Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Relazione Direzione Nazionale Antimafia: il Dap deve attivare istituti 41 bis


Polizia Penitenziaria - Relazione Direzione Nazionale Antimafia: il Dap deve attivare istituti 41 bis

Notizia del 27/07/2015

in Houston abbiamo un problema

(Letto 3298 volte)

Scritto da: Redazione

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Riportiamo integralmente una parte di relazione della Direzione Nazionale Antimafia presentata nel gennaio 2015 e resa pubblica qualche giorno fa.

Ci sembrano parole importanti che il DAP dovrebbe prendere in seria considerazione.

 

 

Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e 􀀙􀀛􀀓􀀓􀀎􀀁􀀋􀀚􀀚􀀒􀀜􀀒􀀚􀀞􀀁􀀙􀀜􀀖􀀓dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1 luglio 2013 - 30 giugno 2014

Premessa essenziale in materia è riconoscere l’ indispensabilità di un regime carcerario che operi, nella sua qualità giuridica di misura di prevenzione, impedendo ai capi delle organizzazioni criminali di continuare ad impartire ordini e direttive sebbene detenuti. Sul punto basti ricordare che l’intera commissione provinciale di Cosa nostra palermitana è detenuta, e non avendo fornito alcuna manifestazione di dismissione del ruolo assunto all’esterno, ciascuno dei suoi componenti detenuti rappresenta ancora oggi parte attiva e riconosciuta del vertice di tale pericolosissima organizzazione. E’ compito dello Stato, allora, nel pieno rispetto dei diritti che l’Ordinamento riconosce a ciascuno, porre in essere quei necessari rimedi volti ad impedire che capi detenuti continuino ad esercitare il loro potere.

Attualmente continua ad essere molto elevato il numero di soggetti detenuti sottoposti al regime in argomento; tale dato dipende dalla qualità delle investigazioni più recenti e dai successi che lo stato ha realizzato nel contrasto alle mafie; tali successi hanno comportato la cattura di un maggior numero di capi delle organizzazioni criminali ed un conseguente aumento dei detenuti sottoposti al regime di cui all’art.41 bis. E’ evidente pertanto che il numero dei detenuti sottoposti al regime speciale non può andare a scapito della qualità del servizio. In passato il problema è stato risolto anche grazie all’impiego di istituti penitenziari particolarmente idonei allo scopo di isolare i detenuti dall’esterno, come le carceri dell’Asinara e di Pianosa, anche se deve ricordarsi quali reazioni fortemente contrarie siano state suscitate da più parti in ordine alla paventata possibilità di una loro riapertura.

Del resto le strutture che ospitano i detenuti sottoposti al 41 bis sono nate spesso come strutture carcerarie femminili - nate dunque con lo scopo, ben diverso ed addirittura opposto a quello che deve realizzare il regime di cui all’art. 41 bis o.p. di promuovere la socialità tra le detenute - e con le conseguenti difficoltà strutturali che tali istituti hanno nell’impedire le comunicazioni interne alle carceri, nel senso che le celle spesso si trovano sullo stesso corridoio e che tale situazione rende, appunto, molto difficile impedire comunicazioni tra i detenuti, che poi possono essere veicolate in via indiretta all’esterno (ad es. attraverso familiari di altri detenuti).

In sostanza se l’azione dello Stato sul territorio è vincente essa non può subire rallentamenti per carenze di struttura e proprio nel mondo delle carceri. Anzi, tali strutture devono essere potenziate con maggiori investimenti e la creazione di nuove aree riservate ai detenuti sottoposti al regime in argomento. Il regime deve essere potenziato e mai attenuato, atteso che sul fronte della lotta alla mafia si può solo avanzare e non arretrare e che, in tale contesto, il ruolo dell’istituto previsto dall’art. 41 bis O.P. è imprescindibile.

Si tratta pertanto di un ruolo che va potenziato con nuovi investimenti per la creazione di strutture adatte allo scopo e non certo depotenziato o rispetto al quale si possa addivenire ad una limitazione dei soggetti sottoposti per ragioni diverse dal venir meno della loro capacità di comunicare in maniera efficace con l’organizzazione criminale nella quale continuano ad avere un ruolo di vertice.

In questo senso diviene sempre più necessario individuare nel piano carceri nuove strutture idonee, nate esclusivamente per l’assolvimento della funzione di prevenzione prevista dall’art. 41 bis O.P., e da destinare in via esclusiva a tale scopo.

 

 

 


Scritto da: Redazione
(Leggi tutti gli articoli di Redazione)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma
Santi Consolo: senza la Magistratura di Sorveglianza potremmo spostare tutte le madri detenute in pochi giorni
Indagini nel carcere di Padova per capire chi ne ha disposto il declassamento da detenuti alta sicurezza a detenuti comuni
La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie
In arrivo un bando di gara per la fornitura di circa diecimila braccialetti elettronici
Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini
Comune di Catanzaro denuncia il DAP per 242 mila euro di risarcimento
Intimidazione ad Agente penitenziario: incendiata la sua auto a Rosolini


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 3


Buongiorno a tutti.
Finisco di leggere questo articolo e mi viene in mente de andrè:

Lo Stato che fa
si costerna, s'indigna, s'impegna
poi getta la spugna con gran dignità!

Che centra? Bhè fate voi!
Si parla di potenziare le strutture; ed il personale?
E' di pochi giorni fa l'autorizzazione all'assunzione straordinaria di personale di tutte le forze di polizia; e la Polizia Penitenziaria?
Che sia stata già soppressa oppure ulteriormente dequalificata ed ancora non lo sappiamo?
La polizia penitenziaria è Cafiero Pasquale?

Di  AssistoInerme  (inviato il 27/07/2015 @ 10:56:04)


n. 2


questo dimostra quanto sia inconcludente la politica del dap sulle carceri. Deve essere sempre qualcun'altro a dirgli cosa fare, loro proprio non ci riescono. Ricordo gli speranzosi discorsi subito dopo la nomina del nuovo direttore generale. Perdonatemi, uomini nuovi problemi di sempre. Dov'è l'innovazione, il cambiamento.

Di  Anonimo  (inviato il 27/07/2015 @ 10:55:40)


n. 1


Finalmente si inizia questa settimana con un articolo degno di approfondita riflessione.
Auspico che la politica nazionale non si addormenti ad oltranza.
Del resto da Gennaio ad ora?
Piero Grasso si dovrebbe davvero incazzare. Lui, Giovanni Falcone, Borsellino e tutti gli altri li ha conosciuti bene, lavorandoci a stretto contatto.
Ma perchè quest'uomo non SI INCAZZA!!!!
Sono certo che se si chiedesse agli italiani cosa ne pensano sulla apertura di nuovi Reparti del 41/bis, penso che la politica avrebbe molto da lavorare, quindi anche al DAP.
Ma poi scusate, il periodo delle stragi è passato da un pezzo, quasi tutti i mandanti di quegli omicidi eccellenti sono in galera da un pezzo, quindi dov'è il problema?
Speriamo non ci siano preoccupazioni nei sonni di chi DEVE decidere.
Si perchè DEVE, nella mia vita equivale a DOVERE, voce del verbo infinito, irregolare, indicativo PRESENTE!
Presente tutti i giorni, senza sconti per nessuno.

Buon Lunedì redazione del Sappe'ss

Di  Federico II°  (inviato il 27/07/2015 @ 10:21:24)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.161.130.145


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Le tristi notti del poliziotto penitenziario cinquantenne

2 In ricordo di Roberto Pelati, ex atleta del Gruppo Sportivo Fiamme Azzurre colpito da una grave malattia e scomparso prematuramente

3 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

4 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

5 I veri nemici della Polizia Penitenziaria

6 Poliziotti penitenziari che lavorano negli uffici: pochi, troppi o adeguati?

7 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

8 La protesta dei poliziotti di Rebibbia e gli starnuti del RE

9 Razionalizzazione del personale: pure quello informatico però

10 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Assunzioni in Polizia Penitenziaria e scorrimento graduatorie: Governo rifiuta gli emendamenti Ferraresi (M5S)

3 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

4 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

5 Polizia Penitenziaria e Carabinieri arrestano due persone pronti a sparare e con targhe contraffatte

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

9 Sparatoria tra Poliziotto penitenziario e macedone: lite scoppiata per motivi sentimentali

10 Dal carcere di Padova detenuto gestiva traffico di droga in Sicilia con computer e pizzini


  Cerca per Regione