Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Regolamentazione Centri identificazione espulsione CIE: interrogazione parlamentare


Polizia Penitenziaria - Regolamentazione Centri identificazione espulsione CIE: interrogazione parlamentare

Notizia del 14/05/2012

in Interrogazioni parlamentari

(Letto 1923 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo


Al Ministro dell'interno, al Ministro della giustizia - Per sapere - premesso che: 
 
sono sempre più frequenti i casi in cui all'interno dei centri di identificazione ed espulsione (CIE) si verificano situazioni di protesta, che sfociano spesso in vere e proprie rivolte da parte di cittadini stranieri, con conseguenti danneggiamenti dei beni e delle strutture della pubblica amministrazione; 

dalle notizie che trapelano, pare che le ragioni delle proteste siano conseguenti al trattamento disumano e degradante perpetrato all'interno delle suddette strutture. Il centro di identificazione ed espulsione di Gradisca d'Isonzo (Gorizia), recentemente visitato dagli interroganti, versa in una situazione emergenziale, evidente sia dai reclami degli operatori, sia dallo stato psicofisico degli individui ospitati nel suddetto istituto; 

va evidenziato che la gestione della permanenza nei centri di identificazione ed espulsione non prevede alcuna normazione regolamentare, rispetto per esempio al trattamento disciplinare previsto per le tradizionali pene detentive; nonostante, tra l'altro, si tratti di soggetti che non stiano espiando una condanna, bensì una misura coercitiva della libertà personale, che potrebbe definirsi «detenzione amministrativa». Mentre i detenuti possono contare su un ordinamento penitenziario che consente, con chiarezza, di conoscere diritti e doveri a esse conferiti, nel rispetto di norme interne (legge n. 354 del 1975 e Decreto del Presidente della Repubblica n. 230 del 2000) e delle disposizioni impartite dal dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, dai provveditorati regionali, oltre che di quelle disposte dalle singole direzioni carcerarie, ciò non iene per centri di identificazione ed espulsione; 

se per le carceri è previsto l'esercizio del potere ispettivo dei parlamentari dell'Unione europea, di quelli nazionali, dei consiglieri regionali, senza eccessive formalità, questo non avviene per le visite ispettive presso i centri di identificazione ed espulsione non è infrequente, infatti, che il rappresentante parlamentare si imbatta in resistenze e rifiuti che finiscono per condizionare fortemente la funzione di vigilanza sul rispetto della legalità che compete al parlamentare; 

le procedure che in una pluralità di centri di identificazione ed espulsione continuano ad essere messe in pratica, sia nei confronti degli individui in essi ospitati, sia per ciò che concerne il diritto-dovere dei parlamentari di recarsi all'interno di essi per visite di ispezione e di controllo -: 

di quali elementi disponga il Governo in relazione a quanto esposto in premessa e quali iniziative di competenza intenda assumere al riguardo; 

se non ritenga opportuno ripensare alle strategie adottate in materia di contenimento delle persone straniere presso i centri di identificazione ed espulsione poiché sono evidenti le difficoltà che imporrebbero urgentissimi rimedi, prima che all'Italia siano inflitte condanne da parte degli organismi di diritto internazionale in tema di violazione dei diritti umani; 

se siano da prendere in considerazione eventuali modifiche normative e regolamentari, che affidino all'amministrazione penitenziaria la gestione dei centri di identificazione ed espulsione garantendo maggiore sicurezza e ottimizzazione delle risorse economiche e umane; 

se il Governo non ritenga giusto garantire alle suddette persone, sottoposte a misure privative della libertà, quantomeno un pari trattamento rispetto a quanti sono considerati detenuti a tutti gli effetti, a seguito di provvedimenti di custodia cautelare o di condanna per aver commesso dei reati; 

se non sia opportuno riversare le risorse finanziarie e conferire le strutture recettive impiegate per i centri di identificazione ed espulsione all'amministrazione penitenziaria, autorizzando l'assunzione di personale penitenziario da destinare, prevedendo contestualmente anche una prima assunzione dei dipendenti di cooperative o di imprese private che, avendo i requisiti previsti dalla legge per i lavoratori pubblici, siano già professionalmente impegnati presso i centri di identificazione ed espulsione (nell'ambito di servizi sanitari, di supporto psicologico, di mediazione culturale, di traduzione delle diverse lingue parlate e altro).(4-16028)

BOCCHINO e MENIA

Interrogazione a risposta scritta 4-16028
presentata da ITALO BOCCHINO 
lunedì 14 maggio 2012, seduta n.631

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini
Andrea Orlando: il carcere di Sassari migliore della media nazionale, un carcere di qualità
Tre detenuti devastano una cella di Orvieto e feriscono un Poliziotto penitenziario
Porta hashish al figlio nel carcere di Viterbo ma viene scoperta dai cinofili della Polizia Penitenziaria


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.147.212.136


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

5 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

6 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

7 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

2 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

3 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

4 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

5 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

8 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

9 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini

10 Cinque posti da procuratore DNA a Roma: concorrono anche Alfonso Sabella, Francesco Cascini e Calogero Piscitello


  Cerca per Regione