Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Osservazioni sulla detenzione domicilare


Polizia Penitenziaria - Osservazioni sulla  detenzione domicilare

Notizia del 23/11/2010

in Opinioni

(Letto 3541 volte)

Scritto da: Pietro Semeraro

 Stampa questo articolo


L’attuale dibattito sulle soluzioni da adottare per tentare di uscire dalla grave situazione di sovraffollamento delle carceri sottovaluta il ruolo decisivo che può essere svolto dalla detenzione domiciliare ( art. 47 O. P.). La detenzione domiciliare consiste in una misura alternativa introdotta dal legislatore con legge 10 ottobre 1986, n. 663 nella prospettiva di favorire la risocializzazione del condannato; essa è stata riformata nel 1998 e con la legge n. 251 del 2005. 

 
Questa misura, sotto il profilo contenutistico, si sostanzia nell’espiazione della pena nella propria abitazione oppure in altro luogo di privata dimora ovvero in un luogo di cura ed assistenza; ai fini della legge, essa può essere applicata anche in una comunità terapeutica, poichè quest’ultima costituisce luogo di privata dimora. 
Alla luce delle diverse riforme intervenute in materia distinguiamo la detenzione domiciliare speciale, quella generica e quella anagrafica. 
In merito alla detenzione domiciliare speciale è necessario il requisito oggettivo rappresentato dalla quantità di pena comminata; il reo, cioè, deve essere stato condannato alla reclusione non superiore ai quattro anni. La legge, inoltre, ha specificato che tale limite massimo può consistere anche nella parte residuale di una maggiore pena in corso di esecuzione.
Altro requisito materiale, tuttavia, consiste nella esclusione di codesta misura allorquando il condannato sia stato affidato al servizio sociale; ciò poiché, nel quadro del fine rieducativi della pena, l’affidamento in  prova possiede una posizione di preminenza.
Tale misura può essere concessa solo alla donna incinta o alla madre di prole con età inferiore a dieci anni con lei convivente, al padre esercente la potestà genitoriale su prole di età inferiore a dieci anni, a persone in condizioni di salute particolarmente gravi, alle persone che abbiano compiuto 60 anni se inabili ed ai minori di anni ventuno per comprovate esigenze di studio, lavoro o famiglia. 
La detenzione domiciliare c.d. generica risulta essere, invece, quella che prescinde dai requisiti soggettivi (indicati in precedenza); essa può essere concessa a chiunque per l’espiazione di pena inflitta  in misura non superiore a due anni (l’art. 7 della legge n. 251 del 2005  ha, però, escluso l’applicabilità di tale misura ai recidivi reiterati).
Infine, la detenzione domiciliare anagrafica è quella contemplata per i condannati ultrasettantenni che non abbiano commesso reati di particolare allarme sociale.
L’ordinanza che concede la detenzione domiciliare può prevedere che il reo non abbia contatti con persone diverse da quelle che con lui convivono o che lo assistono; ciò può risolversi anche nel divieto di contatti telefonici o epistolari. Il provvedimento del Tribunale di sorveglianza, però, può anche consentire che il condannato si allontani dalla propria abitazione per esigenze assolutamente personali oppure per svolgere attività di tipo lavorativo.
La legge prevede inoltre che, allorquando il beneficiario si allontani illegittimamente dalla privata dimora, egli risponda del delitto di evasione (art. 385 c.p.) e che la denuncia per tale reato implica la sospensione della misura alternativa. 
Per quanto concerne la revoca, infine, va rilevato come  questa debba essere pronunciata nell’ipotesi di nuova condanna ed allorquando il comportamento del reo sia contrario alla legge o alle prescrizioni decise, oppure se  egli appare incompatibile con la prosecuzione della detenzione domiciliare.
Alla luce delle  considerazioni sopra esposte e dell’area di operatività della detenzione domiciliare, si può ritenere che specie la detenzione generica abbia delle potenzialità ancora non del tutto utilizzate nella prospettiva di diminuire il sovraffollamento delle carceri e procedere alla risocializzazione dei detenuti.
 
Prof. Pietro  Semeraro
Docente di Diritto Penale presso l’Università di Bergamo

Scritto da: Pietro Semeraro
(Leggi tutti gli articoli di Pietro Semeraro)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Epatite C, il contagio passa dalle carceri e arriva nelle città per i pochi controlli
Continui problemi nel carcere di Airola: protesta della Polizia Penitenziaria
Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.200.51


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Nella conferenza del Bicentenario nessun riferimento agli Agenti di Custodia

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Nella conferenza del Bicentenario censurata la lettera di auguri del Garante alla Polizia Penitenziaria

7 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

8 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

9 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?

10 Riordino carriere: risultati di un sondaggio rivolto al personale





Tutti gli Articoli
1 Licenziata Agente di Polizia Penitenziaria: scarso rendimento

2 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

3 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione