Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Polizia Penitenziaria e Servizio di Polizia Stradale: compito d'istituto oppure no?


Polizia Penitenziaria - Polizia Penitenziaria e Servizio di Polizia Stradale: compito d'istituto oppure no?

Notizia del 26/02/2014

in Mondo Penitenziario

(Letto 26819 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Nell’immaginario comune, non di rado anche di qualche Giudice di Pace, le funzioni di polizia stradale attribuite per Legge al Corpo di Polizia Penitenziaria, sono da ritenere talmente stringenti, rispetto ai compiti d’istituto, al punto che per poter accertare una violazione devono verificarsi determinate circostanze in assenza delle quali l’accertamento sarebbe illegittimo!

Per sgombrare il campo da possibili fraintendimenti, è necessario conoscere il Codice della Strada, da un lato, e il Corpo di Polizia Penitenziaria, dall’altro, Corpo di Polizia questo, tra quelli statal,i forse meno conosciuto e direi anche meno gradito.

Il Nuovo Codice della Strada, emanato con D.Lgs. 30.04.1992, n. 285, all’art. 12 (espletamento dei servizi di polizia stradale), comma 1, in origine indicava una serie di Organi/Corpi ai quali competeva l’espletamento dei servizi di cui all’art. 11. Dall’elenco, contrassegnato con le lettere da A) ad F) certamente mancavano la polizia provinciale, la Polizia Penitenziaria, il corpo forestale… senza che ciò significasse mancanza di legittimità all’espletamento di talune funzioni di polizia stradale giacché, il successivo comma 2 dell’anzidetto art. 12, recitava testualmente “L'espletamento dei servizi di cui all'art. 11, comma 1, lettere a) e b), spetta anche ai rimanenti ufficiali e agenti di polizia giudiziaria indicati nell'art. 57, commi 1 e 2, del codice di procedura penale”.

Quindi, le infrazioni al C.d.S. potevano essere accertate, ante Legge n. 214/2003, anche dalla Polizia Provinciale, dal Corpo Forestale e dalla Polizia Penitenziaria, con una eventuale possibile carenza organizzativa, ma certamente non illegittimamente. Per esempio, la Polizia Penitenziaria, per l’emissione dei Verbali di Contestazione si avvaleva della collaborazione della Polizia Stradale o della Polizia Locale, con accordi rimessi alle iniziative dei singoli Comandi.

Il comma 2 dell’art. 12 C.d.S. è rimasto invariato negli anni, nonostante le innumerevoli modifiche apportate dal Legislatore al complessivo impianto del Codice della Strada, e la Giurisprudenza (es. Cassazione n. 11709/2005 sancisce “… sono sempre tenuti, come Agenti ed Ufficiali di Polizia Giudiziaria, anche se liberi dal servizio, ad accertare i reati e le infrazioni amministrative…”) ha rafforzato il tenore di questo comma “residuale”, affermando un obbligo giuridico anche quando si è liberi dal servizio.

Orbene, il Personale della Polizia Penitenziaria (ancorché essa sia una Polizia Specialistica al pari della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale dello Stato), ai sensi dell’art. 57 c.p.p è investito delle qualifiche di polizia giudiziaria a competenza generale (Ufficiali e Agenti) ergo senza limitazioni di materia o di territorio, esattamente al pari delle altre 4 Forze di Polizia statali, pertanto le funzioni ex art 11, comma 1 lettere a) e b) del C.d.S (accertamento delle infrazioni e rilevamento degli incidenti stradali), non trovano alcuna limitazione che possa derivare dalla formula “in relazione ai compiti d’istituto” introdotta con la lettera F-bis all’art. 12, nella nuova formulazione, con la Legge n. 214 del 1° agosto del 2003.

Ciò non significa che la Polizia Penitenziaria, abbandonando i suoi prioritari compiti istituzionali, si dedichi alla repressione di massa delle violazioni stradali, benché ve ne sarebbe la necessità attesi i gravi risvolti sulla società, sulla salute e sulla sicurezza pubblica, di molti comportamenti illeciti legati alla circolazione.

Si tratta di funzioni strumentali ai primari compiti istituzionali del Corpo (art. 5 Legge n. 395/1990), ma anche di possibilità (opportunità) dei singoli Operatori di poter accertare violazioni stradali in circostanze diverse, avendone anche l’obbligo giuridico come sopra evidenziato, senza dover affrontare la burocrazia della “segnalazione” dell’infrazione ad un altro Corpo di Polizia per l’emissione del relativo verbale di contestazione.

Una interpretazione della Legge nei sensi finora descritti, si rinviene altresì nei provvedimenti amministrativi di disciplina del servizio di polizia stradale, emanati dal vertice della Polizia Penitenziaria. In particolare, il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria e Capo della Polizia Penitenziaria, con Provvedimento “P.C.D. del 18.01.2008 – Istituzione dei Servizi di Polizia Stradale del Corpo di Polizia Penitenziaria”, e successiva Circolare Esplicativa del 27.02.2008, stabilisce alcuni principi e chiarisce il senso della locuzione “in relazione ai compiti d’istituto”.
Innanzitutto, si precisa che “trattasi di funzioni sussidiarie rispetto alle funzioni prioritarie della Polizia Penitenziaria, pertanto le prime non possono rallentare o pregiudicare le seconde”, così sgombrando il campo da possibili timori di “invasioni” delle strade da pattuglie del Corpo impegnate nei controlli stradali!

Cosa altrettanto importante, attiene alla terminologia adottata dalla norma “in relazione ai compiti d’istituto”, la quale non è pregnante al punto da esigere immancabilmente un nesso di strumentalità fra i compiti d’istituto e l’espletamento del servizio in argomento.

Infine, a titolo esemplificativo, si indica che l’attività di formazione deve essere diretta a consentire la specializzazione del Personale, in particolare sulle seguenti attività:

1) Sicurezza o riservatezza delle strutture centrali e periferiche di pertinenza o in uso all’Amministrazione Penitenziaria, ovvero in tutto o in parte affidate alla stessa in custodia o vigilanza;

2) Garanzia delle condizioni di agevole accesso ed allontanamento, riferite alle strutture in argomento ed agli immobili raggiunti dalla Polizia Penitenziaria per l’esercizio dei compiti d’istituto;

3) Sicurezza e continuità della circolazione nelle aree pertinenziali alle strutture di cui al punto 1);

4) Sicurezza, efficienza e continuità dei servizi di traduzione, scorta, piantonamento, comunque affidati alla Polizia Penitenziaria;

5) Attività di Polizia Giudiziaria;

6) Attività di Ordine, Sicurezza e Soccorso Pubblico, ai sensi dell’art. 16 della Legge n. 121/1981, svolte su richiesta del Prefetto;

7) Attività di Polizia Stradale svolta su richiesta del Ministero dell’Interno, ai sensi dell’art. 11, comma 3, Codice della Strada.

La formazione concernente le modalità operative del servizio, si estenderà ai presupposti ed alle modalità di espletamento dei rilievi alcolemici e psicotropici di cui agli artt. 186-187 C.d.S., nonché all’effettuazione dei rilevi tecnici di cui all’art. 11 C.d.S., chiarendone le esigenze che, anche alternativamente, le rendano coerenti con i compiti d’istituto (urgenza, sicurezza, attività di polizia giudiziaria, collaborazione Interforze).

Da quanto finora esposto, se ne ricava il concetto che la Polizia Penitenziaria opera esattamente al pari delle altre Forze di Polizia, tenendo sempre in evidenza i propri prioritari compiti d’istituto, ma certamente senza dover temere che gli accertamenti comunque effettuati dai suoi appartenenti possano essere cassati per illegittimità dovuta a “difetto di competenza”.

I cittadini stiano più attenti o osservino il Codice della Strada, le altre Forze di Polizia non si sentano spodestate dalle nuove attribuzioni formali al Corpo di Polizia Penitenziaria, i Giudici chiamati a “gestire” i ricorsi dei trasgressori, studino in modo approfondito prima di sentenziare in modo fantasioso e di sgretolare inutilmente il lavoro di chi opera al Servizio del Paese e della Collettività.

 

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 38


X rico...intanto un saluto ......e giustamente come dici tu i GDP sono pieni di ricorsi per il CDS di qualsiasi forza dell'ordine....noi facciamo il nostro se poi viene proposto il ricorso a noi non spetta altro che dare le nostre controdeduzioni senza senno di poi e lacrime di coccodrillo.....molte ff.oo arrestano ladri scippatori spaccciataori e molti giudici li lasciano liberi...non per questo bisogna smettere di arrestare gente.............X SERPICO...come dice giustamente RICO...siamo sempre agenti e ufficiali di P.G. e se leggi il CDS art 12 al punto 2) scoprirai che possiamo farle "sempre".......un saluto a tutti

Di  claudio  (inviato il 20/04/2014 @ 22:27:18)


n. 37


scusate un attimo. nessuno vieta e può vietare la rilevazione di infrazioni al cds. questo innanzitutto per il solo e semplice fatto che, in primis, tutti noi siamo o Agenti o Ufficiali di Polizia Giudiziaria. altro fatto sta poi nell'opportunità di farlo fuori servizio e cmq nel non strafare......ovvero gestire al meglio questa opportunità o meglio questo compito. i compiti Istituzionali? anche andare a mettere carburante all'auto di servizio piuttosto che ad un iveco potrebbe essere un compito Istituzionale......per quanto concerne poi i verbali chiusi a chiave io dico sempre, con tutto il rispetto, che se non lo si vuole avviare di persona il servizio basta individuare alcune unità di riferimento, magari più motivate, e professionalmente e imparando lungo il cammino, iniziare. dobbiamo uscire da questo imbuto e pensare, alcuni, di non essere all'altezza! se notate gli uffici dei GDP piuttosto che le prefetture sono stracolmi di ricorsi e se pensate un pò vi renderete conto che, a d oggi, moltissimi sono degli altri colleghi. quindi si sbaglia per imparare, l'importante è la buona fede. una Buona Pasqua a tutti.

Di  rico massimo  (inviato il 19/04/2014 @ 19:32:01)


n. 36


Ma invece di fare commenti senza senso, perchè non leggete l'articolo scritto sopra? Altro che limitazioni... qui l'unico limite è l'ignoranza!!

Di  INDIGNATO NORDISTA  (inviato il 18/04/2014 @ 18:41:38)


n. 35


x NOLAN ...
Rispondo innanzitutto .che noi possiamo elevare contravvenzioni al CD limitatamente ai compiti Istituzionale...prego leggere in cosa consiste la nostra limitazione.
In secondo immagina tu se libero dal servizio pupi elevare infrazioni al Codice della Strada...assolutamente no e contestabile..
Se avrai modo di leggere il prontuario del Codice della Strada. .così denominato jn abbreviato C.d.S. riposta nelle ultime pagine Autorita' competenti ad elevate infrazioni anche in abiti Civili e/o fuori servizio

Di  Serpico  (inviato il 18/04/2014 @ 13:27:08)


n. 34


nolan...la faccenda è piu' complicata del previsto..ma attenzione....no perchè la legge e il CDS non te lo permetta ma dipende in che sede sei e che cordinatore di nucleo ti trovi davanti. se tu fossi per esempio nella mia sede non ci sarebbero problemi...tu vieni con tutti i dati (targa,strada,ora,giorno eccecc.)e in un attimo si svilupperebbe il verbale che come agente acertatore avrebbe la tua firma..ma...se ti trovi davanti (la maggior parte) coordinatori OBSOLETI e che pensano che questo servizio porti la peste...allora sei del gatto...ti conviene lasciar perdere...questo e' il punto...ancora ad oggi troviamo agenti che non hanno i blocchetti verbali solo perchè i "capi" li tengono sottochiave come fossero loro...per paura ??? per troppo lavoro??troppa responsabilità??? non so' che dire.....andate in pensione e lasciate il posto a qualcuno che vuol fare il suo lavoro....forse sono troppo cattivo io.....saluti

Di  claudio  (inviato il 14/04/2014 @ 22:10:45)


n. 33


Scusate, vorrei comprendere se fuori servizio, in abiti civili ovvero mentre si torna a casa in uniforme col finire del turno, nel caso ci si dovesse imbattersi in qualche individuo che commette un'infrazione al c.della strada, è legittima la sanzione elevata.

Di  Nolan  (inviato il 12/04/2014 @ 23:24:07)


n. 32


@ ex Assistente Capo:Per rispondere,le baggianate alla quale mi riferivo,non erano dirette a screditare ciò che il collega "Anonimo" aveva scritto,ma soltanto ricordare a chi non è pratico di "Forum" che quando si inizia un post o un thread,comunemente chiamati nell'ambito di un forum,di non andare fuori discussione,perchè non farebbe altro che allontanarci e perderci in chiacchiere di bar dalla discussione o dal titolo postato dall'autore.Ciò premesso spero di essermi fatto capire!

Di  Frank  (inviato il 10/03/2014 @ 10:51:26)


n. 31


beh...che altro dire....indignato NORDISTA ha detto tutto....

Di  claudio  (inviato il 10/03/2014 @ 00:23:45)


n. 30


E' proprio a motivo di certi "anonimi" che la visione del Carcere non cambia... La frustrazione che si percepisce in certi post, suggerisce che questi "personaggi" non solo NON dovrebbero stare in sezione, ma neppure in un Corpo di Polizia! Andassero a raccogliere pomodori in Puglia o in Calabria, con tutto il rispetto per quelli che lo fanno. Il Corpo, per crescere, deve depurarsi di certi soggetti!!

Di  INDIGNATO NORDISTA  (inviato il 09/03/2014 @ 17:54:32)


n. 29


Caro collega claudio non so dove sei buttato ma mi sa tanto che un po di galera(nel senso di lavorarci )non ti farebbe male cosi tutte ste fisime che hai ti passano subito subito...basta una prima mattina e notte in una bella sezione di marocchini senza riposo e di otto ore e vedi come la visione dei tuoi compiti istituzionali cambierà di botto....

Di  Anonimo  (inviato il 08/03/2014 @ 21:53:28)


n. 28


non sono a criticare il collega indagato...ci mancherebbe sono a criticare "anonimo" che pensa che forse faccio le multe e non mi interessa altro...scommetto che magari e' il primo che quando lo fermano o va' in discoteca tira fuori il tesserino...

Di  claudio  (inviato il 06/03/2014 @ 23:33:39)


n. 27


Quale "baggianate" avrebbe scritto "Anonimo"? Che un collega è indagato per colpa del custode per un detenuto che si è suicidato? Anonimo ha espresso un suo pensiero e che in parte condivido: diamo una priorità ai problemi della Polizia Penitenziaria. La piena operatività del servizio stradale mi pare meno urgente di chi rischia la via in Sezione per le incapacità dei nonstri vertici di tutelarci.

Di  ex Assistente Capo  (inviato il 06/03/2014 @ 14:28:30)


n. 26


Se dobbiamo scrivere bagianate fuori luogo come il nostro amico "Anonimo" tanto per capirci, possiamo chiedere agli amministratori che possono chiudere questo forum!!

Di  f  (inviato il 06/03/2014 @ 11:16:20)


n. 25


non ho parole per anonimo....dimmi che non sei un collega..ti prego...

Di  claudio  (inviato il 05/03/2014 @ 21:47:10)


n. 24


Fate fate le multe....intanto il collega non mi ricordo dove è sotto processo perché un "povero utente depresso" capace di fare un reato ma non capace di farsi a galera si èammazzato e lui non ha vigilato abbastanza....

Di  Anonimo  (inviato il 05/03/2014 @ 21:31:41)


n. 23


@tom758 : Non riesco a capire a cosa ti riferisci :vedo molto insicurezza ,ad ognuno il suo lavoro?Voglio rispondere e qui sono molto sicuro di quello che dico:Secondo un'inchiesta di Quattroruote fatta, ponendo domande sul codice della strada le risposte corrette sono state solo il 50% tra la polizia stradale e il 44% tra la polizia municipale.Quindi?

Di  frank  (inviato il 05/03/2014 @ 14:10:21)


n. 22


vedo molta insicurezza, ad ognuno il suo lavoro.

Di  tom758  (inviato il 04/03/2014 @ 22:31:14)


n. 21


Credo che per la guida di mezzi atti al trasporto di persone dovrebbe essere sottoposto alla Commissione medica locale per le patenti di guida,mentre per i servizi operativi dovrebbe essere dismesso.

Di  frank  (inviato il 04/03/2014 @ 09:57:12)


n. 20


vorrei porvi una domanda, ma un cardiopatico può avere l'abilitazione alla guida dei mezzi dell'amministrazione ed espletare servizio al n.t.p. ?


Di  Anonimo  (inviato il 03/03/2014 @ 22:15:26)


n. 19


Quando è servito le multe le ho elevate anche i tempi non sospetti.
Mi sono avvalso della qualifica di Ufficiale di pg e non ci sono stati ricorsi.
Sarebbe molto opportuno essere conoscienti delle proprie funzioni e cercare di non strafare.
Diciamo poi che l'articolo 12 quando ha inserito la Polizia Penitenziaria nei Corpi che hanno funzioni di polizia stradale è stato scritto da un somaro.. che in mala fede non ha tenuto conto delle qualifiche di pg..
Insomma, parliamo di aria fritta come al solito

Di  Agente di Custodia  (inviato il 03/03/2014 @ 09:00:23)


n. 18


Non volevo concedere repliche a questo post...tanto si rischia di non farsi capire...ma un plauso ad indignato nordista lo dovevo fare...un saluto a rico massimo e a tutti gli altri....e ricordate che se si cresce ANCHE con questo servizio ne va' a tutta la POLIZIA PENITENZIARIA...buon lavoro a tutti

Di  claudio  (inviato il 02/03/2014 @ 22:42:29)


n. 17


Colleghi, mi piace il fatto che l'argomento che ho inteso sottolineare col mio articolo ha innescato una discussione... anche con critiche... ma mi pare che queste ultime siano dettate dalla "ignoranza" sulla materia e forse da un retaggio da "guardia carceraria" che sta nel DNA di qualche "anziano" (pochi per fortuna), con tutto il rispetto per gli Agenti di Custodia. E' vero che il Servizio di Polizia Stradale implica un "lavoraccio" burocratico, e io che faccio il responabile ntp al nord so cosa significa gestire il Nucleo con le note problematiche organizzative ed emergenziali che sappiamo. Ma so che piangondoci addosso non si cresce e non si va da nessuna parte! I veri professionisti studiano, riorganizzano, razionalizzano, imparano a gestire meglio gli uomini, usano l'istituto della delega (che non significa lavarsene le mani), trovando il tempo anche per questa nuova funzione. Molti si arrendono, ed ecco perchè il Servizio di Polizia Stradale stenta a decollare ed i dati nazionali non sono incoraggianti. Ma questo deve essere lo stimolo per sfidare la nostra creatività. Cerchiamo di essere positivi, impariamo (senza lamentarci continuamente) e distribuiamo generosamente le nostre conoscenze ai nostri collaboratori: è spesso l'ignoranza sulla materia che impedisce l'operatività. Infine, lasciatemi fare questa distinzione: ACCERTARE una infrazione e CONTESTARE IMMEDIATAMENTE una infrazione sono due cose diverse: omettere la prima, significa disattendere i propri doveri (art. 12 CdS inizia con il verbo "SPETTA"... leggete nel dizionario cosa significa letteralmente); per omettere una "contestazione immediata", quando dovuta, basta motivare ai sensi di Legge e notificare il Verbale all'intestatario del veicolo. STUDIARE per crescere!

Di  INDIGNATO NORDISTA  (inviato il 02/03/2014 @ 19:46:06)


n. 16


Caro amico rico......nel commento n. 6 hai iniziato bene , ma ti sei perso. Senza rancori ciao. Matteo Ricciardi

Di  Matteo Ricciardi  (inviato il 02/03/2014 @ 16:34:51)


n. 15


Vorrei soltanto sottolineare che non si tratta di una gara con le altre forze di pilizia,ognuno ha il proprio compito,,cerchiamo di dare il massimo nel nostro lavoro,senza guardare gli altri,e di essere fieri di appartenere al corpo di Polizia Penitenziaria....Personalmente non mi sento meno degli altri,,perchè ricordatevi che noi pos diamo fare tutto,le altre forze di polizia non sanno fare il nostro lavoro...salve a tutti,,evviva la Polizia Penitenziaria

Di  Matteo da Verona  (inviato il 02/03/2014 @ 00:11:36)


n. 14


Ma lo vogliamo capire una volta per tutte che questo servizio non implica alcun sperpero di personale, perché verrà svolto dagli agenti che fanno servizio ai vari nuclei e non come qualcuno crede da pattuglie automontate, istituite appositamente con il solo compito di rilevare le infrazioni. Ad elevare le multe,saranno i poliziotti che quotidianamente si troveranno in giro per espletare i compiti d'istituto!!! Quindi dove sta il problema??? La carenza di personale sicuramente non verrà risolta non effettuando o abolendo questo servizio.

Di  pintaudi francesco  (inviato il 01/03/2014 @ 20:43:16)


n. 13


qui non si tratta di fare multe per il semplice gusto di farle, anche perchè lo spirito, la mission del legislatore ovvero del cds, sono quelli di educare il cittadino utente della strada. che poi di fatto si traduce in repressione alle violazioni al cds è un altro paio di maniche. e la deontologia la deve fare da padrone. si tratta molto più profondamente di espletare ANCHE questo servizio connesso alle attività primarie, servizio che se fatto in maniera professionale e buon senso, va a beneficio di tutti, anche dei colleghi dei reparti. esulando un po’….. settimane fa sono andato presso un istituto del nord medio grande e colloquiando con un Funzionario Comandante di ntp tra l’altro chiedevo come stava andando questo servizio….. Tra il da fare stenta a partire…… in molti mesi rilievi che si contano sulle dita di una sola mano…..sono rimasto spiazzato da questa risposta nella mia buona fede, vista la posizione, vista la giovane età sia anagrafica sia di servizio, visti i titoli che ovviamente possiedono (altrimenti non sarebbero dove sono….) mi sarei aspettato una risposta, come dire, molto più dinamica per usare un termine contemporaneo e noto a tutti. Domandavo con fatica come mai non era riuscito a creare/ricercare magari un microgruppo di personale, magari responsabilizzando/delegando un suo diretto sottordine nel gestire e mandare “ a regime” questo aspetto. La risposta è stata più ancora più drammatica che lascio a voi immaginare. Cercavo a stento o a questo punto invano, di far notare come le loro figure sarebbero state, come sono, il futuro del Corpo che tra le varie articolazioni vi è anche questa non meno importante da curare, ottenuta dopo anni di sacrifici e pseudo lotte, proprio per tutelare anche loro, tutti noi. Ovvio anche se previsto magari non a tutti è gradito espletare questi compiti in particolare quelli burocratici o confrontarsi su strada con altre persone con “annessi e connessi” e così come avviene nelle altre ff.pp. dove si creano specialità e si indirizza il personale più preparato/portato, anche qui si dovrebbe optare per questo tipo di scelte, tanto più si portano delle stelle sulle spalline.

Di  rico massimo  (inviato il 01/03/2014 @ 11:37:55)


n. 12


Collega ispettore in pensione qua il problema non è il complesso d inferiorità ma secondo te che senso ha andare a fare multe quando dentro i carceri manca personale!!secondo una logica elementare prima sistemi le galere consentendo.al personale di passare 8 ore dignitosamente e poi puoi andare a fare tutte le multe che vuoi!!!all altro collega operativo volevo dire che prima di spiegarmi le cose si deve andare a fare un po di galera perché mi sa tanto che è troppo tempo che è al ntp o in qualche altro dimenticatoio. ....

Di  Anonimo  (inviato il 28/02/2014 @ 23:20:24)


n. 11


Non capisco perche' i colleghi non apprezzano questo nuovo compito affidatoci. Io penso che e' ora di uscire da questa mentalita antica e vecchia. Facciamoci conoscere all'esterno, ovviamente non facendo i "rambo", ma dando un'immagine vera ed autentica a Corpo. Giuseppe M. ( c.c.bari)

Di  giuseppe macchia  (inviato il 28/02/2014 @ 18:25:11)


n. 10


Un grazie a Indignato Nordista che con il suo bellissimo articolo ha fatto chiarezza su una materia poco conosciuta, ma appassionante come dice giustamente Claudio, che evidenzia l'aspetto dell'impegno, che molto spesso manca dalle "nostre parti" . Ottimo anche l'intervento di Rico Massimo... a proposito, il Commissario Santoro l'abbiamo avuto a Como e quanto a rappresentatività ,era veramente al top! Viva la Polizia Penitenziaria! e sia ben chiaro non siamo secondi a nessuno, anzi!! Turolla Andrea

Di  andrea turolla  (inviato il 28/02/2014 @ 14:53:07)


n. 9


PER ANONIMO ..capisco la tua amarezza ma quella situazione la vive anche l'istituto dove io HO IL TAVOLO per scrivere le multe.
Siamo ancora a piangerci addosso con queste cose eppure tu come collega dovresti saperlo...IO o noi...le multe le facciamo durante i nostri compiti istituzionali che siano traduzioni o altro e perche' no ANCHE LIBERI DAL SERVIZIO come e' successo a tanti colleghi del servizio a turno. I cambi o sostituzioni li do' anch'io e viceversa le multe le hanno fatte anche colleghi dell'interno. Ora la prossima volta che durante una traduzione (magari scarico) o notifica becco uno senza assicurazione gli diro' che puo' andare via tranquillamente perche' io quando rientro.devo andare a dare il cambio in carraia o in sezione.
Speravo ch queste cose un domani le dovessi spiegare ad un esterno non ad un collega...cmq buon lavoro

Di  claudio  (inviato il 27/02/2014 @ 19:46:14)


n. 8


Se foste più orgogliosi, del compito che la legge e i regolamenti vi affida, vivestre meno patemi d'animo e crisi spirituali. I vostri compiti istituzionzli, sono contemplati dalla legge e dovete svolgerli coerentemente ad esse. Fatte, il vostro lavoro a testa alta, senza complessi di inferioritá. Non siete meno di nessuno, anzi...viva la polizia penitenziaria. Isp.sup. In pensione. Giorgio Mascia.

Di  Anonimo  (inviato il 27/02/2014 @ 16:54:58)


n. 7


Mah......polizia stradale...elicotteri...gruppi speciali....di pomeriggio non ci sono i cambi per andare a mangiare e qlc si preoccupa che non ha il tavolo per scrivere le multe......mi viene da piangere.....

Di  Anonimo  (inviato il 27/02/2014 @ 14:59:22)


n. 6


@matteo ricciardi: capisco perfettamente la tua provocazione….e… dove vuole andare giustamente a parare, tuttavia con tutto il rispetto per le opinioni altrui, non mi trovo minimamente d'accordo con le tue tesi che peraltro esulano in parte dalla materia trattata. Il compito di ps è come dire una diramazione degli innumerevoli compiti affidati alla pol pen da altrettante normative a cominciare appunto dalla modifica al cds, al dm istitutivo dell’allora Ministro Mastella per finire con l’operativa ufficializzata dal capo del dap, oserei dire finalmente. Bada bene un compito, un attività connessa del Corpo di Polizia Penitenziaria nel quotidiano. Il fatto o meno di sentirsi appartenere ad un corpo di serie b beh questo rientra appunto nella soggettività professionale, professionalità per la quale ognuno di noi ha una propria scala. Tuttavia, non me ne volere, credo siano anche questo tipo di pensieri ad indurre e calcificare alcuni ormai luoghi comuni quali quello della serie delle polizie. Credimi negli altri corpi così come nella società civile piuttosto che in quella cd privata, vi sono scienziati esattamente al pari nostro……a volte si vedono scritte delle oscenità…….che rasentano la fantascienza, l’aberrazione. Quindi non ti crucciare più di tanto e non crucciarci con queste teorie, che pur rispetto. Prova a fare alcuni passi indietro e prova a rivedere il Corpo e i suoi appartenenti circa 20 anni e prova chiudendo gli occhi a rivederti…..non so quando ti sei arruolato. A cassino ci chiamavano topi grigi!!! Con il contributo di tutti siamo arrivati alla riforma, alle traduzioni, al gom, al nic, al servizio di ps, alla pg, ecc., senza con questo dimenticare nessuno senza con questo dimenticare chi oggi effettua il cd servizio a turno poiché tutti da li veniamo almeno credo….E’ vero le risorse sono poche ma gli altri non navigano nell’oro: i colleghi della ps addirittura si comprano i prontuari a noi fortunatamente li acquista ancora l’Amministrazione. Come vedi anche loro potrebbero essere di serie b. magari dirai che loro hanno un immagine. L’immagine non si acquisisce certamente con l’entrare nella dia o nelle squadre di pg……che ripeto la tue considerazioni offrono l’obiettivo che ti sei prefissato……. L’immagine a volte si crea sul campo, confrontandosi non da sudditi ma professionalmente con tutti gli interlocutori quotidiani siano essi superiori, siano essi magistrati siano essi colleghi della stradale o meno. Sai quanti ricorsi perdono come dici le altre forze di polizia di serie a? tanti! Eppure credo siano esperti! Come vedi tutto normale. Mi immagino per contro la scena se questa cosa succedesse, come succederà prima o poi, o come magari già successo a noi: primo argomento della mattina allo spaccio e argomento da trattare per lo meno per un mese…..denigrando magari il collega. Ecco una cosa che manca per esulare un po’ dalla materia è la presenza sul campo dei nostri Funzionari/Generali che potrebbero, se volessero, essere più visibili. Non mi sto con questo riferendo ad una mera apparizione mediatica fine a se stessa piuttosto nel conciliare le due cose: in occasione ad esempio dei fatti di Gallarate, sancendo e sottolineando l’operato dei colleghi e del Corpo (nessun civile ferito!) piuttosto che vicino ai colleghi che traducono i presunti colpevoli dei fatti di Pesaro, piuttosto che in occasione di operazioni fatte dal nic e/o dal gom. Insomma sarebbe bello vedere una divisa blu con alamari bianchi al posto dei sempre presenti colleghi dell’Arma….. Non capisco anche il fatto che professionalmente parlando non ne avvertano, come dire, la necessità! Credo che un giornalista se chiamato se contattato se acquista come dire fiducia nei nostri confronti, se si instaura una seria e leale collaborazione non credo neghi due minuti del suo tempo. Personalmente in certi momenti preferisco vedere un uniforme. Ricordo a tal proposito anni fa un nostro Commissario apparire alcune volte, mi pare si chiamasse Dott. Santoro forse sbaglio. Ne abbiamo tanti di Funzionari autorevoli. Pensate se a Gallarate appariva in conferenza stampa il Comandante di Busto A. piuttosto che il Comandante del NTP o chi per loro. Tutta un'altra cosa. Ma anche questo sogno prima o poi diverrà realtà.

Di  rico massimo  (inviato il 27/02/2014 @ 10:36:08)


n. 5


Ho fatto il corso diversi anni fà di Polizia Stradale unitamente ad altri colleghi di altri reparti,tornato al mio reparto ho proposto sia ai miei superiori che ai colleghi di poter avviare non un ufficio, ma una scrivania x atti relativi ad attività connessa, ebbene volete sapere come è andata a finire ? Era meglio una coltellata!!!!!!!!!

Di  Giulio Cesare  (inviato il 26/02/2014 @ 22:22:30)


n. 4


fino ad oggi ho elevato piu' 60 verbali e circa il 70% contestato immediatamente. Tra i vari articoli posso elencare anche 4 sequestri per 193 (guida senza assicurazione ) con relative confische o restituzioni dell'autovettura..per non parlare di mancate revisioni ecc.ecc...questo per quanto riguarda il sottoscritto. Nel nucleo dove presto servizio siamo in 2 ad interessarci della materia e naturalmente a portarla avanti con professionalità e dedizione.Non passa giorno che non mi legga qualcosa su internet riguardo alla stradale con continui aggiornamenti,certo...la materia deve appassionare per poterla svolgere al meglio. Purtroppo ci sono realtà dove questo non avviene ..non per colpa del personale ...che magari proverebbe l'approccio ...ma per colpa dei tanti cordinatori che si ostinano a non rendere responsabili i propri agenti a tale servizio. Sono e siamo fortunati dove operiamo perche' in tal senso non abbiamo ostacoli e spero che piano piano anche in altri istituti parta questo servizio come dovrebbe e i cittadini come i G.d.P. se il servizio e' svolto con professionalità e dedizione, non avranno nessuna ostilità nei nostri confronti.
Siamo partiti in punta di piedi e adesso non siamo secondi a nessuno..Buon lavoro.

Di  claudio  (inviato il 26/02/2014 @ 22:03:25)


n. 3


Concordo con i due Colleghi quanto scritto.....e a invitare i colleghi a non cadere nella depressione professionale!

Di  frank  (inviato il 26/02/2014 @ 15:50:27)


n. 2


Cari amici della redazione......Grazie per aver puntualizzato tutto quello che avete scritto, , però, mi dispiace dirlo, ma rimaniamo sempre corpo di serie B..........si Corpo di serie B, dico questo perché, in questo benedetto Corpo ancor oggi mancano tante piccoli/grandi specializzazioni che porterebbero La POLIZIA PENITENZIARIA ad essere quel Corpo di serie A che ci manca da sempre.
1° Assegnazione del personale presso le Sezione di Polizia Giudiziaria presso le Procure della Repubblica;
2° Assegnazione del personale presso la DIA.
Ancor oggi da quel che risulta allo scrivente, sembra che nessun personale sia stato assegnato presso queste due strutture.
adesso RIFLETTETE...........Matteo Ricciardi

que

Di  Matteo Ricciardi  (inviato il 26/02/2014 @ 14:55:35)


n. 1


Ringrazio la redazione per aver pubblicato l'articolo che ho inviato e spero che questo serva a NON farci sentire polizia di serie "B". Io, senza voler togliere alcuna competenza alle altre polizie, ho anche rilevato un incidente stradale con danni, verificatosi di fronte all'Istituto Penitenziario, ed elevando anche Verbale di Contestazione al conducente al termine della ricostruzione del sinistro. Ma non crediate che per questo io o altri abbiamo ricevuto preparazione: ho dovuto studiare e imparare a spese mie perchè è bene ricordarlo, anche con un pizzico di polemica, ai vertici della nostra Amministrazione non piace che facciamo questo!! Colleghi, non abbattiamoci e non scoraggiamoci per questo! Se abbiamo la Legge dalla nostra parte e la preparazione professionale (non quella che ci fornisce l'Amministrazione... quella non va bene neppure per i bambini che fanno educazione stradale alle elementari!), nessuno potrà censurare il nostro operato.

Di  INDIGNATO NORDISTA  (inviato il 26/02/2014 @ 11:58:58)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.197.75.176


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

8 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

9 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione