Dicembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Dicembre 2016  
  Archivio riviste    
Prevenzione suicidi Polizia Penitenziaria: attivata la linea telefonica di ascolto


Polizia Penitenziaria - Prevenzione suicidi Polizia Penitenziaria: attivata la linea telefonica di ascolto

Notizia del 23/07/2013

in Mettiamoci in Salute

(Letto 3020 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Il Servizio per la Prevenzione del Suicidio dell’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma ha attivato una linea telefonica di Help-Line al numero 06 33777740, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 16.30.

Il servizio offre accoglienza e supporto a quanti si trovano in una condizione di fragilità psichica, a rischio di suicidio o con forte vulnerabilità e stress emotivo. Grazie alla collaborazione con il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, l’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea ha rivolto il servizio a tutto il personale dell’ Amministrazione Penitenziaria, assicurando il totale rispetto della privacy e il completo anonimato. E' attivo un servizio di segreteria che permette di ricontattare chi chiama fuori orario nell’ambito delle 24 ore. 

LEGGI IL VOLANTINO COMPLETO

LEGGI LA LETTERA DI TRASMISSIONE DL DAP 

Help line tel 06 3377740 - attivo dal lunedi al venerdi dalle 9,30 alle 16,30.

Dopo le 16,30 servizio di segreteria telefonica

Sito internet:  www.prevenireilsuicidio.it

e-mail:   maurizio.pompili@uniroma1.it

La difficoltà di prevenire il suicidio consiste soprattutto nel riuscire a identificare le persone più vulnerabili, le circostanze nelle quali questa vulnerabilità si manifesta e, quindi, nell’intervento precoce. I ricercatori hanno identificato un ampio numero di fattori che, interagendo tra loro, conferiscono all’individuo un rischio elevato di suicidio: fattori socio-culturali, disturbi psichiatrici, substrato biologico, genetica, stress sociale e lavorativo. Quest’ultimo aspetto, spesso sottovalutato, sta avendo un crescente interesse in diverse realtà lavorative, ponendo l’attenzione su tipi di professioni che, per lungo tempo, non sono state considerate prettamente “di aiuto”. Tra queste categorie rientra la Polizia Penitenziaria che, pur non appartenendo alle tradizionali helping professions, è caratterizzata dall’avere un rapporto particolare e continuativo con l’utenza carceraria che, a lungo termine, può dar luogo alla sindrome di burnout, condizione che rappresenta un fattore di rischio di suicidio.

La maggior parte dei suicidi degli agenti sembrerebbe causata da motivi strettamente personali (finanziari, sentimentali, per la perdita di un familiare o in seguito a malattia) apparentemente svincolati dalla situazione lavorativa. Tuttavia, sappiamo bene quanto sia importante identificare le persone più vulnerabili, le circostanze nelle quali queste vulnerabilità perlopiù si manifestano e la concausa di fattori che, interagendo tra loro, conferiscono all’individuo un rischio elevato di suicidio. Chi lavora nell’ambito dei Corpi di Polizia, in genere, può avere difficoltà ad esprimere sentimenti legati alla paura, alla tristezza, all’impotenza, poiché non rispecchiano l’immagine associata al ruolo ricoperto.

Il personale della Polizia Penitenziaria sentono di appartenere ad un gruppo fortemente connotato da norme, precisi doveri, procedure e regolamenti che spesso vengono vissuti come un limite alla libera e piena espressione del proprio “io”. Si registra, quindi, una difficoltà a esternare disagi psicologici, nel timore di incorrere in giudizi negativi in grado di compromettere la propria carriera professionale. Situazioni di stress, dettate da condizioni personali o organizzative/istituzionali, l’impossibilità di poter svolgere al meglio la propria missione, a causa di fattori sui quali non si ha una diretta incidenza (numero del personale impiegato, retribuzione, etc..), i conflitti che possono nascere con i superiori, colleghi e detenuti e il mancato sostegno e riconoscimento sociale, sono tutti elementi che possono concorrere a scatenare l’atto suicida.

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Mafiosi convertiti all''islam durante la permanenza in carcere: il caso del boss che vuole convertire anche il figlio
Carcere di Orvieto di nuovo casa di reclusione? La protesta dei Poliziotti: a rischio la chiusura del carcere
Il DAP affida in esclusiva all''Ucoii la scelta degli imam nelle carceri: pericolo di predominanza salafita
Motovedetta della Polizia Penitenziaria in soccorso di otto ricercatori bloccati sull''isola di Pianosa
Nuovo carcere di Brescia? Pronto non prima di sei o sette anni
Rapporto segreto del DAP: gli imam nelle carceri? Assasini, rapinatori, stupratori
Due minorenni tentano l''evasione da Nisida approfittando della lezione di teatro
Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Collega siamo nella stessa barca.
Anch'io mi sono rivolto al mio medico e alla struttura pubblica. Di contro la direzione dopo aver visto la patologia ha provveduto all'invio alla CMO che mi ha visto 15 gg dopo e fissato la visita specialisti a dopo un altro mese: se aspettavo loro stavo fresco!
Buona guarigione!

Di  Alessandro  (inviato il 24/07/2013 @ 01:02:31)


n. 1


Possono mettere i numeri telefonici che vogliomo, quando è la stessa amministrazione che non affronta i problemi delle persone più fragili che potrebbero mettere in atto gesti inconsulti.
Guarda il mio caso attualmente sono in aspettativa per motivi sanitari con causa di servizio per una parte della diagnosi dipendente da causa di servizio più uno stato ansioso depressivo reattivo che venti giorno fa ha avuto un culmine di reazione anche in ufficio.
Nessuno mi ha chiamato a visita e tanto meno nessuno del Centro Amministrativo a deciso di inviarmi all'ospedale militare per essere sottoposto a visita specialistica come prevede la normativa per determinate patologie.
Sono stato io a rivolgermi al servizio psichiatrico dell' ospedale San Giovanni a Roma.
Pertanto, ancora una volta qualcuno si deve far pubblicità e far vedere che si adoparano alla causa del colleghi, intatto tanti miei amici appartenenti al Corpo si sono tolti la vita nell'indifferenza di tutti.
Voglio vedere a che punto arrivono chi dovrebbe dirigere questa amministrazione!!!!!!!!!!

Di  maurizio giovannoni  (inviato il 23/07/2013 @ 22:21:26)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.253.45


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Polizia Penitenziaria arresta estremista islamico. Prima operazione antiterrorismo dentro un penitenziario eseguita dal Nucleo Investigativo Centrale in collaborazione con la Digos

2 I suicidi nella Polizia Penitenziaria sono il doppio rispetto alle altre forze dell’Ordine e il triplo rispetto alla società civile

3 Como: poliziotto penitenziario muore stroncato da infarto in servizio

4 Polizia Penitenziaria: serve un’efficace comunicazione per non alimentare una costante disinformazione

5 Parte male il docente di islamismo per la Polizia Penitenziaria: "insegnerò ai secondini..."

6 La sentenza Torreggiani (o meglio la sua sciagurata applicazione) ha distrutto le carceri italiane

7 Carceri e web sono la prima linea nella lotta al terrorismo islamico: noi della Polizia Penitenziaria siamo pronti?

8 Operazione Onda Blu: NIC Polizia Penitenziaria arresta a Crotone due evasi da Voghera

9 Ente di Assistenza: a chi serve?

10 La Stampa: la radicalizzazione nelle carceri italiane passa attraverso telefonini, sopravvitto e preghiera





Tutti gli Articoli
1 Chiusa la sala internet del carcere di Bolzano: detenuti cercavano contatti con l''isis

2 Polizia Penitenziaria di Palermo consegna doni e giocattoli per i bambini con malattie metaboliche e rare

3 Fabio Perrone aggredisce due Poliziotti penitenziari. Un anno fa venne arrestato per l''evasione con sparatoria dall''ospedale

4 Ruba auto a Poliziotto penitenziario ma rimane bloccato dal passaggio a livello e viene arrestato

5 Rientro dei distaccati dal carcere di Alessandria San Michele: prevista anche sorveglianza dinamica e automazione cancelli

6 Poliziotto assolto da accusa di violenza sessuale: nei guai invece finisce il medico per evasione della detenuta

7 Chi è Hmidi Saber l''estremista islamico arrestato oggi e tutte le sue vicende nelle carceri italiane

8 Poliziotto penitenziario colpito al volto con pugni da detenuto 18enne al carcere minorile di Roma

9 Carcere di Rossano a rischio sicurezza: 36 Agenti penitenziari servono solo per controllare il muro di cinta

10 Detenuti decapitati e lanciati fuori dalle finestre: è di 60 morti il bilancio della rivolta nel carcere brasiliano


  Cerca per Regione