Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Polizia Penitenziaria, un Corpo da Serie A ormai in lotta per la retrocessione


Polizia Penitenziaria - Polizia Penitenziaria, un Corpo da Serie A ormai in lotta per la retrocessione

Notizia del 01/11/2012

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 3678 volte)

Scritto da: Nuvola Rossa

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Dopo anni passati a lottare per affermare l’immagine e per scrollarci di dosso la nomèa di Corpo di Polizia di Serie B, infine in questi giorni è avvenuto il sorpasso da parte del Corpo Forestale e quindi l’inevitabile retrocessione nella serie cadetta dei Corpi di Serie B, in compagnia (con rispetto parlando) della Polizia Municipale, dei Corpi di Vigilanza Notturna, della Sicurtransport, e della Sicurezza Aeroportuale.

Già che delusione, dopo dieci anni splendidi che vanno dal 1991 al 2001, fatte di lotte, di affermazioni, di riconoscimenti esterni, è iniziato il lento declino causato negli ultimi tempi da “allenatori” che non azzeccavano il modulo, da “presidenti” che non rimpinguavano l’organico della squadra, da allenatori che non si imponevano con la “dirigenza” (politica) costringendola a mettere i capitali, tanto da ridurre il Corpo di Polizia Penitenziaria con le pezze al culo e sull’orlo della follia i suoi componenti.

E adesso il sorpasso finale: superati anche dal Corpo Forestale che entra a pieno titolo nella DIA dopo aver sparso i suoi uomini nelle sezioni di P.G. dei Tribunali di tutta Italia. Complimenti al Corpo Forestale che sicuramente ha Dirigenti validi, che vogliono bene a questi uomini in divisa, che ha avuto un Ministro (Alemanno) che ha fatto decollare il Corpo che adesso annovera al suo interno i Questori, i Vice Questori e che naviga verso traguardi prestigiosi, mentre il Corpo di Polizia Penitenziaria lotta per fare assumere uomini, lotta per avere un riconoscimento esterno d’immagine, lotta per la benzina, per avere i mezzi per assicurare le udienze nelle aule di giustizia a magistrati bizzosi, spesso presi dall’ira per i ritardi inevitabili degli arrivi dei detenuti in udienza.

Abbiamo le pezze al culo: pur avendo al nostro interno professionalità tali da sbaragliare gli altri Corpi e scalare la classifica fino a giocare in Champions League, pur fornendo un supporto notevole a tutte le indagini di mafia dell’ultimo decennio grazie alla collaborazione fornita giornalmente alle altre forze di Polizia (compresa la Forestale), pur con umanità, e in condizioni assurde di sovraffollamento e tensione, 67.000 esseri umani che hanno sbagliato, non riusciamo ad ottenere riconoscimenti esterni; abbiamo una dirigenza ed una classe politica che non ci vogliono bene, una magistratura pronta ad aprire fascicoli su fascicoli non appena un detenuto pazzo accenna ad un “presunto pestaggio”, una opinione pubblica pronta a puntare il dito sugli aguzzini (che saremmo noi) non appena succede un fatto grave all’interno degli Istituti o non appena si suicida qualche povero detenuto.

Poi, se vanno a fuoco centinaia di ettari di bosco, l’opinione pubblica proverà appena un senso di leggero fastidio, ma se un criminale colpevole di efferati omicidi, denuncia di essere stato maltrattato – anche da altri detenuti – allora, apriti cielo!! Li abbiamo tutti addosso e lo dico francamente e con grande rispetto per tutti quei poveri detenuti che sono morti in carcere: finitela ogni volta di voler trovare il colpevole o i colpevoli a tutti i costi all’interno del Corpo di Polizia Penitenziaria o dell’Area Sanitaria; adesso ci hanno rotto le palle con tutti questi falsi moralismi!!!!!

Si siamo in Serie B, e la colpa non è nostra ma di ci ha diretto in questi ultimi anni, tenendoci pressati verso il basso, forse per paura che crescessimo troppo. Credo che ormai la lotta sindacale debba essere indirizzata verso un unico scopo: fonderci con la Polizia di Stato della quale diventeremmo una specializzazione. Un’unica Polizia di Stato all’interno della quale vi è la specializzazione della Penitenziaria, così come la Stradale o la Postale. Abbandonare questo Ministero della Giustizia che continua a mortificare i suoi figli, i suoi umili servitori ridotti ormai al rango di “servi”.

 


Scritto da: Nuvola Rossa
(Leggi tutti gli articoli di Nuvola Rossa)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 49


l'indifferenza oppure come mi insegno' un mio comandante siciliano,dicendomi la migliore risposta è quella che non si dà, mi verrebbe da dire , specialmente quando leggo le testuali parole scritte da anonino palermitano,"sono le sciocchezze che puntualmente leggo nel blog( e non solo dell'autore dell’articolo)".bhe che dire di questa mente eccelsa, che forse è sprecata per fare questo umile lavoro fatto da persone che ogni giorno operano con dignità all' interno delle patrie galere, e che forse questo blog è l'unica voce che viene data a chi voce non ne ha ?, magari ci esprimiamo male poichè non siamo gente di cultura come te ,purtroppo non si puo' fare niente a questo , ma stai sicuro che vengono dette con il cuore ,il malessere vissuto ogni giorno , le aggressioni che ogni giorno si subiscono, la puzza che si sente ogni giorno e che ti porti addosso , ecc.ecc. tutto questo ti mette rabbia addosso poichè non si trovano soluzioni .
un vero palermitano

Di  Anonimo  (inviato il 12/11/2012 @ 16:36:26)


n. 48


Caro anonimo palermitano, come vedi il sappe è un grande sindacato che pubblica commenti anche quando sono intrisi di livore come quello tuo. Tu insisti con le tue teorie e cioè che ciò che fa apparire e conoscere la P.P. fuori dalle sbarre sono i servizi di scorta, nic e quant'altro, io continuo a sostenere le mie idee, che vanno controtendenza e sono alquanto provinciali. Ribadisco che fare la scorta ad un magistrato, o ad un uomo politico, o meglio ancora ad un magistrato riciclatosi a uomo politico, è solo un mezzo per scappare via dalle carceri e fare un servizio più remunerativo, di contro essere sempre a disposizione come uno schiavetto dell'Autorità. Prime di sabato e domeiche a go go, ma guai se rientri in istituto a farti fare una prima al SAT o un servizio di domenica......manderesti la malattia..... Li conosco quelli come te, sono quelli che si divertono a pugnalare quanti gli si mettono contro, senza pietà e senza distinzioni di grado, convinti di avere la protezione della famosa Autorità. Sono altre le cose che danno immagine al nostro lavoro...........

Di  Nuvole Rossa  (inviato il 12/11/2012 @ 15:36:56)


n. 47


Dopo le considerazioni o per meglio dire gli attacchi rivoltomi da nuvola rossa, avevo promesso a me stesso di non perdere tempo con inutili e sterili diatribe, ma quello che mi stimola a partecipare sono le sciocchezze che puntualmente leggo nel blog( e non solo dell'autore dell’articolo).
faccio una premessa, non sono un operatore di scorte, però mi fa rabbia quando un collega (il commissario nuvola rossa) vede in un servizio nuovo come le scorte o come quello stradale, il nic , ntp ecc, un qualcosa di negativo. secondo me i colleghi che svolgono questi servizi , dovrebbero essere incitati e preparati adeguatamente e non attaccati sistematicamente, poichè, sono quelli che fanno conoscere la P.P fuori le sbarre. Secondo sempre il mio modesto pensiero, (non bisogna aspettare che arrestino un personaggio famoso come lele Mora , per parlare bene della P.P.) dobbiamo crearci uno spazio positivo nostro!. I colleghi (raccomandati o meno), che svolgono questo tipi di servizio, vanno attaccati e rimossi quando fanno " m*****ate". ma parecchi colleghi sanno solo criticare è basta! e quando gli fai la domanda, ma perchè non ci vai tu a fare questo tipo di servizio? ti rispondono "neanche morto". Quindi smettiamola con la mentalità del non fare e non lasciare fare.
caro nuvola rossa , i colleghi delle scorte fanno tanto quanto , quelli della altre ff.pp. sono i nostri dirigenti che non fanno quello che fanno gli omologhi delle altre FF.PP. e come dice il Lupo nel suo messaggio, non sono le 30 unità a risolvere i problemi di carenza di personale , se devi proprio attaccare qualcuno, attacca i colleghi che fanno servizio allo spaccio al Prap all’ufficio ragioneria, educatori, al centralino, protocollo, l’Astrea calcio ( non confonderti con le fiamme azzurre) i sindacalisti che non indossano da parecchi anni la divisa ecc. ecc. quelli cioè che non fanno servizio di polizia. Caro nuvola rossa , la mentalità da piccolo provinciale, è quella di non aver dato un tuo pensiero al problema notificazioni a Palermo, ma di aver criticato l’errore grammaticale, io ho accettato il tuo consiglio ed ho ripassato il verbo avere, tu spero accetti il mio, visto l’incarico che ricopri, non pensare da guardia carcere, non arriveremo mai a nulla. viva la polizia penitenziaria .

Di  anonimo palermitano  (inviato il 11/11/2012 @ 17:39:19)


n. 46


per il messere ,ti dico bravo ad avere un cambiamento , da gli articoli postati dovrebbe nascere il confronto è non lo scontro, il vero pobblema sai qual'è ad ogni qualifica o ruolo rivestito si assume un atteggiamento che sicuramente va a cozzare con il predicato poichè poi si razzola male.
la cosa giusta sarebbe anche contestando i vari pensieri con tanta franchezza ma mai ridicolizzare nessuno solo cosi si costruisce il vero dialogo. " ti ricordo anche che non dobbiamo mai dimenticare che siamo soggetti alla gerarchia sul servizio.
un cordiale saluto a voi il messere.
aleandro diego


Di  Anonimo  (inviato il 10/11/2012 @ 20:47:32)


n. 45


Mi associo ai colleghi che dicono di finirla di beccarci tra di noi ,pero' e pur vero che chi ci dovrebbe tutelare e il primo che METTE I BASTONCINI fra i piedi ( sindacati. colleghi invidiosi,gente senza voglia di lavorare,comandanti.etc. etc.) come si fa a crescere quando ti tagliano subito la voglia del fare in questo corpo dove io ci credo fortemente?

Di  il messere  (inviato il 10/11/2012 @ 16:47:31)


n. 44


in certi casi non facciamo niente per non apparire di serie B .infatti il collega lupo non dice sbagliato quando descrive .ma vedo spesso colleghi in divisa con le giacche aperte con i baschi infilati ancora nel passante dei gradi.....mani in tasca...Per fortuna non tutti). io aggiungo in buona parte ,e guai a ridire qualcosa ,non la finiscono piu' di elencarti tutto quello che non funziona , il tutto per non essere ripresi.

Di  Anonimo  (inviato il 09/11/2012 @ 18:57:56)


n. 43


amici e colleghi anzicchè battibeccarci tra noi con attacchi all' articolista per partito preso , cerchiamo solo di mostrare il nostro malessere sui fatti esposti negl' articoli, cerchiamo di non farci prendere dal fervore che alla fine non porta a nulla .
ass.c. b.a.

Di  Anonimo  (inviato il 09/11/2012 @ 15:44:46)


n. 42


Se la Guardia Forestale è entrata in tutti i Tribunale con le sezioni di P.G e fa arresti a destra e a manca, e se è entrata nella DIA, non è certo colpa di Nuvola Rossa, che racconterà pure qualche barzelletta, ma prende solo atto di ciò che lo circonda, compresi quei colleghi che rispondono al blog sempre con tanto veleno e tanta invidia forse non comprendendo bene il testo degli articoli. Se io parlo di una Polizia di serie B lo faccio sicuramente a malincuore, non mi sento secondo a nessuno, ma è un dato di fatto che siamo stati superati dalla Guardia Forestale che lo vogliate accettare o no.

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 09/11/2012 @ 12:32:19)


n. 41


Secondo me,non fà tanto la differenza di come ti vesti o se fai o no le scorte ai magistrati o perchè fuori non ti comporti con rispetto e dignità,perchè gli altri corpi di polizia,le pecore nere ne hanno avute e tanti,ma sono sempre in primis confronti a noi.Il problema è che dovremmo fare un passo indietro di cento anni nella mentalità della gente,e un passo nel 90" quando siamo passati come Corpo di polizia penitenziaria,allora dovevamo cambiare ministero e dipartimento,dirigenti e divise!!!

Di  Frank  (inviato il 09/11/2012 @ 12:11:20)


n. 40


LA SCORTA
Cari colleghi che vi parla e impegnato nel reparto USPeV(SCORTE) tengo ad informarvi che il corpo di Polizia Penitenziaria con decreto legge emanato nel 2005 entra ufficilamente nella struttura UCIS a capo del Ministro Interni..ufficio centrale sicurezza interna cioe l organo che decide a quale autorita assegnare le scorte ed il corpo di polizia che debba scortarlo.....pertanto coloro che sono impiegati nel servizio di scorta non sono abusivi..Qualcuno potra sindacare come ci sono arrivati ad entrare nel reparto USPeV...è come dire come tanta altra gente o meglio colleghi sono anni che sperano di avvicinarsi nella propria terra con gli interpelli e tanti altri invece che vengono distaccati senza interpello dove richiedono...questo per dire che tanta e tanta gente a qualche scheletro nell armadio....ritengo che non bisogna guardare con occhio maligno colui che svolge questo servizio ...tanto piu uffciale ed insindacabile in quanto decretato...e credo che nessuno debba dare del maggiordomo ai colleghi impegnati in detti servizi...perche i problemi del corpèo non sono questi...Vi informo che l attuale gestione ministeriale a dato disposizione di lasciare o meglio delegare altre forze di polizia a scortare determinati magistrati che da decenni scortava il nostro corpo...questo è avvenuto in quanto l atto normativo UCIS prvede che la polizia penitenziaria debba scortare soltanto coloro di palazzo ( si intende autorita in forza no alle procure ma soltanto al ministero di via arenula materialmente parlando interni al palazzo Pertanto questa volonta politica e dipartimentale ci ha reso un corpo inferiore agli occhi delle altre forza di polizia......calcolate che abbiamo perso circa 10 servizi....destinati la maggiroparte ai carabinieri...L IMMAGINE....questa parola cosi diffusa nel nostro corpo da decenni mi da il sintomo dell insofferenza, che noi abbiamo come corpo di polizia....di certo la stampa non ci aiuta di certo l ammnistrazione centrale è latitante da anni ed anni basti pensare che uin capo del dap o meglio capo della polizia penitenziarai ha portato come capi scorta la polizia di stato nel nostro palazzo....(e questo dovrebbe dire tutto)...vi ricordo vi informo che la buonanima del giudice falcone assasinato a roma viaggiva con la scorta detta mista a palermo la polizia di stato a roma la polizia penitenziaria....e non stiamo parlando di uno scortato qualunque ma di un vero livello di protezione...e questi colleghi non erano maggiordomi......ma veri agenti o sott. di p.p....potrei dire tanto altro ma non pensate che recuperando 20 uomini delle scorte o 30 abbiamo risolti i problemi della mancanza di fondi di mezzi per le traduzioni delle carenze organiche in alcuni istituti......Ma smettiamola di fare la guerra dei poveri perche l immagine.....è quella che ci insegnao i carabinieri sempre presenti con divise in ordine berretti in capo scarpe lucide...ecc............attenzione questo non significa che noi lo siamo cosi..ma vedo spesso colleghi in divisa con le giacche aperte con i baschi infilati ancora nel passante dei gradi.....mani in tasca...Per fortuna non tutti). ma questa piccola minoranza danneggia l immagine.....vi saluto viva la Polizia penitenziaria....

Di  lupo  (inviato il 09/11/2012 @ 12:06:04)


n. 39


Vedai sig.nuvola rossa: non sono i Commissari che hanno fatto il cambiamento nel nostro corpo, non saranno i Questori a farlo..perchè noi siamo un Corpo unico indivisibile! Noi forse siamo di serie b, ma meglio una B maiuscola che una a minuscola. Lasci perdere la forestale..con tutto il rispetto, non la metta a confronto con noi... Lei sà chi e cosa siamo NOI!!

Di  Secondi a Nessuno  (inviato il 08/11/2012 @ 22:51:58)


n. 38


Mario64 parla per te con tutto il rispetto se tu o il commissario non sapete farvi rispettare di certo non e' un problema di tutto il corpo di polizia penitenziaria ma di chi singolarmente indossa la divisa, in giro siate educati, professionali e vestiti bene e vedrete che la gente vi rispetta. Nota bene non intendo offendere nessun collega ne qui o altrove ci mancherebbe ma deduco che la colpa e' un pochino anche nostra se alcuni cittadini non ci guardano di buon occhio come poliziotti. E' ora di cambiare caro mario. Ti saluto. Maria ex Vfp

Cara Maria non capisco io e il commissario non ci facciamo rispettare, ma di cosa non ero io quello che era rimasto fuori dal cerchio magico, poi carissima sono oramai 30 anni che porto sempre la divisa in perfetto ordine e forse un po di più, e poi scusa siate educati, professionali, ma tu che mi giudichi forse mi conosci come un maleducato e uno che indossa la divisa in modo inopportuno????
Gentilissima, io ho il massimo rispetto per tutti e altrettanto ne pretendo, quindi prima di scrivere certe cose aziona il..........
il mio concetto che non hai afferrato è che per quanto puoi essere educato servile gentile, ed indossare la migliore uniforme della polizia penitenziaria, gli altri corpi, spesso non vogliono nemmeno chiamarci colleghi perchè ci sentono dstanti, ci considerano eternamente di serie C. Poi nessuo mette in dubbio e tu fai bene a non sentirti inferiore a nessuno, aggiungo che sarai sicuramente più professionale, ma per la popolazione siamo sempre le guardie carcerriere. Con questo chiudo.

Di  mario64  (inviato il 08/11/2012 @ 21:35:03)


n. 37


Caro Nuvola Rossa tu dici sempre di non innervosirsi quando tu racconti BARZELLETTE e poi mi cadi proprio tu ? Dai raccontane tante altre di BARZELLETTE cosi ci rallegri come fai da tempo.

Di  il messere  (inviato il 08/11/2012 @ 20:46:36)


n. 36


Per "il messere" forse ti volevi firmare "il giullare"?

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 08/11/2012 @ 13:20:17)


n. 35


Caro Nuvola Rossa non ti smettisci mai tu sei un vero BAZZERLETTIERE mi diverto molto quando leggo quello che scrivi perche' cosi facendo rendi piu' simpatici gli argomenti di cui si parla e come al solito esci sempre fuori tema.Complimenti continua sempre cosi.

Di  il messere  (inviato il 07/11/2012 @ 20:43:20)


n. 34


Mi rivolgo alla redazione: Vi chiedo come mai un comunicato del Sapaf del 31 ottobre ci dava anche Noi nella Dia e poi improvvisamente siamo spariti? Potete darci notizie visto che non credo che i colleghi del Sapaf siano impazziti e poichè il Vostro sindacato insieme al Sapaf fà parte della consulta sicurezza credo abbiate le stesse fonti. Grazie almeno una volta per tutte sappiamo chi è che ci rema contro. Ribadisco i complimenti ai colleghi della Forestale che secondo il mio modesto parere insieme a Noi della Penitenziaria non sono secondi a nessuno ma hanno la fortuna di essere comandati da dirigenti del loro stesso Corpo che indossano la loro stessa uniforme.

Di  Il deluso  (inviato il 07/11/2012 @ 19:51:24)


n. 33


io mi associo perfettamente ad anonimo palermitano perche' a centrato il sistema della "corsia preferenziale" che usano gli altri organi di polizia per ottenere oggi qualcosa.

Di  il messere  (inviato il 07/11/2012 @ 19:49:58)


n. 32


Caro anonimo (non tanto anonimo palermitano) io non denigro, io critico e provoco per cercare di suscitare una reazione nei nostri vertici; invece ottengo sempre l'effetto di suscitare le reazioni isteriche di chi come te, è convinto che bisogna fare le scorte e in questo modo dialogare con i politici o i potenti di turno (così ho capito). Ti ricordo che i potenti ai quali i nostri pochissimi ed eletti colleghi fanno le scorte, usano le scorte a guisa di maggiordomi. Certo risulta difficile che un maggiordomo possa dialogare con il suo padrone. Questo non è denigrare caro anonimo questo è descrivere la realtà che ci circonda. Poi ti consiglio prima di criticare chi scrive di studiare un po' di grammatica e il verbo avere......

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 04/11/2012 @ 21:36:40)


n. 31


Purtroppo oltre ai nostri dirigenti che non valgono una beata fava portiamo un disgraziatissimo nome quindi non potremmo mai avere l'immagine alla pari delle altre forze dell'ordine, uniamoci tutti insieme e chiediamo di passare al Ministero degli Interni, IL NUMERO E' POTENZA

Di  anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 18:59:31)


n. 30


brava maria.
ass.c. mike

Di  Anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 18:52:35)


n. 29


nuvola rossa, non mi hai sbalordito , immaginavo la risposta..... faccio una premessa non appartengo alle scorte e non voglio farci servizio, è una vita sacrificata.
Denigrando tutto e tutti( mentalita da provinciale quale tu sei) e solo con le sole nostre forze non si va avanti. BISOGNA DIALOGARE CON LA POLITICA CON LA MAGISTRATURA. sai come fare? io, almeno, ho lanciato un idea, la corsia preferenziale, per me è effettuare la scorta ai poteri forti, tu denigri è basta. che cavolo me ne frega se i colleghi fanno straordinario o fatture. io vorrei dirigenti che dialoghino con gli scortati e risolvano i problemi della Polizia Penitenziaria . Ha Palermo stiamo vivendo una situazione anomala: l'autorità giudiziaria ha indetto una riunione con tutti i vertici delle altre F.F. Di Polizia provinciale (tranne la P.P)è hanno deciso di comune accordo che le notifiche degli arrest domiciliari, andando anche contro il c.p.p, li avrebbe fatto la polizia penitenziaria . e nessuno si è messo contro questa decisione , dopo circa sei mesi si attende ancora una risp dal dipartimento. caro nuvola rossa costruisci idee intelligenti e fattibili e non denigrare sempre. ricoradi che siamo usciti fuori dal carcere da molto tempo, non soffrire di agorafobia

Di  anonimo palermitano  (inviato il 04/11/2012 @ 18:46:57)


n. 28


Mario64 parla per te con tutto il rispetto se tu o il commissario non sapete farvi rispettare di certo non e' un problema di tutto il corpo di polizia penitenziaria ma di chi singolarmente indossa la divisa, in giro siate educati, professionali e vestiti bene e vedrete che la gente vi rispetta. Nota bene non intendo offendere nessun collega ne qui o altrove ci mancherebbe ma deduco che la colpa e' un pochino anche nostra se alcuni cittadini non ci guardano di buon occhio come poliziotti. E' ora di cambiare caro mario. Ti saluto. Maria ex Vfp

Di  Maria  (inviato il 04/11/2012 @ 18:12:31)


n. 27


Con il dovuto rispetto mi sono sempre sentito inferiore agli altri corpi,
Vi racconto un episodio:
Qualche anno fà quando ancora partecipavo alle feste del corpo, siamo andati nella chiesa della nostra città, dove una volta finita la cerimonia alcuni ufficiali di vari corpi diciamo tutti quelli più importanti, avevano fatto un piccolo cerchio e parlavano del più e del meno, nemmeno a dire che fuori dal cerchio era rimasto fuori un nostro commissario che camminava intorno al cerchio con il suo spadone e la fascia azzurra, e cercava di farsi notare in tutti i modi per partecipare alla discussione degli altri ufficiali. Ragazzi saranno passati 5 interminabili minuti con il nostro totò commissario che camminava e camminava, mi sono vergognato io per lui, finche qualcuno lo ha accolto nel cerchio magico.
Quindi magari fossimo di serie B, non ci caga proprio nessuno, perchè non siamo nessuno, ci hanno coglionati con la riforma del 91 chiamandoci polizia penitenziaria, ci hanno illuso, ma siamo rimaste le vecchie guardie carcerarie per tutti, soprattutto per i colleghi di serie A delle altre forze di polizia.
Alcune volte sul furgone al semaforo rosso le macchine passno ugulamente, lo so il verbale arriva, ma per capire come ci vedono fuori, qualche volta ho visto il posto di blocco della provinciale con relativo autovelox e no, e vi assicuro che le macchine inchiodano.
A voi i giudizi.

Di  mario64  (inviato il 04/11/2012 @ 17:31:55)


n. 26


si è vero siamo in retrocessione, ma questo è dovuto anche allo scarso interesse dei sindacati ancora restii all'impiego della Polizia Penitenziaria in compiti che siano al difuori della galeraaaaa, anche il sappe ha contribuito andando contro il personale delle scorte, etc.
forse perchè non iscritti sappe??
Predicate bene ma razzolate male, tonto so che questo come altri messaggi scomodi non verranno mai pibblicati.
questo è il mio pensiero, il sappe grande sindacato innovativo , pensa come i vertici, tutti con le chiavi in mano.

Di  anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 14:24:11)


n. 25


Purtroppo a qualcuno fà comodo rimanere nel Ministero della Giustizia.....e a qualcuno piace rimanere anche un corpo di serie "B".Dite di no??

Di  Frank  (inviato il 04/11/2012 @ 11:03:40)


n. 24


E' giunto il momento di passare all'interni con il riconoscimento che questo è un corpo altamente specializzato, quindi tutti insieme chiediamo sottoscrivendolo di uscire dal Ministero della Giustizia unitamente dal DAP

Di  anonimo  (inviato il 04/11/2012 @ 00:21:01)


n. 23


A tutti i colleghi andiamo a porta a porta e facciamo il plastico del dap così
Bruno Vespa troverà il colpevole e ci salverà !!!!!!!

Di  anonimo  (inviato il 03/11/2012 @ 23:34:26)


n. 22


cari colleghi fate solo il minimo indispensabile qualsiasi cosa vi succede investite sempre i vostri superiori ispettori o commissari fategli prendere le loro respnsabilita' o denunciate tutto alle procure.

Di  salve  (inviato il 03/11/2012 @ 22:05:19)


n. 21


Cari colleghi ; non dimentichiamo che la cultura è il cibo della mente.

Di  Antonio  (inviato il 03/11/2012 @ 19:33:15)


n. 20


….. E SE IL SISMA COLPISSE ANCHE LE NOSTRE OO.SS?

Negli ultimi mesi siamo stati letteralmente bombardati dai mass media nazionali del terremoto politico che sta investendo il nostro Paese. Ipotesi, che si è in un certo senso concretizzata con le elezioni Amministrative siciliane del 28 ottobre.

In questi giorni, assistiamo alla confusione generale della classe politica e dirigente dei partiti politici, ai quali tutti noi gente comune, chiediamo con forza di farsi da parte e lasciare il campo a nuove figure, in grado di capire le esigenze del Paese, magari lontani dalle caste e non legati a vecchi compromessi di Palazzo.

Ora mi chiedo e vi chiedo: e se questo terremoto avvenisse anche all’interno delle nostre organizzazioni sindacali?

D’altronde è dalla legge di riforma del 1990 che i nostri leader sindacali sono aggrappati alle loro poltrone e ai vari Dirigenti che si sono susseguiti al DAP nel corso di questi ventidue anni, obbligati a loro volta a rispondere secondo politiche penitenziarie contrarie alla crescita del Corpo, che le nostre OO.SS. hanno condiviso inspiegabilmente, ottenendo in cambio qualche distacco in più per i propri iscritti.

Con questo non voglio assolutamente dire che lo strumento sindacale sia fallito o inutile. Anzi, credo sia l’unico strumento attraverso il quale possiamo avere riconosciuti i nostri sacrosanti diritti. Tuttavia, non posso esimermi dal pensare che, semplicemente, il sindacato sia stato utilizzato in maniera alquanto anomala, anzi, oserei dire proprio come una “casta politica”, improntata sull’individualismo, venendo meno alla garanzia della libertà e dignità del lavoratore, dunque, disconoscendo il mandato socio-istituzionale che ne origina la sua esistenza.
A questo punto, è auspicabile che qualche scossa sismica si manifesti anche nelle OO.SS. della Polizia penitenziaria, creando quindi l’opportunità a nuovi soggetti emergenti, di continuare responsabilmente il cammino per una nuova politica a favore del Corpo, senza legami di casta, possibilmente senza lotte intestine.

Ricordiamoci che le guerre, si vincono solo se uniti!

Di  Massimo Decimo Meridio  (inviato il 03/11/2012 @ 17:40:52)


n. 19


Cari colleghi non vi dovete stupire, è giusto così. Ogni giorno noi stessi ci lamentiamo dei matricoloisti li chiamamo lecchini imboscati la stessa cosa dicasi per tutti coloro che non fanno servizio in sezione, e tutti coloro che grazie alle proprie capacità fanno un servizio diverso.Immaginate cosa potrebbe succedere se effettivamente qualche collega riuscirebbe a far parte di un gruppo specializzato con manzioni all'esterno dell'istituto. Per prima i sindacati e poi noi tutti faremmo proteste inverosimili che sicuramente porterebbero all'annullamento del provvedimento. Non siamo maturi i sindacati non sono maturi tessere tessete tessere e poi tutti abbandonati.Dobbiamo crescere mentalmente e intellettualmente aprirci alle specilizzazioni.
La serie B come qualcuno la chiama ce la siamo meritata viva i SINDCATI I DIRETTORI I PROVVEDITORI E TUTTI QUEI LUMINARI CHE STANNO A ROMA E CI COMANDANO.
Poveri commissari laureati in serie b .
Noi vecchie e stanchi appuntati pardon assistenti abbiamo lottato
ma il miragio e sparito l'omino con i baffi evidentemente non era il messia .

Di  lL'ANACRONISTICO GRANDE VECCHIO  (inviato il 03/11/2012 @ 15:18:55)


n. 18


Cari colleghi secondo me tuti questi Nostri commenti non fanno altro che agevolare il cammino dei Nostri vertici, il problema è sostanziale è sta nel fatto che i Nostri vertici non vogliono in alcun modo dialogare con nessuno vogliono che purtroppo Noi restiamo reclusi nelle Patrie galere così facendo la loro gestione è molto più semplice, basti vedere la risposta data dal Capo del Dap per quanto attiene l'utilizzo del Personale nella protezione civile in sintesi dice ok l'ufficio legislativo dice che va bene equiparare la Pol.Pen agli altri, ma siccome qui comando io e fino a che comando io ed è stata proclamata l'emergenza carceri il Personale non si tocca a meno che non voglia intervenire in C.O. o C.S.,mettiamoci anche il problema scorte che continuamente si assiste ad un tira e molla con le autorità richiedenti, mettiamoci la vigilanza presso i Tribunali che ogni sei mesi il Capo Dap di turno minaccia di togliere,appare ovvio che nessuno si sente di intraprendere un dialogo con un vertice così ondivago, mettiamoci poi la totale assenza di un Ministro da sempre molto attenti alle problematiche dei detenuti e per nulla a quelle del Personale, condiamo il tutto con l'incapacità dei sindacati i quali pur avendo una grossa forza (il Personale che è alle loro spalle) si imbatte in puerili battaglie tra le varie sigle facendo il gioco dell'amministrazione centrale. Sapete perchè il Corpo Forestale ha ottenuto tanti risultati? Hanno meno sindacati di Noi e invece di litigare su chi ha più iscritti si sono uniti nella battaglia per ottemperare al loro mandato "TUTELARE IL PERSONALE". In tanti anni nell'Amministrazionme l'unico Capo Dap che ho visto veramente vicino al Personale è il Presidente Ettore Ferrara, non dimentichiamoci che le uniche modifiche per Noi sono venute sotto la Sua gestione.

Di  Il deluso  (inviato il 03/11/2012 @ 11:27:41)


n. 17


Infatti, caro anonimo palermitano, leccando il culo, pardon facendo la scorta a quei 4 magistrati si vedono i passi da gigante che abbiamo fatto..... Qualcuno tra di noi è proprio fissato se crede che facendo le scorte ai magistrati guadagniamo in immagine o ci possono aiutare a crescere....... qualcuno ci guadagna quello è sicuro e guarda caso sono proprio quelli della scorta con le loro centinaia di ore di straordinario e bollette a gogo.....vaglielo a raccontare a qualcun altro....

Di  Nuvola Rossa  (inviato il 03/11/2012 @ 00:14:12)


n. 16


Invece di litigare e di tirarci pietre perche' non siamo tutti uniti e difendiamo la polizia penitenziaria????????? unendo le nostre forze colleghe e colleghi, ce la faremo!!!!!!

Di  anna  (inviato il 02/11/2012 @ 23:05:24)


n. 15


Certo dopo aver letto dell'aggressione dei colElghi di Lucca , Pardon , non e' un aggressione secondo il Direttore , cmq , dopo aver letto l'articolo di furioso , e questa notizia che la Forestale va alla DIA , bhe mi viene sempre di piu' da pensare che siamo ABBANDONATI DA TUTTO E DA TUTTI - Ci stanno togliendo tutto praticamente .

Come si fa ad essere fiduciosi ??

Di  vera  (inviato il 02/11/2012 @ 19:29:17)


n. 14


caro nuvola rossa , ma tu non sei quello che critichi gli uomini della P.P che fanno( o per meglio dire facevano) le scorte ai i politici e magistrati? ( mentalità provinciale e da guardia carcere)vedendo solo carceri e carcerieri ..... ricordati che per ottenere la serie A,(cioè sez di PP.GG nei tribunali, DIA ecc) bisogna dialogare con i Poteri Forti (magistratura e politica) altrimenti non arriveremo mai a nulla. e cosa vi è di meglio di una corsia preferenziale come, effettuare le scorte ai POTENTI??? impariamo dai Carabinieri. MI SA CHE CON I PROCLAMI DEI SINDACATI, anche se giusti, siamo destinati alla privatizzazione e forse solo cosi smetteremo di rosicare e troveremo una identità

Di  anonimo palermitano  (inviato il 02/11/2012 @ 18:48:24)


n. 13


la lega pro si avvicina

Di  lucas  (inviato il 02/11/2012 @ 17:38:15)


n. 12


ho letto l'articolo il solitario sul sito sappe.it , e non mi ci trovo per niente , infatti , ad oggi essendo che svolgo il mio servizio in un ufficio dopo un interpello ed anche se ho attualmente 32 anni di servizio , non dimentico i colleghi che fanno servizio a turno ed ai loro sacrifici che passano ogni giorno a combattere contro chi di regole non ne vuol sentire, almeo io ed altri non turnisti nell istituto dove presto servizio ogni mattina partecipo alla perquisi, alle ore 11,30 incomincio a dare i cambi per permettere di consumare il pranzo, effettuo due turni domenicali e due notturni, poiche lo trovo anche giusto partecipare alla vita dell'istituto , anzi facendo cio' si migliora la socilizzazione tra colleghi ed aumenta anche il rispetto tra di noi , non sono un solitario visto che sono un iscritto , e se c'è da difendere qualche collega oppure l'intera categoria sono pronto a metterci la faccia come ho gia fatto , poichè alla fine sono e voglio essere uno dei tanti .scusate il mio dissenso
ass.c. tony.

Di  Anonimo  (inviato il 02/11/2012 @ 15:26:25)


n. 11


non solo il corpo forestale dello stato è presente ora anche in sardegna nelle procure è alla scuola interforforze foresta burgos paradosso hanno anche un fuoristrda un un vero ufficio si intende come ufficio istituzionale all'iterno della scuola docenti che vengono in missione dalla penisola noi come corpo ne ufficio,ne autovettura ancora distaccati ma allora dico che ci stiamo a fare ? per finire anche il corpo forestale regionale sono all'interno delle procure poichè ci sono dei miei amici .....provare per credere .............ruolo marginale alla scuola interforze e poi vogliamo le stelle ................

Di  piero sulas  (inviato il 02/11/2012 @ 12:56:22)


n. 10


S E R I E B ???


MAGARI !!!

Di  Anonimo  (inviato il 02/11/2012 @ 12:35:41)


n. 9


Buongiorno,


sembra cinico ripeterlo ma chi è causa dei suoi mali pianga… se stesso.
La Polizia penitenziaria oggi più che mai, si trova sull’orlo del baratro della serie “B” proprio per la politica “corporativa” portata avanti da miopi sindacati (anche autonomi) che hanno preferito ottenere nell’immediato minimi aumenti retributivi e/o piccole rendite di posizione da monetizzare con avido senso di accumulo, anzicchè una seria politica organica includente per l’interezza degli Operatori che a qualsivoglia titolo compongono l’Amministrazione penitenziaria.

Quindi, provo a buttarlo il famoso sasso nello stagno!

Volete che i vituperati Educatori, Contabili, Operatori Amministrativi e Assistenti sociali possano fornire solidarietà se la Polizia penitenziaria non viene debitamente considerata per il giusto ruolo istituzionale che Le compente nel quadro delle Polizie nazionali?
Non vi siete resi conto di essere stato lo strumento per consentire il “dividi ed impera” così agognato da qualche vetero dirigente di stampo borbonico.
Ed allora non è il caso di voltare pagina, abbandonando vecchi concetti quantitativi (il sindacato con il maggior numero di tessere!!!???!!!) a scapito di nuovi “qualitativi” che privilegiano politiche inclusive ed organiche, rispettose dei vari ruoli e profili che abbiano pari considerazione e dignità.
Le altre Polizie del famoso “Comparto Sicurezza” non rispettano la Polizia penitenziaria che nei fatti viene considerata Polizia di serie B ed allora chi sà cosa penserebbero di un “Comparto Amministrazione Penitenziaria” che forte del suo Mandato Istituzionale finalizzato non solo alla sicurezza ma anche e soprattutto al reinserimento sociale dell’individuo deviato si ri-appropria del pertinente incarico dicotomico affidatogli dalla Costituzione. Quale sarebbe il potere contrattuale di questo nuovo “Comparto” da valutare nella Sua integrità?
Lo avevo già citato in altre sedi ma (continuo) repetita juvant non è il caso di rivalutare Agrippa Menenio Lanato con il suo “Apologo” :
“…Agrippa spiegò l'ordinamento sociale romano metaforicamente, paragonandolo (come in Esopo) ad un corpo umano nel quale, come in tutti gli insiemi costituiti da parti connesse tra loro, se collaborano insieme sopravvivono, se discordano insieme periscono. E che, effettivamente, se le braccia (il popolo) si rifiutassero di lavorare, lo stomaco (il senato) non riceverebbe cibo. Ma ribatté che, dove lo stomaco non ricevesse cibo, non lavorerebbe e non lavorando tutto il corpo, braccia comprese, deperirebbe per mancanza di nutrimento…” (cfr Wikipedia).

dantibes

Di  dantibes  (inviato il 02/11/2012 @ 09:05:17)


n. 8


Cari colleghi,

condivido perfettamente i vostri commenti e il vostro stato d’animo nell’apprendere i meritati riconoscimenti acquisiti dal Corpo Forestale dello Stato.
Penso, e rimane solo un mio punto di vista, che certi accadimenti non sono mai casuali, anzi al contrario, sono frutto di diversi stadi di maturità, associate in fine alla volontà politica.
È indiscutibile che nel corso di questi ultimi anni, il CFS ha subito nel suo interno un profondo processo di cambiamento professionale, culturale e sociale, a cui hanno contribuito non solo i loro vertici, ma anche le loro stesse OO.SS. di categoria.
Per quanto mi riguarda, credo che fino a quando quel processo evolutivo che ha investito il CFS non maturi in noi tutti, non saremo mai nelle condizioni di pretendere, tanto meno di ambire al dovuto riconoscimento che attendiamo ormai da troppo tempo.
Ed è per questo che invito i nostri Funzionari, a far scattare in loro quel meraviglioso senso di Orgoglio di appartenenza al Corpo ed essere il propulsore della nostra rivoluzione interna, non lasciandosi intimidire da quella minima parte dei Nostri Stimati Dirigenti, i cui intenti sono ormai chiari a tutti, come anche il loro senso di appartenenza alla Nostra Amministrazione. Non possiamo attenderci nulla.
Mi rivolgo anche alle nostre ormai veterane OO.SS., invitandole a staccarsi dai compromessi politici e di Palazzo e di dedicarsi responsabilmente alla POLIZIA PENITENZIARIA.

Di  stefano  (inviato il 01/11/2012 @ 22:09:53)


n. 7


Cari colleghi la colpa del declino inarrestabile del Corpo è dovuto alla gestione da parte dei vertici del D.A.P. (estranei al Corpo), ma che purtroppo per legge ci amministrano è solo noi sappiamo in che modo, con un vertice di nomina politica, che nulla interessa dei riconoscimenti al Corpo, con obbiettivi totalmente diversi rispetto a quelli del personale del Corpo .Nello specifico cosa può interessare ad un Direttore Penitenziario se un suo sottoposto (personale del Corpo) rileva o non rileva un'infrazione al Codice della strada? o se un Commissario è posizione di diseallineamento rispetto ad un omonimo della P.di S.? se si istituisce o no la sezione di P.G. presso le Procure? se si istituiscono i ruoli Tecnici/Sanitari o qualsivoglia altra specializzazione? direi proprio niente! anzi sicuramente in qualche modo inficierebbero con gli anzidetti obiettivi (recupero del reo) inoltre verrebbero meno agli organici interni agli Istituti che loro stessi amministrano, per cui direi che l'ostacolo principale all'acrescimento del Corpo è proprio la stessa classe Dirigente, che con l'ampio consenso dei Politici e dei Governi, osteggiano con un silenzio assordante tutte le aspirazione del peronale del Corpo!

Di  Cenerino64  (inviato il 01/11/2012 @ 20:09:19)


n. 6


e proprio vero quando non si sa chi accusare , si addebitano colpe e accuse ai sindacati , mha !!!!!!!!!!


Di  Anonimo  (inviato il 01/11/2012 @ 20:01:18)


n. 5


LA COLPA E ESCLUSIVAMENTE DEI SINDACATI

Di  PEPPE  (inviato il 01/11/2012 @ 17:14:45)


n. 4


Spero che qualcuno legga attentamente questo articolo, Siamo alla frutta, il dolce già è sparito, quindi ci conviene prendere il folconi e andare all'attacco. circa un mese fa ho letto sempre sul vs. siche il min istro Severino, aveva annunciato che portava al primo consiglio dei ministri un emendamento (creedo che si dica cosi) per inserire la Polizia Penitenziaria, sia nelle sez. delle procure, che sia alla direzione investigativa antimafia (DIA), ma siccome il ministro in pochi mesi ha capito che amministrare questo corpo basta dire un pò di cavolate, e il personale rimane contento. MINISTRO SEVERINO, lei che è lei che è una persona molto seria, faccia un emendamento per per l'iserimento del ns corpo presso le sez P.G. Procure, e presso la DIA. Grazie e corraggio.

Di  Roberto Corda  (inviato il 01/11/2012 @ 14:47:23)


n. 3


poi nel nostro piccolo non appena si chiede di aver riconosciuti dei sacro santi diritti , si incomincia la guerra tra i poveri , poichè ancora non si riesce a far capire che oltre all' amato dovere esiste anche l'odiato diritto , magari negato dai nostri vicini interlocutori" in loco ", pertanto aldilà di dire che ci spingono verso il basso per non farci crescere , cosa fà chi ci sta vicino e dovrebbe comprenderci piu' di tutti e far si che la crescita avvenga nelle periferie incominciando ad avere rispetto ..????????????????????
aleandro diego

Di  Anonimo  (inviato il 01/11/2012 @ 14:29:38)


n. 2


forse non vi siete resi conto ma il sorpasso e' avvenuto quando alemanno fu ministro e' fece un vero riordino di competenze x il corpo giustamente di loro competenza quello che non hanno fatto x noi quelle poche cose che chiedevamo ho gia' facevamo non c'e hanno mai concesso la colpa e' anche nostra invidiosi di noi stessi parliamo male del corpo i sindacati che si fanno la guerra dirigentii che pensano ai c..... loro e' uno schifo.

Di  prossimo  (inviato il 01/11/2012 @ 14:13:23)


n. 1


LA POLIZIA PENITENZIARIA RESTERA' DI SERIE " A "

Di  Walter  (inviato il 01/11/2012 @ 13:37:20)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.241.199


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

7 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

8 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

9 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni

10 Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa


  Cerca per Regione