Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Pericolo droni in carcere: il Sappe denuncia la possibilità di utilizzarli come alleati dei detenuti


Polizia Penitenziaria - Pericolo droni in carcere: il Sappe denuncia la possibilità di utilizzarli come alleati dei detenuti

Notizia del 26/05/2016

in Houston abbiamo un problema

(Letto 2910 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Nel film "Papillon" un giovanissimo Dustin Hoffman, nei panni di un falsario in cella, aiutava un detenuto in isolamento a non morire di fame grazie a mezza noce di cocco nascosta nel secchio dell’acqua con il quale si sarebbe dovuto lavare.

Nell’era della tecnologia forse tanto ingegno potrebbe non essere più necessario, rimpiazzato dai droni capaci di sorvolare le teste dei galeotti in cortile durante l’ora d’aria o di avvicinarsi sufficientemente alle celle dei destinatari di pacchi agganciati al marchingegno volante.

Fantascienza? Niente affatto.

A Orvieto, poche settimane fa, gli agenti della Polizia Penitenziaria hanno sequestrato un drone decisamente vicino al carcere. Un giro di ricognizione per non mancare il bersaglio? Una prova tecnica prima del "carico" programmato? Impossibile dirlo con esattezza.

«Non può escludersi che tale tecnologia possa essere impiegata per l’introduzione di armi, esplosivi, cellulari, droga e comunque di oggetti non consentiti» spiegano dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe che, in virtù di questo pericolo, ha chiesto al Ministro della Giustizia Andrea Orlando «l’urgente adozione di strumenti di contrasto, atteso che i droni rappresentino la nuova frontiera criminale». «Oggi (ieri n.d.r.) abbiamo inviato la seconda lettera di sollecito al Guardasigilli – precisa il segretario generale, Donato Capece – ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta. L’idea che la droga possa essere consegnata con un drone non sembra più così peregrina, considerate anche le deficienze strutturali nella sicurezza passiva e le carenze di organico che si riscontrano in quasi tutte le prigioni italiane».

SICUREZZA DELLE CARCERI: IMPIEGO E SORVOLO DRONI

Il pericolo, ultimamente aggravato dalla vendita di micro droni, riguarda in particolare le strutture penitenziarie più vecchie, che "convivono" in quartieri affollati con palazzi e uffici. «Regina Coeli è una di queste – sottolinea Capece -. Quanto sarebbe facile far volare un drone, magari dal lungotevere, con un cellulare, dosi di stupefacenti o un coltello, fino alla cella del detenuto destinatario del pacco? Come può intervenire la Polizia Penitenziaria per scongiurare un’ipotesi del genere? Il divieto di sorvolo nel centro storico esiste, ma fermare un drone prima che arrivi a destinazione può non essere così semplice».

Alla luce di questo, cinque mesi fa, il deputato del Pd Dario Ginefra presentò un’interrogazione parlamentare al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, all’indomani della sua visita alla struttura di corso Alcide De Gasperi. «Si chiede di conoscere l’attuale stato di funzionamento del sistema di videosorveglianza del carcere di Bari, se sono previste dal ministero e dal Dap forme di sostegno per l’efficientamento delle telecamere interne ed esterne per fronteggiare l’uso avanzato di tecnologie, a partire dai droni, nell’immissione di eventuali sostanze stupefacenti o altro».

D’altronde all’estero il pericolo è già diventato realtà. In un video poi trasmesso dalla BBC, si vede chiaramente un marsupio trasportato con un oggetto radiocomandato afferrato prontamente dal braccio di un detenuto attraverso le sbarre. «A dicembre un uomo rinchiuso nel carcere di Montreal venne trovato in possesso di una pistola che gli sarebbe stata consegnata con un drone – insistono dal Sappe - . Un drone che trasportava telefoni cellulari, sim card e droga è stato rinvenuto nel cortile di un carcere inglese lo scorso novembre, mentre un altro velivolo, provvisto di droga, coltelli e altri beni di contrabbando, è precipitato all’interno di un carcere negli Stati Uniti». Sempre secondo il canale tv britannico, sono più di 2mila gli oggetti introdotti illegalmente nelle carceri di Inghilterra e Galles: in genere farmaci e cellulari, ma anche coltelli.

Silvia Mancinelli - Il Tempo

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.142.219


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione