Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Prevenzione suicidi Polizia Penitenziaria: attivata la linea telefonica di ascolto


Polizia Penitenziaria - Prevenzione suicidi Polizia Penitenziaria: attivata la linea telefonica di ascolto

Notizia del 23/07/2013

in Mettiamoci in Salute

(Letto 3094 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il Servizio per la Prevenzione del Suicidio dell’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma ha attivato una linea telefonica di Help-Line al numero 06 33777740, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 16.30.

Il servizio offre accoglienza e supporto a quanti si trovano in una condizione di fragilità psichica, a rischio di suicidio o con forte vulnerabilità e stress emotivo. Grazie alla collaborazione con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, l’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea ha rivolto il servizio a tutto il personale dell’ Amministrazione Penitenziaria, assicurando il totale rispetto della privacy e il completo anonimato. E' attivo un servizio di segreteria che permette di ricontattare chi chiama fuori orario nell’ambito delle 24 ore. 

LEGGI IL VOLANTINO COMPLETO

LEGGI LA LETTERA DI TRASMISSIONE DL DAP 

Help line tel 06 3377740 - attivo dal lunedi al venerdi dalle 9,30 alle 16,30.

Dopo le 16,30 servizio di segreteria telefonica

Sito internet:  www.prevenireilsuicidio.it

e-mail:   maurizio.pompili@uniroma1.it

La difficoltà di prevenire il suicidio consiste soprattutto nel riuscire a identificare le persone più vulnerabili, le circostanze nelle quali questa vulnerabilità si manifesta e, quindi, nell’intervento precoce. I ricercatori hanno identificato un ampio numero di fattori che, interagendo tra loro, conferiscono all’individuo un rischio elevato di suicidio: fattori socio-culturali, disturbi psichiatrici, substrato biologico, genetica, stress sociale e lavorativo. Quest’ultimo aspetto, spesso sottovalutato, sta avendo un crescente interesse in diverse realtà lavorative, ponendo l’attenzione su tipi di professioni che, per lungo tempo, non sono state considerate prettamente “di aiuto”. Tra queste categorie rientra la Polizia Penitenziaria che, pur non appartenendo alle tradizionali helping professions, è caratterizzata dall’avere un rapporto particolare e continuativo con l’utenza carceraria che, a lungo termine, può dar luogo alla sindrome di burnout, condizione che rappresenta un fattore di rischio di suicidio.

La maggior parte dei suicidi degli agenti sembrerebbe causata da motivi strettamente personali (finanziari, sentimentali, per la perdita di un familiare o in seguito a malattia) apparentemente svincolati dalla situazione lavorativa. Tuttavia, sappiamo bene quanto sia importante identificare le persone più vulnerabili, le circostanze nelle quali queste vulnerabilità perlopiù si manifestano e la concausa di fattori che, interagendo tra loro, conferiscono all’individuo un rischio elevato di suicidio. Chi lavora nell’ambito dei Corpi di Polizia, in genere, può avere difficoltà ad esprimere sentimenti legati alla paura, alla tristezza, all’impotenza, poiché non rispecchiano l’immagine associata al ruolo ricoperto.

Il personale della Polizia Penitenziaria sentono di appartenere ad un gruppo fortemente connotato da norme, precisi doveri, procedure e regolamenti che spesso vengono vissuti come un limite alla libera e piena espressione del proprio “io”. Si registra, quindi, una difficoltà a esternare disagi psicologici, nel timore di incorrere in giudizi negativi in grado di compromettere la propria carriera professionale. Situazioni di stress, dettate da condizioni personali o organizzative/istituzionali, l’impossibilità di poter svolgere al meglio la propria missione, a causa di fattori sui quali non si ha una diretta incidenza (numero del personale impiegato, retribuzione, etc..), i conflitti che possono nascere con i superiori, colleghi e detenuti e il mancato sostegno e riconoscimento sociale, sono tutti elementi che possono concorrere a scatenare l’atto suicida.

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana
Riordino Polizia Penitenziaria: nuove qualifiche e nuovi errori
Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Collega siamo nella stessa barca.
Anch'io mi sono rivolto al mio medico e alla struttura pubblica. Di contro la direzione dopo aver visto la patologia ha provveduto all'invio alla CMO che mi ha visto 15 gg dopo e fissato la visita specialisti a dopo un altro mese: se aspettavo loro stavo fresco!
Buona guarigione!

Di  Alessandro  (inviato il 24/07/2013 @ 01:02:31)


n. 1


Possono mettere i numeri telefonici che vogliomo, quando è la stessa amministrazione che non affronta i problemi delle persone più fragili che potrebbero mettere in atto gesti inconsulti.
Guarda il mio caso attualmente sono in aspettativa per motivi sanitari con causa di servizio per una parte della diagnosi dipendente da causa di servizio più uno stato ansioso depressivo reattivo che venti giorno fa ha avuto un culmine di reazione anche in ufficio.
Nessuno mi ha chiamato a visita e tanto meno nessuno del Centro Amministrativo a deciso di inviarmi all'ospedale militare per essere sottoposto a visita specialistica come prevede la normativa per determinate patologie.
Sono stato io a rivolgermi al servizio psichiatrico dell' ospedale San Giovanni a Roma.
Pertanto, ancora una volta qualcuno si deve far pubblicità e far vedere che si adoparano alla causa del colleghi, intatto tanti miei amici appartenenti al Corpo si sono tolti la vita nell'indifferenza di tutti.
Voglio vedere a che punto arrivono chi dovrebbe dirigere questa amministrazione!!!!!!!!!!

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 23/07/2013 @ 22:21:26)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.74.48


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

4 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

5 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

6 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Arrestato Alessandro Menditti, evaso dal carcere di Frosinone da una settimana

3 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

4 Sconvolgente! Per tre notti degli sconosciuti sono entrati e usciti dal carcere di Frosinone per preparare l''evasione

5 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

6 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

7 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

8 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

9 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

10 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone


  Cerca per Regione