Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita


Polizia Penitenziaria - Per il Garante dei Detenuti se non condividi la riforma, o non l’hai letta o non l’hai capita

Notizia del 05/04/2018

in L''Osservatorio Politico

(Letto 825 volte)

Scritto da: Giovanni Battista Durante

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, parlando della riforma dell’ordinamento penitenziario, ha affermato che Chi parla di salva-ladri dimostra di non avere letto il testo che non tocca il 41 bis e non riguarda mafia e terrorismo.

Temo, tra l’altro, che queste polemiche stiano in realtà creando vane aspettative nei confronti di chi è dentro per associazione mafiosa.

Tale affermazione è riportata in uno dei tanti articoli – in questo caso si tratta di un’intervista - di Mauro Aliprandi, pubblicato su Il Dubbio, quotidiano diretto da Piero Sansonetti.

L’autore dell’articolo continua affermando che si tratta di uno dei giudizi che Mauro Palma dà sui “critici” della riforma che attende ancora il via libera definitivo. L’autore, a un certo punto, fa notare all’intervistato che tra i tanti, anche il sociologo Nando Dalla Chiesa, figlio del mitico generale Carlo Alberto, ha criticato la riforma, avendo dichiarato che è un favore che lo Stato concede alle mafie.

L’intervistato risponde affermando La mia sensazione è che non abbiano letto il testo della riforma.

Eppure, dalla legge delega ci sono stati diversi passaggi e mi domando, tra l’altro, perché chi ha tutte queste paure non l’abbia detto prima.

Ci sono due punti cardini da evidenziare: non si tocca il 41 – bis e non riguarda il reato di mafia e terrorismo. Probabilmente la questione è venuta fuori per un cavillo strettamente tecnico riguardante la questione dello scioglimento del cumulo. Facciamo un esempio chiarificatore. Il signor X deve scontare un reato di associazione mafiosa e poi  ha altri reati non connessi a quello principale.

Quando ha pianamente scontato gli anni relativi al reato di mafia, quelli rimanenti sono di altro tipo e possono essere considerati non ostativi.

Quindi, ripeto, che non c’è nessuno sconto per chi commette reati di associazione mafiosa.

Ho scritto nel precedente numero della nostra Rivista, nell’articolo dal titolo Abbiamo messo insieme la teoria e la pratica: non c’è niente che funzioni... e nessuno sa il perché, riprendendo parte di una massima di Albert Einstein, che Le linee guida della politica penitenziaria e dell’esecuzione della pena sono state affidate a teorici che forse potrebbero fare bene nelle aule scolastiche, ma fanno molto male quando assumono incarichi di responsabilità gestionale ed amministrativa.

Mentre scrivo queste righe mi è tornata in mente la frase di un ricercatore il quale un giorno mi disse di un suo professore: E’ un grande conoscitore della materia e un ottimo professore, ma se lo metti in un supermercato si perde.

Ecco, questi sono i teorici infarciti di ideologia, i quali, tra l’altro, il più delle volte sono anche piuttosto presuntuosi ed arroganti. Se non condividi quello che dicono loro, per bene che ti vada, sei tacciato di essere ignorante. Chi dissente da questa riforma è ignorante, perché non ha letto il testo, oppure non lo ha capito. Ammesso e non concesso che il sindacato non abbia letto il testo o non lo abbia capito, ma anche il sociologo Nando Dalla Chiesa, il sostituto Procuratore di Catania Sebastiano Ardita, il Procuratore Nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho e tanti altri non lo hanno letto o capito? Possibile che solo il Garante Nazionale dei detenuti, il prof. Glauco Giostra e Rita Bernardini lo abbiano capito?

Proprio Rita Bernardini, rispondendo su facebook a una persona, ha scritto che con le modifiche al 4 – bis sarebbe stato più facile uscire dal carcere. Allora le nostre perplessità erano e sono fondate ?

Certo che lo sono.

Perché il secondo comma dell’articolo 4 – bis non riguarda solo persone che con la mafia non hanno nulla a che vedere. E’ illuminante proprio l’esempio che fa il garante quando parla dello scioglimento del cumulo ed afferma che il signor X, dopo aver scontato la pena per il reato associativo, se è in carcere per altri reati non connessi può usufruire dei benefici. Provate ad immaginare quali possano essere i reati commessi da un mafioso che non siano in qualche modo legati al suo status, al suo essere mafioso. Non possiamo certo considerare l’estorsione aggravata, la rapina aggravata o l’omicidio commessi da un mafioso, come qualcosa di avulso dal suo status, dal suo essere mafioso, solo perché non connessi secondo le norme dell’articolo 12 del codice di procedura penale, tranne che il termine connessione non sia stato utilizzato impropriamente dal garante. Tutti i reati commessi da un mafioso sono comunque legati al suo status, tranne che non abbia ucciso la moglie, perché l’ha trovata a letto con un altro.

Non toccare il 41 bis non vuol dire nulla di concreto, atteso che gli appartenenti alla criminalità organizzata in carcere dovrebbero essere circa novemila, mentre quelli al 41 bis circa settecento, quindi una netta minoranza. E’ soprattutto rispetto agli altri circa ottomila che dobbiamo ragionare, per evitare che possano uscire dal carcere prima e più facilmente. Forse sarebbe stato più opportuno rivedere la tipologia di reati contenuti nel 4 bis, piuttosto che le modalità per accedere ai benefici, se proprio si voleva escludere reati che non sono usualmente commessi da appartenenti alla criminalità organizzata; reati per i quali, invece, sarebbe più opportuna, dopo aver scontato la pena, l’applicazione di adeguate misure di sicurezza, quelle misure di sicurezza che il garante ed altri vorrebbero abolire, perché basate su una pericolosità presunta.

Qui si aprirebbe un altro fronte di discussione, per il quale, al momento, non abbiamo né spazio, né tempo, ma provate a ragionare su quanto possa essere pericoloso un violentatore seriale di bambini/e, se la sua pericolosità sia reale o presunta. Pensate a Luigi Chiatti, il mostro di Foligno, ed a quando chiese di non farlo uscire dal carcere, perché altrimenti avrebbe ripreso a commettere gli stessi reati.

A questo punto bisognerebbe  anche decidere se la sicurezza pubblica e l’incolumità della gente per bene, possono essere considerati prevalenti rispetto ad altri diritti.

Questo implicherebbe anche un’ammissione di verità: che non tutte le persone che delinquono possono essere recuperate, persone per le quali il carcere o le altre strutture devono avere solo una funzione di sicurezza e di contenimento.

 

 


Scritto da: Giovanni Battista Durante
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista Durante)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Un torneo di calcetto per ricordare “Gigi 48″, agente penitenziario prematuramente scomparso
Intervista all'' atleta della Fiamme Azzurre Clemente Russo: “Sogno Tokyo 2020 per fare la storia del pugilato mondiale”
Cerca di portare la droga al parente detenuto, arrestato
Giornata di campionato di calcio di serie A dedicata alle vittime del dovere
La Cassazione accoglie un ricorso sulla compatibilità di Dell Utri col carcere
Ministero della Giustizia condannato a risarcire detenuto: la nota della direttrice di Brindisi
NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line
“Polizia Penitenziaria Day” alla Casa Circondariale


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 6


A Ritaa....?!?😂
Siii.....🐒
Uno a zero e palla al centro😂!!!
Batti er 5 che te passa!!!🙋

Di  Agos  (inviato il 12/04/2018 @ 19:22:20)


n. 5


Gli Agenti...Perché le persone corrompono o si fanno corrompere. Bella domanda!
L’analisi di Klitgaard: Livello di corruzione = M(onopoli) + D(iscrezionalità) +A(ccountability)
Il modello principale agente: il dipendente pubblico/agente corrotto compie un azzardo morale, sfruttando il proprio vantaggio informativo nei confronti dello Stato/principale, e lavora per favorire un principale occulto (il corruttore)
Tutte le analisi basate sulla Teoria dei Giochi, che rappresentano l’accordo tra corrotto e corruttore come l’interazione tra due giocatori, che calcolano i costi e i benefici derivanti dalla legalità o dalla corruzione

Alcuni studi su campioni di esseri umani in carne ed ossa hanno dimostrato che effettivamente le persone sono per natura disoneste, ma fino a un certo punto. Piccole disonestà (non pagare il biglietto dell’autobus, parcheggiare senza pagare, non pagare il canone RAI!) sono tollerabili. Ma esiste una barriera (psicologica? Culturale? Etica?) alla grande disonestà generalizzata: un atto di grande disonestà ci impedirebbe di “guardarci allo specchio al mattino” [2]
La nostra esperienza di persone oneste ci dimostra che si può essere onesti anche in un contesto (come quello italiano) in cui l’illegalità è fortemente tollerata e non punita. Inoltre, esistono persone (ad esempio i Whistleblowers) che scelgono di denunciare fatti di corruzione, pur sapendo che la pagheranno cara (cioè scelgono l’opzione meno conveniente).

Le persone sono generalmente disoneste, ma non corrotte: in cosa consiste la disonestà delle persone oneste?
I corrotti e i corruttori superano una “soglia”, che separa la piccola disonestà dal crimine (lo stesso vale per assassini, mafiosi, grandi evasori e riciclatori di denaro nei paradisi fiscali): perché la superano?
Molte persone scelgono di essere più oneste della media dei loro simili (ad esempio continuano a pagare le tasse in un paese in cui l’evasione fiscale è molto diffusa): perché lo fanno?

Alcune convenzioni sociali, alcuni valori (individuali o condivisi), alcuni comportamenti si impongono su altri, perché conducono le persone a fare delle scelte vantaggiose (=il calcolo dei costi e dei benefici seleziona alcuni valori ed alcune convenzioni sociali)
Alcune convenzioni sociali, alcuni valori (individuali o condivisi) alcuni comportamenti interferiscono (in positivo o in negativo) sul calcolo dei costi e dei benefici, portando alcune persone a fare scelte fortemente disoneste ed altre persone ad essere oneste, al di là di ogni guadagno personale (= la dimensione etico/culturale influenza la razionalità delle scelte)
Alcune convenzioni sociali, alcuni valori (individuali o condivisi) alcuni comportamenti possono diffondersi (a discapito di altre convenzioni, altri valori, altri comportamenti) e orientare una società verso la legalità o l’illegalità (=l’etica non conosce una economia di mercato, ma solo una economia in cui, nel tempo, si susseguono diversi tipi di monopolio morale).

Di  Anto  (inviato il 08/04/2018 @ 17:40:58)


n. 4


Gratteri disse: "In carcere si lavori come terapia rieducativa. Il tossicodipendente deve lavorare otto ore al giorno, perché un altro può stare 10 ore davanti alla tv? Occorre farli lavorare come rieducazione, non a pagamento. Se abbiamo il coraggio di fare questa modifica, allora ha senso la rieducazione.
Come si fa a non concordare con Zù Nicola.

Di  Isp.re Capo  (inviato il 07/04/2018 @ 16:30:58)


n. 3


E tosto il garante dei detenuti molto tosto . Sarà meglio cambiare anche noi istituendo il garante della polizia penitenziaria al posto dei sindacati.

Di  Anonimo  (inviato il 06/04/2018 @ 17:34:11)


n. 2


Un filosofo direbbe che questa riforma andrebbe presto riformata.
Di questo passo si intaseranno gli ambulatori, può essere mai che nulla si muova in nostro favore, per il nostro strafott....benessere!?

Di  SaSSS  (inviato il 06/04/2018 @ 00:42:35)


n. 1


Dopo trent'anni di servizio ho assistito al recupero di un solo detenuto...si soltanto uno!
Politica garantista di basso profilo e MOLTO FUMOSA che mira a salvare i carnefici e fare passare noi come coloro i quali non riescono nel mandato istituzionale. Ma ieri una grossa, ma proprio grossa ce l'ho proprio MANDATA a quel paesello e penso ci rimarrà per sempre!
In questo stramaledetto posto infernale che è il carcere tanti ormai nemmeno chiedono di sguazzare liberamente, ognuno fa come gli pare con il consenso di PRAPPIANI, direttori, comandanti sonnecchioni e tanto giramento de coj.....i.
Come fare a non pensare ad un passato davvero glorioso, c'è da uscire pazzi 😱🐒

Di  SaSSS  (inviato il 06/04/2018 @ 00:22:50)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.80.103.120


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Salvatore Rap: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso durante la rivolta nel carcere di San Vittore del 21 aprile 1946

5 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

6 La lingua segreta dei tatuaggi sulla persona detenuta

7 L’indennità per la “presenza esterna”: a chi si e a chi no

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”





Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

8 Forze Armate: NoiPA è diventato un problema?

9 NoiPa: Forze Armate in rivolta. E spunta una petizione on line

10 M5S chiede intervento Ministro Giustizia: Parlamentari raccolgono allarme agenti Polizia Penitenziaria


  Cerca per Regione