Novembre 2016
  Scarica il file .pdf del numero della Rivista Novembre 2016  
  Archivio riviste    
Riflessioni di inizio anno dal solito "ragazzotto" con trenta anni di servizio


Polizia Penitenziaria - Riflessioni di inizio anno dal solito

Notizia del 19/01/2013

in Chiacchiere da Bar

(Letto 3048 volte)

Scritto da: Interventi ricevuti

 Stampa questo articolo     Leggi i Commenti Commenti dei lettori


Ciao a tutti, sono sempre il ragazzotto stagionato con trenta, di servizio, e non riesco a non pensare su quanto stiamo vivendo nel nostro lavoro di Agenti di P.P. (oserei dire nell’ultimo decennio e oltre). Quando nel lontano 1983 misi piede in Istituto, non voglio esagerare ma c’erano Agenti di Custodia da tutte le parti, soprattutto (importante) sul muro di cinta e, a onor del vero, non riesco a ricordare evasioni classiche con il tradizionale lenzuolo annodato, ma qui ci torniamo dopo.

Come i più anziani ricorderanno, in ogni turno c’erano i famosi disponibili, almeno le mattine tre o quattro che servivano dopo l’appello alla perquisizione ordinaria che era perquisizione vera, non come oggi 10 minuti e correre, perché c’è da aprire il passeggio, l’ufficio ecc, ma che cosa vogliamo trovare se andiamo sempre di corsa?

Poi nel '91 il famoso cambiamento, status di civili, nuove divise e nuovi compiti, ossia le traduzioni, (che figata usciamo dal carcere) che ci hanno letteralmente ammazzato, perché i compititi sono notevolmente aumentati, ma al contrario il personale di P.P. è diminuito e ancora più importante, mi scuserete, per l’opinione pubblica, parlo dei media ecc, siamo rimasti i vecchi Agenti di Custodia, le guardie carcerarie ecc.

Torniamo alle evasioni, qualche volta parlo con amici che non riescono a capire come un detenuto possa scappare con il lenzuolo dal muro di cinta e negli ultimi anni, tra Regina Coeli, Firenze, Avellino, troppe ce ne sono state di evasioni, la domanda che mi fanno è sempre questa: "ma la sentinella dormiva?" Sono le domande migliori, quando non ci prendono per veri coglioni, ma come si fa a farsi scappare un detenuto in quel modo, siamo nel 2013.

Allora devi spiegare loro che in un carcere con 700 reclusi, le sentinelle non ci sono più da anni e nessuno può vedere chi evade con la fune, ma nemmeno chi vorrebbe entrare (fortuna non è mai successo) come in tutta Italia e che nel turno pomeridiano e notturno hai a disposizione, quando va bene, 13 o 14 Agenti e ti fai il segno della croce sperando che tutto fili liscio, se poi sei sfigato e ti esce fuori un ricovero esterno allora sono guai e devi accorpare 1 Agente per 2 o 3 sezioni, (altro che vigilanza dinamica, Tamburrino o chi per esso, non ha ideato nulla, sono anni che si fa così) e mi raccomando non puoi far fare straordinario agli accasermati (quei pochi che, umiliandoti, vai a pregare quando ne hai bisogno) e che sono rimasti in caserma per fare la notte e magari lo farebbero volentieri, non ci sono ore guai a te, in poche parole arrangiati.

Allora qualcuno direbbe c’è la sala regia, giusto, quando funzionano tutti gli allarmi, nemmeno a dirlo che questo non avviene quasi mai, c’è sempre qualcosa di rotto, vi rivelo un segreto a cui non crederete: dove presto servizio, c’è un sensore antiscavalcamento che fa azionare la sirena 3 o 4 volte al dì giorno/notte e questo succede da almeno 3 anni, si avete letto bene TRE anni e tutte le volte corri sotto il muro di cinta, nemmeno a dirlo che le luci sono tutte spente, (mancano sempre i soldi) scrivi il rapporto ma non succede nulla, e come dice il proverbio. a furia di gridare al lupo al lupo, qualche giorno ci fanno fessi, perché i reclusi ci osservano, né più, né meno di come facciamo noi con loro.

Passiamo ora alle cosiddette cariche fisse che sono come noi Agenti di P.P.. C’è la figura dell’addetto alla sala convegno (ancora per poco meno male, gli spacci passeranno ai privati, con questa penuria di Agenti) che negli Istituti fanno i caffè e quant’altro, sono talmente immedesimati nella loro figura di BARISTA con tanto di giacca azzurra e mostrine, che quando vengono chiamati all’interno della miniera, (in casi disperati), molto, ma molto spesso vengono presi dalla pressione alta, tachicardia, mal di stomaco, diarrea nell’esatto momento in cui si comunica loro di andare in sezione ( e passati dalla locale infermeria, giustamente esonerati) e voi che leggete, non dite che non è cosi, ho girato molti istituti e ho visto malesseri simili in tutti.

Poi, tutti sappiamo che negli Istituti c’è il Re Sovrano (Direttore) il Reggente (Commissario) e dopo vengono loro i Principi, chi sono???? Ma gli addetti alla matricola di tutti i Ruoli, sono esentasse in tutti i sensi, esonerati da tutto, in ordine: appello mattinale (hanno l’orario flessibile) praticamente fanno come caz@@ gli pare, perquisizioni, turni all’interno nemmeno se stai morendo (mattinali, serali, notturni, e manco una festa a loro scelta, MAI. Chiaro è che se fanno quello che fanno, è perché gli è permesso, hanno tutti paura degli DEI della Matricola, quando qualcuno prova a metterli in riga, (pochi) loro non fanno altro che rallentare il loro lavoro che consiste nell’immatricolare i N.G., ecc, e se i furboni fanno ciò, praticamente i N.G. non possono fare la spesa e quant’altro, praticamente bloccano un Carcere, e i minatori (noi) del S.A.T. subiamo le conseguenze, A FURBONI, sappiamo anche questo ormai.

Poi ci sono gli sceriffi, gli armaioli, a parte quando vanno al poligono sembrano i fratelli minori dei N.O.C.S. ma quelle volte che vengono all’interno anche loro vengono presi dagli stessi malesseri dei baristi, non prima di averti elencato tutti i rendiconti che devono mandare al P.R.A.P. e sono in ritardo, (ma quanti ne manderanno?) passando poi agli addetti al casellario, magazzinieri, e dulcis in fundo, gli impresari della M.O.F. i colleghi muratori, elettricisti , insomma i tuttofare, tutto si ma non la Galera. Anche loro esercitano grande potere, (qualche riparazione a casa voi capite) loro che mandano avanti il carcere, un cambio per il pranzo, non posso ho la ditta, devo far partire i termosifoni, manca l’acqua nelle sezioni, ecc, ecc, ma se proprio non ne puoi fare a meno, mettimi il cambio in sala regia, almeno sto bello comodo e al calduccio guardo la tv, e soprattutto non respiro la puzza del carcere, quella la lascio a voi, tanto voi ci siete tutti i giorni e siete assuefatti.

Scusate, dimenticavo, manca una categoria non meno importante, l’ufficio servizi, voi, loro vittime come me lo sapete, chi è in quell’ufficio ha un potere immenso, e cioè di farti scoppiare con i turni di 1 e 2 ripetuti che a 50 anni ti distruggono, oppure se sei amico e fai mangiare, farti campare con un servizio più leggero, ma in questo caso devi essere anche servile, ubbidiente come un cagnolino, rispondere alle loro chiamate, sempre!!! e mai dire di no, altrimenti ti scatenano il putiferio, congedi non dati, riposi dati quando non servono e non dati al contrario, insomma un inferno.

Che state dicendo, vai dal Comandante, come dal Direttore? A parte che a 50 anni è abbastanza umiliante dover reclamare un diritto, si sa per noi cattivi solo doveri, la risposta è sempre quella valuterò, ti farò sapere, e passato il Santo, passata la Festa, e ci rimane solo (voi capite) per farsi giustizia, anche se non è quella giusta e quella che vorremmo.

So che a più persone darà fastidio quanto leggeranno, chiaro che questo è lo specchio di molti Istituti, compreso dove lavoro io, ma non di tutti, so anche di aver sparso veleno, ma la sofferenza porta anche a questo, quindi ognuno si faccia un esame di coscienza e valuti con attenzione.

Un Caro saluto ai colleghi del S.A.T.
Mario64

 


Scritto da: Interventi ricevuti
(Leggi tutti gli articoli di Interventi ricevuti)






 

Ultime Notizie Le ultime foto pubblicate
Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere
Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage
Detenuto in alta sicurezza aggredisce Poliziotto penitenziario dopo colloquio con i familiari nel carcere di Siracusa
Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza
Il carcere di Sala Consilina rimarrà chiuso: il Consiglio di Stato ha accolto provvisoriamente il ricorso del Ministero contro il TAR
Condannato per aver aggredito Poliziotti penitenziari nel carcere di Sanremo. Arrestato e riportato in carcere
Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata
Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma


La Polizia Penitenziaria in una foto", il primo album fotografico della Polizia Penitenziaria creato dagli appartenenti alla Polizia Penitenziaria stessa!

 Foto della Polizia Penitenziaria Inviaci le tue!

Più di 1.300 ricevute in un anno!

 


Commenti Commenti dei lettori

n. 11


sei un grande mario , ma devo dirti con il sorriso sulle labbra ,che in un carcere di una notissima citta' di mare ,per piu' di un'anno ,l'allarme ,ha suonato ogni 10 minuti .......hahahaha,che ci crediate o no è vero..

Di  Anonimo  (inviato il 24/01/2013 @ 14:38:36)


n. 10


Continuo a leggere la parola Minatore, Minatore del Nord, Minatore del Sud, ma a me sembra che carceri costruite sotto terra in Italia non esistano............o mi sbaglio???? Basta paragonarci ai minatori, sapete cosa è il mestiere di Minatore??? Lavorare mediamente 15 ore al giorno, sotto Terra (noi siamo sopra), respirare gas di ogni tipo........, uscire di colore diverso da come si entra......., penso che per il vero Minatore, sarebbe una grande offesa paragonarci a Lui.......

Di  uno dei tanti  (inviato il 22/01/2013 @ 09:49:00)


n. 9


Il post aperto da " Mario64 ",non fa una piega!!!Forse in alcuni istituti è ancora peggio!!!

Di  Frank  (inviato il 22/01/2013 @ 09:28:27)


n. 8


che squallore. Ci stiamo annientando con le nostre stesse mani.

Di  Anonimo  (inviato il 21/01/2013 @ 18:06:18)


n. 7


Ciao Carmela: forse preferiresti le foto patinate del calendario della Polizia Penitenziaria? Almeno tra noi non prendiamoci per il c...! E' proprio come dice l'articolo e i commenti: siamo chiavi, cancelli e prosciutti in regalo.

Di  Anonimo  (inviato il 19/01/2013 @ 21:37:42)


n. 6


Quando postate gli articoli per favore mettete foto piu' carine basta con foto di mimetiche grigio-verdi, chiavi e cancelli arruginiti ! grazie e complimenti per il vostro periodico un suluti a tutti.

Di  Carmela  (inviato il 19/01/2013 @ 14:27:28)


n. 5


Caro Mario64 anch'io sono un ragazzo di 50 anni con 30 anni passati nell'amministrazione e non posso che confermare quello che hai scritto, anzi, in un certo senso sei stato piuttosto magnanimo perchè posso assicurarti che quello che ho passato e sto ancora passando, è soltanto la punta dell'iceberg di quanto da te descritto. Con il tuo permesso vorrei soltanto aggiungere che se sei fortunato non ti mobbizzano, sai quel tipo di atteggiamento chiamato bossing e cioè quando il gran capo ti scatena contro tutto l'istituto. Rimani solo, schivato da tutti perchè hanno paura anche a salutarti e così finisci che ti ammali dentro e dopo aver esaurito tutte le tue energie, gliela dai vinta e te ne vai, in silenzio, come se non fosti mai esistito, come se non avessi mai fatto nulla per questa amministrazione. Credimi, ne ho viste talmente tante e ne ho passate davvero troppe che finisci per non credere più in Dio. La nostra amministrazione non è altro che lo specchio della realtà politica che ci circonda, dell'attuale società che dice bravo al furbo e coglione al bravo. Dopo aver vissuto nell'illusione per tutto questo tempo e dopo aver perso la voglia di sorridere ho soltanto concluso che se potessi tornare indietro mi sarei comportato anch'io da bandito.
Vedi, svagliarsi a 50 anni e comprendere che tutto quello che hai fatto nel senso più positivo delle comuni regole di vita, non paga, e come nascere da un coma profondo.
Ciao

Di  pasquale  (inviato il 19/01/2013 @ 14:22:45)


n. 4


Complimenti all'articolo " MARIO 64 " ragazzotto con appena trenta anni di servizio.
Certamente hai strutturato uno stereotipo di istituto che da AOSTA a TRAPANI non fa una virgola.
L'appello, la perquisizione ordinaria , il bar, la matricola, l'esentasse da tutto e da tutti, il servilismo lampante e lampadato di questo o quel Comandante, di questo o di quel Direttore.
Le cariche fisse intoccabili a tutti i livelli , muri di cnta abbandonati alla peggio dei migliori modi per far evadere, battiture non effettuate o se fatte una o due stanze a sezione.
Il barcollare dei diritti a secondo non dell'esigenza ma della persona e del " prosciutto, delle tessere, della rappresentatività, della paura di mandare malattia, del formaggio, dei salami, dei favori in stile meccanico, idraulico, muratore , piastrellista ect ect. ect.
Questo è quello noi minatori osserviamo , per non parlare dei NUCLEI , ove dicono che stanno male , ma mai nessuno chiede di uscire da tale posto di servizio : ammontano a fine mese e con poche presenze in rapporto ai minatori circa 30-40 ore di straordinario accompagnate anche dalle famose bollette!!
Ma chi controlla tutto il servizio da un punto di efficineza?
Chi contralla i turno cadenzati sui tre e quattro quadranti??
Chi si occupa di verificare come viene spalmato lo straordianrio e come viene effettuato ?
Chi verifica le unità in servizio se fanno il proprio dovere ?
Chi verifica l'effetivo rendimento?
Chi invece di propendere per il bene del collega , invece fa di tutto per non fargli fare nulla ?
Perchè i piccioni viaggiatori ( infami e spioni ) vanno difesi anche contro corrente dal momento in cui le " cantate " servono a mantenere una posizione di privilegio su tutto e tutti?
Certo è che la bolgia è tanta , diritti negati, doveri sempre in aumento , ma nessuno ha mai redistribuite le risorse in manera equa per princio di buon andamento ed efficienza.
Vogliono che si va così, benissimo, anzi eccellente , tantoprima o poi qualcunio deve fare il parafulmine .
Il SAPPE è sempre pronto a scrivere e a denunciare , a confrontarsi , a proporre : LE ALTRE OO.SS. PER MANIFESTAZIONI DI INFERIORITà O PER PAURA DI PERDERE L'ORTICELLO ACCONSENTE ANCHE CHIUDENDOSI TTTI E DUE GLI OKKI.
Tempo fa c'era il famoso cartello del 57% , oggi di questo cartello non si parla più e i problemi sono aumentati, il personale è sempre più vicino a soglie di STRESS -lavorativo o da programmazione di servizi e che fate ???
Andiamo alla conta delle tessere per i FESI 2012 , andiamo per la conta delle tessere per vedere una determinata contrattazione sindacale?
E noi minatori che sgobbiamo nelle sezioni detenitve, sono anni che a natale, a pasqua e a agosto si chiede il muttuto soccorso sui NUCLEI ma mai nessuno si è mosso in tal senso .
Vi sembra bello che ad agosto questi gradi colleghi si fanno 25-30 giorni di ferie, a natale a capodanno la stessa cosa , a pasqua inutile dirlo?
Poi ogni giorno chiedono supporto all'interno per traduzioni per visite , arresti domiciliari, trasferimenti ed altro ancora .
E voi altri SINDACALAI DI PESO O SINDACALISTI DI PARZILAI INTERESSI CHE FATE: MA NON SAPPIAMO , ADESSO VEDIAMO, MA QUESTE SITUAZIONI è SOLO IL SAPPE CHE LE VEDE ECC...ECC...

DICO SOLO : IL SAPPE per quello che vogliono dire o vogliono far apparire è sempre il primo a schierarsi vicino ai colleghi ( anche se sono iscritti altrove ) , è sempre quello che porterà la battaglia avanti del FESI per incentivare la presenza in servizio non a 6 euro ma almeno il doppio , a responsabilizzare gli ispettori con il serviizo decentrato , a denunciare tutti gli obbrobbi che l'amministrazione non vede o far finta di non vedere: ALTRO CHE LE FOTO CHE PUBBLICA UNA CERTA PERSONA .
Ma non scrive più il sindacalaio di peso nella regione di sua nascita ?

WWWW IL SAPPE

Di  un pikkolo minatore campano  (inviato il 19/01/2013 @ 13:32:37)


n. 3


E' facile fare del vittimismo....i colpevoli sono loro...noi solo doveri...ed altro.
ma mi permetto di dire che ci sono tanti del servizio a turno che sguazzano, che fanno i loro comodacci dietro questo o quel sindacato..
Purtroppo il male dell'amministrazione non sono gli altri ma NOI

Di  ?  (inviato il 19/01/2013 @ 13:24:48)


n. 2


Hai scritto solo cose vere, penso che nessuno può dire il contrario. E' anche ora di cambiare questa situazione incresciosa. Penso purtroppo in negativo e questa situazione la ritroveremo anche a fine anno.
Comunque bravo.

Di  tony73  (inviato il 19/01/2013 @ 11:18:45)




Scrivi un commento Scrivi un commento

Testo (max 1000 caratteri)

Nome

Link (Visibile a tutti)


Email (Visibile solo dall'amministratore)


Salva i miei dati per futuri commenti

Ricevi in email la notifica di nuovi commenti

I commenti sono moderati. Il tuo commento sarà visibile solo quando approvato.
Il seguente campo NON deve essere compilato.



Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.

54.205.176.107


Pagina Facebook di Polizia Penitenziaria

Email Polizia Penitenziaria. Richiedila gratis o a pagamento




Tutti gli Articoli
1 La vecchia Zimarra di Regina Coeli a cena intorno al proprio Comandante Francesco Ventura

2 Commozione per la morte di due detenuti, ma la stampa omette di dire che uno aveva stuprato una bambina disabile e l''altro ucciso i genitori adottivi

3 Tre buoni motivi per cui la Polizia Penitenziaria non può essere sciolta come la Forestale

4 Un lutto improvviso: ci lascia Andrea Accettone, collega, segretario, come un fratello

5 Come mi mancano gli Agenti di Custodia … allora non c’erano suicidi tra di noi … perché?

6 Bologna: poliziotto penitenziario di 44 anni lotta tra la vita e la morte dopo essersi sparato un colpo di pistola alla testa

7 La sanzione disciplinare nei confronti del poliziotto penitenziario

8 Statistiche delle carceri in Italia: i polli di Trilussa e i polli del DAP

9 Qualcuno ci aiuti a fermare la strage!

10 Dal servizio di sentinella al sistema di videosorveglianza. Ma la tecnologia, da sola, non basta





Tutti gli Articoli
1 Agente Penitenziario si spara in bocca con pistola d''ordinanza mentre era in sala di attesa dell''ospedale. E'' in coma

2 Attentato in Vaticano sventato dalla Polizia Penitenziaria: detenuto marocchino voleva fare una strage

3 Rivolta nel carcere di Velletri: Polizia Penitenziaria sul limite di usare la forza

4 Quindici colpi di pistola contro il Poliziotto penitenziario: le prime indagini dei Carabinieri

5 Informativa DAP: ai mujaheddin kosovari è arrivato ordine di attaccare l''Italia

6 La nuova Legge che obbliga i Poliziotti a riferire ai propri superiori le indagini giudiziarie

7 Morì sotto il furgone della Polizia Penitenziaria: per la Procura responsabili autista e gli operai del cantiere

8 Quattro detenuti evadono dal carcere minorile di Monteroni di Lecce: allarme dato in mattinata

9 Detenuto in permesso premio sequestra, rapina e violenta una ragazza in un ufficio pubblico

10 Detenuto si libera dal controllo della Polizia Penitenziaria e muore gettandosi dal quinto piano durante un sopralluogo fuori dal carcere


  Cerca per Regione