Gennaio 2017
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2017  
  Archivio riviste    
Resoconto lavori Commissione Giustizia A.C. 3291-bis (esecuzione domiciliare pene detentive non superiori ad un anno).


Polizia Penitenziaria - Resoconto lavori Commissione Giustizia A.C. 3291-bis (esecuzione domiciliare pene detentive non superiori ad un anno).

Notizia del 15/06/2010

in Dal Parlamento.

(Letto 1909 volte)

Scritto da: Damiano Bellucci

 Stampa questo articolo


 

CAMERA DEI DEPUTATI
Commissione Giustizia
 
 
 
UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI
Martedì 8 giugno 2010.
L'ufficio di presidenza si è riunito dalle 14.05 alle 14.30.
SEDE REFERENTE
Martedì 8 giugno 2010. - Presidenza del presidente Giulia BONGIORNO.
La seduta comincia alle 14.30.
Disposizioni relative all'esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori ad un anno.
C. 3291-bis Governo.
(Seguito dell'esame e rinvio).
La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato il 25 maggio 2010.
Giulia BONGIORNO, presidente, avverte che nella riunione appena svolta dell'ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, ha invitato i gruppi ad esprimersi sulla prosecuzione dell'iter del disegno di legge in esame, in merito al quale già oltre i quattro quinti dei membri della Commissione hanno dato l'assenso per il trasferimento in sede legislativa.
Ricorda che non è ancora pervenuto l'assenso del Governo, mentre, in merito ai pareri delle altre Commissioni, la Commissione Bilancio ha espresso delle condizioni relativamente ad alcune disposizioni del provvedimento. Dichiara di aver sottolineato l'esigenza di verificare se il Governo intenda dare l'assenso e se, alla luce del parere della Commissione bilancio, sussistano ancora le condizioni per il trasferimento in sede legislativa dell'esame del provvedimento.
Ritiene che si tratti di una verifica che si deve fare celermente, in quanto il provvedimento è stato espunto dal calendario dell'Assemblea su sua richiesta, a nome della Commissione giustizia, proprio in vista di un trasferimento dell'esame alla sede legislativa.
Dopo aver ricordato la drammaticità nella quale versano attualmente le carceri italiane a causa di un sovraffollamento oramai intollerabile, sottolinea l'esigenza di pervenire quanto prima all'approvazione del provvedimento in esame. Conclude dichiarando che nel corso della riunione dell'ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, si è convenuto di fissare giovedì prossimo come data ultima entro la quale sarà possibile verificare se sussistano ancora le condizioni per il trasferimento in sede legislativa, avvertendo che qualora queste non sussistessero chiederà al Presidente della Camera l'inserimento del provvedimento nel calendario di giugno dell'Assemblea. Nessuno chiedendo di intervenire rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.
La seduta termina alle 14.40.
 
 
SEDE REFERENTE
Mercoledì 9 giugno 2010. - Presidenza del presidente Giulia BONGIORNO.
La seduta comincia alle 15.35.
………………..
Disposizioni relative all'esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori ad un anno.
C. 3291-bis Governo.
(Seguito dell'esame e rinvio).
La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato il 27 maggio 2010.
Giulia BONGIORNO, presidente, ricorda che nella riunione di ieri dell'ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, si è stabilito che entro domani i gruppi dovranno esprimere la loro posizione in merito al seguito dell'iterlegislativo del provvedimento in esame, stabilendo in particolare se sussistano ancora le condizioni per il trasferimento in sede legislativa dell'esame.
Donatella FERRANTI (PD) ribadisce quanto già espresso nella riunione di ieri dell'ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, in merito al parere espresso dalla Commissione bilancio sul testo relativamente al quale i deputati del suo gruppo avevano già espresso l'assenso per il trasferimento in sede legislativa. Ricorda che in tale parere è stata rilevata la carenza di copertura finanziaria di due disposizioni estremamente importanti, quali quelle che autorizzano il Ministero dell'Interno e il Ministero della Difesa ad effettuare delle assunzioni per gli anni 2010 e 2011 e quelle che escludono tutti gli uffici in cui è organizzato il Ministero della Giustizia e il personale della carriera dirigenziale penitenziaria dalle misure di riduzione degli organici previste dai commi da 8-bisa 8-quater dell'articolo 2 del decreto-legge n. 194 del 2009. Ritiene che il parere su tali punti possa essere rivisto in quanto non sembrano essere del tutto fondati i rilievi espressi dalla Commissione bilancio.
Per quanto attiene alla disposizione relativa all'assunzione di personale, osserva che in realtà più che di una carenza di copertura si dovrebbe parlare di un'assenza di relazione tecnica, la quale avrebbe potuto fornire la quantificazione e i dati di valutazione necessari per esprimere un parere favorevole.
In ordine all'altra disposizione osserva come risulti dai dati a sua disposizione che non sia assolutamente fondata la condizione della Commissione bilancio secondo la quale le deroghe previste per il personale della carriera dirigenziale penitenziaria e del Ministero della giustizia appaiono suscettibili di determinare nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato, in quanto il Ministero della giustizia non ha ancora dato attuazione alle riduzioni degli assetti organizzativi previsti dall'articolo 1, comma 404, della legge n. 296 del 2006 e dall'articolo 74 del decreto-legge n. 112 del 2008, a cui sono stati ascritti effetti di risparmio di spesa, e l'esclusione in esame farebbe venire meno del tutto il contributo richiesto al Ministero della giustizia. Considerato che alle norme oggetto di modifica non erano connessi effetti di risparmio, ritiene che sia opportuno che il Governo confermi che, anche in sede di determinazione delle previsioni tendenziali, non siano stati calcolati risparmi per effetto della riduzione degli assetti amministrativi degli uffici in questione. Ritiene quindi che, prima di prendere delle decisioni sull'ulteriore
 iter legislativo del provvedimento in esame sarebbe opportuno chiedere alla Commissione bilancio un riesame del proprio parere in relazione alle disposizioni del testo in relazione alle quali è stata lamentata una carenza di copertura finanziaria.
Giulia BONGIORNO, presidente, avendo preso atto della proposta dell'onorevole Ferranti, si riserva di valutare se sussistano i presupposti per una richiesta di riesame del parere da parte della Commissione bilancio.
Nessun altro chiedendo di intervenire rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.
La seduta termina alle 15.50.
 
 
SEDE REFERENTE
Giovedì 10 giugno 2010. - Presidenza del presidente Giulia BONGIORNO.
La seduta comincia alle 13.25.
Disposizioni relative all'esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori ad un anno.
C. 3291-bis Governo.
(Seguito dell'esame e rinvio).
La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato il 9 giugno 2010.
Giulia BONGIORNO, presidente, ricorda che nel corso della riunione di martedì scorso dell'ufficio di presidenza, integrato dai rappresentanti dei gruppi, si era stabilito che entro la seduta odierna i gruppi avrebbero rappresentato le proprie posizioni in merito al prosieguo dell'esame del provvedimento per verificare se, a seguito del parere della Commissione bilancio, sussistano ancora le condizioni per il trasferimento in legislativa dell'esame.
Nella seduta di ieri si è già espressa su tal punto l'onorevole Ferranti, rappresentando l'opportunità di valutare se richiedere alla Commissione bilancio di rivedere il parere espresso sul testo risultante dagli emendamenti approvati, evidenziando una serie di questioni che, a suo parere, potrebbero indurre la Commissione bilancio a rivedere le condizioni espresse in merito agli articoli 2-
quater e 2-sexies del testo. La richiesta di riesame è stata motivata anche dalla circostanza che il mantenimento di tali articoli rappresenterebbe per il gruppo del Partito democratico una condizione imprescindibile per l'assenso al trasferimento in sede legislativa.
Chiede, pertanto, agli altri rappresentanti di gruppo quali siano le loro intenzioni in merito sia alla richiesta dell'onorevole Ferranti che alla possibilità di un trasferimento in sede legislativa dell'esame.
Ritiene inoltre opportuno ricordare che, comunque, ancora non è pervenuto l'assenso da parte del Governo, pur avendo più volte ribadito il sottosegretario Caliendo che il Ministro della giustizia è favorevole al trasferimento in sede legislativa
Enrico COSTA (PdL), a nome del proprio gruppo, valuta con favore la proposta dell'onorevole Ferranti, sottolineando peraltro la necessità che l'esame del provvedimento, indipendentemente dalla sede, legislativa o referente, si concluda in tempi rapidi. Ritiene pertanto che l'eventuale riesame del parere da parte della Commissione bilancio debba essere effettuato in tempi contenuti.
Rita BERNARDINI (PD) ricorda di avere sempre sottolineato la propria contrarietà al provvedimento, così come si presenta all'esito dello stralcio delle disposizioni sulla messa alla prova e dell'approvazione degli emendamenti. A suo parere, infatti, il testo che risulta dall'esame sin qui condotto appare molto poco efficace e sostanzialmente inidoneo a risolvere il grave problema delle carceri italiane. In ogni caso, valuta con favore la proposta dell'onorevole Ferranti ed auspica che il riesame del parere da parte della Commissione bilancio possa costituire l'occasione per chiarire se le risorse finanziarie per l'assunzione di nuovi agenti, come a lei risulta, fossero state già previste nella legge finanziaria.
Roberto RAO (UdC) condivide le preoccupazioni dell'onorevole Ferranti e la sua proposta di richiedere il riesame del parere alla Commissione bilancio. Sottolinea d'altra parte come anche per il gruppo dell'UdC il mantenimento di quelle norme che la Commissione bilancio chiede di sopprimere costituisca il presupposto per il consenso al trasferimento dell'esame alla sede legislativa. Per quanto consideri il provvedimento in esame non risolutivo, ma una sorta di «tampone» in attesa dell'attuazione del «Piano carceri», auspica che una sua rapida approvazione prima dell'estate possa comunque migliorare la situazione delle carceri italiane. Rileva, infine, come sugli aspetti relativi alla copertura finanziaria del provvedimento non si registri una posizione unanime dei ministeri della giustizia, dell'interno e dell'economia ed auspica che il Governo possa superare rapidamente questa situazione di incertezza.
Fulvio FOLLEGOT (LNP) dichiara di condividere la proposta di richiedere il riesame del parere alla Commissione bilancio.
Antonio DI PIETRO (IdV) ritiene necessario che il Governo si assuma le proprie responsabilità in ordine alla copertura finanziaria dei provvedimenti che egli stesso vara e condivide l'opportunità di richiedere il riesame del parere alla Commissione bilancio.
Giulia BONGIORNO, presidente, rileva come dagli interventi svolti emerga una unanime condivisione della richiesta dell'onorevole Ferranti.
Ricorda quindi di essersi riservata di approfondire la fondatezza di una eventuale richiesta di riesame del parere della Commissione bilancio e precisa di essere pervenuta alla conclusione che sussistano i margini per procedere a tale richiesta, anche se ciò non significa assolutamente che sussistano anche i presupposti perché la Commissione bilancio esprima un diverso parere.
Considerata la drammaticità della situazione che si vive in questi momenti nelle carceri italiane, ritiene che sia necessario approvare quanto prima il provvedimento in esame, senza indugiare ulteriormente. Tuttavia, considerato che anche qualora si dovesse concludere oggi l'esame in sede referente ed avviare già dalla prossima settimana l'esame in Assemblea, tale esame, trattandosi di un provvedimento non contingentabile, si concluderebbe comunque nel calendario di luglio. Ciò significa che vi sono ancora i margini temporali per cercare di creare tutte le condizioni che potrebbero consentire il trasferimento del provvedimento in sede legislativa. Per questa ragione condivide la valutazione circa l'opportunità di chiedere il riesame del parere da parte della Commissione bilancio.
Avverte quindi che, in attesa di tale parere, informerà il Presidente della Camera dell'andamento dell'
iter in Commissione, chiedendogli sin da ora di iscrivere il provvedimento nel calendario di giugno, anche qualora il nuovo parere della Commissione bilancio fosse negativo, in vista di un eventuale trasferimento dell'esame in sede legislativa.
Nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia il seguito dell'esame ad altra seduta.
 

Scritto da: Damiano Bellucci
(Leggi tutti gli articoli di Damiano Bellucci)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Tre detenuti evadono dal carcere di Firenze Sollicciano, Sappe: la responsabilità è dei colletti bianchi, evasione annunciata
Due Poliziotti feriti nel carcere di Regina Coeli: aggrediti da detenuti magrebini infastiditi dalle perquisizioni
Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso
Tre Poliziotti penitenziari feriti da un detenuto con forbici affilate appositamente
Carceri italiane ed edilizia penitenziaria: al massimo si da una ritinteggiata
Nuovo carcere a Nola: in scadenza il bando per la realizzazione
Chiso l''OPG di Montelupo Fiorentino: consiglieri comunali accusano sprechi e disagi
Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.163.164.67


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Celebrazioni 200 anni di storia del Corpo di Polizia Penitenziaria: autorizzata l’emissione della moneta d’argento da 5 euro

2 Catturato dalla Polizia Penitenziaria uno degli evasi dal carcere di Rebibbia: indagini in corso sui complici della latitanza

3 A chi danno fastidio i servizi di polizia stradale della Polizia Penitenziaria?

4 Riordino, organici dirigenziali: tra eccessi e sottodimensionamenti dei dirigenti della Polizia Penitenziaria

5 Foibe, il martirio degli Agenti di Custodia

6 La sospensione delle ordinarie regole di trattamento penitenziario (art. 41-bis)

7 Ufficiali medici nel Corpo di Polizia Penitenziaria?

8 Rapporto Eurispes: la Polizia Penitenziaria sgradita a un italiano su due

9 Le foto dei tre detenuti evasi dal carcere di Firenze Sollicciano

10 Il Ministro Orlando dichiara cessata l''emergenza sovraffollamento delle carceri, ma i dati lo smentiscono





Tutti gli Articoli
1 Decreto Milleproroghe, Sappe: Buona notizia via libera a 887 assunzioni nella Polizia Penitenziaria

2 Blitz della Polizia Penitenziaria: tre arresti per spaccio di droga a Napoli nelle prime ore della mattinata

3 Detenuto cinese violenta la figlia: compagno di cella marocchino lo sodomizza per un mese nel carcere di Prato

4 Poliziotto penitenziario travolto da auto mentre era in moto: è ricoverato in gravi condizioni

5 La latitanza dorata del detenuto evaso da Rebibbia catturato dal NIC della Polizia Penitenziaria

6 Agente Penitenziario sorprende i ladri in casa che lo aggrediscono: ricoverato al pronto soccorso

7 Ex scuola della Polizia Penitenziaria di Moastir pronta ad accogliere i migranti: quasi ultimati i lavori

8 Detenuto sorpreso ad aggiornare il proprio profilo Facebook dal carcere di Marassi

9 Bidognetti, il capoclan dei Casalesi, comunicava dal 41-bis con messaggi nascosti

10 Furgone della Polizia Penitenziaria con ergastolano a bordo si blocca per guasto al motore: interviene la Polstrada


  Cerca per Regione