Febbraio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Febbraio 2017  
  Archivio riviste    
Quasi dimezzato lo stipendio del Capo del Dap: da 540.000 a 290.000 euro. Ma sono sempre troppi!


Polizia Penitenziaria - Quasi dimezzato lo stipendio del Capo del Dap: da 540.000 a 290.000 euro. Ma sono sempre troppi!

Notizia del 24/04/2012

in Il Pulpito

(Letto 4307 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


In relazione all’editoriale pubblicato qualche giorno addietro, rilevo, non senza qualche soddisfazione, che -anche se per via indiretta – è arrivato, comunque, l’intervento del Governo per la riduzione della indennità percepita dal Capo del Dap, in qualità di Comandante del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Nel mese di marzo, ma con decorrenza aprile 2012,  è stato emanato un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (in virtù della delega contenuta nella legge “salvaitalia”) dove viene stabilito un tetto alle retribuzioni dei top manager delle amministrazioni pubbliche con riferimento allo stipendio percepito dal Primo Presidente della Suprema Corte di Cassazione (ca 290000 euro), che costituirà, da adesso in poi, il massimo della retribuzione possibile per un dirigente dello Stato.
Grazie a questo decreto sarà, praticamente, quasi dimezzato lo stipendio del Capo del Dap passando dai circa  550000 euro di oggi ai 290000 di domani.
In relazione al principio dei diritti acquisiti, francamente non so con certezza se il Dpcm avrà efficacia sulla retribuzione dell’attuale Capo del Dap e, soprattutto, su quella dei passati Capi del dipartimento che, come è noto, mantengono il diritto a percepire l’indennità dopo aver lasciato l’incarico (anche sul trattamento pensionistico), ma so almeno con sicurezza che da adesso in poi la poltrona di largo Daga non sarà più il terzo posto più retribuito della Stato italiano.
Se da un lato questo è confortante, perché chi è alla ricerca soltanto dei soldi avrà a disposizione parecchie altre alternative,  non è altrettanto soddisfacente la cifra stabilita come tetto che, a mio parere, è  ancora spropositata per l’incarico di Capo della Polizia Penitenziaria.
Avrei preferito, come ho già avuto modo di dire, che anche la retribuzione del Capo del Corpo fosse proporzionata a quella dei quarantacinquemila uomini e donne che deve comandare.
In questa ottica, considerato che un dirigente generale del Corpo (quando lo avremo) potrebbe raggiungere, al massimo, una retribuzione di circa cento-centoventimila euro l’anno, a mio parere il Capo del Dap non dovrebbe percepire più di centocinquanta-centosettantamila euro all’anno.
Parlando di queste cifre, mi sembra doveroso rammentare che lo stipendio medio della Polizia Penitenziaria è stimato intorno ai trentacinquemila euro all’anno, e che la base retributiva parte dai circa venticinquemila euro all’anno dell’agente.
Per dovere di cronaca, ecco un ampio stralcio del Dpcm che ha stabilito il tetto retributivo per i dirigenti delle amministrazione pubbliche.
  
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
 
Visto l'articolo 23-ter del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201,
recante "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equita' e il
consolidamento dei conti pubblici", convertito, con modificazioni,
dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214;
.....
 
Decreta:
 
Art. 1
Oggetto
 
1. Il presente decreto, adottato in attuazione dell'articolo 23-ter
del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, recante "Disposizioni
urgenti per la crescita, l' equità e il consolidamento dei conti
pubblici", convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre
2011, n. 214, fissa il livello remunerativo massimo omnicomprensivo
annuo degli emolumenti spettanti a ciascuna fascia o categoria di
personale che riceva a carico delle finanze pubbliche emolumenti o
retribuzioni nell'ambito di rapporti di lavoro dipendente o autonomo
con le pubbliche amministrazioni statali, di cui all'articolo l,
comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive
modificazioni, nonché quelli in regime di diritto pubblico di cui
all'articolo 3 del medesimo decreto legislativo, e   successive
modificazioni, fermo restando che la definizione, al di sotto del
suindicato limite, dei rispettivi trattamenti economici resta di
competenza del contratto collettivo nazionale e della contrattazione
interna a ciascuna amministrazione e, per i dirigenti pubblici, della
contrattazione individuale.
 
Art. 2
Soggetti destinatari
 
1. Sono soggetti destinatari delle disposizioni del presente
decreto le persone fisiche che ricevano retribuzioni o emolumenti a
carico delle pubbliche finanze in ragione di un rapporto di lavoro
subordinato o autonomo, con le pubbliche amministrazioni statali, di
cui all'articolo l, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001,
n. 165, e successive modificazioni, nonche' quelli in regime di
diritto pubblico di cui all'articolo 3 del   medesimo   decreto
legislativo, e successive modificazioni.
 
Art. 3
Limite massimo retributivo
 
1. A decorrere dall' entrata in vigore del presente  decreto, il
trattamento retributivo percepito annualmente, comprese le indennita'
e le voci accessorie nonche' le eventuali remunerazioni per incarichi
ulteriori o consulenze conferiti da amministrazioni pubbliche diverse
da quella di appartenenza, dei soggetti di cui all'articolo 2 non
puo' superare il trattamento economico annuale complessivo spettante
per la carica al Primo Presidente della Corte di cassazione, pari
nell'anno 2011 a euro 293.658,95. Qualora superiore, si riduce al
predetto limite. Il Ministro della giustizia comunica annualmente al
Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione e al
Ministro dell'economia e delle finanze eventuali   aggiornamenti
relativi all'ammontare del predetto trattamento.
2. Ai fini dell'applicazione della disciplina di cui al comma 1,
sono computate in modo cumulativo le somme   comunque   erogate
all'interessato a carico del medesimo o di piu' organismi, anche nel
caso di pluralita' di incarichi conferiti da uno stesso organismo nel
corso dell'anno. A tale fine, i soggetti destinatari di   cui
all'articolo 2 sono tenuti a produrre   all'amministrazione   di
appartenenza, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del
presente decreto, una dichiarazione ricognitiva di   tutti   gli
incarichi comunque in atto a carico della finanza pubblica, con
l'indicazione dei relativi importi. A regime, tale dichiarazione e'
resa entro il 30 novembre di ciascun anno.
 

 


Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone
Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti
Giornata della legalità: nel carcere di Arienzo i detenuti leggono i nomi di tutte le vittime di mafia e minuto di raccoglimento per Don Peppino Diana
Detenuto girava video dal carcere: arrestato con arsenale in casa, torna ai domiciliari con il braccialetto elettronico
Delega al Governo per dare Skype anche ai mafiosi? Insorge l''Associazione Vittime del Dovere
Tentata evasione dal carcere di Ivrea: detenuto fermato prima che arrivasse al muro di cinta
Detenuto ricoverato, esponente di spicco di un clan di Messina, libero di girare per l''ospedale di Parma
Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 2


Non è che è stato dimezzato solo il suo stipendio ma anche quello dei lavoratori, infatti se si calcola l'aliquota massima 38% più le varie addizionali si raggiunge la quota del 48% effettivo praticamente quasi la metà dello stipendio, solo che i vari straordinari e le presenze fanno sì che questo non si noti è praticamente un'illusione il perceprie il di più sulle quote fisse....
ma questo non si vuole dire e si vuole invece tenere il lavoratore nell'ignoranza più totale distribuendo pergamene di merito ed altre cazzata varie....come se quei fogli risolvano i problemi delle famiglie....e poi ditemi cosa hanno fatto per davvero i sindacati dianzi ai contratti bloccati, promozioni economiche bloccate, caro vita di coloro che fanno servizio nel nord italia, solo chiacchiere....azzuffandosi fra di loro... senza risolvere le problematiche vere del vivere quotidiano...invece di andare a rompere il. c.lo a tutti quei politici che hanno promesso promesso e mai mantenuto....

meditate gente mediate

Di  matteo  (inviato il 25/04/2012 @ 12:37:57)


n. 1


"....mi sembra doveroso rammentare che lo stipendio medio della Polizia Penitenziaria è stimato intorno ai trentacinquemila euro all’anno..."

Si ma LORDI...non dimentichiamocelo!! In realtà abbiamo stipendi DA FAME!!!

Di  Marco  (inviato il 24/04/2012 @ 10:51:25)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.166.77.32


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Agente della Polizia Penitenziaria si suicida con la pistola d''ordinanza in casa davanti ai familiari

2 In memoria di Girolamo Minervini, ucciso dalle B.R. a Roma, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena

3 Santi Consolo confermato Capo DAP: il Consiglio dei Ministri di questa mattina lo rinomina in extremis

4 Luigi Bodenza, Assistente Capo di Polizia Penitenziaria: ucciso in un agguato mafioso il 25 marzo 1994

5 Ancora una evasione, da Frosinone. Sappe: Qualcuno sta tentando di smantellare la sicurezza nelle carceri: non si sventano evasioni senza sentinelle e senza sorveglianza nelle sezioni!

6 Cosa accadrebbe se non passasse il riordino delle carriere?

7 Riordino vuol dire mettere ordine

8 Nel nostro lavoro, alla fine, o impari o devi imparare per forza

9 Pensione buonuscita ai dirigenti penitenziari: l''INPS nega i sei scatti, spettano solo alla Polizia Penitenziaria

10 Progetto del nuovo carcere di Nola: a cosa sono serviti allora gli stati generali dell''esecuzione penale?





Tutti gli Articoli
1 Qui comandiamo noi: detenuti aggrediscono con bastoni i Poliziotti penitenziari del carcere modello di Bollate

2 Agente penitenziario suicida: non riusciva a mantenere i tre figli disoccupati

3 Polizia Penitenziaria blocca evaso da permesso premio dopo inseguimento e pistole fuori dalle fondine

4 Arrestato Agente penitenziario: fornì telefono a un detenuto che gestiva la prostituzione della sorella e della compagna dal carcere di Frosinone

5 Agente penitenziario di Frosinone agli arresti domiciliari per corruzione: operazione ancora in corso, ci sarebbero altri Poliziotti coinvolti

6 Evadono in due dal carcere di Frosinone: il macellaio del clan Belforte fugge, l''altro è rimasto ferito

7 Collaboratori di giustizia e testimoni di giustizia: i numeri del Servizio centrale di protezione

8 La rete era tagliata da giorni, hanno smontato il televisore della cella, soffitto e poi lenzuola: ecco come sono evasi i due da Frosinone

9 Detenuto evade dal carcere di Alessandria: era addetto alla pulizia delle aree esterne del penitenziario

10 Nuovi particolari su evasione da Frosinone: i complici sono saliti sul muro di cinta con una scala


  Cerca per Regione