Gennaio 2015
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Gennaio 2015  
  Archivio riviste    
Ricorsi al TAR gratis: chi paga le spese processuali e i danni in caso di condanna?


Polizia Penitenziaria - Ricorsi al TAR  gratis: chi paga le spese processuali e i danni in caso di condanna?

Notizia del 30/09/2010

in Il Pulpito

(Letto 10813 volte)

Scritto da: Giovanni Battista De Blasis

 Stampa questo articolo     Condividi     Leggi i Commenti Commenti dei lettori

Il fenomeno dei ricorsi al Tribunale Amministrativo  ha avuto fasi alterne nel nostro ambiente. Dopo un periodo iniziale di iperattività giurisdizionale di alcune organizzazioni sindacali, che ha provocato una fase di instabilità al Dap con l’annullamento di alcuni corsi e concorsi, sembrava ci  fosse  stato  un  ridimensiona-
mento fisiologico di questo fenomeno.
In questo ultimo periodo, invece,  alcuni piccoli sindacati della Polizia Penitenziaria sono tornati a concentrarsi quasi a tempo pieno sui ricorsi giurisdizionali al TAR, proposti ai colleghi a costi agevolati e, talvolta, a costo zero (con il solo vincolo del patto di lite ovvero la  cessione di una percentuale delle eventuali provvisionali all’avvocato che ha patrocinato la causa), a condizione dell’immediata iscrizione al sindacato.
Ovviamente, considerata la strumentalità di questi ricorsi finalizzata all’iscrizione al sindacato, l’offerta aumenta smisuratamente nel periodo settembre/ottobre per evidenti esigenze di tesseramento.
In altre parole, l’autunno è il periodo dei saldi per i ricorsi al TAR che vengono proposti per ogni plausibile sciocchezza  che sia possibile argomentare in un ricorso giurisdizionale.
In tal modo, a fianco di ricorsi amministrativi legittimi e sacrosanti, si materializzano alcune pretese improbabili (e talvolta assurde), che promettono il raddoppio o la triplicazione di varie indennità, fisse o accessorie, oppure l’estensione di retribuzioni particolari previste in alcuni comparti, contemplate da altri contratti collettivi, che abili avvocati riescono a sostenere con argomenti anche inverosimili e paradossali.
Il tutto, ovviamente, accompagnato dalla richiesta di retroattività decennale, comprensiva della previsione di arretrati, anche nell’ordine di decine di migliaia di euro.
Come già detto, il fenomeno del contenzioso amministrativo non è una novità nel panorama della Polizia Penitenziaria e non è una cosa nuova  nemmeno il fatto che alcuni sindacati del Corpo strumentalizzino i ricorsi al TAR per racimolare qualche tessera.
Fino ad ora, tuttavia,  avevamo preferito evitare l’argomento per sottrarci da inutili polemiche con chi, per ovvi motivi di convenienza, avrebbe sostenuto in ogni modo le proprie ragioni, fino a renderle verosimili con la conseguenza di sconcertare ancor di più i colleghi.
Oggi, però,  con l’entrata in vigore del Nuovo Codice del Processo Amministrativo (D.Lgs. 2 luglio 2010, n. 104), non possiamo non prendere posizione informando i colleghi di alcuni rischi che si correranno, d’ora in poi, nell’intraprendere ricorsi amministrativi che si dovessero rivelare infondati.
Innanzitutto, una delle novità del nuovo codice, in vigore dal 16 settembre, è che non sarà più possibile presentare tutti i ricorsi amministrativi al TAR del Lazio, ma, secondo il principio della territorialità, ciascun ricorrente potrà adire solamente il TAR laddove si trova la sede di lavoro.
Ma la novità più importante e che maggiormente ci riguarda è quella relativa alle spese di giudizio.
La nuova disciplina in tema di spese è stata mutuata dal codice di procedura civile con l’espresso richiamo agli artt. 91 – 97 del c.p.c.
E’ stata confermata, cioè, la regola secondo cui le spese seguono la soccombenza (cioè chi perde paga).  Pertanto, come è facile intuire, l’intento della nuova procedura in tema di spese è quello di evitare istanze manifestamente infondate o inutili aggravi procedimentali.
Vieppiù, diventano applicabili al processo amministrativo anche le ipotesi di responsabilità aggravata che prevedono la condanna al risarcimento del danno, oltre che delle spese, qualora la parte abbia agito o resistito in giudizio in malafede o con colpa grave o nel caso in cui la parte che abbia ottenuto un provvedimento cautelare risulti soccombente per l’inesistenza del diritto e non abbia agito con la normale prudenza.
Anche chi propone un’istanza cautelare deve considerare il rischio di essere condannato alle spese della fase cautelare, potrebbe dover prestare cauzione in caso di accoglimento da cui derivino effetti irreversibili e potrebbe essere chiamato a dover risarcire il danno se non ha agito con la normale prudenza.
Oltremodo, il Giudice Amministrativo può condannare, anche d’ufficio, la parte soccombente al pagamento di una somma equitativamente determinata a favore della parte vincitrice qualora la decisione sia fondata su ragioni manifeste o su orientamenti giurisprudenziali consolidati.
Per questi motivi, è opportuno che ognuno tenga bene in conto il  rischio di dover pagare di tasca propria migliaia di euro, tra rimborsi delle spese di giustizia, risarcimento del danno e provvisionali, in caso di perdita del ricorso.
Ed è indispensabile prestare attenzione a quei ricorsi al TAR in saldo che vengono proposti gratis da certi sindacalisti (in cambio della tessera sindacale) perché potrebbero ritorcersi contro il proponente con notevole esborso economico (per il quale non potrà subentrare ne il Sindacato che lo ha proposto ne l’Avvocato che lo ha preparato).
E’ necessario che ognuno valuti bene i contenuti dei ricorsi prima di firmare il mandato ad un avvocato perché,  una volta presentato il ricorso, è il ricorrente che si assume tutte le responsabilità processuali a titolo personale.
Non si deve perdere di vista il fatto che i ricorsi amministrativi sono una cosa seria, un diritto costituzionale posto a tutela dei diritti soggettivi dei cittadini e per questo da utilizzare e proporre con serietà, attenzione e competenza professionale.

Noi continueremo (come abbiamo sempre fatto) a valutare attentamente, caso per caso, la materia del contendere e a proporre ai nostri colleghi soltanto quei ricorsi giurisdizionali che riteniamo manifestamente fondati o, comunque, che abbiano una ragionevole percentuale di possibilità di successo e che, soprattutto, escludano la mancanza della normale prudenza. 



Scritto da: Giovanni Battista De Blasis
(Leggi tutti gli articoli di Giovanni Battista De Blasis)

Stampa Stampa
 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Situazione critica al carcere di Fuorni, ma almeno si riuscirà a riparare il cancello del carcere
Simonetta Matone rientra in magistratura: sostituto Procuratore Generale di Roma
Telenovela a Lodi: TAR nomina commissario ad acta per costringere DAP a reintegrare ex Direttrice
Detenuto suicida nel carcere di Pagliarelli: aveva appena iniziato a collaborare
Troppi Poliziotti penitenziari aggrediti da detenuti, SAPPE: sospendere la vigilanza dinamica
Islam nelle carceri italiane: imam fuori controllo in oltre 180 penitenziari
Detenuti ubriachi, Sappe: sorprendente tentativo di Sbriglia e Pirruccio di minimizzare
Scontri nel carcere di Padova, la versione del DAP sminuisce i fatti: detenuti erano solo ubriachi


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori
Nessun commento trovato.



Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.87.136.120


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 Supermarket nel parcheggio del DAP: ma dove andremo a finire?

2 Concorsi in Polizia Penitenziaria: abrogati i limiti di altezza per partecipare ai concorsi pubblici nelle Forze armate e Forze di Polizia

3 Ministro Orlando: emergenza carcere finita. E la Polizia Penitenziaria?

4 Garante nazionale dei detenuti: spot o necessità?

5 Le ragioni di una riforma penitenziaria: la memoria e gli uomini

6 Parola d’’ordine: disinnescare Santi Consolo

7 Scomparsa Ispettore in quiescenza Salvatore Costa

8 L’’uomo delle "stelline". Alla ricerca di aspiranti comparse in fiction televisive di altre forze di Polizia. Astenersi minatori

9 Rivolte e aggressioni ai danni della Polizia Penitenziaria: applicazione immediata del 14-bis

10 Caso Cucchi: le sentenze integrali di primo e secondo grado, con le motivazioni dei verdetti





Tutti gli Articoli
1 Detenuti si facevano selfie nel carcere e li pubblicavano su Facebook: scandalo nel carcere di Verona

2 Agente rubava soldi dalle lettere ai detenuti: condannato a 3 anni e nove mesi per peculato

3 Detenuto manomette il televisore della cella: calci e pugni al Poliziotto penitenziario che lo scopre

4 Direttori carceri e Poliziotti in difficoltà nella gestione dei detenuti musulmani

5 Condannato Poliziotto penitenziario: forniva schede e telefoni per non pagare gli interessi dei prestiti

6 Via libera per lo spray al peperoncino ai poliziotti. “Vogliamo anche la pistola Taser”

7 Vilipendio al Profeta Maometto e lesioni: due Poliziotti penitenziari condannati in primo grado

8 Nicolò Amato aveva le lacrime agli occhi quando lo cacciarono: Fazzioli testimonia al processo di Palermo

9 Servizi segreti potranno entrare nelle carceri: è quanto prevede un decreto in discussione nel prossimo Consiglio dei Ministri

10 Decine di detenuti di fede islamica in rivolta al grido di "Allah" e "Isis" nel carcere di Padova: due Poliziotti penitenziari feriti


  Cerca per Regione