Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Poliziotto Penitenziario, da 15 anni in servizio al nord: ma quando avrò diritto a riunirmi alla mia famiglia ?


Polizia Penitenziaria - Poliziotto Penitenziario, da 15 anni in servizio al nord: ma quando avrò diritto a riunirmi alla mia famiglia ?

Notizia del 18/04/2012

in Anche le Formiche nel loro piccolo si incazzano

(Letto 7608 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Salve parlo a nome mio e di tanti colleghi, oramai sono allo sdegno più totale in quanto da più di 15 anni buttati in galera come quasi dimenticati dalla nostra amministrazione, lontani dalle nostre aspettative future, sperando in un fantomatico trasferimento per raggiungere i nostri  cari, famiglie, ragazze, ecc. perché marciamo ancora per distanze chilometriche senza mai una speranza di un degno trasferimento?

Non sono l'unico a chiedermelo questo quesito. Anche in altri Corpi di Polizia, di norma, è stabilito un periodo di servizio lontano dalla propria terra, ma comunque nel giro di un max di 8/10 anni, si può tornare a casa.

Qui in questo corpo "polizia" è l'esatto contrario in tutto, non funziona  nulla! Ci facciamo abbindolare da promesse sindacali di qualsiasi colore ...ma alla fine ne paghiamo le conseguenze! Non ho ancora visto un sindacato che si sia fatto avanti nei confronti del DAP per stabilire in via prioritaria, una  politica di assunzioni e trasferimenti degni di nota, tale da permettere che venga meno lo stress di tutti noi colleghi che da anni ci troviamo a lavorare in condizioni che tutti conosciamo. Oltretutto siamo costretti a sopravvivere e dico sopravvivere, da pezzenti nelle città del nord dove la vita, affiti, mutui, case ecc. sono diventati la ciliegina sulla torta per completare una vita che è improponibile.

Nessuna agevolazione di sorta per la Polizia Penitenziaria in tema di logistica, abitazioni (edilizia ecc) insomma siamo abbandonati a noi stessi aspettando il miraggio di un trasferimento che dopo anni ed anni dovrebbe essere più che meritato.

Rimango nella speranza che questo Sindacato di cui faccio parte possa prima o poi interagire in una questione di principale importanza.

Distinti saluti a tutti voi cari colleghi, e non fate  la guerra tra poveri! Attendo speranzoso una notizia: ho sempre creduto nel SAPPE!

Giuseppe (lettera firmata)


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 31


ho 18 anni di servizio e nel mio carcere la lista di distaccati con pochi mesi di servizio è lunga. avevo deciso di andare a Gorgona per avere un 'ultima speranza , ma anche quella sede non è più disponibile dato che devi passare da Livorno e sperare che ti distacchino. Senza un futuro , continuando ad usare ogni mezzo di trasporto per affrontare 800km da pedolare per continuare a vedere i propri cari ed evitare che la moglie abbia un esaurimento , mentre noi tutti ormai esauriti siamo sull'orlo della depressione e rassegnazione che porta a gesti estremi. L'amministrazione dovrebbe essere denunciata alla procura per tutti questi motivi.

Di  fabio negro  (inviato il 10/01/2016 @ 12:59:20)


n. 30


Sono passati 15 lunghi anni ad imbrattare carta straccia per l'agoniato trasferimento , più passano gli anni e più la gradatoria si allunga anziché scalare . Non ho ancora visto nessun sindacato che si prenda a cuore la questione , in tanto gente distaccata da anni (ovvero trasferiti occultati , anche con pochi anni / mesi di servizio ) è sparita nel nulla , mentre noi continuiamo a fare i barboni e pezzenti lontano dalle nostre famiglie sogni e prospettive che dopo 15 lunghi anni se nn di più , dovremmo meritarci un guadagnato trasferimento !!! vergogna!!!! e poi vengono a parlarmi di punti , centri d'ascolto per la Polizia penitenziaria ??!! è sicuramente più ascoltato un detenuto che un Agente di PP! Parlano di stress degli agenti , parlano di arginare il malessere del personale , ma nessuno per noi comuni mortali è interessato a udire le nostre sofferenze . ...

Di  peppe indignato  (inviato il 08/07/2013 @ 16:26:06)


n. 29


@ ass.c. la pantera rosa

Ahahahhahahhahahahah grazie per gli auguri!
D'ora in poi mi farò chiamare Antonio Loi da Alghero!

Di  Antonio Loi da Piacenza  (inviato il 07/08/2012 @ 10:42:12)


n. 28


tantissimi auguri al collega per il trasferimento di antonio loi da piacenza .
N.B.d' ora in poi come ti chiamerai ? se lasci piacenza .
in bocca al lupo.
ass.c. la pantera rosa

Di  Anonimo  (inviato il 06/08/2012 @ 19:31:47)


n. 27


@Mauro

Io dopo 21 anni sono riuscito finalmente a tornare in terra sarda, ancora non ci credo fino a quando non arriva il provvedimento del D.A.P., non vorrei avessero sbagliato... sai, per uno come me che non chiede niente e non striscia davanti a nessuno...
Comunque non perdere le speranze Mauro, vedrai che quando apriranno il nuovo Istituto di Sassari tornerai a casa anche tu. Un abbraccio forte ed un in bocca al lupo

Di  Antonio Loi da Piacenza  (inviato il 06/08/2012 @ 19:12:15)


n. 26


carissimo mauro , sai cosa significa andare a fare servizio a 190 km da casa, sai che vita che si fà , quanto ti costa ? quanto tempo libero ti rimane , io invece ti auguro solo di poterti avvicinare il piu' vicino casa tua ,almeno fai una vita meno stressata , oppure rimani dove sei , ti parlo per esperienza. forse è meglio a 800 km che a 190 km almeno prendi un aereo low coast e ti pesa meno .
ass.c. la pantera rosa

Di  Anonimo  (inviato il 06/08/2012 @ 18:59:19)


n. 25


Dopo 19 anni di onorato servizio....eccomi qua ad elemosinare un trasferimento nella mia terra...incrocciando le dita perché qualche santo apra la nuova c.c di Sassari......l'unico posto dove si apre una piccola speranza di trasferimento(190 km da casa), solo noi ragazzi possiamo capire cosa voglia dire tornare a casa, io la sto vivendo con il cuore in mano non ho più energie da spendere....un in bocca lupo a tutti voi

Di  mauro  (inviato il 06/08/2012 @ 17:50:52)


n. 24


Cari colleghi il sottoscritto e da circa 22 anni che sono al nord altro che 15 anni , nel mese di novembre 2011 con circa 22 anni di servizio speravo che con l'interpello nazionale x gela sarei riuscito ad essere trasferito ma purtroppo no - se i loro signori avessero evitato che l'interpello straordinario nazionale per la c.c di gela fosse su base nazionale .... a questo punto ...potevano benissimo fare in modo che vi fosse un interpello solo x la regione sicilia risparmiando tempo e denaro , poiché sarebbe cambiato poco,... infatti , i 48 posti ad interpello per il ruolo agenti ed assistenti sono stati quasi tutti vinti da colleghi che svolgono già da tempo servizio in Sicilia.
così , si sarebbe evitato quantomeno la beffa , il tutto dovuto a quell'idea geniale dell'attribuzione dei punteggi che forse un bambino di scuola elementare avrebbe capito subito che non ha nulla a che vedere con i concetti di equità destinando il personale di pol pen anche con 20 anni ed oltre di servizio a perdere ogni speranza di essere trasferiti.

Di  Anonimo  (inviato il 09/05/2012 @ 14:04:46)


n. 23


Purtroppo, Antonio Loi da Piacenza, è questione di dignità. C'è chi sceglie di svestirsi della propria dignità (sempre che l'abbia mai avuta), sottostando al potente di turno e godere del favore ricevuto, e chi, invece, della dignità ne va fiero e ne fa una filosofia di vita, magari soffrendo i farvoritismi resi agli altri a discapito di un proprio diritto. Ma, purtroppo, fin quando ci saranno questi personaggi (trasferiti e distaccati senza oggettivo motivo, ossia, esclusivamente per raccomandazione) e continueranno a esserci i loro benefattori che se ne servono, non cambierà mai nulla.
Chi ha realmente diritto o bisogno di un distacco o trasferimento, purtroppo, dovrà continuare a rosicare. Ma la rabbia logora... e a volte porta a gesti inconsulti. Ma chi non ha dignità e coscienza non può capire...
A scanzo di equivoci, tengo a precisare che io, fortunatamente, non ho avuto e non ho bisogno di distacchi e trasferimenti. Sono del sud e vivo a nord. Quindi non rosico. Semplicemente, ODIO le ingiustizie...

Di  Giovanni Altomare  (inviato il 28/04/2012 @ 10:41:51)


n. 22


Bravo "ANONIMO"!!!
Ecco un altro di quelli che nella vita va avanti grazie ai calci nel culo del suo corrotto preferito!
Tu sì che hai capito tutto dalla vita!
Giusto per tua informazione, sappi che i nonni li ho avuti anche io, ed anche io avrei potuto inventarmi l'assistenza della legge 104, ma ho una coscienza, grazie a Dio. Sappi che anche io avrei potuto farmi eleggere consigliere comunale, ma dal momento che odio i politici e i loro sporchi intrallazzi, come avrei potuto mischiarmi a loro?
E' sbagliato, come dici tu, "inveire contro chi e distaccato o trasferito", infatti è più giusto fare come fai tu!
Vorrà dire che continuerò a "rosicare", ma accettare quelli come te MAI!!!

Di  Antonio Loi da Piacenza  (inviato il 28/04/2012 @ 09:12:27)


n. 21


secondo me e sbagliato inveire contro chi è distaccato o trasferito.. perché se anche voi avevate la possibilita non vi sareste lamentati qui sopra quindi capisco che uno rosica ma bisogna accettare

Di  Anonimo  (inviato il 28/04/2012 @ 08:11:34)


n. 20


sicuramente quello della Polizia Penitenziaria non è un lavoro semplice...unito al fatto che ti tengono lontano dalla famiglia per anni non so quanto bello possa essere. Però il mio pensiero è uguale a quello di @Antonio Loi. Bisogna credere nella giustizia. In ogni caso, in bocca al lupo a tutti!

Di  Chiara  (inviato il 21/04/2012 @ 16:04:10)


n. 19


Salve a tutti. C'è da dire una cosa pero' nel C. di P.P. il 90% degli appartenenti è del centro-sud dunque è normale che ci sia quest'accalcamento nei trasferimenti cio' nn giustifica l'amministrazione a sequestrarci x 20 anni al nord. Qualche soluzione ci sarebbe perche i sindacati nn la propongono??? Tutto questo è molto strano e mi fa pensare a male.....come tanti. buona fortuna a tutti.

Di  ag.sc. zeus  (inviato il 21/04/2012 @ 12:14:23)


n. 18


LA CRISI HA COLPITO ANCHE NOI, MA E' L'ENNESIMO FALLIMENTO DI UNA POLITICA CHE NON SA INNOVARE E PROGRAMMARE PER TEMPO, TUTTI DICONO CHE SIAMO IN EUROPA, IN MOLTI PAESI EUROPEI I DETENUTI PRODUCONO, NON SONO UN PESO PER PER LA SOCIETA' LE RISORSE VENGONO REINVESTITE PER MIGLIORARE LE CONDIZIONI DEI POLIZIOTTI, DA NOI IL PERSONALE MANCANTE CHE POTREBBE CREARE NUOVI SPOSTAMENTI IN TUTTA LA NAZIONE, E DIVENUTO UN MIRAGGIO PER LA MANCANZA DI COPERTURA FINANZIARIA, GENERATA DAI FALLIMENTI DELLA POLITICA ITALIANA, CIO RICADE SU CHI DA TANTI ANNI STA ASPETTANDO CHE QUALCOSA SI MUOVE... MA NON ACCADRA' PURTROPPO. L'ITALIA POTEVA MA NON HA VOLUTO EVOLVERSI CON INNOVAZIONI RISPARMI E INVESTIMENTI, COME IN TUTTI I SETTORI SIAMO IN RITARDO. L'UNICA RISORSA COSTRUITA E STATO LO SCONTRO POLITICO MOLTO PESANTE MA VUOTO.. E IMPRODUTTIVO.

Di  GUIDOIO  (inviato il 20/04/2012 @ 21:48:11)


n. 17


@ MANU:

Scusa MANU, ma non sono d'accordo con te: Se vuoi parla pure con il tuo SINDACALAIO preferito, può darsi che riesca a trovare l'aggancio giusto per te, tanto solo questo farà quel corrotto.
Naturalmente questo non risolverà il problema, anzi.... accadrà solo che tu prenderai il posto di un tuo collega che ne aveva diritto, alimentando ancora di più questo sistema marcio.
Ricorda che con le parole "sindacato" e "sindacalista" si parla ci cose serie: PLACIDO RIZZOTTO era un sincalista, e tanti come lui..... non questi pagliacci che girano nella nostra amministrazione.



@stanco e disgustato:


Anche se è vero quello che dici, non mi sento di appoggiarti quando sconsigli l'arruolamento nella Polizia Penitenziaria. La Polizia Penitenziaria è fatta da chi ne fa parte, e chi ne fa parte sceglie di essere quello che crede! Io sono orgoglioso di farne parte e sono orgoglioso di tenere lontano i delinquenti dalla gente per bene facendoli sottomettere alla legge!
Sta ad ognuno di noi credere nella giustizia... specialmente la giustizia tra noi stessi!
Viva la Polizia Penitenziaria onesta e corretta e ben vengano le persone oneste e corrette che vogliono farne parte!



Di  Antonio Loi da Piacenza  (inviato il 20/04/2012 @ 20:42:38)


n. 16


E' colpa di tutti noi che apparteniamo al corpo, se i trasferimenti non si attuano.Tutti noi anzichè accettare passivamente tale situazione , dovremmo agire chiedendo con forza ai sindacati di trattare la questione ,come si sta facendo in questi giorni per la riforma delle pensioni.Il sindacato ha il dovere di tutelare gli interessi legittimi dei suoi iscritti, tutti gli interessi , non solo quelli relativi alla pensione.

Di  MANU  (inviato il 19/04/2012 @ 17:45:20)


n. 15


Stai tranquillo, io ho avuto il trasferimento in Sardegna dopo 29 anni di servizio in Lombardia.

Di  Lello  (inviato il 19/04/2012 @ 16:58:10)


n. 14


@chiara e anna
Un consiglio fraterno? Trovatevi un altro lavoro se potete, da noi sarà sempre peggio, del resto se leggette in questo "sfogatoio" vi sarete rese conto della frustrazione che c'è in giro e della considerazione che abbiamo del nostro servizio.La nostra è un amministrazione matrigna dove non vige la meritocrazia ma fà strada solo chi è raccomandato alla faccia degli altri, dove l'egoismo ha raggiunto il suo apice, dove non vengono rispettate le più elementari norme di diritto e dove viene data precedenza ai lavativi e ai lecchini.Dove le ferie ti vengno concesse come una grazia, i riposi te li tolgono all'ultimo momento senza problemi,i posti di servizio che devi coprire non si contano più, in sezione sei solo e abbandonato in mezzo a 70-80 delinquenti che ti provocano, ti sbeffegiano,ti minacciano quando non ti mettono le mani adosso. Dove rischi l'arresto da un momento all'altro perchè un detenuto a cui non sei simpatico ti accusa di averlo picchiato e trova subito un pm pronto ad ascoltarlo e a credergli. Qui mi fermo ma ci sono tante altre cose da dire che per ovvi motivi qui non posso elencare, e ve lo dico dall'alto dei miei 30 anni servizio e vi posso garantire che non ho mai sputato sul piatto dove mangio.Meditate gente meditate.

Di  stanco e disgustato  (inviato il 19/04/2012 @ 11:44:16)


n. 13


Mi fa piacere Anna, ma col tempo finirai per adattarti all'adattabile, darai i tuoi migliori anni e non sarai mai ricompensata, ma, al primo errore, pagherai e come se pagherai...

Di  Ganzino  (inviato il 19/04/2012 @ 08:26:07)


n. 12


Chiara, lascia perdere

Di  Ganzino  (inviato il 19/04/2012 @ 08:22:38)


n. 11


Aspetto questo trasferimento da 21 anni, ma grazie ai nostri grandi "SINDACALAI" (non "SINDACALISTI": è la stessa differenza che passa tra GIORNALAIO e GIORNALISTA...) aspetto ancora che si esauriscano i "favori" che si fanno tra loro...
Ormai sono nauseato dalle schifezze che ho vissuto vedendo come riescano a trovare ogni scusa per distaccare, o addirittura trasferire, i loro raccomandati di m....
Personaggi che non hanno un minimo di dignità, che per raggiungere i loro scopi calpestano tutti.
Andiamo avanti: Questo è il sistema all'italiana.... con questi chiari di luna sono contento di avere almeno un lavoro.
Buona fortuna "interventi ricevuti", io ormai aspetto gli anni della pensione per tornare nella mia amata Sardegna: Non so se sarò ancora in vita o se saranno ancora in vita i miei cari.... l'importante è avere una speranza: LA SPERANZA CHE SCOMPAIANO PRIMA I SINDACALAI E I LORO ASSISTITI!!! NATURALMENTE INSIEME ALLE LORO FALSE RICHIESTE DI LEGGE 104, ELEZIONI POLITICHE E QUANT'ALTRO...

Di  Antonio Loi da Piacenza  (inviato il 19/04/2012 @ 00:25:51)


n. 10


Caro Collega hai perfettamente ragione io mi ritengo un po più fortunato che sto vicino napoli a roma eppure sono 21 anni che aspetto il trasferimento a Napoli e ho 3 figli un altro po divento nonno.....tanto per dire, dai superman che sia l' anno giusto ciao.



Di  Ciruzzo  (inviato il 18/04/2012 @ 21:34:09)


n. 9


caro collega hai perfettamente ragione su tutto il campo, ma purtroppo noi siamo figli di un dio minore e quindi non abbiamo diritto a stare con i nostri cari. Dimenticavo io sono 20 (venti) anni, si hai letto bene che sono al nord e sto perdendo tutte le speranze mi sto quasi rassegnando a vivere il resto della mia vita come fanno gli zingari su e giù, su e giù, su e giù ecc. Oppure mi congedo visto l'avvicinarsi dei 50.

Di  mario  (inviato il 18/04/2012 @ 19:01:53)


n. 8


CARI COLLEGHI DI NOI CHE SIAMO AL NORD DA 15 ANNI NON SE NE FREGA PROPRIO NESSUNO....POI FANNO LE SANATORIE DEI DISTACCHI PER ACCOMODARE I SOLITI AMICHETTI....DISTACCHI CHE DI FATTO SONO TRASFERIMENTI OCCULTATI E CHE DURANO DA 7 8 ANNI E ANCHE PIU'.....POI IL POVERO CRISTO CHE HA PROBLEMI E FA LA DOMANDA PER IL DISTACCO NON SE LO FILANO PER NIENTE PERCHE' CI SONO "TROPPE PERSONE DISTACCATE".....E SE TI DANNO UN PAIO DI MESI DEVI TORNARE SUBITO IN SEDE.....SAREBBE BELLO VEDERE UNA VOLTA SEDE PER SEDE QUANTE PERSONE CI SONO DISTACCATE E SOPRATTUTTO DA QUANTO TEMPO......LO SO SAREBBE TROPPO.......PERCHE' COMFERMEREBBE CHE CI SONO I TRASFERIMENTI OCCULTATI.

Di  GIOVANNI  (inviato il 18/04/2012 @ 17:20:37)


n. 7


anche il mio sogno da commissaario di polizia penitenziaria appena finisco gli studi e mi son laureata :->

Di  Anna V.  (inviato il 18/04/2012 @ 16:48:29)


n. 6


Entrare nella polizia penitenziaria sarebbe il mio sogno.

Di  Chiara  (inviato il 18/04/2012 @ 14:26:06)


n. 5


Se te ne venivi a Gorgona, già da 11 ANNI eri già A CASA

Di  Ganzino  (inviato il 18/04/2012 @ 13:52:26)


n. 4


e più facile avvicinare un detenuto ai propri famigliari per curare gli affetti, perchè loro ne hanno il diritto, che l'amministrazione si ricordi di avere dei Poliziotti Penitenziari che vorrebbero essere avvicinati non dico a casa ma nella regione di residenza del proprio nucleo famigliare, magari solo quelli che hanno maturato 10 anni fuori sede e sono distanti 500 km tra sede di servizio e sede ambita.
So che sto iniziando a scrivere una favola o una barzelletta, ma l'importante e scrivere.

Di  Domenico  (inviato il 18/04/2012 @ 12:51:18)


n. 3


vociferano nell'aria che voglioni stabilizzare i distacchi perenni in barba a chi è utile in graduatoria da anni....

Di  libero  (inviato il 18/04/2012 @ 12:47:04)


n. 2


è più facile che diano la grazia ad un carcerato che il trasferimento a un collega.......stamm inguaiat!!!!

Di  capitano ultimo  (inviato il 18/04/2012 @ 08:28:55)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

23.23.50.247


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

5 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

6 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

9 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

10 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

6 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali


  Cerca per Regione