Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Osservazioni sulla detenzione domicilare


Polizia Penitenziaria - Osservazioni sulla  detenzione domicilare

Notizia del 23/11/2010

in Opinioni

(Letto 3503 volte)

Scritto da: Pietro Semeraro

 Stampa questo articolo


L’attuale dibattito sulle soluzioni da adottare per tentare di uscire dalla grave situazione di sovraffollamento delle carceri sottovaluta il ruolo decisivo che può essere svolto dalla detenzione domiciliare ( art. 47 O. P.). La detenzione domiciliare consiste in una misura alternativa introdotta dal legislatore con legge 10 ottobre 1986, n. 663 nella prospettiva di favorire la risocializzazione del condannato; essa è stata riformata nel 1998 e con la legge n. 251 del 2005. 

 
Questa misura, sotto il profilo contenutistico, si sostanzia nell’espiazione della pena nella propria abitazione oppure in altro luogo di privata dimora ovvero in un luogo di cura ed assistenza; ai fini della legge, essa può essere applicata anche in una comunità terapeutica, poichè quest’ultima costituisce luogo di privata dimora. 
Alla luce delle diverse riforme intervenute in materia distinguiamo la detenzione domiciliare speciale, quella generica e quella anagrafica. 
In merito alla detenzione domiciliare speciale è necessario il requisito oggettivo rappresentato dalla quantità di pena comminata; il reo, cioè, deve essere stato condannato alla reclusione non superiore ai quattro anni. La legge, inoltre, ha specificato che tale limite massimo può consistere anche nella parte residuale di una maggiore pena in corso di esecuzione.
Altro requisito materiale, tuttavia, consiste nella esclusione di codesta misura allorquando il condannato sia stato affidato al servizio sociale; ciò poiché, nel quadro del fine rieducativi della pena, l’affidamento in  prova possiede una posizione di preminenza.
Tale misura può essere concessa solo alla donna incinta o alla madre di prole con età inferiore a dieci anni con lei convivente, al padre esercente la potestà genitoriale su prole di età inferiore a dieci anni, a persone in condizioni di salute particolarmente gravi, alle persone che abbiano compiuto 60 anni se inabili ed ai minori di anni ventuno per comprovate esigenze di studio, lavoro o famiglia. 
La detenzione domiciliare c.d. generica risulta essere, invece, quella che prescinde dai requisiti soggettivi (indicati in precedenza); essa può essere concessa a chiunque per l’espiazione di pena inflitta  in misura non superiore a due anni (l’art. 7 della legge n. 251 del 2005  ha, però, escluso l’applicabilità di tale misura ai recidivi reiterati).
Infine, la detenzione domiciliare anagrafica è quella contemplata per i condannati ultrasettantenni che non abbiano commesso reati di particolare allarme sociale.
L’ordinanza che concede la detenzione domiciliare può prevedere che il reo non abbia contatti con persone diverse da quelle che con lui convivono o che lo assistono; ciò può risolversi anche nel divieto di contatti telefonici o epistolari. Il provvedimento del Tribunale di sorveglianza, però, può anche consentire che il condannato si allontani dalla propria abitazione per esigenze assolutamente personali oppure per svolgere attività di tipo lavorativo.
La legge prevede inoltre che, allorquando il beneficiario si allontani illegittimamente dalla privata dimora, egli risponda del delitto di evasione (art. 385 c.p.) e che la denuncia per tale reato implica la sospensione della misura alternativa. 
Per quanto concerne la revoca, infine, va rilevato come  questa debba essere pronunciata nell’ipotesi di nuova condanna ed allorquando il comportamento del reo sia contrario alla legge o alle prescrizioni decise, oppure se  egli appare incompatibile con la prosecuzione della detenzione domiciliare.
Alla luce delle  considerazioni sopra esposte e dell’area di operatività della detenzione domiciliare, si può ritenere che specie la detenzione generica abbia delle potenzialità ancora non del tutto utilizzate nella prospettiva di diminuire il sovraffollamento delle carceri e procedere alla risocializzazione dei detenuti.
 
Prof. Pietro  Semeraro
Docente di Diritto Penale presso l’Università di Bergamo

Scritto da: Pietro Semeraro
(Leggi tutti gli articoli di Pietro Semeraro)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri
Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.146.184.210


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione