Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Quattro domande al Commissario Marcello Tolu


Polizia Penitenziaria - Quattro domande al Commissario Marcello Tolu

Notizia del 23/06/2010

in Fiamme Azzurre

(Letto 4278 volte)

Scritto da: lalì

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


 Una stagione al termine della quale l’agognata  salvezza è arrivata al termine dei play out, un commento su questo:

 «La salvezza raggiunta, per il modo in cui è stata raggiunta, con sofferenza e pathos può essere paragonata quasi ad una vittoria di campionato. Lasciando però il posto a questa considerazione parziale per dedicarci ad una analisi a più ampio spettro, non si può non rilevare come l’Astrea per organico, organizzazione, parco calciatori di primo ordine nel calcio dilettantistico, poteva meritare qualcosa di più».

Cosa è mancato al mancato raggiungimento di quel qualcosa in più che è mancato in questa stagione? 

«Situazioni contingenti, infortuni, momenti particolari della squadra, a volte arbitraggi poco fortunati che non ci hanno aiutato. Viste le potenzialità in ogni caso il bilancio poteva essere migliore.

Il mio ringraziamento sentito va a tutti i collaboratori che ho avuto intorno a me, ai calciatori che sono stati come ogni anno straordinari per partecipazione, per condivisione degli obiettivi, per comprensione fino in fondo della causa, di cos’è l’Astrea, di ciò che deve fare, di quali siano le sue prospettive future, allo staff medico di dottori e fisioterapisti, un ringraziamento particolare va anche a chi ha condotto la squadra da agosto ad oggi, al mister Di Franco, persona competente e uomo di grandi valori con il quale ho ancora  rapporti particolarmente cordiali, altro ringraziamento va al mister Andrea Calce che ha condotto l’Astrea in questo finale di stagione.

 Altro grazie va al secondo Massimiliano Di Luca ma anche  a Nicola Francese e al Prof Umberto Mazzini che è stato il primo insieme a me  a sposare per l’Astrea una filosofia di lavoro diversa vista anche la sua esperienza già matura con la militanza nelle Fiamme Azzurre e nel Pentathlon».

Riguardo alla possibilità di nuovi arruolamenti che rappresenterebbero nuova linfa e continuità per l’Astrea, a che punto siamo? 

«Grazie alla sensibilità dimostrata dai vertici dell’Amministrazione Penitenziaria, dal Dott. Ionta , dal Dott Di Somma, il discorso si sta affrontando in modo netto e deciso per cercare di poter mettere in piedi un concorso a titoli, peraltro previsto dalla legge,  per l’arruolamento dei calciatori così come avviene per le Fiamme Azzurre. Sarà necessario però ricalibrare i requisiti di accesso perchè ciò avvenga, ma è nelle intenzioni dell’Amministrazione fare in modo che l’arruolamento ci sia per far continuare all’Astrea la sua avventura sportiva. L’Astrea quest’anno compie oltretutto 62 anni di storia e sarà insignita della medaglia d’oro al merito sportivo ed  è  un riconoscimento che è privilegio di poche società in Italia. Gli arruolamenti saranno utili a perseguire gli obiettivi che la squadra deve porsi ogni anno: non solo fare bene ma ritornare se possibile nel mondo dei professionisti».

Casal del Marmo è tornato all’Astrea, quali le potenzialità della struttura per la squadra, per le Fiamme Azzurre e per la conoscibilità del nostro Corpo attraverso lo sport? 

«E’ stata una gioia immensa quella di poter tornare a casa e di poter usufruire di una struttura di eccellenza in Italia con una proiezione europea importante. E’ infatti un centro polifunzionale adatto al calcio, all’atletica e a tante altre discipline tra impianto all’aperto ed indoor. Oltretutto abbiamo ricevuto già la graditissima visita dell’Assessore allo Sport di Roma Alessandro Cochi con il quale abbiamo auspicato che l’impianto venga sempre di più coinvolto, come è già avvenuto in passato, nelle varie manifestazioni della città. In particolare, se la candidatura di Roma per le Olimpiadi dovesse andare in porto, Casal del Marmo dopo l’olimpico è l’unico impianto idoneo per ricevere ed ospitare un sito olimpico. Una prospettiva che ci fa e ci farebbe enormemente piacere».

Una stagione al termine della quale l’agognata  salvezza è arrivata al termine dei play out, un commento su questo: 

«La salvezza raggiunta, per il modo in cui è stata raggiunta, con sofferenza e pathos può essere paragonata quasi ad una vittoria di campionato. Lasciando però il posto a questa considerazione parziale per dedicarci ad una analisi a più ampio spettro, non si può non rilevare come l’Astrea per organico, organizzazione, parco calciatori di primo ordine nel calcio dilettantistico, poteva meritare qualcosa di più».

Cosa è mancato al mancato raggiungimento di quel qualcosa in più che è mancato in questa stagione?

«Situazioni contingenti, infortuni, momenti particolari della squadra, a volte arbitraggi poco fortunati che non ci hanno aiutato. Viste le potenzialità in ogni caso il bilancio poteva essere migliore.

Il mio ringraziamento sentito va a tutti i collaboratori che ho avuto intorno a me, ai calciatori che sono stati come ogni anno straordinari per partecipazione, per condivisione degli obiettivi, per comprensione fino in fondo della causa, di cos’è l’Astrea, di ciò che deve fare, di quali siano le sue prospettive future, allo staff medico di dottori e fisioterapisti, un ringraziamento particolare va anche a chi ha condotto la squadra da agosto ad oggi, al mister Di Franco, persona competente e uomo di grandi valori con il quale ho ancora  rapporti particolarmente cordiali, altro ringraziamento va al mister Andrea Calce che ha condotto l’Astrea in questo finale di stagione.

Altro grazie va al secondo Massimiliano Di Luca ma anche  a Nicola Francese e al Prof Umberto Mazzini che è stato il primo insieme a me  a sposare per l’Astrea una filosofia di lavoro diversa vista anche la sua esperienza già matura con la militanza nelle Fiamme Azzurre e nel Pentathlon».

Riguardo alla possibilità di nuovi arruolamenti che rappresenterebbero nuova linfa e continuità per l’Astrea, a che punto siamo?

«Grazie alla sensibilità dimostrata dai vertici dell’Amministrazione Penitenziaria, dal Dott. Ionta , dal Dott Di Somma, il discorso si sta affrontando in modo netto e deciso per cercare di poter mettere in piedi un concorso a titoli, peraltro previsto dalla legge,  per l’arruolamento dei calciatori così come avviene per le Fiamme Azzurre. Sarà necessario però ricalibrare i requisiti di accesso perchè ciò avvenga, ma è nelle intenzioni dell’Amministrazione fare in modo che l’arruolamento ci sia per far continuare all’Astrea la sua avventura sportiva. L’Astrea quest’anno compie oltretutto 62 anni di storia e sarà insignita della medaglia d’oro al merito sportivo ed  è  un riconoscimento che è privilegio di poche società in Italia. Gli arruolamenti saranno utili a perseguire gli obiettivi che la squadra deve porsi ogni anno: non solo fare bene ma ritornare se possibile nel mondo dei professionisti».

Casal del Marmo è tornato all’Astrea, quali le potenzialità della struttura per la squadra, per le Fiamme Azzurre e per la conoscibilità del nostro Corpo attraverso lo sport?

«E’ stata una gioia immensa quella di poter tornare a casa e di poter usufruire di una struttura di eccellenza in Italia con una proiezione europea importante. E’ infatti un centro polifunzionale adatto al calcio, all’atletica e a tante altre discipline tra impianto all’aperto ed indoor. Oltretutto abbiamo ricevuto già la graditissima visita dell’Assessore allo Sport di Roma Alessandro Cochi con il quale abbiamo auspicato che l’impianto venga sempre di più coinvolto, come è già avvenuto in passato, nelle varie manifestazioni della città. In particolare, se la candidatura di Roma per le Olimpiadi dovesse andare in porto, Casal del Marmo dopo l’olimpico è l’unico impianto idoneo per ricevere ed ospitare un sito olimpico. Una prospettiva che ci fa e ci farebbe enormemente piacere».


Scritto da: lalì
(Leggi tutti gli articoli di lalì)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Poliziotto penitenziario assolto definitivamente: era accusato di associazione mafiosa ad una cosca di Lamezia Terme
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.204.247.205


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Rosario Di Bella, Sovrintendente Capo della Polizia Penitenziaria è deceduto. Lavorava nel carcere di Imperia

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Focus su: batteri, virus e malattie infettive nella carceri. Poliziotti e detenuti a rischio contagio

7 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

8 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni


  Cerca per Regione