Marzo 2018
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Marzo 2018  
  Archivio riviste    
Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981


Polizia Penitenziaria - Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

Notizia del 07/04/2018

in Memoria del Corpo

(Letto 9202 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Raffaele Cinotti era nato a San Prisco (CE), 23 maggio 1953 ed era Vice Brigadiere del Corpo degli Agenti di Custodia. Prestava servizio come Caporeparto al settore isolamento giudiziario del carcere di Roma Rebibbia. Il 7 aprile 1981, alle 6:45 del mattino, venne aggredito sotto la propria abitazione, mentre si stava recando in servizio. L’omicidio è stato compiuto da tre brigatisti proprio all’uscita del portone di casa in Via Acquaroni 123 a Roma (zona Tor Bella Monaca nei pressi della Via Casilina) dove l’Agente, di 28 anni, viveva con la moglie e due figli di due anni e cinque mesi.

 

MEDAGLIA D’ORO AL MERITO CIVILE ALLA MEMORIA

Mentre usciva dal portone della propria abitazione per recarsi sul posto di lavoro, veniva barbaramente trucidato in un vile e proditorio agguato terroristico. Fulgido esempio di elette virtù civiche, di elevato spirito di servizio e di incondizionato spirito di senso del dovere. 7 aprile 1981 - Roma 12 settembre 2007

Raffaele Cinotti Raffaele Cinotti
Raffaele Cinotti Raffaele Cinotti
Raffaele Cinotti Raffaele Cinotti
Raffaele Cinotti Raffaele Cinotti
Raffaele Cinotti Raffaele Cinotti
Raffaele Cinotti  

 

L’AGGUATO

I tre brigatisti che lo aspettavano a poca distanza dal portone d’ingresso, lo hanno colpito con otto colpi di pistola calibro 6 e 7,65: sedici i bossoli trovati sul posto. Un operaio che si stava recando al lavoro è stato testimone dell’omicidio, ma è riuscito solo a vedere i tre brigatisti fuggire a bordo di una Fiat 128 bianca forse guidata da un quarto complice. In un primo momento si era parlato di una possibile “risposta” dei brigatisti, all’arresto di Mario Moretti avvenuto a Milano il 4 aprile 1981, infatti con una telefonata al centralino del quotidiano La Repubblica, meno di un’ora dopo, la voce di un uomo ha rivendicato l’attentato: “Qui Brigate rosse. Abbiamo giustiziato l’aguzzino, torturatore, sfruttatore Cinotti - poi prima di riagganciare ha ammonito a - non toccare i compagni arrestati a Milano”. Per gli inquirenti invece, era una semplice coincidenza. I brigatisti seguivano Raffaele Cinotti da parecchi giorni e hanno aspettato proprio un martedì per compiere l’agguato, giorno di chiusura dell’unico bar della zona situato proprio di fronte all’abitazione di Cinotti. Il luogo di un secondo avviso di rivendicazione è stato comunicato alla redazione de Il Messaggero: il messaggio si trovava sotto un’auto parcheggiata in Via Rasella.

 

GLI ARTICOLI DEL QUOTIDIANO "LA STAMPA"

La prima notizia

Il giorno dopo (prima pagina)

Il giorno dopo (pagina interna)

Sandro Pertini rende omaggio alla salma

I funerali di Raffaele Cinotti

Dodici detenuti uccisi nelle carceri in sei mesi

Le proteste degli Agenti di Custodia

Il volantino delle BR ritrovato due giorni prima dell'omicidio

Il "curriculum" della colonna BR romana

 

LA STRATEGIA DELLE BR

L’omicidio di Raffaele Cinotti, era parte di una strategia della colonna romana delle BR e più in generale dell’intera organizzazione, volta a colpire gli uomini e le istituzioni dell’amministrazione penitenziaria. L’anno prima era stato ucciso il giudice Girolamo Minervini, appena nominato Direttore Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena (l’attale Capo DAP) e soltanto poche settimane prima, il 15 gennaio, era stato liberato il giudice Giovanni D’Urso rapito il 12 dicembre 1980. In quel momento D'Urso ricopriva l'incarico di direttore dell'ufficio III della Direzione Generale degli Istituti di Prevenzione e Pena. Sul luogo dell’omicidio di Raffele Cinotti, i brigatisti avevano lasciato un plico intitolato “Campagna D’Urso”, con 121 pagine che costituivano il “bilancio” del sequestro: un comunicato della “brigata kampo di Palmi”, dai testi dei dieci volantini emessi durante la prigionia del giudice, dai diari tenuti dai detenuti di Trani durante la rivolta del dicembre precedente stroncata dal blitz dei Carabinieri, da alcune pagine dell’interrogatorio del magistrato rapito contenenti anche l’organigramma dell’amministrazione penitenziaria.

Raffaele Cinotti aveva più volte chiesto il trasferimento a Caserta per poter vivere vicino ai suoi genitori originari di San Prisco di Caserta, ma non aveva mai fatto intendere ad amici e parenti di essere in pericolo diretto.

 

I FUNERALI DI RAFFAELE CINOTTI

La camera ardente era stata allestita nella caserma degli Agenti di Custodia di Rebibbia. A rendere omaggio a Raffaele è intervenuto anche un commosso presidente della Repubblica Sandro Pertini. I funerali si sono svolti in una chiesa di via Casal de’ Pazzi vicino Rebibbia a cui hanno partecipato il Ministro della Giustizia Sarti, l’ex Ministro Morlino, il Direttore di Rebibbia Restivo, il Direttore di Regina Coeli Santamaria, mentre due Corazzieri sorreggevano la corona del Presidente della Repubblica.

 

LE PROTESTE DEGLI AGENTI DI CUSTODIA

Dopo l’omicidio di Raffale Cinotti, salì l’esasperazione dell’intero Corpo degli Agenti di Custodia che nelle settimane seguenti organizzarono una protesta nazionale tramite l’autoconsegna negli Istituti, “un’avvisaglia appena, la più plateale possibile, per far capire all’esterno il disagio degli Agenti”, e formularono una serie di richieste al Capo dello Stato e al Ministro della Giustizia che posero le basi della riforma del Corpo avvenuta quasi dieci anni dopo.

 

INTITOLATA A RAFFAELE CINOTTI LA CASA CIRCONDARIALE DI ROMA REBIBBIA

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Trattativa Stato-Mafia: condannati Dell''Utri, Mori e De Donno. Assolto Mancino
Renato Vallanzasca rimane in carcere. Non ha mai chiesto perdono ai familiari vittime
Vallanzasca libero? Parlano i familiari delle vittime della banda criminale
Barcellona Pozzo di Gotto: Nuova aggressione in carcere, stavolta a un infermiere
Carceri, associazione Antigone: calano i reati ma aumentano i detenuti
Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida
Del Gaudio:La nostra lotta alla criminalità organizzata è un modello da esportare
Detenuto a Marassi si cuce la bocca con ago e filo per protesta


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 12


Dovrebbe far riflettere il fatto che l’Amministrazione Penitenziaria, abbia tributato il giusto riconoscimento ad una vittima del dovere e, poi essere sostanzialmente inerte, se non complice, con ruolo “attivo” della riforma dell’Ordinamento Penitenziario che sostanzialmente “libera” gli assassini di qualsiasi tipo.
Tutto questo senza rispetto ne considerazione, sia morale che materiale nei confronti dei vari “comitati” delle vittime di Terrorismo e Mafia.
Evitateci almeno i penosi siparietti che siete abituati a raffigurare, per consuetudine ed ipocrisia.

Di  Pasquino  (inviato il 07/04/2018 @ 13:16:37)


n. 11


Onore a lui.
Onore a tutti i caduti.

Di  Isaia  (inviato il 07/04/2017 @ 09:12:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.224.234.8


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Due anni fa ci lasciava Nicola Caserta, Presidente del Sappe, amico e collega di tutti noi

2 Lorenzo Cutugno: in memoria dell''Agente di Custodia ucciso dalle BR l''11 aprile 1978

3 Quanto il temporeggiatore arretra ...

4 Raffaele Cinotti: in memoria del Vice Brigadiere degli Agenti di Custodia, ucciso a Roma il 7 aprile del 1981

5 Sempre un passo indietro... perchè la Polizia Penitenziaria non sta al livello degli altri

6 Non fatevi raccontare quello che succede in “miniera” da chi lavora dietro una scrivania. Il GOM visto da dentro

7 Le garanzie costituzionali per le perquisizioni personali

8 Il rapporto tra immigrazione, carcere ed elezioni politiche

9 Sicurezza sul lavoro: il rischio elettrico

10 Convegno Salerno tenuto il 10 aprile dal Sappe su “Radicalizzazione nelle carceri”





Tutti gli Articoli
1 Suicida in casa agente di Polizia Penitenziaria. Era in servizio nel carcere di Aosta L''Agente era alle dipendenze del Gruppo Operativo Mobile

2 Pericoloso detenuto accusa malore sull’A2: agenti di Messina sventano la fuga

3 Blitz in carcere: perquisite celle e detenuti per cercare droga e telefonini sospetti

4 Droga in carcere: poliziotto incastrato da una microspia nei gradi

5 Eurodeputata di Forza Italia in visita al Carcere di Busto: i detenuti stranieri scontino la pena nel loro Paese d’origine”

6 Arrestati due agenti del carcere di Matera agevolazioni a detenuti in cambio di denaro

7 Domani i funerali di Davide Agente penitenziario suicida

8 Vallanzasca, carcere Bollate: dategli la libertà condizionale

9 Perseguitava ex capo scorta di Alfano. Poliziotto penitenziario condannato a 3 anni di reclusione

10 Carceri: “E’ sempre più emergenza aggressioni”


  Cerca per Regione