Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Piante organiche del DAP, PRAP e Scuole: ecco perché non le metteranno in pratica tanto facilmente


Polizia Penitenziaria - Piante organiche del DAP, PRAP e Scuole: ecco perché non le metteranno in pratica tanto facilmente

Notizia del 24/04/2012

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 5790 volte)

Scritto da: Enzima

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Le cose importanti passano sempre sottotono. Pure la proposta del DAP delle dotazioni organiche della Polizia Penitenziaria in sedi diverse dagli istituti ha riscosso poca o nulla attenzione. Eppure se fosse veramente messa in pratica, sarebbe un’autentica rivoluzione per la Polizia Penitenziaria e per tutta l’Amministrazione penitenziaria.

Forse la proposta non ha sollevato molte discussioni perché fa paura. Sarebbe un autentico spartiacque tra il sistema feudale di adesso e un’amministrazione fatta di regole e diritti.

Se le centinaia di colleghi attualmente distaccati nelle varie sedi “diverse dagli istituti” trovassero posto in una pianta organica, verrebbe meno quella manovalanza di uomini e donne della Polizia Penitenziaria disposti e costretti a tutto. Uomini e donne alle dirette dipendenze di "zone grigie di potere" nell’amministrazione penitenziaria che dalle reali necessità di alcuni e delle attitudini al “lecchinaggio” di altri, hanno creato e mantenuto il loro potere.

Senza generalizzare, ovvio. Ma chi non si presta e non si dimostra malleabile, duttile, chi magari pretende anche che vengano rispettate regole e dignità personali, ha i distacchi contati …

Tra le minacce più patetiche che molti hanno ricevuto negli ultimi anni (patetiche per chi le ha espresse) ce n'è una particolarmente grottesca: “Ma guarda che qui non sono previsti agenti di Polizia Penitenziaria…”. Sarebbe facile rispondere che in molte carceri mancano i Direttori, ma ovviamente il rapporto tra dipendente e Dirigente, da quel momento sarebbe destinato ad incrinarsi (indovinate a svantaggio di chi?) e siccome la fila di chi ha la necessità di un distacco e di chi ha una naturale predisposizione ad essere “elastico” con la propria dignità è molto lunga, chi osasse rivolgere ad un direttore un'affermazione del genere non avrebbe (e non ha avuto) vita facile.

E’ ovvio allora che sul lungo periodo, in certe sedi si verifica una selezione naturale a favore di persone disposte a soprassedere, a chiudere un occhio, a derogare nei confronti dei propri e altrui diritti. Gente distaccata da dieci, quindici anni nello stesso posto con rinnovi annuali, semestrali o trimestrali. Gente circondata oltretutto da fortunati che per altri motivi, il posto in “sedi diverse dagli istituti” ce l’hanno da titolari e che invece di essere solidali con i distaccati, li osservano come se fossero appestati e che quando un distaccato alza la testa, corrono a sedare gli animi per non sollevare il polverone, per non smuovere la m****, altrimenti chissà: anche il loro posto in una “sede diversa dagli istituti”, potrebbe essere messo in discussione?

No. Le piante organiche in “sedi diverse dagli istituti” non saranno messe in pratica tanto facilmente. Si potrebbero alzare troppe teste, potrebbero uscire allo scoperto troppe persone senza vincoli di fedeltà e sottomissione e parecchi direttori e dirigenti non potrebbero più esercitare l’unico loro potere: il distacco da rinnovare…

 

Leggi anche: Ah che bellu cafè, pur' al DAP ‘o sann’ fa 

Leggi anche: Il DAP e via Arenula, in realtà sono sedi disagiate

Leggi anche: Alla Signoria Vostra Illustrissima, la mia faccia sotto i vostri piedi


Scritto da: Enzima
(Leggi tutti gli articoli di Enzima)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 5


... a distanza di 15 anni or sono .. mi sento più indignato che mai con questa amministrazione ... in materia di distacchi selvaggi come veri e propri trasferimenti e trasferimenti veri attesi da gente che ha lavorato in prima linea combattendo giorno e notti ... meritevoli di un meritato trasferimento nella sede dallo stesso richiesto .. e poter raggiungere i propri obbiettivi personalii..!!!

Di  indignato  (inviato il 08/05/2012 @ 19:12:38)


n. 4


Vedi caro Collega, non'è una questione di vedere o piacere , i nostri colleghi del DAP se non facessero cose che gli altri vedono forse tutto ciò non sarebbe avvenuto, mi spego meglio:
I nostri colleghi al DAP piu delle volte si fanno vedere in giro anche fuori dal DAP senza fare nulla, cioè a spasso a chiacchierare e avere dei previleggi sindacali per uscire ed entrare quanto vogliono e non solo, appena hanno un piccolo problema lo vanno a ridicolizzarlo in giro vantandosi anche di essere raccomandati.
Al DAP ci sono colleghi che svolgono servizo regolarmente ( vedi il Reparto della Vigilanza), in divisa con regolare turnazione..sono stati
chiamati anche loro....

Di  CARPEGNA  (inviato il 27/04/2012 @ 09:18:53)


n. 3


L'amministrazione intende impiegare il personale già distaccato al DAP per inviarlo a Rieti. Già questo può bastare per capire il gioco sporco dell'Amministrazione. Non vuoi andare a Rieti? Bene, ritorna a Milano. CHE VERGOGNA!!!! Questo è un modo "casareccio" di gestire la PA. Tuttavia la reale colpa è di alcuni sindacati che davanti a simili comportamenti fanno finta di niente. Volete sapere dove si trova il personale più distaccato? Praticamente al NIC, pertanto, le indagini per il contrasto alla camorra si fermeranno e molte altre indagini, per inviare il personale a RIETI. Devo dire che l'Amministrazione ha una strategia molto chiara e mi viene da pensare che, forse,a questo Capo del DAP non piaccia tanto il NIC.

Di  IL MANDRIANO  (inviato il 26/04/2012 @ 09:55:02)


n. 2


Nell'Istituto dove lavoro hanno richiamato in sede poichè dovevano aprire un nuovo piano almeno 20 persone circa, dislocate nelle scuole prap dap e chi più ne ha più ne metta. Ebbene ne sono realmente rientrati 8 e per di più molto incazzati e (cagionevoli di salute, curioso di la erano rocce ), per la loro sorte avversa.Parlando con alcuni di essi, cercavo di consolarli dicendogli che comunque sono decisamente meglio 20 minuti di macchina che 2 ore e mezzo tra treni e navette varie tra A/R, e che comunque dopo 12 anni fuori,( alcuni), si erano disintossicati, ma nulla, a loro dire gli era stato palesemente fatto un torto, l'ispettore rosicava perchè l'assistente era rimasto al calduccio grazie allo sponsor, e cosi scalando nei vari gradi.Morale della favola, meglio farsi 5 ore di viaggio alzarsi alle 5 del mattino tutti i giorni, sacrificare anche gli affetti familiari che stare in una galera, perchè se esci di casa alle 5 e torni alle 19 penso che si faccia poco in famiglia, il sottoscritto forse perchè sono vecchietto sarei distrutto fisicamente.E dopo 29 anni di onorato servizio negli istituti, non ho mai volutamente leccato o strusciato, mi sento male solo a pensarlo, mi si accapona la pelle, perchè la mia dignità viene solo dopo la mia famiglia, e non mi sento inferiore a nessuno, (riferito ai vari specialisti superuomini che abbiamo tra le nostre fila) penso a cosa si fa pur di non lavorare negli istituti, si arriva anche a prostituirsi nel vero senso del termine.Ma loro i protetti non sapranno mai cosa vuol dire spirito di corpo, sentirsi parte di una famiglia, mangiare il panettone a Natale tutti insieme, e non sentirsi sfortunati, condividere quei momenti che rimarranno per sempre. E francamente con tutto lo schifo che viviamo in questo lungo periodo, carceri che scoppiano, personale che manca, io ancora mi sento parte di questa famiglia. Purtroppo nel nostro corpo non si fa carriera per meritocrazia, ma per spinte e leccate, ma penso anche che non sia molto diverso dai nostri cugini delle altre forze di polizia, semplicemente in Italia c'è questo malcostume, e piaccia o no va così. Quindi cari colleghi sfortunati che sentite la puzza di galera come me ogni giorno, non sentitevi sfortunati, anzi siate orgogliosi del lavoro che prestate,(perchè lo siete) la professionalità noi la acquisiamo sul campo, abbiamo anche imparato a fare gli psicologi, gli educatori e quasi tutte le figure che mancano tra le mura di un penitenziario.
Spero di non urtare la suscettibilità di alcuni, non è quello il mio intento, che è semmai quello di farci sentire, noi parenti poveri ci siamo e vi osserviamo.
un saluto

Di  mario64  (inviato il 24/04/2012 @ 15:47:50)


n. 1


-- leggo sempre con molto piacere ed interessi i tuoi articoli caro ENZIMA per diversi ed opportuni motivi.
Nell'Amministrazione vengono sempre boicottati criteri elementari di diritto del tipo : concessione , diritto soggettivo, dovere, discrezionalità a secondo delle circostanze politiche, amministrative, sindacali ecc......
Purtroppo avere una certa cristallinità istituzionale non è facile con chi detiene e deve esercitare il potere sia esso amministrativo, operativo o dirigenziale...............
Oggnuno di noi trova il proprio equilibrio secondo necessità personali e sindacali, certamente non secondo interesse collettivo di un Corpo di Polizia Penitenziaria...............se poi aggiungessimo delle considerazioni sulle dipendenze funzionali o gerarchiche poi lasciano il tempo che trovano..............
Ad ogni grandezza corrisponde sempre l'equivalente misura: due pesi e due misure...............e non diversamente........, anche perchè il concetto metrico, di peso o matematico non è discrezionale o secondo opinione........ e, con questo ho detto tutto.............!!!
Buon lavoro............

Di  il cinico  (inviato il 24/04/2012 @ 14:23:19)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.158.92.239


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione