migliora ne per chi stafuori ne x chi ancora deve entrare...... ma voi ke state dentro come vivete?

Di  PALMA  (inviato il 12/05/2010 @ 16:40:05)


n. 13


finchè ci sarà gente che non è mai entrato in un carcere e ha la presunzione di amministrare dal suo ufficio,di Roma le cose non cambieranno mai per la polizia pen.Questa persone bisogna prenderle di peso è portarle in carcere cosi si renderà conto in che condizioni lavora la polizia pen.vergogna poi dicono che siamo in un paese civile, vergognatevi politicanti.

Di  italiano  (inviato il 10/05/2010 @ 23:07:00)


n. 12


caro federico, grazie x l'augurio. io spero tanto di entare,daltronde se abbiamo fatto sto concorso sapevamo a cosa andavamo incontro. ma quello ke mi fà rabbia è ke nn ci dicono nulla di qnd saremo kiamati.tra un pò pasano 2 anni....

Di  PALMA  (inviato il 09/05/2010 @ 14:50:29)


n. 11


Buongiorno, per gli aspiranti futuri poliziotti penitenziari, lasciate ogni speranza voi che entrate ( a meno che non siete raccomandati).

Di  Massimo  (inviato il 08/05/2010 @ 11:41:01)


n. 10


Parlano si di nuove carceri.... un bel BUSINIS.. stranamente sembra che uno degli assegnatari "stabili ed infrastrutture"... sia quel tale come si chiama... "ANEMONE"......

Di  PASQUINO  (inviato il 07/05/2010 @ 22:33:45)


n. 9


Caro, Palma .Aspirante Agente di P.P. se sarai assunto
te lo auguro !!! ,vedrai che dopo qualche anno che effettuerai il servizio specie nelle sezioni detentive, senza PRIMA pero' ammalarti,(psicologicamente) presto capirai che le statistiche dei calcoli e dei numeri stanno a 0, perche' solo la tua (VERVE) iniziale prima di esaurirsi ti dara Coraggio !!!! AUGURI.....

Di  Federico.  (inviato il 07/05/2010 @ 19:29:41)


n. 8


ma vi rendete conto che le cose nelle padrie galere le cose non cambieranno mai finchè concederanno tante cose ai detenuti a discapito della polizia penitenziaria il lavoro aumetera.Eco perchè molti colleghi vanno in depressione, vinchè questo governo non prenda provedimenti seri prima mandando a casa loro i detenuti stranieri che hanno commesso reati qui da noi è scontare la pena nei paesi d'origine.

Di  italiano  (inviato il 07/05/2010 @ 18:55:17)


n. 7


ciao, ho letto x puro caso i vostri lamenti e dico ke avete ragione. ankio vorrei tanto aiutarvi ma purtroppo siamo fermi nel concorso e dobbiamo aspettare x di più molti di noi sn pure idonei :( ke tristezza!!!!

Di  PALMA  (inviato il 07/05/2010 @ 15:59:41)


n. 6


Lavoro in carcere da 30 anni ma lo schifo che in questo momento travolge tutto l'ambiente carcerario non c'è mai stato. Carceri abbandonati completamenti da tutti nonostante tutte la svariate manifestazioni di proteste da parte del personale e detenuti a quanto pare nessuno si fa carico dei problemi. Allora aspettiamo l'estate e torneremo agli anni 8 con le rivolte e cosa si farà quanto tutto questo accadrà ? Cosa farà l'amministrazione? cercherà il responsabile di turno per contestargli cosa non ha fatto senza minimamente preoccuparsi di tutto quello che giornalmente viene denunciato. E come sempre qualcuno pagherà il danno volutamente dagli altri che sono preposti ad intervenire e che invece si dondolano sulle poltrone romane .

Di  francesco 59  (inviato il 06/05/2010 @ 19:26:17)


n. 5


Vorrei sapere che cosa se ne fara ne fara di cio che resta dei limoni spremuti dopo aver bevuto tutto il suo succo? forse avra la capacita' di spremere ancora di piu'? penso proprio di no perche ormai siamo stanchi e si devono domandare fino a che punto quie pochi che resistono resisteranno? ai posteri

Di  polpen  (inviato il 06/05/2010 @ 13:12:00)


n. 4


E con una situazione così tragica dobbiamo ancora star a sentire le pantomime di Maroni su indulti e amnistie mascherate...
Mentre noi stiamo a scoppiare dentro 'sto schifo di galere. E intanto ieri un altro collega si è suicidato.
Che schifo di paese!

Di  Marione  (inviato il 06/05/2010 @ 08:06:22)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.167.156.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 In memoria del collega Pietro Sanclemente, Assistente Capo del carcere di Trapani

5 Con il Decreto Milleproroghe arrivano le assunzioni nella Polizia Penitenziaria

6 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

7 Replica a Il Fatto Quotidiano: i veri motivi per cui il Sappe ha querelato Ilaria Cucchi

8 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

9 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Caso Cucchi: Carabinieri accusati di omicidio preterintenzionale e di aver accusato la Polizia Penitenziaria

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Carcere di Teramo senza riscaldamento e in mezzo al terremoto: domani lo sfollamento

6 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

7 Maltempo in Sardegna: 20 Poliziotti Penitenziari e 150 detenuti bloccati nella colonia agricola di Mamone

8 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

9 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

10 Infame spia degli sbirri: così è iniziato il tentativo di rivolta al carcere minorile di Milano


  Cerca per Regione