Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Per evitare gli acciacchi della vecchiaia, niente di meglio del servizio di volontariato


Polizia Penitenziaria - Per evitare gli acciacchi della vecchiaia, niente di meglio  del servizio di volontariato

Notizia del 22/04/2010

in Anppe

(Letto 2539 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Se poi ci si dedica all’aiuto dei più piccoli nei compiti scolastici, anche il cervello ne trae beneficio. Un gruppo di ricercatori dell’Università della California ha intervistato più di un migliaio di ultrasettantenni in buone condizioni di salute: un quarto si prendeva cura dei nipotini, il 28 per cento svolgeva attività di volontariato mentre meno del 20 per cento era ancora impegnato in un lavoro retribuito. «Rispetto a chi si godeva la pensione senza fare nulla, tutti costoro, dopo tre anni, avevano meno probabilità di trovarsi in condizione di fragilità, cioè di aver perso peso, forza e voglia di muoversi» Difficile, però, stabilire quale fosse la causa e quale la conseguenza: si potrebbe obiettare che all’inizio dello studio erano verosimilmente più attivi proprio coloro che stavano meglio. «Tenendo conto di questo,  emerge che solo il volontariato ha un effetto davvero protettivo». Una prova in più a sostegno del lavoro presentato l’anno scorso al Congresso annuale dell’American Geriatrics Society, secondo cui i pensionati oltre i 65 anni che fanno volontariato hanno un rischio di morire che è pari alla metà di quello degli altri loro coetanei. 
Sono stati sottoposti a risonanza magnetica  del cervello otto volontari seguendo un programma che prevede di affiancare tutori anziani ai bambini delle elementari in condizioni disagiate, per aiutarli in lettura e in matematica. Non è un impegno da poco: circa duemila uitracinquantacinquenni, in una ventina di città degli Stati Uniti, seguono corsi di aggiornamento di almeno quaranta ore prima di dedicarsi a questa attività che li assorbe per non meno di 15 ore settimanali. 

«Ma i frutti ci sono da ambo le parti» commenta la ricercatrice. Oltre ai miglioramenti nei bambini, ce ne sono anche sulle volontarie: «Sebbene le donne che abbiamo esaminato fossero considerate, all’inizio dello studio, ad alto rischio di declino cognitivo, perché, oltre a essere a basso reddito e non particolarmente colte, già “perdevano qualche colpo” nei test - spiega la ricercatrice, dopo sei mesi di sostegno ai bambini, la situazione appariva ribaltata: le aree del loro cervello, responsabili della cosiddetta “funzione esecutiva” da cui alla fine dipende l’autonomia, apparivano come riattivate». 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agenti penitenziari perquisiscono la sua cella e il detenuto rompe lo sgabello e ferisce due Poliziotti del carcere di Udine
Sospesi dal servizio i tre Carabinieri accusati della morte di Stefano Cucchi
Va a trovare il marito nel carcere di Torino con droga di ogni tipo nelle zone intime
Alberto Savi della Uno Bianca esce dal carcere in permesso premio per la prima volta
La RAI pagherà 8mila euro al boss mafioso Graviano per le riprese tv: le fece senza il suo consenso
Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere
Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria
Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.211.227.36


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

2 Circolare del GOM: togliete le foto da Facebook, è in atto una schedatura dei Poliziotti

3 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

4 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

5 Diventa anche tu Capo del DAP!

6 Clamorosa evasione dall''istituto … dal carcere ... insomma quello lì, come si chiama?

7 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono

8 C’era una volta la sentinella

9 Orlando e Consolo: pubblicate i dati reali del sovraffollamento

10 Italicum, Porcellum, Mattarellum e Consultellum





Tutti gli Articoli
1 Il Consiglio dei Ministri approva il Decreto Legislativo del Riordino delle Carriere

2 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

3 Caso Cucchi: Poliziotti penitenziari chiederanno risarcimenti milionari ai Carabinieri

4 Detenuti di Poggioreale rifiutano le celle aperte: vissute come una minaccia alla propria incolumità

5 Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata

6 Bonus 80 euro: quando e come saranno stanziati dopo ennesimo slittamento

7 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

8 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

9 Poliziotti e detenuti ripareranno insieme le auto della Polizia Penitenziaria

10 Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni


  Cerca per Regione